il FORUM di TEATRON.org
Non sei collegato [Login ]
Vai alla fine

Versione per la stampa  
 Pagine:  1    3  4
Autore: Oggetto: Tracce dal Laboratorio "Libera Espressione" a Lecce
final
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 4-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 4-12-2002 at 10:43


CARO DIARIO,

Oggi 4 – 12- 2002 sono venuti due attori molto bravi che si chiamano : Filippo e Micaela.
Insieme abbiamo fatto tanti giochi : all ‘inizio abbiamo formato delle statue. Io non sapevo cosa rappresentare ma mi è venuto in mente di rappresentare un personaggio di un gioco che ora non tengo più.
Mi sono sforzato a farlo anche se mi facevano male le spalle però era l’unico personaggio che mi era venuto in mente.
Così abbiamo formato tante statue molto belle alle quali ognuno di noi doveva dargli un titolo. Io ho provato tanta allegria.
Il secondo gioco era bellissimo, sembrava di stare in una avventura (missione) dove dovevi correre e poi fermarti, immaginando di camminare su un filo che si poteva spezzare e poi alla fine esprimere un desiderio che stava in quel momento nel tuo cuore. Be, io ho detto che volevo due cani.
Purtroppo Filippo e Micaela se ne dovevano andare perché era finita l’ora.
Questa attività mi piace moltissimo perché mi fa provare tante emozioni ,quindi vorrei continuarla fino alla fine insieme a Filippo e a Micaela.



Francesco Antonaci.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
frafra
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 4-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 4-12-2002 at 10:47


Oggi non siamo andati nell’aula magna perché era occupata da altri insegnanti e siamo andati nell’atrio del primo piano ci hanno fatto dire il nostro nome e poi abbiamo tutti fatto una statua diversa. Io ho sentito molta emozione quando io ho fatto la statua ,poi abbiamo corso per il corridoio siamo ritornati è abbiamo immaginato una linea è abbiamo detto un desiderio. Questa esperienza mi è piaciuto molto

Francesco Fiordigiglio
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
arianna
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 8-7-2004
Provenienza: Lecce
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 4-12-2002 at 10:51


Io in questo momento sono molto emozionata , ai miei genitori gli e piaciuta molto . la novità che ho detto ai miei genitori il sogno che penso di fare e di andare a ROMA perché mi piace come città .io al teatro mi sto trovando benissimo perché ci impariamo cose bellissime .oggi abbiamo fatto teatro con FILIPPO e alte ragazze CIAO
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
iolanda
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 4-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 4-12-2002 at 10:55


CARO DIARIO OGGI SONO TORNATI GLI OSPITI DELL'ALTRA VOLTA, ANCHE OGGI ABBIAMO FATTO DEI GIOCHI CON I NOSTRI NOMI , NOI DOVEVAMO FARE FINTA D'AVERE UNA PALLA IN MANO E DI LANCIARLA AD UN NOSTRO COMPAGNO,DOPO AVER DATO LA PALLA DOVEVAMO GRIDARE IL NOSTRO NOME.IO MI SONO DIVERTITO MOLTO E SPERO CHE DOMANI MI DIVERTIRO' LO STESSO.
ciao Iolanda

MI PIACE MOLTO FARE IL LABORATORIO E ANCHE A MIA MADRE .
VORREBBE FARLO PURE LEI MA NON Può PERCHE E IMPECNATA COL LAVORO . SECONDO ME OGGI E STATO IL GIORNO MIO PREFERITO SPERO CHE QUESTA GIORNATA NON FINISSE MAI.
ciao stefina

View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
luc
Junior Member
**




Risposte: 3
Registrato il: 27-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 4-12-2002 at 10:58


Caro diario, oggi sono venuti Filippo e Micaela .
Io mi sono divertito un mondo : correvo, saltavo, urlavo, rappresentavo una statua, io
Oggi ho provato una sensazione di gioia, quando dovevo dire il mio desiderio io mi sono vergognato io non volevo dirlo davanti a tutti poi mi sono fatto coraggio ma non ci sono
Riuscito e ho detto che volevo vivere per sempre alla casa mia del mare però il mio vero
E proprio desiderio è quello di diventare un M………..
Io non dimenticherò mai questa bellissima giornata.
Oggi ho capito che nella vita bisogna affrontare tutto ciò che incontriamo e non bisogna
Rassegnarsi , io non so cosa dovrò affrontare ma sono sicuro che ce la farò , i miei
Compagni sono molto gentili con me sperò di esserlo anch’io con loro.

Ciao a tutti Gianluca Nuzzo!!!!!!!!

View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
fantasy
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 11-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 4-12-2002 at 11:35


LECCE,04| 12|2002.
CARO DIARIO,
IL GIOCO CHE CI E’ PIACIUTO DI PIU’ CONSISTE NELLO SCEGLIERE DELLE POSIZIONI DA ESIBIRE AL CENTRO DEL NOSTRO CERCHIO DI” ATTORI”.
QUESTO E’ STATO IL PIU’ BEL GIORNO DI LABORATORIO TEATRALE SIA PER LA COMPAGNIA DEGLI ATTORI SIA PER I GIOCHI:IL 1 GIOCO E’ STATO QUELLO DI SCAMBIARCI UNA PALLA IMMAGGINARIA GRIDANDO AD ALTA VOCE IL NOSTRO NOME IN MODO DA MEMORIZZARLI, IL SECONDO E’ QULLO CHE ABBIAMO DESCRITTO PRIMA E IL TERZO GIOCO CONSISTEVA NEL METTERE IN UN UNICO QUADRO TUTTE LE NOSTRE POSE DEL SECONDO GIOCO.
LA PRESENZA DEGLI ATTORI CI HA EMOZIONATO MOLTO PERCHE’ E’ UNA ESPERIENZA NUOVA CHE SPERIAMO DI RIVIVERE.
CARO DIARIO SPERIAMO DI RACCONTARTI PRESTO LA PROSSIMA AVVENTURA:MARCO E ANTONIO.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Ylenia
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 4-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 4-12-2002 at 11:40


Oggi nel teatro con gli attori abbiamo giocato abbiamo fatto tante cose.
L’attore ci ha insegnato dei giochi.
Quando l’attore ha messo la musica mi sono emozionata perché non lo so se è morta o è viva la mia cagnolina.
Pochi giorni fa l’hanno messa sotto la macchina, poi mi sono messa a piangere e ho svegliato tutte le persone per i pianti poi mio nonno mi lasciava fuori per non vedere la mia cagnolina stesa dicendo che non c’era nessun veterinario e poi sono andata a casa dicendo che la mia cagnolina sta al veterinario, invece non l’ho vista mai più.
Sempre quando c’è qualcuno che mi manca che mi è morto la musica romantica mi fa piangere.
Adesso ho la figlia della mia cagnolina e l’ho chiamata con lo stesso nome, Fibi.
La proteggerò per la mia Fibi mamma. E non la metteranno più sotto.c on la mia presenza.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Giuliano Capani
Member
***




Risposte: 12
Registrato il: 9-10-2002
Provenienza: Lecce
Utente offline

Modalità: Not Set

thumbup.gif Inviato il 5-12-2002 at 11:04
il pensiero razionale e quello emozionale


Sulle riflessioni di Rita Bortone e quelle di Bea mi sembra che ancora ci sia un malinteso.
Il questo Forum le persone scaricano il loro materiale mentale sotto forma di scrittura, se questa sia creativa o no dipende dalla sua forma ma anche dai suoi contenuti. Ma questo non è un problema. L'importante mi sembra sia il fatto che ci sia una spinta (mitovazione) a farlo. Se sia il caso di inserire pensieri e parole giudicate 'intime' lasciamolo decidere a chi scrive, non vi pare?

Rita scrive:
"la dimensione quasi lirico-poetica non so se hanno ragion d'essere in un forum. Mi chiedo se non sia normale che i pezzi di diario diventino pezzi da vetrina, restino statici, privi di risposta perchè non pongono domande nè argomenti-problemi."


Ma occorre sempre rispondere a tutto? Se ci si lascia vivere ascoltando e osservando, la riflessione (elaborazione interna) di questi imput viene da se, e se dececidiamo di comunicarla lo faremo nei tempi e modi che riterremo opportuni. Cosa provocheranno poi questi "scarichi" nessuno può prevederlo: possono rimanere statici come innescare nuovi stimoli. Dipende dal percettore.
Una vetrina è fatta per guardare. Qualcuno potrà passare e andare via, altri potranno entrare e prendere qualcosa per se.
Avete guardato le vetrine di Natale in città?
Non tutte le cose esposte possono essere acquistate....
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Giuliano Capani
Member
***




Risposte: 12
Registrato il: 9-10-2002
Provenienza: Lecce
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 5-12-2002 at 11:12
Il quadro di Bosch


Ed ecco la nave dei Folli

Battle of fools.jpg - 223kB
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
io
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 5-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 5-12-2002 at 12:24


G. Deledda 5/12/2002

Negli ultimi 3 giorni abbiamo dedicato delle ore del proggetto alla libera espresione del nostro corpo insieme a 2 attori di teatro: Micaela e Filippo, ad altri loro collaboratori. Inizialmente ci sentivamo ridicoli a fare strani movimenti e esternando in diversi modi alcuni nostri desideri. Abbiamo agito come se dell'acqua ci attraversasse, poi anche col fuoco, con la terra, con l'aria; in seguito anche come dei colori. Una cosa molto curiosa è stata quella di constatare quanto fosse difficile tenere una intera visione e controllo dello spazio: nonostante fossimo in più di 20 non riuscivamo a coprire un determinato spazio in modo omogeneo... ogni volta c'erano grossi spazi vuoti. E' un'esperienza colma di sentimenti diversi... che tutti dovrebberò provare!

Da Monika e Elvia III B ERICA
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
e-giulio
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 5-12-2002
Provenienza: Triestemente
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 5-12-2002 at 14:53
x arianna


arianna
Io in questo momento sono molto emozionata , ai miei genitori gli e piaciuta molto . la novità che ho detto ai miei genitori il sogno che penso di fare e di andare a Taranto perché mi piace come città .io al teatro mi sto trovando benissimo perché ci impariamo cose bellissime .oggi abbiamo fatto teatro con FILIPPO e alte ragazze CIAO





Sono Giulio, mi ha detto filippo che èperò al corso eravate troppo distratte oggi...
dai fate più attenzione...ci si vede a Gennaio ciao
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
simo
Junior Member
**




Risposte: 3
Registrato il: 21-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 7-12-2002 at 09:27


View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Ely
Junior Member
**




Risposte: 5
Registrato il: 8-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 7-12-2002 at 09:39


Sono una ragazza del deledda, e insieme alla classe i giorni 5-6 dicembre li abbiamo trascorsi insieme a due attori:Filippo e Mikaela. Gli esercizi fatti insieme a loro mi hanno interessato e coinvolto molto, anche se io pensavo di svolgere attività diverse!!!
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
valuccia
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 7-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 7-12-2002 at 09:40


ciao.....questa attività mi è piaciuta molto, gli attori erano davvero molto bravi...sono riucita a conoscere meglio me stessa...e a conoscere anche meglio i miei splendidi compagni...ho provato delle forti sensazioni....che fino ad ora non avevo mai provato.............
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Dolcezze
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 28-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 7-12-2002 at 09:40


siamo due ragazze del deledda ... i giorni 5 e 6 gli abbiamo trascorsi insieme ai due attori:Filippo e Michaela... abbiamo fatto varie attività che sembravano stupide e da parte nostra un pò lo sono infatti una di noi non ha voluto partecipare perchè non riteneva utile ciò. mentre da parte mia queste attività sono state in parte piacevoli e in parte stupide... piacevoli perchè mi facevano provare delle emozioni strane e m facevano sentire libera... mentre stupide perchè non ne vedevo la necessità di fare tutto questo............................................................................................................................
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Alan
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 7-12-2002
Provenienza: lecce
Utente offline

Modalità: Not Set

mad.gif Inviato il 7-12-2002 at 09:40
critica


G.Deledda
Ciao siamo 2 ragazze e per 3 giorni abbiamo lavorato con 2 attori di Milano.....e per dir la verità non ci è piaciuto molto!Credevamo che fare teatro significasse imparare una parte e recitarla...ma tutto questo non è successo.In questo progetto dovevamo imparare ad essere liberi e per questo abbimo espresso le nostre opinioni
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
nika
Junior Member
**




Risposte: 3
Registrato il: 8-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 7-12-2002 at 09:46


G. Deledda 7/12/2002

Diario di bordo

I giorni 3, 4, 5/12 sono venuti da Milano due attori di teatro: Filippo e Micaela, e con la collaborazone di alcune ragazze dell'università abbiamo dedicato 6 ore del nostro progetto alla Libera espressione del corpo, mettendo in luce alcuni nostri desideri in maniera diversa: dovevamo pensare di essere se noi fossimo uno dei quattro elementi, quindi prima acqua, poi aria, fuoco e terra. In seguito dovevamo muoverci e camminare occupando un determinato spazio come se fossimo dei colori. Ogniuno di noi naturalmente aveva il suo modo di interpretare un colore. Ho notato anche quanto è difficile occupare uno spazio in modo omogeneo.Ora saluto... alla prossima.
Monika
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
liaci
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 7-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 7-12-2002 at 09:59


Giorgio papà mio
lunedì a scuola mia Galateo faccio teatro. Solo la mattina, però.
Mi alzo, prendo il latte coi biscotti e vengo a scuola.
Ho scritto il nome mio al computer e adesso sta scrivendo la professoressa Beatrice che è brava a scrivere. Io mi confondo.
A teatro stiamo insieme. Al teatro che abbiamo fatto l'anno scorso a Koreja c'ero io, la professoressa Francesca e poi c'era un altro Antonio e Davide e Gino, e un altro con gli occhiali, e pure papà mio e la mamma mia.
A teatro c'era tutto buio e il cuore mio batteva, faceva tu-tu-tu, rumore, sempre sempre.
A teatro c'era la Luisa e Paolo nell'aula magna faceva tu-tu-tu sempre sul tamburo e la Luisa ballava vicino a me.
Mangiavamo alla mensa e Francesca vicino a me mi faceva mangiare la pasta dura tagliata col coltello perchè a me non mi scende. E' dura. "Mi ccappa".
Allo spettacolo che abbiamo fatto l'anno scorso Francesca mi spingeva sulla zattera con le rotelle e girava sempre e poi si fermava. C'ero io e Antonio. Antonio mi spingeva, io cadevo a terra e la prof. Beatrice diceva "Antonio, fermo!" e la Francesca Pantaleo mi diceva "Alzati! in piedi"
Non so ancora niente del teatro di quest'anno sempre nell'aula magna.
Penso al teatro di lunedì e mercoledì.
Sono contento. Al teatro vengo, solo la mattina, però. al pomeriggio no! Al teatro non ci sono compiti. Chiuso il discorso
ti abbraccio forte forte
tuo simone
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
ritabortone
Member
***




Risposte: 14
Registrato il: 8-10-2002
Provenienza: Lecce
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 9-12-2002 at 09:55
incontro di venerdì scorso


mi è piaciuto molto l'incontro dell'altra sera. mi è sembrato che si comunicasse per davvero e le vostre riflessioni mi risultavano molto interessanti. Su vostra richiesta, vi ricordo che aspetto i vostri scritti. I temi che ci eravamo dato erano quelli affrontati l'altra sera: livello di soddisfazione/insoddisfazione e relative motivazioni; ambiti di arricchimento personale e professionale; livello di soddisfazione di alunni e genitori e relative motivazioni; apporti del progetto alla problematizzazione sull'integrazione; apporti del progetto alla problematizzazione sulla professione in genere e sulla didattica ordinaria; ambiti di trasferibilità individuati. Questi temi sono solo indicativi. Ogni vostra riflessione su aspetti generali o specifici, anche se non previsti da me, è importantisima, non dal punto di vista burocratico, ma per la nostra comune riflessione professionale e culturale. Vi ricordo che ci siamo posto anche il problema del come vivere il forum. Insomma, dite quello che vi sembra importante in tutta libertà e usate il canale che preferite. ciao e buon lavoro
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Emanuela
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 10-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 10-12-2002 at 11:20
Filippo e Micaela


Caro Diario,
abbiamo passato 4 giorni con Filippo e Micaela.
In questi giorni mi sono divertita moltissimo e vorrei che a Febbraio, quando faremo lo spettacolo, ci fossero anche loro.
Anche se siamo stati poco insieme già io e i miei amici sentiamo la loro mancanza.
A me sono bastati anche solo 4 giorni per conoscere la loro gioia di vivere e la loro disponibilità verso di noi.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
gino santoro
Member
***




Risposte: 22
Registrato il: 10-10-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-12-2002 at 09:17


Quota:
Originariamente scritto da Dolcezze
siamo due ragazze del deledda ... i giorni 5 e 6 gli abbiamo trascorsi insieme ai due attori:Filippo e Michaela... abbiamo fatto varie attività che sembravano stupide e da parte nostra un pò lo sono infatti una di noi non ha voluto partecipare perchè non riteneva utile ciò. mentre da parte mia queste attività sono state in parte piacevoli e in parte stupide... piacevoli perchè mi facevano provare delle emozioni strane e m facevano sentire libera... mentre stupide perchè non ne vedevo la necessità di fare tutto questo.........................................................Intervengo sulle vostre considerazioni perché risultano più esplicite, ma l'idea (e l'attesa) che il teatro sia imparare una parte e recitarla è presente in altri interventi. Credo, allora, sia giusto spiegare le ragioni che ci hanno indotto a chiedere agli attori di non mostrarci i risultati del loro lavoro, cioè gli spettacoli, ma il percorso, l'allenamento che gli attori utilizzano per raggiungere quei risultati. E' la ragione per la quale abbiamo chiamato 'laboratori' sia gl'incontri con gli studenti che con i docenti. La stessa cosa accadrà anche quando verranno coinvolti i genitori.
Lo spettacolo è il risultato di una serie di scelte che lo spettatore non può riconoscere ma soltanto accettare o respingere (mi piace/non mi piace, è bello/ è brutto, m'interessa/non m'interessa...). Lo spettacolo è il corrispettivo della lezione frontale. Con la mia autorità ti garantisco che il quadrato costruito sull'ipotenusa è uguale alla somma dei quadrati costruiti sui due cateti di un triangolo. Non potrai mai sapere quanti e quali tentativi sono stati fatti prima di arrivare a quella formula. Le vere scoperte, le svolte radicali del pensiero sono state sempre favorite da un punto interrogativo apposto a conclusioni che sembravano ovvie e indiscutibili. Se escludiamo la possibilità di ripercorrere gli errori, le soluzioni che sono state messe da parte non impareremo a fare ricerca matematica, filosofica, teatrale, poetica, ma saremo solo delle scimmie ammaestrate. Vi ricordate quella ragazzina che conduceva un programma televisivo seguendo le istruzioni che le dava il regista attraverso una cuffia? I nostri sono "Laboratori di libera espressione" e no di 'espressione controllata, obbligata'. Quello che chiediamo agli attori è allora quello di mostrarci e farci partecipare ai tentativi, agli errori, alle svolte di un percorso mirato a darci nuove conoscenze. La classe è il teatro, la lezione frontale è lo spettacolo, ma allora nel laboratorio la lezione cosa diventa? E' una domanda che apparentemente riguarda solo gli insegnanti, in realtà l'elaborazione di una didattica coerente alla struttura del laboratorio riguarda gli studenti, le famiglie, la società tutta intera. Le risposte le dobbiamo cercare insieme; magari ponendoci altre domande. Ciao Gino Santoro ...................................................................
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
andri
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 4-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-12-2002 at 10:31
la matematica nella scuola del cerchio


Lunedì 9 dicembre: una lezione di matematica un po'
particolare
speciale
allegra
bellissima
magnifica
movimentata
grandiosa
frizzante
energetica
magica
unica
curiosa
brillante
scoppiettante
..........

Lunedì abbiamo giocato con la matematica. ovvero con i numeri.
Come prima cosa abbiamo formato tre gruppi, il primo era formato da nove alunni maschi.
il secondo era composto da nove alunne femmine e il terzo era composto da nove alunni, maschi e femmine.
Abbiamo iniziato questo gioco facendo delle operazioni, così, con addizioni, sottrazioni e moltiplicazioni abbiamo capito quanti eravamo.
Poi, io insieme ad altri cinque compagni siamo usciti dai nostri "cerchi" e abbiamo formato un altro cerchio composto da sei ragazzi.
Infine abbiamo stabilito (o meglio messo a punto) una regola:
si può operare solo con oggetti di natura uguale, in questo caso abbiamo operato noi con il nostro corpo.
Per me la matematica del cerchio è assolutamente diversa da quella dei banchi; è più divertente!
E non solo!
Per me è anche più facile ragionare, gli esempi erano più chiari, e soprattutto li abbiamo fatti noi con il nostro corpo.
Per me la vera regola è quella di imparare giocando e divertendosi.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Giuliano Capani
Member
***




Risposte: 12
Registrato il: 9-10-2002
Provenienza: Lecce
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 16-12-2002 at 19:46


Il quadro di Bruegel

bruegel giochi infantili.jpg - 75kB
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
luc
Junior Member
**




Risposte: 3
Registrato il: 27-11-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 7-1-2003 at 19:46


Cara Beatrice, in occasione della festa tenutasi a scuola prima delle vacanze, ho avuto modo di apprezzare il lavoro svolto da voi insegnanti e dai ragazzi. L'atmosfera gioiosa, i commenti e per ultimo le foto viste al computer, grazie al prof. di matematica, mi hanno fatto vivere la vostra stessa emozione e mi è stata data l'opportunità di vedere concretizzati
i vivaci racconti di Gianluca che giorno per giorno in famiglia ci riferiva.
Auguro a voi insegnanti ed al mio Gianluca una costruttiva continuazione sempre più ricca di esperienze.
La mamma di Gianluca.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
bea
Member
***




Risposte: 11
Registrato il: 14-9-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 2-2-2003 at 11:05
partecipare al laboratorio


Damiano mi ha chiesto di frequentare il laboratorio teatrale pomeridiano che avvieremo a breve all'interno del nostro progetto, anche se non è più un nostro alunno e frequenta l'istituto alberghiero.
Questa è la richiesta che lui rivolge alla preside Bortone:
"Il teatro è bello.
Voglio tornare al teatro nostro. Al teatro con Francesca e Beatrice.
Al teatro che facevo alla scuola Galateo. Pure la mamma mia vuole tornare. E anche Fabrizio. Forse.
Posso venire al laboratorio?
damiano SPAGNOLO
ciao!!!
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
 Pagine:  1    3  4

  Vai all'inizio

Powered by XMB 1.9.11
XMB Forum Software © 2001-2010 The XMB Group
[queries: 17] [PHP: 44.8% - SQL: 55.2%]