il FORUM di TEATRON.org
Non sei collegato [Login ]
Vai alla fine

Versione per la stampa  
Autore: Oggetto: Il corpo esteso. Pensieri sulla scena immateriale
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 20-6-2003 at 16:48
Il corpo esteso. Pensieri sulla scena immateriale


Il corpo esteso. Pensieri sulla scena immateriale


Nell’ambito della XIX edizione di “Prima del teatro. Scuola europea per l’arte dell’attore” promosso da Teatro di Pisa e Accademia Nazionale d’Arte Drammatica “S. d’Amico”,
martedì 25 giugno 2003, alle ore 10,30, a San Miniato (PI), presso il convento San Francesco
si svolge il convegno “Il corpo esteso. Pensieri sulla scena immateriale”.

Intervengono:

Ferruccio Marotti, ordinario di Arti e Scienze dello Spettacolo, Università di Roma
Cristina Cilli, giornalista ed esperta di nuovi media
Pier Luigi Capucci, docente di Progettazione Contenuti per i Nuovi Media, Università di Bologna
Lorenzo Taiuti, docente di Mass Media, Accademia di Belle Arti di Torino
Luigi Maria Musati, direttore dell’ Accademia Nazionale d’Arte Drammatica

Introduce e coordina Carlo Infante, docente di Scienze e Tecnologie dello Spettacolo, Università di Lecce


Ore 10,30/13
Introduzione e interventi

Ore 15
Ripresa della discussione

Ore 17.30 Presentazione di Gabriele Ciaccia del progetto teatrale “Enigma 2003. Ciò che disse il tuono” azione, primo frammento (da “Terra desolata” di T.Eliot) con Simona Generali, Andrea Brogi e Pierpaolo Magnani.
in collaborazione con
Università degli studi di Pisa
Laboratorio Digitale “Fulmini e Leopardi”
Laboratorio Audiovisuale dell’Associazione Culturale Dn@

Il corpo nel nuovo spazio-tempo digitale
Al di là dello schermo del computer che introduce, come attraverso una soglia, in un nuovo spazio-tempo digitale, emerge la necessità di una più intensa interazione sociale e culturale con quella dimensione artificiale.
Ci s'interroga su come rendere meno astratta la multimedialità e l'infosfera che pervade il mondo. La ricerca di questa interazione implica un rapporto tra il corpo e i sistemi dell'elettronica, condizione che viene, oggi, subita con i massmedia e che una nuova consapevolezza del gioco multimediale potrebbe ribaltare su un piano creativo.
Dalle installazioni interattive alle pratiche sperimentali di performer radicali, si tratta di rilevare i segnali di una ricerca artistica e teatrale che sta sondando le condizioni della mutazione digitale.
E' attraverso questi precedenti che prende forma un'antropologia ludico-libidinale del ciberspazio, in grado di rendere agibile e progettabile quell'ambiente multimediale su cui si fonderà buona parte della società del nuovo millennio. In quel mondo abiterà la nuova generazione ed è per questo, che il sistema educativo deve essere in grado di comprendere gli aspetti evolutivi di queste esperienze che potranno apparire radicali ma che, al contempo, rivelano delle previsioni sul futuro possibile.
E' infatti necessario contemplare la dimensione creativa per non ridurre la multimedialità ad un semplice strumento per la new economy, rilanciando così il valore della ricerca teatrale come potenzialità sociale e comunicativa in grado di generare nuove visioni e pratiche del mondo. (carlo@teatron.org )


View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 9-9-2003 at 11:15
un link s un'esperienza con il burattino digitale


http://www.teatron.org/forum/viewthread.php?tid=86

View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente

  Vai all'inizio

Powered by XMB 1.9.11
XMB Forum Software © 2001-2010 The XMB Group
[queries: 17] [PHP: 51.6% - SQL: 48.4%]