il FORUM di TEATRON.org
Non sei collegato [Login ]
Vai alla fine

Versione per la stampa  
 Pagine:  1    3  4
Autore: Oggetto: Tracce dal Laboratorio "Libera Espressione" a Lecce
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 4-11-2002 at 17:53
Tracce dal Laboratorio "Libera Espressione" a Lecce


Ecco qui aperto il campo per l'altro laboratorio, quello sulla "Libera Espressione" condotto da Beatrice Chiantera
nell'ambito del progetto "Per un'integrazione partecipata:quale teatro?" a Lecce e di cui è già attivo il forum su
http://www.teatron.org/forum/viewthread.php?tid=72
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
bea
Member
***




Risposte: 11
Registrato il: 14-9-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 8-11-2002 at 11:03


Quota:
Originariamente scritto da carlo
Ecco qui aperto il campo per l'altro laboratorio, quello sulla "Libera Espressione" condotto da Beatrice Chiantera

<<< Precisazione:
I Laboratori attivi nell'ambito del Progetto sono tre, e tre sono i tutor.
Bea coordina il Laboratorio nella scuola Media Galateo;
Pinuccia Farilla nella Scuola elem. V circolo;
Rosa Farilla nella Scuola Sup. G: Deledda.
Mi piacerebbe che insegnanti e alunni utilizzassero questo forum per confrontarsi e scambiarsi informazioni sul lavoro svolto nei diversi laboratori, magari attraverso i diari di bordo che ciascuno tiene costantemente aggiornati.
Penso anche che un contributo importante possa essere quello fornito dai genitori dei ragazzi. Io stessa mi impegnerò in tal senso.

nell'ambito del progetto "Per un'integrazione partecipata:quale teatro?" a Lecce e di cui è già attivo il forum su
http://www.teatron.org/forum/viewthread.php?tid=72
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
giancarlo
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 8-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 8-11-2002 at 12:31


l'altro giorno è venuto Antonio è sono stato gioso mi è sembrato bellissimo
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Ely
Junior Member
**




Risposte: 5
Registrato il: 8-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 8-11-2002 at 12:32


finalmente una bella iniziativa!!! che bello lavorare insieme a prof., ragazzi delle medie e delle elementari. non vedo l'ora di iniziare...........
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
nika
Junior Member
**




Risposte: 3
Registrato il: 8-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

thumbup.gif Inviato il 8-11-2002 at 12:32


Questo progetto è entusiasmante... è bellissimo poter relazionarsi a ragazzi di elementari, medie e superiori,anche disabili e ad adulti come genitori, professori ed esperti. Dovrebbero esserci più progetti simili che permettono a tante persone di esprimersi nel modo in cui ritengono più opportuno. E' bello essere... "LIBERI"
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
luperto
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 10:15
dalla media Galateo


Caro diario
mipiace stare con gli altri compagni
della 1 D perchè mi piace ascoltare
che cosa dicono i ragazzi.
Noi il mercoledi andiamo in una grande aula al primo piano della scuola (il lunedi nonvado perchè vado in palestra con la mia classe 1 B)
e leggiamo tutti i diari dei ragazzi e pure
quello delle insengnanti oppure ci mettiamo in cerchio a imparare le cose che dicono,giochiamo.
quellochemi piace di piu e quando ascoltiamo. Le parole sono belle .
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
ocopaj
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 11:29
primo incontro!scuola media galateo


Questa attività mi piace molto perchè ti aiuta ad esprimere i tuoi sentimenti sia tristi che allegri e ti fa anche capire che ogni singolo essere è diverso da qualsiasi altro non solo fisicamente ma anche caratterialmente e mentalmente.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
michael
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 11:42
io dondolo


Michael faccio una lettera per tutti i compagni per giocare a dondolo che dondola michael.

Michaelb sto bene quando sono rilassato con antnio donolo

Cao a tuti.


View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
triggiani
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 11:43


sono nella sala computer della scuola.
il laboratorio della aula magna è
bellisimo perchè mi fa piacere e mi fa leggere al microfono.
ho letto caro diario...






View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
biancamaria
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 11:47
emozioni...


Io mi sono emozionata perchè ho visto Michael e sceso come un bruco .
Però anch’ io volevo scendere come un bruco .
Quando la maestra di S . G.S. mi ha visto fare la ruota s è meravigliata .


VI SALUTO HA TUTTI QUANTI .

BIANCAMARIA .


View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
stefi
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 12:00
chiudo gli occhi... ascolto il mare... (Media Galateo)


Chiudo gli occhi
ascolto il mare
cosa sta dicendo il mio corpo?
Cosa prova?
Il mio cuore pensa al viaggio
Il mio corpo prova allegria, poesia e racconta storie.

28 ottobre 2002
Lunedì siamo andati nell’aula magna:
Una volta entrati ci siamo seduti a forma di un gran cerchio:
E abbiamo scritto sul nostro diario di bordo tre parole: ne dovevamo scegliere una, io ho scelto “storia”.
Ho scelto questa parola perché nel viaggio forse entreremo nel cuore di ognuno e vedremo il passato quando eravamo piccoli e giocavamo con i giocattolini che schiacciandoli facevano pio pio.
Quando li schiacciavo sorridevo con aria felice.
Mi ricordo che quando mio padre toccava la pancia a mia madre io incominciavo a tirare calci.

8 novembre 2002
Mercoledì non siamo andati in aula magna ma siamo andati nel Laboratorio di cucina .
La professoressa Chiantera ha unito i banchi a quattro a quattro.
Ci siamo seduti intorno a uno dei quattro banchi .
Io sono capitata con Arianna , con Iolanda e con Samuela.
Insieme abbiamo fatto un cartellone bellissimo. Dovevamo scrivere "cosa ci piace" e "cosa non ci piace" del Laboratorio che stiamo facendo.
Con questa esperienza ho capito che con l’aiuto degli altri si riesce ad affrontare i problemi e le cose escono meglio.

9 novembre 2002
Caro diario lo sai che voglio scoprire cosa faremo Lunedì !?
Sicuramente andremo in aula magna a leggere con il microfono e faremo giochi divertentissimi .
Sai diario è questo il mio desiderio, spero che si avvererà.
CIAO!


View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
fabio
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 12:05
campioni di giochiSalve sono Fabio ho 8 anni vorrei che il mio amico Salvo fosse qui vicino a me e s


Salve sono Fabio ho 8 anni vorrei che il mio amico Salvo fosse qui vicino a me e saremo i più grandi nell’uso dei computer, Game Boy e tutti i video giochi del mondo.
Saremo i più grandi non credete?


View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
laura
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 12:07
io gioco


sono laura e ho otto anni mi sono divertita a fare a ripetere con beatrice antonio pinuccia le mie insegnanti e tuutti imiei compagni.
mi è dispiaciuto per la terza F che non fanno le stesse cose nostre.
mi sento felice quando facciamo queste cose divertenti.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
met
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 10-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 12:14
Il primo giorno di avventura


Sto scrivendo questo pagina per far saper a tutti le mie avventure nel Laboratorio di libera espressione:

28-10-02
Carissimo diario ieri abbiamo fatto per la prima volta “TEATRO”.
Tutta la mia classe era emozionata dal fatto che dovevamo cominciare il teatro ma oltre a noi c’erano altri bambini di altre classi insieme alle prof. Chiantera,Minonne,Rosato,Caracuta,Pantaleo.
Appena saliti sulla nave della nostra scuola abbiamo incominciato a scrivere un diario di bordo.
La professoressa Chiantera ci ha letto una pagina che la Preside aveva scritto per noi (forse anche lei aveva fatto il suo diario di bordo!), ci ha fatto stendere per terra, ha messo una Musica di sottofondo e ci ha fatto descrivere le sensazioni del nostro corpo.
Dopo ancora ci ha fatto immaginare una sfera di cristallo intorno a noi.
Ma la parte più bella è stata quando ci ha fatto formare dei gruppi di bambini che interpretavano con gesti le parole dei sentimenti che sentivamo nel nostro corpo. Ma le due ore finirono e quindi il mio diario continuerà domani.

View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
ando
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 12:19
computer


andrea è felice quando scrive e legge e fa i compiti
il teatrino mi piace perche faccio il sole con i miei compagi per tera con pinuccia e giovanna.
oggi è la pima volta che scrivo a tutti.
ciao andrea io
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
gino santoro
Member
***




Risposte: 22
Registrato il: 10-10-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 18:52
Ai bambini del V circolo


Cominciamo dai più piccoli che sono anche i più importanti.
Carissimi Fabio, Laura, Ando, Michael, Biancamaria io mi chiamo Gino e insegno all'università. Faccio parte anch'io del progetto sull'integrazione.
I vostri messaggi mi hanno colpito molto perché mi sono tornati alla mente gli anni lontani (1950 - 1953) quando anch'io incespicavo (ntuppavo) sulle parole e scivolavo sulle frasi che erano tutte sbilenche.
Mi mangiavo le unghie e mi grattavo la testa per cercare di capire perché la E senza accento serviva per congiungere due parole - infatti si chiamava congiunzione - e poi bastava metterle quel segnetto sulla testolina pelata per farla diventare un verbo super importante.
E quella mutina della H che fa diventare verbo importante la A e la O e invece schifa la I e la U e la E?!
Luperto ha concluso il suo intervento con "Le parole sono belle", l'avete letto ? Ci sono anche parole brutte, parole pesanti, leggere, tristi, allegre, riposanti...Come il dondolo di Michael che va su e giù dolcemente.
Mi piace immaginarlo appoggiato sulla schiena dell'arcobaleno; e quando si spinge avanti ruba il giallo e il verde e, quando va indietro, si bagna di rosa e ciclamino. Così si riempie anche di profumo.
Intanto, però bisogna che anche Biancamaria possa salire e scendere come un bruco. Bisogna trovare una nuvola soffice, soffice e tutta piena di gallerie.
In una galleria, di sicuro, troverà un quadro dove sono dipinti tanti bambini che giocano.
All'ingresso c'è la piccola fiammiferaia.
Non so quanti fiammiferi bisogna comprare per poter guardare tutti i giochi che il mago - pittore ha messo in quel quadro.
Mi hanno detto che era parente del bruco di Michael e che si chiamava Bruegel. Insomma un po' di bruco e un po' di Michael...
Ma ora, devo smettere perché la storia del bruco e di Michael che si abbracciano e si confondono e si fanno una passeggiata nel quadro di Bruegel, mi prende la mano.
Provateci anche voi. Ciao a presto
Gino
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 19:10
come un quaderno luminoso


ecco un altro modo per usare, giocare con questo forum:
qui in questo strano luogo che sta dietro lo schermo
e che viaggia nei cavi telefonici e che fa girare le parole che scrivete, bambini e non,
nelle case di quelli che fanno accoppiare un computer con un telefono (si vorranno bene questi 2 oggetti?) e vogliono partecipare.
Scrivere e leggere fa parte di questo gioco della libera espressione che in questo forum, di cui sono un pò il guardiano..., può prendere una nuova forma, come un quaderno luminoso...
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
ritabortone
Member
***




Risposte: 14
Registrato il: 8-10-2002
Provenienza: Lecce
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-11-2002 at 22:51
le parole sono belle


è vero, ragazzi, le parole sono belle! E voi ditene sempre tante, sempre tante, così diventate più ricchi e potenti. Diceva un signore che era anche sacerdote e sapeva insegnare in un modo eccezionale, un signore che si chiamava Don Lorenzo Milani, che le persone sono potenti quando possiedono molte parole. Se poi queste parole sono anche belle, figuriamoci che forza! (questo lo dico io). Ma ditemi, secondo voi, le parole di una preside, sono belle o brutte?
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
peppe
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 12-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-11-2002 at 09:28


sono un compagno di Luperto, e la mia classe non partecipa a questo laboratorio.
Scrivo perchè il mio compagno Antonio Luperto ce ne ha parlato.Penso che l'ultima frase che il mio compagno ha sritto sia molto bella .
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
fabri
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 12-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-11-2002 at 09:38


vorrei chiedere ai ragazzi che partecipano
a questo progetto:
quale gioco vi piace di più?
che cosa ne pensate delle parole brutte? io credo che dipenda dalle occasioni...
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
eleonora
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 12-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-11-2002 at 09:47


Sono una compagna di classe di Luperto.
Mi ha colpito molto l'ultima frase che lui ha scritto e anche quando dice che nel laboratorio che lui frequenta a lui piace ASCOLTARE ciò che gli altri dicono.
Vorrei puntualizzare che le parole hanno un senso espressivo. Cioè le parole emanano dei sentimenti, in base alla situazione uno può dire parole che esprimono gioia o tristezza, dolore o felicità, noia o allegria.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Paola
Member
***




Risposte: 28
Registrato il: 9-10-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-11-2002 at 14:09


Quota:
Originariamente scritto da gino santoro
I vostri messaggi mi hanno colpito molto perché mi sono tornati alla mente gli anni lontani (1950 - 1953) quando anch'io incespicavo (ntuppavo) sulle parole e scivolavo sulle frasi che erano tutte sbilenche.


>> Pensavo a G. Rodari e al suo "Libro degli errori" dove le parole, private del loro significato convenzionale, diventano la materia prima del "gioco", e proprio l'errore ortografico (o grammaticale) fornisce uno spunto, accende la miccia che fa esplodere la fantasia: "SBAGLIANDO S'INVENTA" come diceva lo stesso Rodari.
Sarebbe interessante provarci. <<

Mi mangiavo le unghie e mi grattavo la testa per cercare di capire perché la E senza accento serviva per congiungere due parole - infatti si chiamava congiunzione - e poi bastava metterle quel segnetto sulla testolina pelata per farla diventare un verbo super importante.
E quella mutina della H che fa diventare verbo importante la A e la O e invece schifa la I e la U e la E?!

View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
gino santoro
Member
***




Risposte: 22
Registrato il: 10-10-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 13-11-2002 at 23:28


Anch'io sono stato colpito dalla frase di Luperto "Le parole sono belle". Ho pensato: Le parole sono belle…se traducono pensieri belli e producono azioni belle. Non è difficile intravedere i pensieri che stanno dietro quelle parole: leggiamo insieme, alunni e insegnanti, le storie dei nostri diari e, siccome lo facciamo stando in cerchio, sembra (forse è) un gioco.
Pensieri belli che scaturiscono da azioni semplici (mettersi in cerchio, leggere insieme, imparare giocando) e belle.
Anche Stefi è colpita dal mettersi in cerchio e dal gioco: “Una volta entrati ci siamo seduti a forma di un grande cerchio […] giocavamo con i giocattolini che schiacciandoli facevano pio pio”. Credo di aver capito che “mettersi in cerchio” è la traduzione di “mettersi in gioco” perché vengono accantonati gli strumenti, gli oggetti simbolo del potere e della schiavitù: cattedre e banchi. Pensate, un professore universitario è chiamato ‘cattedratico’ cioè uno che occupa una sedia (gr. hedra) molto alta (gr. katà), mentre gli attori che alla fine del XVI secolo si sono inventati le maschere di Arlecchino, Pulcinella, Pantalone, Capitan Fracassa…li chiamavano saltimbanchi o cantimbanchi. Beh, voi avete la fortuna di poter contare su insegnanti che per insegnare non hanno bisogno della cattedra – pensate che un tempo non molto lontano avevano bisogno anche della riga e dei ceci e delle orecchie d’asino! – e voi potete evitarvi di “stare a posto” nei banchi e godere (si fa per dire) la schiena dei vostri compagni per cinque ore filate.
Io penso che vi sono molti insegnanti che sono capaci d’insegnare anche stando in cerchio. Il guaio è che forse è più facile adottare un ‘nuovo’ metodo d’insegnamento che trasformare una scuola fatta di classi in una fatta di laboratori. Eppure, credetemi, anzi verificatelo, i grandi insegnanti, quelli che hanno fatto la storia della pedagogia, hanno fatto a meno di cattedre e banchi, oppure hanno usato le une e gli altri per fare i ‘saltimbanchi’. Da quello che scrivete, sembra proprio che la vostra “scuola del cerchio” produca bei pensieri, belle parole, belle azioni.
Buon vento da Gino
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
pinuccia
Junior Member
**




Risposte: 3
Registrato il: 8-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 14-11-2002 at 10:29


Quota:
Originariamente scritto da gino santoro
Cominciamo dai più piccoli che sono anche i più importanti.
Carissimi Fabio, Laura, Ando, Michael, Biancamaria io mi chiamo Gino e insegno all'università. Faccio parte anch'io del progetto sull'integrazione.
I vostri messaggi mi hanno colpito molto perché mi sono tornati alla mente gli anni lontani (1950 - 1953) quando anch'io incespicavo (ntuppavo) sulle parole e scivolavo sulle frasi che erano tutte sbilenche.
Mi mangiavo le unghie e mi grattavo la testa per cercare di capire perché la E senza accento serviva per congiungere due parole - infatti si chiamava congiunzione - e poi bastava metterle quel segnetto sulla testolina pelata per farla diventare un verbo super importante.
E quella mutina della H che fa diventare verbo importante la A e la O e invece schifa la I e la U e la E?!
Luperto ha concluso il suo intervento con "Le parole sono belle", l'avete letto ? Ci sono anche parole brutte, parole pesanti, leggere, tristi, allegre, riposanti...Come il dondolo di Michael che va su e giù dolcemente.
Mi piace immaginarlo appoggiato sulla schiena dell'arcobaleno; e quando si spinge avanti ruba il giallo e il verde e, quando va indietro, si bagna di rosa e ciclamino. Così si riempie anche di profumo.
Intanto, però bisogna che anche Biancamaria possa salire e scendere come un bruco. Bisogna trovare una nuvola soffice, soffice e tutta piena di gallerie.
In una galleria, di sicuro, troverà un quadro dove sono dipinti tanti bambini che giocano.
All'ingresso c'è la piccola fiammiferaia.
Non so quanti fiammiferi bisogna comprare per poter guardare tutti i giochi che il mago - pittore ha messo in quel quadro.
Mi hanno detto che era parente del bruco di Michael e che si chiamava Bruegel. Insomma un po' di bruco e un po' di Michael...
Ma ora, devo smettere perché la storia del bruco e di Michael che si abbracciano e si confondono e si fanno una passeggiata nel quadro di Bruegel, mi prende la mano.
Provateci anche voi. Ciao a presto
Gino
sono michael e mi piace pal are con lui.vieni ascuola a giòare con noi a bruco e dondolo.ciao
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
pinuccia
Junior Member
**




Risposte: 3
Registrato il: 8-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 14-11-2002 at 10:36


Quota:
Originariamente scritto da gino santoro
Cominciamo dai più piccoli che sono anche i più importanti.
Carissimi Fabio, Laura, Ando, Michael, Biancamaria io mi chiamo Gino e insegno all'università. Faccio parte anch'io del progetto sull'integrazione.
I vostri messaggi mi hanno colpito molto perché mi sono tornati alla mente gli anni lontani (1950 - 1953) quando anch'io incespicavo (ntuppavo) sulle parole e scivolavo sulle frasi che erano tutte sbilenche.
Mi mangiavo le unghie e mi grattavo la testa per cercare di capire perché la E senza accento serviva per congiungere due parole - infatti si chiamava congiunzione - e poi bastava metterle quel segnetto sulla testolina pelata per farla diventare un verbo super importante.
E quella mutina della H che fa diventare verbo importante la A e la O e invece schifa la I e la U e la E?!
Luperto ha concluso il suo intervento con "Le parole sono belle", l'avete letto ? Ci sono anche parole brutte, parole pesanti, leggere, tristi, allegre, riposanti...Come il dondolo di Michael che va su e giù dolcemente.
Mi piace immaginarlo appoggiato sulla schiena dell'arcobaleno; e quando si spinge avanti ruba il giallo e il verde e, quando va indietro, si bagna di rosa e ciclamino. Così si riempie anche di profumo.
Intanto, però bisogna che anche Biancamaria possa salire e scendere come un bruco. Bisogna trovare una nuvola soffice, soffice e tutta piena di gallerie.
In una galleria, di sicuro, troverà un quadro dove sono dipinti tanti bambini che giocano.
All'ingresso c'è la piccola fiammiferaia.
Non so quanti fiammiferi bisogna comprare per poter guardare tutti i giochi che il mago - pittore ha messo in quel quadro.
Mi hanno detto che era parente del bruco di Michael e che si chiamava Bruegel. Insomma un po' di bruco e un po' di Michael...
Ma ora, devo smettere perché la storia del bruco e di Michael che si abbracciano e si confondono e si fanno una passeggiata nel quadro di Bruegel, mi prende la mano.
Provateci anche voi. Ciao a presto
Gino [/quote<< le insegnanti di classe, coinvolte nel progetto, sono molto attente nell'interpretare al meglio la coniugazione tra materie e attività di libera espressione.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
 Pagine:  1    3  4

  Vai all'inizio

Powered by XMB 1.9.11
XMB Forum Software © 2001-2010 The XMB Group
[queries: 17] [PHP: 59.6% - SQL: 40.4%]