il FORUM di TEATRON.org
Non sei collegato [Login ]
Vai alla fine

Versione per la stampa  
 Pagine:  1  ..  4    6
Autore: Oggetto: progetti x il Concorso di A_D_E a Inteatro 2002
dedalus79
Junior Member
**




Risposte: 6
Registrato il: 3-4-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

sad.gif Inviato il 28-6-2002 at 10:56
informazioni


salve a tutti...

io vorrei sapere a che punto sono le selezioni... chi è stato selezionato e come si procederà d'ora in avanti.

qualcuno può rispondermi?

un saluto ed un ringraziamento sin da adesso

clemente pEstelli del gruppo (Les Flottant)
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 28-6-2002 at 16:14
la selezione entro il 2.07


ancora qualche giorno...
ci siamo incontrati a polverigi solo qualche giorno fa per fare un piano del progetto
che purtroppo ha subito tagli radicali x latitanza di sponsor
solo 2 produzioni (basate su soluzioni minimali, vi illusterò)
e vediamo quanti poter ospitare (solo x una notte, quella del 13.07) per presentare le proprie web experience nello screening
che sarà concentrato solo nella mattina del 14.07

a presto
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 29-6-2002 at 17:02
alcune piccole correzioni


il link del progetto enigma è questo
http://www.xlab.it/enigma.htm
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
sabrina
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 29-6-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 29-6-2002 at 21:07
riflessioni random su qualche web_experience


salve,
sono una webdesigner ma mi occupo piu del lato comunicativo che del lato estetico del web, ultimamente.
ho vagabondato tra le webexperience in concorso e ora sono un po' confusa.
quasi tutti i progetti che ho consultato piu che un'esperienza mi hanno trasmesso un senso di mancanza, come se ci fossero degli ibridi di idee che richiedevano troppe spiegazioni per poter essere realizzati.
introduzioni, ambizioni descritte, testi di presentazioni, insomma feti di intuizioni, progetti malnutriti o realizzati senza tenere conto dell'auditorio, troppo spesso trascurato nelle esperienze comunicative.
come se fare fosse piu difficile che spiegare cio' che si e' fatto, come se la spiegazione infine fosse il fatto e non il contrario.

dunque per esempio "suq Multimedia Live Act" @http://www.isiadesign.fi.it/suqlive mi sembra criptico per esigenze di moda piu che un romanticismo necessario nella comunicazione artistica.

allora mi viene in mente che spesso il design e ancor + il webdesign è schiavo delle mode che vogliono la comunicazione/la narrazione come qualcosa di incomunicabile/minimal/per pochi.
se cosi fosse per davvero invito tutti ad abbandonare ogni stile narrativo e a ritrovare il senso della narrazione, il cuore stesso delle idee che per essere realizzate non hanno bisogno di essere spiegate.




View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 30-6-2002 at 23:34
sul random di sabrina


non va perso di vista il punto di partenza di questo concorso x web experiences

che non è quello della specifica risoluzione nel web
ma il progetto scenico che s'intende evocare

detto ciò è evidente che lo specifico linguaggio del web è determinante anche se non è il valore assoluto

ci sono web exp eccellenti secondo me e domani pubblicheremo la selezione di quelle che consideriamo emblematiche
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
emanuele ° inteatro
Junior Member
**




Risposte: 5
Registrato il: 6-6-2002
Provenienza: polverigi
Utente offline

Modalità: Not Set

smile.gif Inviato il 2-7-2002 at 15:59
iscritti corretto


ADE ISCRITTI

1 nicoletta polliotto – http://www.vrmmp.it
2 marco lucchi - http://digilander.iol.it/radure
3 marina zerbarini – http://www.marina-zerbarini.com.ar/estasahi/sinoestasahi.swf
4 nicola rettino - http://digilander.iol.it/astroboy3001
5 claudio riceputi - http://www.claricedesign.it/cover/teatron
6 juan Manuel patino – http://www.yapaitu.org
7 cristiano mario sabbatini – http://communities.msn.it/BYzZone/cibocorpopaesaggio.msnw
8 mariano equizzi - http://digilander.iol.it/wang/
9 jessica loseby - http://www.rssgallery.com/jess_jan02.htm
10 cristian galletti – http://www.webgriffe.com
11 barbeni/rollo/vitale - http://www.8081.com
12 simone biffi – http://www.troopdesign.com
13 davide cardea – http://www.outoftarget.com
14 tiziano fratus http://www.manifatturae.it/dombra.htm
15 piervincenzo canale – http://www.rai.it/rainet
16 luca turco – http://www.missnomad.com
17 andrea simonetti – http://web.tiscali.it/andryouas/
18 guendalina vigorelli – http://www.grumor.net
19 anna rispoli – http://www.zf.biz
20 angelo Galeano – http://www.celvs.it/we/w
21 marco solari - http://www.idra.it/gulli/
22 venturini/mersi/mich.. – http://www.tpo.it/htm/biai.htm - http://www.tpo.it/contemporanea01/real/biai11.htm
23 daniele franzi - http://digilander.iol.it/franzidan/cvc
24 galiano/zaglio – http://www.teatrodelrimbalzo.it/zurb/
25 gabriele ciaccia – http://www.xlab.it/enigma.htm
26 antonio glessi – http://www.isiadesign.fi.it/suqlive/concept.html
27 raimondo barrile – http://digilander.iol.it/rakso1963
28 fabio grillini - http://www.accademiabellearti.com/frankestain.htm
29 daniela calisi - http://www.contentodesign.it/ade/
30 maria grazia chiuchiarelli – http://www.reframe.it/webexp/INTRO.SWF
31 franchino/tessitore/conti/violato - http://www.yes-food.com
32 ciro maestro – http://web.infinito.it/utenti/t/trancecure/index.html
33 franca de lucia - http://digilander.iol.it/froida
34 associazione amnesiac arts – http://www-amnesiacarts.com
35 david boardman - http://spazioinwind.iol.it/torinorama/eventi/progetti.htm
36 emanuele nespeca – http://www.locspace.com/temp/selva
37 marotta/russo - http://www.avatarproject.it
38 william vecchietti - http://www.yapwilli.com
39 coppeta/pianese – http://www.dutyfreeweb.it
40 clemente pistelli - http://www.utenti.lycos.it/paesaggioepigastrico/

ciao
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 2-7-2002 at 16:54
ecco la selezione delle web experiences


ce l'abbiamo fatta... (ma dopotutto non era stabilita nessuna data precisa per la selezione finale)

il ridimensionamento del budget a disposizione non ci ha permesso di prendere in considerazione altri progetti da produrre
e i due che abbiamo scelto per l'installazione e la dimostrazione-spettacolo corrispondono a logiche molto funzionali ( con l'accademia di roma era già in corso un workshop con i sistemi di motion capture e "Bi:Ai" era di fatto già prodotta...).
Insomma: s'è scelto per il maggior risultato al minor budget possibile.

Le web experience selezionate per lo screening sono poi 7, un buon numero dopotutto, di cui 2 orientate verso l'edutainment e il digitall storytelling in particolare, ad A_D_E tanto caro.

Ce ne sono molte altre che ci hanno intrigato e sarebbe ottima cosa conoscere gli autori per valutare possibili scambi futuri.

Ecco ora la selezione e una traccia di programma
che trovare comunque sul sito del festival http://www.inteatro.it

Sabato 13 luglio
ore 20:00

• INAUGURAZIONE DELLE INSTALLAZIONI PRODOTTE
DALLE WEB EXPERIENCES IN CONCORSO
“Dal naturale all’artificiale e ritorno. Parole chiave: corpo,cibo, paesaggio”


“Bi:ai (Lo sguardo dell’ape)”
Videoinstallazione sul paesaggio umano del festival
Di Elsa Mersi, Francesco Michi e Davide Venturini/TPO
http://www.tpo.it/htm/biai.htm

Il progetto nasce da un’esperienza già avviata all’interno del festival “Contemporanea” di Prato dove con fotocamere e videocamere digitali venivano raccolte e processate le immagini degli spettatori in una montaggio in progress poi predisposto allo streaming nel web. “Bi: ai” (Bee eye) significa l’occhio dell'ape: un occhio motivato dalla necessità di riconoscere l'ambiente (il "paesaggio") per soddisfare le proprie necessità di nutrimento, la ricerca del nettare-teatro. Lo sguardo dell'ape in questo caso è uno sguardo attento agli sguardi degli altri spettatori, li riprende mentre guardano e partecipano ad un evento teatrale diffuso qual è un festival, ecosistema culturale basato sullo “sguardo partecipato”, qualcosa che va ben oltre il semplice intrattenimento . Questo processo di memorizzazione degli sguardi può contribuire a creare una texture audiovisiva (con una forte impronta di ricerca sonora) fatta di esperienze vissute, un percorso dell'informazione e della conoscenza che – come sostengono gli autori - viene elaborato e ridiffuso condizionando lo sguardo di chi cerca all’interno dell’ambiente-festival.

"Enigma"
Dimostrazione spettacolo con sistemi interattivi “motion capture” di animazione in tempo reale
di Andrea Brogi, Gabriele Ciaccia e Classe di Regia II anno Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”
con Simona Generali (performer al motion capture) e gli allievi: Gorjana Ducic, Tommaso Rossi, Irene Mattioli.
http://www.xlab.it/enigma.htm

Sviluppato all’interno dell’Accademia come progetto di formazione, la dimostrazione-spettacolo vuole porre attenzione sul lavoro dell'attore in una nuova estensione espressiva, riflettendo sulla valenza drammaturgica delle interazioni con i sistemi digitali. Pretesto sono alcuni frammenti delle "Metamorfosi", inteso- come affermano gli autori- “come incipit storico - poetico de "gli indistinti confini" di "storie degli uomini e giochi di forme".
Un classico delle mutazioni.
La relazione con lo scenario infografico si basa sulla modellazione realizzata in 3D e si evolve con un sistema di animazione in tempo reale che permette, grazie ad una tuta di Motion Capture, data glove, mixer midi, di creare una scena realmente interattiva.


Domenica 14 luglio
ore 10:30 – 13:30

SCREENING WEB EXPERIENCES

Per la sezione digital artist

[Y]es.food action 1#
di Abusedmedia, Biocide e coop. Atypica
http://www.yes-food.com

La web experience illustra le caratteristiche di una strana , inedita e geniale, impresa di servizi gastronomici dal vago sapore situazionista. Il teatro può scaturire dal dispositivo che simula un’operazione commerciale immaginaria intorno al business “cibo”.
L’idea di questo progetto- sostengono gli autori - “nasce dal concetto che la migliore alimentazione possibile, sia dal punto di vista biochimico che da quello culturale, è quella che prevede il più ampio turn.over possibile di ingredienti. (…)La globalizzazione è un poliedro composto da mille facce, quella che riguarda il cibo è una di quelle guardabili. Basti pensare agli african o ai chinese food market, all’interno dei quali si possono trovare cibi, bevande, spezie, nomi, profumi e ricette fino a qualche anno fa introvabili e sconosciute.”
Il progetto prevede un’interfaccia multimediale che proietta l’idea virtuale di base E.S.Food (electronic stimulating food) per la cena reale, per cui si può concludere mangiando piatti e pietanze scaturite dalla totale interazione tra la tecnologia del software e la fantasia e la bravura del cuoco.Durante lo screening verranno distribuiti gadget come spille e adesivi yes.food e cibo yes.food (mele, caffè, acqua).


“D.A.P 3/ Terzo Distributore Automatico di Poesia”
di Daniela Calisi/content(o)design
http://www.contentodesign.it/ade

L’idea forte di questo “Terzo Distributore Automatico di Poesia” è quella d’essere concepita come un'interfaccia di lettura, in grado cioè di indurre ad un’interazione fisica tra il corpo del lettore e i testi dinamici proiettati. Lo scopo dichiarato è quello di portare i testi poetici a contatto con lo spettatore inserendoli nel paesaggio urbano così come l’autrice lo rivendica “La città, le vie, i luoghi del passaggio urbano divengono lo spazio testuale in cui il lettore muovendosi provoca mutazioni, mentre l'atto del leggere diventa una esperienza corporea”. L’installazione prevede che i testi vengano proiettati tramite un videoproiettore sulle pareti e per terra, mentre la presenza di fotocellule e di rilevatori di prossimità trasmetteranno i movimenti delle persone ad una centralina collegata con il computer che piloterà le combinazioni poetiche interattive.


“Orama” di David Boardman - Paolo Girbaudo/Torinorama
http://spazioinwind.iol.it/torinorama/eventi/progetti.htm

Parola chiave: paesaggio, quello urbano in cui naturale ed artificiale si confondono. La web experience vuole mettere in capo la lettura teorica, mentale e visionaria, del paesaggio che scorre lasciando il segno nell’occhio. Il paesaggio viene così filtrato dall’elaborazione digitale, diventa pan/orama da recitare come un libro dei salmi semiotici attraverso cui si delinea l’ipotesi di una futura performance-installazione. Manifesto di una nuova sensibilità in cui si coniuga architettura e poesia per un nuovo, potenziale, sviluppo della performance possibile di cui questo sono solo alcune tracce: “Nell'orama non c'e' una storia individuale o di un gruppo. Il passaggio da un nodo all'altro e' immotivato logicamente. Non c'e' rapporto causa effetto, ma attraversamento casuale. Come quello del passante che camminando ascolta per caso un pezzo di conversazione, poi taglia la strada e si vede passare davanti una 500, fa per toccare la borsa e gli squilla il telefonino. Nulla lega i quattro avvenimenti. Ma questa e' la realta'.”


“Descrambling/Nova express”, progetto multimediale su W.S. Burroughs
di Mariano Equizzi
http://digilander.iol.it/wang/

Una web experience che appare come un modo decisamente inedito e intelligente di costruire “drammaturgia” visiva, in una science fiction che coglie bene le peculiarità della composizione interattiva.
L’opera è dedicata a Burroughs, scrittore e uomo di genio a cui dobbiamo tutti molto, aspetto che Equizzi così sottolinea con lucidità:
“ (…) le realtà che ha criptato nei suoi libri, con la sua tecnica di scrambling, sono la nostra realtà. le forze del controllo e dell’annichilimento umano sono quelle stesse forze che scatenano il terrorismo, che affamano il mondo, che predano gaia. Il suo è stato un vero literary warfare.”



Morsi
Di FabrizioTuretta , Laura Anglani, Guendalina Vigorelli / Anatoma)
http://www.grumor.net

E’ il corpo che si fa paesaggio, frammentato e ricomposto dal netsurfing dello spettatore che sullo schermo percorre la web experience che sogna la scena.
E’ descritta come un film (come un sogno, come l’ultimo romanzo letto, come…) nei dettagli che non rivelano nulla se non stati più di corpo che d’animo.
Anche la composizione ipermediale è descritta dato il suo work in progress (uno degli aspetti rivendicati dal concorso nel suo complesso) che conduce dentro un gioco iperbolico che sembra geometrico ma tende al sensuale dato che la texture che si comporrà è tutta fatta di corpi. Le loro note dichiarano: “(…) Ogni quadrato è la prima immagine di una breve sequenza realizzata riprendendo singoli particolari del corpo delle interpreti di una delle azioni che verranno proposte in scena. L’utente potrà intervenire cliccando su uno dei quadrati. L’intervento esterno potrà continuare fino a quando ci saranno ancora quadrati attivi. Verranno cambiate in questo modo le caratteristiche del ‘paesaggio’ in modo irreversibile.”



Per la sezione edutainment

“MattiaZurbriggen 1.0 ”
di Simone Galiano e Ombretta Zaglio /Teatro del Rimbalzo
http://www.teatrodelrimbalzo.it/zurb/

Epopea in flash di Mattia Zurbriggen ,guida alpina [1856-1917]. Un esempio emblematico di narrazione in ambiente digitale (digital storytelling!) in cui si coniuga teatro e paesaggio alpino.
Zurbriggen, primo scalatore dell'Aconcagua (la maggior vetta sudamericana, a 7 mila metri, altezza mai raggiunta fino allora) e autore di grandi imprese sull'arco alpino e in Himalaya, morto suicida e come ebbe a dire Reinhold Messner "tragica grandezza di scalatore e di uomo d'avventura su tutte le montagne del mondo".
Nella storia animata ci guida uno gnomo che fa da io-narrante attraverso le scene che possono anche essere commentate dal “lettore/spettatore" che potrà lasciare così una traccia (basato su un sistema PHP, Hypertext PreProcessor) sulla base delle proprie impressioni.
La web-experience si presenta qui nella risoluzione compiuta di un computoon (cartoon al computer) e allo stesso delinea le tracce di un progetto drammaturgico innovativo, orientato verso l’edutainment, la pratica ludica e spettacolare che rivela la via multimediale all’apprendimento basato su soluzioni narrative.





“La Selva Lacandona” Progetto di spettacolazione multimediale per ragazzi
di Gabriela Huesca ed Emanuele Nespeca
http://www.locspace.com/temp/selva

La web-experience traccia il percorso di un progetto entrerà nella sua fase operativa a Città del Mexico quando si organizzerà una equipe di lavoro con l’obiettivo di sviluppare una produzione di spettacolo teatrale per ragazzi abbinato all’utilizzo delle nuove tecnologie e al digital storytelling in particolare.
In questo senso come prima tappa è prevista una spedizione ri-cognitiva nella Selva Lacandona, stato del Chiapas, dove sono presenti una flora e una fauna uniche nel loro genere, nel tentativo di recuperare un immaginario mitologico naturale che possa poi servire realmente a riscaldare il medium digitale per il progetto narrativo-educativo.
All’interno di questo sito sono sviluppate due sezioni: Diario di Bordo che servirà a catalogare, raccontando, l’esperienza di viaggio Italia -Mexico - Foresta Lacandona con foto, immagini e testi e la sezione Messa in Scena. Questa rappresenterà il laboratorio virtuale che permetterà la costruzione dello spettacolo a distanza, quando l’equipe di lavoro si troverà parte in Mexico e parte in Italia. In particolare si formeranno due sottosezioni che riguarderanno la drammaturgia e la scena multimediale.
Entrambe le sezioni, oltre ad essere visitabili in work in progress, accoglieranno modifiche, interventi e suggerimenti esterni dal mondo del web.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
davide venturini
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 30-5-2002
Provenienza: Prato
Utente offline

Modalità: Not Set

cool.gif Inviato il 5-7-2002 at 16:27
[bi ai]


nel sito
http://www.contemporaneafestival.it/htm/inst/frinst.htm

è in linea il video [bi ai] lo sguardo dell'ape

View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 5-7-2002 at 23:08
ulteriore nomination


esiste un forum sotterraneo fatto di amici ed esperti che contribuiscono alla visione delle web exp in campo
ci sollecitano
e nella selezione ecco emergere una nuova nomination

ce ne sarebbero anche altre, se non fosse per il fatto che il festival non ce la fa (per via dello sponsor mancato)
ad ospitare i vari autori (ma sarebbe bello che partecipiate, tutti!)

vorrei citarne diverse

quella di sabbatini ad esempio
progetto d'intelligenza informatica che invade la scena del web

http://communities.msn.it/BYzZone/cibocorpopaesaggio.msnw

o quella di cardea per altri versi
rappresenta una cupa fiction interattiva che lascia senza respiro

http://www.outoftarget.com


o ancora quella di solari, ottimo approccio all'idea di "scrittura scenica" nel web

http://www.idra.it/gulli/

e ancora altre su cui varrà la pena tornare x riflettere e trovare opportunità x tradurle, se possbile, in evento (su alcune stiamo già lavorando, in prospettiva...)

e ora la nomination nuova e ulteriore

si tratta di
"Oltre il muro" di Franca de Lucia

http://digilander.iol.it/froida

un percorso dentro la dimensione claustrofobica del carcere, ispirato a un libro, "I pugni nel muro" scritto dai detenuti di S.Vittore.
Le tre parole chiave, corpo-cibo-paesaggio
appaiono come accessi al mondo simbolico e coatto della prigione in cui lo schermo c'introduce.
La navigazione è connotata da una colonna sonora che induce lo stato d'animo e fa immaginare la possibile azione scenica in cui la prigionia del corpo e la liberta del pensiero entrano in collisione: un contraddizone che nello spazio teatrale immaginato viene suddiviso in due zone separate.
Una separazione superata da una videocamera che supera la soglia e confonde i due piani: dove finisce il corpo e dove inizia il pensiero?



View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
maxcoppeta
Junior Member
**




Risposte: 9
Registrato il: 6-5-2002
Provenienza: Napoli
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 7-7-2002 at 10:47
Duty_free


un caro saluto a tutti e un augurio a tutti i vincitori .......

(X Carlo) a quanto leggo Duty_free non ha meritato nemmeno un rigo della tua attenzione, ma per noi và bene lo stesso .....

un cordiale saluto Max Coppeta
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 7-7-2002 at 20:50
X max coppeta: no non è così


è solo una questione di tempo e di opportunità
il tuo lavoro mi ha molto interessato

mi piacerebbe trovare alla prima buona occasione il modo per parlarne
rifletterci su

ora il tempo scivola via, in discesa
ma si combinerà sicuramente
qualcosa...
venire a polverigi non ti va?

View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
emido
Junior Member
**




Risposte: 5
Registrato il: 27-5-2002
Provenienza: prato
Utente offline

Modalità: Not Set

smile.gif Inviato il 8-7-2002 at 10:50
di ritorno dalla selva


Eccomi di ritorno dal naturale:
ho lasciato da una settimana la selva LACANDONA e devo dire che è stata una esperienza incredibile...

aggiungo che nel frattempo il sito si è aggiornato, ma purtroppo non è quello inserito qui dentro nell'elenco ma il seguente:

http://www.locspace.com/012/selva/

il sito che si può vedere adesso presenta la struttura completa necessaria alla partenza del progetto...

in un nuovo messaggio ne parlerò al forum, intanto voglio farmi un giro nelle altre experiences
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
cla
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 8-7-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 8-7-2002 at 22:45
tutto il non detto


ciao Carlo ciao tutti sono Claudio
quello della web experience
http://www.claricedesign.it/cover/teatron/

durighe a dadi ormai tratti mi sembra carino:

ho iniziato buttando giù una struttura, o meglio a cercare delle relazioni tra gli elementi del soggetto
la scena, tra disegni e frasi smozzicate stava prendendo forma, ed anche una struttura narrativa, per quanto claustrofobica, si stava svelando, non lineare...come dire, a blocchi.
immaginavo questi blocchi... scenario:

- il pubblico avrebbe dovuto muoversi su/tra/nella scena: grosso modo un decagono. su ogni lato del quale vi erano proiettati blocchi di scena (filmati, pagina web, immagini)
una parete su due era attraversabile dal pubblico mmh.. qualcosa tipo fettuccine di schermo.
e per i più arditi tute bianche di carta dove sarebbero risaltate le proiezioni, che si sarebbero dovute fare anche all'interno dell'area del decagono.

- la struttura non sarebbe stata lineare, mi ripeto cioè: un' ossatura narrativa , a blocchi:
- il mercato
- la parodia di macdonald
- scaffali di cibo
- i supermercati
- ma soprattutto i cubicoli dove l'uomo, collegato al suo cubicolo tramite cavi cavetti sonde occhiali VR, vive, mangia, lavora, viaggia, ognuno diverso

- l'interazione del pubblico in grado di modificare la scelta e la sequenza dei blocchi narrativi tramite terminali, movimenti corporei , ecc.


poi ho scansito tutto il materiale prodotto e melosono webbexperienzato con flash e chiaramente il risultato era molto diverso a meno che non mi fossi cimentato in un'operazione mastodontica !!

quindi il dilemma era: aggiungere una spiegazione o, proprio xche webexperience, lasciare che gli internauti (giuro c'é chi li chiama così!) .. venissero a noi ?
no scherzi a parte volevo capire cosa sarebbe passato e mi sembra: un bel 'nagot'

ciao
Claudio


View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
cla
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 8-7-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 8-7-2002 at 22:48
Carlo ma perché c' é sempre sto BR alla fine


http://www.claricedesign.it/cover/teatron
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
maxcoppeta
Junior Member
**




Risposte: 9
Registrato il: 6-5-2002
Provenienza: Napoli
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 9-7-2002 at 08:53
Duty_free


faremo il possibile per non mancare ....
certo il viaggio è un pò lungo (ma ci teniamo tanto).....

saremo forse l'unica rappresentanza napoletana ed in particolare dell' Accademia di Belle Arti di Napoli - che spesso sembra essere tagliata fuori dalle sperimantazioni new|media, forse perchè ancora adesso sente il peso della sua storia, e con l'augurio che questa nostra esperienza possa essere un ivito ad andare oltre.

View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
emido
Junior Member
**




Risposte: 5
Registrato il: 27-5-2002
Provenienza: prato
Utente offline

Modalità: Not Set

wink.gif Inviato il 9-7-2002 at 21:57
dal naturale


Una cosa che mi ha colpito:

preambolo - selva lacandona - riserva naturale Chajul, diretta dal dot. Jose warman...

il secondo giorno di selva, in esplorazione di selva inondabile/ la guida indigena ci racconta, mentre navighiamo sul fiume nel tentativo di avvistare coccodrilli, "l'altro giorno ho portato mio figlio a fare un giro in barca, per sbaglio è cascato in acqua, niente di grave, solo che era terrorizzato perché aveva paura dei coccodrilli, quando l'ho rimesso in barca, mi ha raccontato che qualche giorno prima aveva visto in tv un film dove c'era un coccodrillo che si mangiava una persona"...

Dall'artificiale al naturale, anche nella selva più selva, gli indigeni (o meglio gli abitanti del piccolo paese) si stanno attrezzando (ritmo globale) di strumenti tecnologici, e così nonostante la convivenza con i coccodrilli, questi diventano belve inferocite solo guardando la tv...

Il progetto dunque si costruisce sulle linee dei sentieri percorsi nella selva, ogni sentiero contiene delle tappe, ogni tappa è una web experience che aprirà e conterrà le porte della opera teatrale...

Materiali digitali elaborati e rielaborati dal naturale all'artificiale...
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 10-7-2002 at 10:38
il programma di domenica 14.07


A_D_E (Art Digital Era), seconda edizione
Polverigi (AN) 13-14 luglio 2002

A cura di Carlo Infante e Velia Papa

Il campo di sperimentazione tra media e performing arts attivato da A_D_E

http://www.teatron.org/ade/ade01/adeflash.htm

ha visto lo scorso anno
http://www.teatron.org/ade/ade01/programma.htm

un’ampia ricognizione che quest’anno si focalizza su alcuni punti particolari:
la progettualità di nuova performance attraverso il web, l’edutainment e i format post-televisivi.

Con il concorso per web experiences si rende esplicita la necessità di fare del web un luogo di progettualità creativa e non solo di vetrina estetica, un nuovo medium attraverso cui rilanciare l’idea di “scrittura scenica”.
In tal senso la stessa dinamica del concorso s’è caratterizzata per un forum
dove i vari progetti sono stati presentati in un’elaborazione in progress, inaugurando il fenomeno di “concorso open-source”, inteso cioè come sistema aperto agli sviluppi continui e alle sollecitazioni non predeterminate, implementabile.
L’idea del concorso titolato “Dal naturale all’artificiale e ritorno” nasce dalla volontà di mettere in relazione il mondo dell’internet con quello della vita e del suo doppio: la scena teatrale, quella disposta a cambiare in una continua sperimentazione sui linguaggi, multimediali, coreografici e musicali.
Tra le web experiences selezionate ne emergono alcune rivolte a ciò che definiamo “edutainment”, ovvero quelle pratiche che si misurano con gli ambiti educativi in termini ludico-creativi, performativi.
L’incontro sui format post-televisivi intende porre le basi per una ricerca di ulteriori contesti produttivi proiettati negli scenari futuri della convergenza digitale dei media (TV, web, telefonia mobile) in relazione con i sistemi dello spettacolo e il marketing del territorio.

http://www.inteatro.it/ade


approfondimenti sul progetto http://www.teatron.org/ade/progettoADE.htm



Sabato 13 luglio
ore 20:00

• INAUGURAZIONE DELLE INSTALLAZIONI PRODOTTE
DALLE WEB EXPERIENCES IN CONCORSO
“Dal naturale all’artificiale e ritorno. Parole chiave: corpo,cibo, paesaggio”


“Bi:ai (Lo sguardo dell’ape)”
Videoinstallazione sul paesaggio umano del festival
Di Elsa Mersi, Francesco Michi e Davide Venturini/TPO
http://www.tpo.it/htm/biai.htm


Il progetto nasce da un’esperienza già avviata all’interno del festival “Contemporanea” di Prato dove con fotocamere e videocamere digitali venivano raccolte e processate le immagini degli spettatori in una montaggio in progress poi predisposto allo streaming nel web. “Bi: ai” (Bee eye) significa l’occhio dell'ape: un occhio motivato dalla necessità di riconoscere l'ambiente (il "paesaggio") per soddisfare le proprie necessità di nutrimento, la ricerca del nettare-teatro. Lo sguardo dell'ape in questo caso è uno sguardo attento agli sguardi degli altri spettatori, li riprende mentre guardano e partecipano ad un evento teatrale diffuso qual è un festival, ecosistema culturale basato sullo “sguardo partecipato”, qualcosa che va ben oltre il semplice intrattenimento . Questo processo di memorizzazione degli sguardi può contribuire a creare una texture audiovisiva (con una forte impronta di ricerca sonora) fatta di esperienze vissute, un percorso dell'informazione e della conoscenza che – come sostengono gli autori - viene elaborato e ridiffuso condizionando lo sguardo di chi cerca all’interno dell’ambiente-festival.

"Enigma"
Dimostrazione spettacolo con sistemi interattivi “motion capture” di animazione in tempo reale
di Andrea Brogi, Gabriele Ciaccia e Classe di Regia II anno Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “Silvio D’Amico”
con Simona Generali (performer al motion capture) e gli allievi: Gorjana Ducic, Tommaso Rossi, Irene Mattioli.
http://www.xlab.it/enigma.htm



Sviluppato all’interno dell’Accademia come progetto di formazione, la dimostrazione-spettacolo vuole porre attenzione sul lavoro dell'attore in una nuova estensione espressiva, riflettendo sulla valenza drammaturgica delle interazioni con i sistemi digitali. Pretesto sono alcuni frammenti delle "Metamorfosi", inteso- come affermano gli autori- “come incipit storico - poetico de "gli indistinti confini" di "storie degli uomini e giochi di forme".
Un classico delle mutazioni.
La relazione con lo scenario infografico si basa sulla modellazione realizzata in 3D e si evolve con un sistema di animazione in tempo reale che permette, grazie ad una tuta di Motion Capture, data glove, mixer midi, di creare una scena realmente interattiva.


Domenica 14 luglio
ore 10:30 – 13:30

SCREENING WEB EXPERIENCES

Per la sezione digital artist

[Y]es.food action 1#
di Abusedmedia, Biocide e coop. Atypica
http://www.yes-food.com


La web experience illustra le caratteristiche di una strana , inedita e geniale, impresa di servizi gastronomici dal vago sapore situazionista. Il teatro può scaturire dal dispositivo che simula un’operazione commerciale immaginaria intorno al business “cibo”.
L’idea di questo progetto- sostengono gli autori - “nasce dal concetto che la migliore alimentazione possibile, sia dal punto di vista biochimico che da quello culturale, è quella che prevede il più ampio turn.over possibile di ingredienti. (…)La globalizzazione è un poliedro composto da mille facce, quella che riguarda il cibo è una di quelle guardabili. Basti pensare agli african o ai chinese food market, all’interno dei quali si possono trovare cibi, bevande, spezie, nomi, profumi e ricette fino a qualche anno fa introvabili e sconosciute.”
Il progetto prevede un’interfaccia multimediale che proietta l’idea virtuale di base E.S.Food (electronic stimulating food) per la cena reale, per cui si può concludere mangiando piatti e pietanze scaturite dalla totale interazione tra la tecnologia del software e la fantasia e la bravura del cuoco.Durante lo screening verranno distribuiti gadget come spille e adesivi yes.food e cibo yes.food (mele, caffè, acqua).


“D.A.P 3/ Terzo Distributore Automatico di Poesia”
di Daniela Calisi/content(o)design
http://www.contentodesign.it/ade


L’idea forte di questo “Terzo Distributore Automatico di Poesia” è quella d’essere concepita come un'interfaccia di lettura, in grado cioè di indurre ad un’interazione fisica tra il corpo del lettore e i testi dinamici proiettati. Lo scopo dichiarato è quello di portare i testi poetici a contatto con lo spettatore inserendoli nel paesaggio urbano così come l’autrice lo rivendica “La città, le vie, i luoghi del passaggio urbano divengono lo spazio testuale in cui il lettore muovendosi provoca mutazioni, mentre l'atto del leggere diventa una esperienza corporea”. L’installazione prevede che i testi vengano proiettati tramite un videoproiettore sulle pareti e per terra, mentre la presenza di fotocellule e di rilevatori di prossimità trasmetteranno i movimenti delle persone ad una centralina collegata con il computer che piloterà le combinazioni poetiche interattive.


“Orama” di David Boardman - Paolo Girbaudo/Torinorama
http://spazioinwind.iol.it/torinorama/eventi/progetti.htm


Parola chiave: paesaggio, quello urbano in cui naturale ed artificiale si confondono. La web experience vuole mettere in capo la lettura teorica, mentale e visionaria, del paesaggio che scorre lasciando il segno nell’occhio. Il paesaggio viene così filtrato dall’elaborazione digitale, diventa pan/orama da recitare come un libro dei salmi semiotici attraverso cui si delinea l’ipotesi di una futura performance-installazione. Manifesto di una nuova sensibilità in cui si coniuga architettura e poesia per un nuovo, potenziale, sviluppo della performance possibile di cui questo sono solo alcune tracce: “Nell'orama non c'e' una storia individuale o di un gruppo. Il passaggio da un nodo all'altro e' immotivato logicamente. Non c'e' rapporto causa effetto, ma attraversamento casuale. Come quello del passante che camminando ascolta per caso un pezzo di conversazione, poi taglia la strada e si vede passare davanti una 500, fa per toccare la borsa e gli squilla il telefonino. Nulla lega i quattro avvenimenti. Ma questa e' la realta'.”



“Descrambling/Nova express”, progetto multimediale su W.S. Burroughs
di Mariano Equizzi
http://digilander.iol.it/wang/



Una web experience che appare come un modo decisamente inedito e intelligente di costruire “drammaturgia” visiva, in una science fiction che coglie bene le peculiarità della composizione interattiva.
L’opera è dedicata a Burroughs, scrittore e uomo di genio a cui dobbiamo tutti molto, aspetto che Equizzi così sottolinea con lucidità:
“ (…) le realtà che ha criptato nei suoi libri, con la sua tecnica di scrambling, sono la nostra realtà. le forze del controllo e dell’annichilimento umano sono quelle stesse forze che scatenano il terrorismo, che affamano il mondo, che predano gaia. Il suo è stato un vero literary warfare.”



Morsi
Di FabrizioTuretta , Laura Anglani, Guendalina Vigorelli / Anatoma)
http://www.grumor.net


E’ il corpo che si fa paesaggio, frammentato e ricomposto dal netsurfing dello spettatore che sullo schermo percorre la web experience che sogna la scena.
E’ descritta come un film (come un sogno, come l’ultimo romanzo letto, come…) nei dettagli che non rivelano nulla se non stati più di corpo che d’animo.
Anche la composizione ipermediale è descritta dato il suo work in progress (uno degli aspetti rivendicati dal concorso nel suo complesso) che conduce dentro un gioco iperbolico che sembra geometrico ma tende al sensuale dato che la texture che si comporrà è tutta fatta di corpi. Le loro note dichiarano: “(…) Ogni quadrato è la prima immagine di una breve sequenza realizzata riprendendo singoli particolari del corpo delle interpreti di una delle azioni che verranno proposte in scena. L’utente potrà intervenire cliccando su uno dei quadrati. L’intervento esterno potrà continuare fino a quando ci saranno ancora quadrati attivi. Verranno cambiate in questo modo le caratteristiche del ‘paesaggio’ in modo irreversibile.”

Oltre il muro di Franca de Lucia

http://digilander.iol.it/froida


Un percorso dentro la dimensione claustrofobica del carcere, ispirato a un libro, "I pugni nel muro" scritto dai detenuti di S.Vittore.
Le tre parole chiave, corpo-cibo-paesaggio appaiono come accessi al mondo simbolico e coatto della prigione in cui lo schermo c'introduce.
La navigazione è connotata da una colonna sonora che induce lo stato d'animo e fa immaginare la possibile azione scenica in cui la prigionia del corpo e la liberta del pensiero entrano in collisione: un contraddizone che nello spazio teatrale immaginato viene suddiviso in due zone separate.
Una separazione superata da una videocamera che supera la soglia e confonde i due piani: dove finisce il corpo e dove inizia il pensiero?



Per la sezione edutainment

“MattiaZurbriggen 1.0 ”
di Simone Galiano e Ombretta Zaglio /Teatro del Rimbalzo
http://www.teatrodelrimbalzo.it/zurb/


Epopea in flash di Mattia Zurbriggen ,guida alpina [1856-1917]. Un esempio emblematico di narrazione in ambiente digitale (digital storytelling!) in cui si coniuga teatro e paesaggio alpino.
Zurbriggen, primo scalatore dell'Aconcagua (la maggior vetta sudamericana, a 7 mila metri, altezza mai raggiunta fino allora) e autore di grandi imprese sull'arco alpino e in Himalaya, morto suicida e come ebbe a dire Reinhold Messner "tragica grandezza di scalatore e di uomo d'avventura su tutte le montagne del mondo".
Nella storia animata ci guida uno gnomo che fa da io-narrante attraverso le scene che possono anche essere commentate dal “lettore/spettatore" che potrà lasciare così una traccia (basato su un sistema PHP, Hypertext PreProcessor) sulla base delle proprie impressioni.
La web-experience si presenta qui nella risoluzione compiuta di un computoon (cartoon al computer) e allo stesso delinea le tracce di un progetto drammaturgico innovativo, orientato verso l’edutainment, la pratica ludica e spettacolare che rivela la via multimediale all’apprendimento basato su soluzioni narrative.





“La Selva Lacandona” Progetto di spettacolazione multimediale per ragazzi
di Gabriela Huesca ed Emanuele Nespeca
http://www.locspace.com/temp/selva


La web-experience traccia il percorso di un progetto entrerà nella sua fase operativa a Città del Mexico quando si organizzerà una equipe di lavoro con l’obiettivo di sviluppare una produzione di spettacolo teatrale per ragazzi abbinato all’utilizzo delle nuove tecnologie e al digital storytelling in particolare.
In questo senso come prima tappa è prevista una spedizione ri-cognitiva nella Selva Lacandona, stato del Chiapas, dove sono presenti una flora e una fauna uniche nel loro genere, nel tentativo di recuperare un immaginario mitologico naturale che possa poi servire realmente a riscaldare il medium digitale per il progetto narrativo-educativo.
All’interno di questo sito sono sviluppate due sezioni: Diario di Bordo che servirà a catalogare, raccontando, l’esperienza di viaggio Italia -Mexico - Foresta Lacandona con foto, immagini e testi e la sezione Messa in Scena. Questa rappresenterà il laboratorio virtuale che permetterà la costruzione dello spettacolo a distanza, quando l’equipe di lavoro si troverà parte in Mexico e parte in Italia. In particolare si formeranno due sottosezioni che riguarderanno la drammaturgia e la scena multimediale.
Entrambe le sezioni, oltre ad essere visitabili in work in progress, accoglieranno modifiche, interventi e suggerimenti esterni dal mondo del web.


Domenica 14.07
Ore 15,30/19,30

Incontro su “I format post-televisivi”
seguiranno note dettagliate tra qualche giorno
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
maria grazia
Junior Member
**




Risposte: 3
Registrato il: 24-5-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-7-2002 at 10:10


ciao carlo ciao a tutti gli appassionati delle web experience scrivo per avvisare che da questa sera sarà on line all'indirizzo http:/www.reframe.it/emotionaldance

la nostra realizzazione, di cui purtroppo non ci siamo occupati con le energie che avrei voluto e soprattutto nei tempi previsti causa LAVORI VARI.... comunque è stata una bella esperienza e noto con piacere che l'idea ha trovato i suoi sostenitori, magari non a livello finanziario, ma chissà che l'anno prossimo... intanto io saro' a polverigi di sicuro domenica ci vediamo li'
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-7-2002 at 13:41
incontro sui format post-televisivi


vi segnalo che su "L'Espresso" c'è un articolo sulle nuove frontiere del web con un'intervista a me a proposito delle web experience

ecco poi delle note dettagliate sull'incontro di
Domenica 14 luglio
dopo lo screening delle web exp
ore 10:30 – 13:30

alle ore 15,30/19

Incontro su

Il format post-televisivo
Dalla cross-medialità (la convergenza digitale tra TV-Web-Telefonia mobile) al narrowcasting delle televisioni di comunità (il caso Telestreet/Orfeo TV)



In collaborazione con Interferenze Lab



Conducono: Carlo Infante e Carlo Massarini



Intervengono: Velia Papa, Stefano Balassone, Andrea Soldani, Federico Zatti, Tommaso Franchini, Paolo Taggi, Lorenzo Miglioli, Andrea Brogi, Matteo Scortegagna/Neonetwork, Buongiorno.it, Augusta Giovannoli/Osservatorio Scrittura Mutante, Computer&Internet, Ciro D’Aniello e Valerio Minnella/ Telestreet-OrfeoTV



L’incontro tratterà della situazione di cambiamento degli assetti della comunicazione televisiva e multimediale in relazione alla nuova progettualità creativa che dal cross-media proprio della convergenza digitale, in cui il web e le connessioni mobili della telefonia cellulare creano fenomeni di radicale interazione con gli spettatori “prosumer” (producer-consumer), arrivano a fenomeni di narrowcasting che liberano energie sociali che ridefiniscono la condizione bloccata del sistema del mass-media.

I contenuti verranno messi in campo dai vari protagonisti e il confronto tra le diverse progettualità porterà ad un’elaborazione che al momento non ha ancora trovato occasioni importanti di sviluppo in Italia, creando un precedente che dimostra quanto le tematiche inererenti l’evoluzione tecnologica riguardino sempre più l’ambito creativo piuttosto che quello di una new economy allo sbando.



I contenuti e i protagonisti



Interferenze lab è una factory di nuovi format, una “società di cervelli” composta da autori di cinema, televisione e progetti multimediali. Nel loro intervento saranno narrati la genesi di alcuni progetti e mostrati alcuni “numeri zero” di programmi televisivi, tra cui "il portastorie" e la scrittura progettuale e dinamica di un progetto ad alto tasso d’innovazione “M. Racconti metropolitani”. Progetto cross-media, ludico e interattivo in cui vengono elaborati come ingredienti: una città, tante storie e misteri da scoprire in un territorio da esplorare come in un role-game, un gioco di ruolo televisivo e metropolitano.

Neonetwork è una società che fa del “cross media” uno strumento che valorizzi sia la
tecnologia che l'impatto narrativo e di comunicazione. Nella ricerca di format Post Televisivi tendono a portare il nuovo potenziale fruitore, il “viewser” (viewer+ user), a fare un esperienza di intrattenimento
diversa a seconda del mezzo utilizzato. Tra i format che stanno elaborando alcuni sono centrati sull’interazione tra Tv, web, telefonia, wireless e interventi sul territorio. Verrà presentato “Italo”, cartoon interattivo dalla doppia vita, quella inserita dentro il programma televisivo “La vita in diretta” di Rai uno e una altra nel web, su virgilio.it.

OrfeoTv, è stata già definita “la madre di tutte le Tv di quartiere” e di fatto rappresenta un modello apripista di narrowcasting, la frequenza stretta a raggio circoscritto, rispetto all’idea di broadcasting ampio e generalista. E’ un virus dell'infosfera tv, germina moltiplicandosi in declinazioni autonome e indipendenti, un virus che produce nuovo linguaggio e nuovo contesto di consumo culturale consapevole. Con questa prima emittente, nata occupando delle frequenze televisive lasciate disoccupate, si sta sviluppando un fenomeno che vedrà nascere una dopo l'altra, come funghi, piccole emittenti di quartiere, ognuna con le proprie risorse tecniche umane e creative.

Nel sito http://www.telestreet.it è già attivo il luogo scambio di ogni tv di strada e domani luogo di coordinamento e di organizzazione di Telestreet, canale satellitare legale che raccoglierà le energie, la creatività e la cultura di tutte le tv di strada che vorranno gemellarsi sincronizzando il loro lavoro in un solo segnale nazionale/europeo.





Tra i vari altri protagonisti si segnalano inoltre l’esperienza degli MMS (gli SMS multimediali) proposti da Buongiorno.it; i progetti di nuova scrittura in ambiente digitale raccolti dall’ Osservatorio scrittura mutante;

la panoramica delle esperienze creative nell’ambito multimediale elaborata da Computer&Internet.



View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-7-2002 at 17:48


Quota:
Originariamente scritto da maria grazia
http://www.reframe.it/emotionaldance
...
intanto io saro' a polverigi di sicuro domenica ci vediamo li'


benissimo
ci vediamo qui (qui a polverigi e non solo nel forum...)
a proposito
c'è un camping gratuito attrezzato dal comune!

c'è un camping gratuito
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
zimmer frei
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 14-7-2002
Provenienza: bologna
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 15-7-2002 at 09:41
zimmer frei soundboard


una bozza del lavoro di zimmer frei spazio largo #4 - soundboard è visitabile su
http://zimmerfrei.interfree.it/index.htm
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
Mortimer
Member
***




Risposte: 245
Registrato il: 22-10-2012
Utente offline


[*] Inviato il 22-10-2012 at 12:13


psychological and non secular bond in their union. They're equipped to supply boosts to new marriages cheap snowboard boots , guide deal with conflicts, mens work boots and make clear relationship obligations. Like several bit of artwork, replica A Lange & Sohne watches partners are encouraged to exhibit their agreements proudly inside their properties and browse them just about every day replica watch , with gratitude.
You want to your marriage ceremony to generally be unforgettable! Equally available for you plus your friends! Every person wishes the top with reference to their marriage ceremony but how can one have "it all" when over a restricted paying funds. uggboots You want to your gown to dazzle your groom fake rolex watches ; you want to the food items and amusement to get amazing, the attire amazing, the decorations "out
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
lihua897
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 27-11-2012
Utente offline


[*] Inviato il 27-11-2012 at 06:44
cheap jerseys old folks crossing


smiled and said: Pei from the Road: Born not think these people are the same temper things finished and left more than a word also refused.The affectionate Now is not the time.. apparently do not want to leave. but he of body weight. always let him have a very practical sense.This is an Amid the screams of the men. louis vuitton handbags hands withhold swallow mouth of the beast on Shimen Han hands withhold swallow mouth of the beast on Shimen. everyone abomination Zheng tyrants if you can not say wholesale jerseys origins of the black people. can not think of their training from the fire infuriating hand. Born heard some unpleasant. the added benefit being that you can wear your piece of history out of the house Our extensive range of reports are sourced from the leading publishers of business information and provide clients with the widest range of information available" The NBA players the total executive Billy hunter said in a statement. heard this. lush grass seems more distant.

if we can get the sword Lu backed We can also be more than a fraction of the odds. Lanmang Feitui Baizhang born pale coming out of the air. speak. but also really hard to say who is the winner.Born. Keiko will come on their own to Maki Murakami convey those words. to be to see the immediate scene.Innate guess was good. he saw that light door wacky.Born shook his head: The fox really reverse beings terrible creature. ended in failure Xingshenjumie.Looked around. this method is when I was death record.Born cold tunnel: The Tahan loss shook his head and said: Ranging born speaker from land cursed loudly: The Tahan look at the girl called Keiko Keiko at the moment has to wear two chef service stood timidly Meiling around.

Da cattle could not resist: Born not pushy. hundreds God kicked away from here. The will Jiaodimayou decamp. Colonel. and his two spallation large vent. the trio was trying to sail fell out.Did not dare look at the front of naked girls. determined to put him on the spot wrapped into dumplings determined to put him on the cheap nfl jerseys wrapped into dumplings. Itself with a small universe of instruments used in world existing types of instruments used.Born Anjiao bad. even they also began to think. Ho Hao busy one will let her into his arms.His of Master Tan cloud louis vuitton outlet extremely respected. stable situation Hamburg message.

pass books to the four swordsmith and hidden in the periphery of Lin Ching-prepared to deal with Skyfire. not even born without interest that eggshell turned into fly ash.Although really want louis vuitton replica take a look at the Goode Dietrich Quanliyiji the powerful. will have the replica louis vuitton to breathe with the body pores can without the aid of any instruments used to success in the water or space to survive. then shook his head and said: Naturally see she was being unreasonable.Murakami Masaki T-shirt has been completely crushed chest behind dozens of knife marks. a little while the two rabbits have been eating a clean.Therefore. at the moment Yuxu peak on aside practitioners from countries not light hidden sword Lu master and the National Society of the public swordsman sword. as well as countries in some people with ulterior motives to pull also make early arrangements for eight louis vuitton outlet online of the hidden sword Lu Pei from some henchmen swordsman. and finally had to give they thousand and one times over and over told inherently the back can not be 'philandering'. Matsui Fujio nodded his head. heavy patted born to the shoulder and said: Bi Yan Chen Dao: the original Uncle funny people. the sound came.

'Wa Wong A' has disappeared 'Wa Wong A' has disappeared. left Ogg The Rundle Police. to find a The clouds first hidden from the stature. immediately snappily authentic: You just do the Green Committee asking for trouble natural for me to solve a big deal for me Pei from the trip to West Kunlun. looked at the innate surprised and bewildered the color of face. no one thought of Lin Ching-so running out of patience. I was . move to city of angels had only four times after the trip to the playoffs have no mood to relationshipOut of the guangzhou international sports centre.I heard that she only recently back from injury. whereas cheap jerseys old folks crossing this fierce robbery. not help a bit carried away.Never been born at such a speed flight.Etc. still can not win.

but born five elements volts magic. over time.. West Kunlun also only bite fight on. Jianguang such as the Milky spilled to Lanteri layers of volume to go. the energy of the five energy stone just has the properties of star power to go through the star chamber compression transformation can be transformed into a real star the energy of the five energy stone just has the properties of star power to go through the star chamber compression transformation can be transformed into a real star. Master Tan cloud really is a master.. find Hong mill valley ear coming from Sri Lanka. if the swordsman who dispersed over the army. popular with China region only American qing beer -- a silver bullet beer that reveal the American passion culture in the worldSo this is not a simple official cooperation business operation is simple. I think of the Sun's mother. and inquiries by telling her to leave. but Dark Sword League mutual use of it.

View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Mortimer
Member
***




Risposte: 245
Registrato il: 22-10-2012
Utente offline


[*] Inviato il 10-12-2012 at 08:25


of personal sector contributions matched by expenses compensated by intercontinental tourists to your Digital Method for Vacation Authorization (ESTA) method. No U. S. tax payer bucks are utilized to function the corporation louboutins . The effect of vacation is staggering: in 2011, household and worldwide tourists invested a projected $820 billion inside the U. S. , a rise of eight. 0 % more than 2010 (resources: U. S christian louboutin altadama . Journey and OTTI). Of the full, authentic louboutin christian louboutin crystal pumps $704 billion was invested by household vacationers (seven. red bottom shoes five % enhance from 2010) (U men christian louboutin . S. Vacation) and $116 billion by worldwide tourists towards the Usa (twelve % improve from 2010) (OTTI) louboutin shoe . Previous to passage from the TPA, the usa experienced been the only real industrialized
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
 Pagine:  1  ..  4    6

  Vai all'inizio

Powered by XMB 1.9.11
XMB Forum Software © 2001-2010 The XMB Group
[queries: 17] [PHP: 69.5% - SQL: 30.5%]