il FORUM di TEATRON.org
Non sei collegato [Login ]
Vai alla fine

Versione per la stampa  
Autore: Oggetto: pg. 23 Mettersi in gioco
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 16:11
pg. 23 Mettersi in gioco


View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 16:26
pg.28 su Manuel Castells e su Richard Florida


Castells usa + che altro il termine "capitalismo informazionale" ma il senso è quello: le informazioni producono ricchezza.

alcune note sul libro da cui è tratto il riferimento
Da "La nascita della società in rete"
(Università Bocconi Editore, 2002)


La rivoluzione della tecnologia dell'informazione e della comunicazione e la trasformazione sociale che l'accompagna è secondo Castells una cesura epocale nel modo di sviluppo delle società umane. L'esperienza del tempo viene alterata, lo spazio riorientato e riorganizzato dalla logica dei flussi della società in rete, della società che comunica e consuma mediante la rete, in base a processi che diffondono istantaneamente simboli e conoscenze, modificando in profondità le espressioni culturali e cambiando radicalmente le forme del potere politico e della mobilitazione sociale. Nella società in rete, delle imprese a rete, del lavoro in rete, dei 'networking' e dei 'networkers', il dominio delle nuove élite globali si esercita attraverso il controllo e la gestione delle catene di valore creato e accumulato intorno alle reti di informazione, finanza e produzione che connettono e disconnettono in tempo reale intere aree geografiche e categorie sociali, determinando esclusioni e disuguaglianze diffuse.


Indice:
- Prologo: La rete e l'io
- La rivoluzione della tecnologia dell'informazione
- La nuova economia: informazionalismo, globalizzazione, networking
- L'impresa a rete: cultura, istituzioni e organizzazioni dell'economia informazionale
- La trasformazione del lavoro e dell'occupazione: lavoratori in rete, flessibili o disoccupati
- La cultura della virtualità reale: l'integrazione della comunicazione elettronica, la fine del pubblico di massa e l'ascesa delle reti interattive
- Lo spazio dei flussi
- Ai confini dell'eternità: tempo senza tempo
- Conclusione: la società in rete

Un link a wikipedia
http://es.wikipedia.org/wiki/Manuel_Castells

x quanto sia buffo metterli vicini... ecco il link di wikipedia su Richard Florida
http://en.wikipedia.org/wiki/Richard_Florida

e il suo sito ufficiale http://www.creativeclass.org/
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 17:29
pg.30 su John Perry Barlow, cookies e Web 2.0


prima di tutto il link a wikipedia, ormai è regola
http://en.wikipedia.org/wiki/John_Perry_Barlow

qui trovi la famosa Dichiarazione d'indipendenza del Cyberspazio
http://www.olografix.org/loris/open/manifesto_it.htm


un'ottima intervista di Arianna Dagnino
http://www.nomads.it/continua.php?cod=332&pagina=6

nella stessa pagina si parla di cookies e spyware
qui trovi una spiegazione articolata su cosa sono e come combatterli
http://www.datamanager.it/articolisymantec.php?idricercato=14286

a proposito di Web 2.0
da wikipedia (in inglese però)
http://en.wikipedia.org/wiki/Web_2

in poche parole (nel libro tornerò a parlarne verso pg.150 a proposito del socila tagging)
il web 2.0 è la nuova condizione delle arete resa + serrata dall'interscambio degli utenti, al di là degli assetti editoriali.
E' un nuovo paradigma del web: sempre + partecipativo (blogging), + condiviso (sharing), + collaborativo (socialbookmarking)

Si tratta di una condizione da non confondere con il cosiddetto "Internet 2"
vedi Wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Internet2

In quel caso s'intende una nuova infrastuttura di rete che si rifa al consorzio UCAID (University Corporation for Advanced Internet Development)
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 17:41
pg.31 su Mondi Attivi, Technorati, Formenti


qui trovi, in particolare, info sull'eventi di cagliari
http://www.mondiattivi.org/DocsPress/pressEvent.html
da lì vai poi a scaricarti il browser di Mondi Attivi!

qui http://www.technorati.com/search/
trovi Technorati, fai la ricerca x tag (parole chiave)

e infine alcune note su Carlo Formenti e sul suo libro che m'ha ispirato alcuni passaggi...

"Incantati dalla rete. Immaginari, utopie e conflitti nell'epoca di Internet". ( Cortina, 2000)

Il trionfo di Internet prepara una mutazione di civiltà paragonabile a quella innescata dalle rivoluzioni industriali che hanno sconvolto gli ultimi secoli del millennio?

Paradossalmente, per comprendere la radicalità dei mutamenti che stiamo vivendo occorre in primo luogo demistificarli: non per negarne la realtà ma per dissipare l'aura mitica che li circonda.

Quando viene presentata come un mostruoso sistema di simulazione che rischia di uccidere la realtà o, al contrario, come un meraviglioso "cervello planetario" destinato a realizzare il paradiso in terra, la rete rischia di apparire come un insensato labirinto di specchi.

Se, con distacco e ironia, si mettono invece da parte terrori e speranze, emerge il quadro inedito che questo libro presenta: niente apocalissi o paradisi, ma non poche trasformazioni rivoluzionarie. Rivoluzioni dall'esito imprevedibile, perché nella rete non è inscritto alcun "destino", bensì un'incontenibile proliferazione di rischi e opportunità.

Saggista, giornalista e scrittore di fantascienza, Carlo Formenti esplora da tempo gli effetti delle nuove tecnologie sulle trasformazioni sociali, economiche e culturali degli ultimi decenni.

View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 18:03
pg.32 sulla Teoria dei Giochi


da wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Teoria_dei_giochi
un'informazine precisa: come una scienza matematica possa riguardare la nostra vita

View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
teatron
Moderatore
******


Avatar


Risposte: 105
Registrato il: 3-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 18:10
pg.34 sul blog di Beppe Grillo


http://www.beppegrillo.it
seguirlo quotidianamente è un bel training d'indignazione divertita
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
teatron
Moderatore
******


Avatar


Risposte: 105
Registrato il: 3-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 18:38
pg.36 su Serendipity


da wikipedia
http://it.wikipedia.org/wiki/Serendipity
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
teatron
Moderatore
******


Avatar


Risposte: 105
Registrato il: 3-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 18:48
pg.42 su De Masi, Notte della Taranta, etc




su Domenico de Masi ecco il lik al suo sito
http://www.domenicodemasi.it/

su La Notte della Taranta
http://www.lanottedellataranta.net/

per quanto riguarda glocalmap(di cui si parlerà ampiamente) ecco il link a questo geoblog
http://www.glocalmap.to/

su Lo Spettacolo della Conoscenza inserisco un testo in attach, già scritto per il numero monografico de “Lo spettacolo. Rassegna economica e sociale della attività culturali”
edito da SIAE, ottobre 1999
su “ I Musei italiani” con interventi di Giovanna Melandri e Antonio Paolucci, ambedue ex-ministri ai Beni Culturali


Allegato: Lo Spettacolo della Conoscenza.rtf (28kB)
Questo file è stato scaricato 495 volte

View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
teatron
Moderatore
******


Avatar


Risposte: 105
Registrato il: 3-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 19:16
pg.44 su Derrick de Kerckhove


tra i tanti link quello del McLuhan Program
http://www.utoronto.ca/mcluhan/derrickdekerckhove.htm

qui molte altre risorse, in un sito realizzato dal McLuhan fellows e Università di Macerata
http://ddk.unimc.it/load_index.swf
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
teatron
Moderatore
******


Avatar


Risposte: 105
Registrato il: 3-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 20:26
pg.47 su "percettivo-motoria"


un riferimento calzante è quello che esprime Francesco Antinucci in questo intervento che tratta di simulazione e di come i processi cognitivi possano interagire con quelli percettivi e motorii...
http://www.trovarsinrete.org/antinucci.htm
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
teatron
Moderatore
******


Avatar


Risposte: 105
Registrato il: 3-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 20:31
pg.48 su web art e creatività connettiva


una riflessione ben circostanziata la si trova sulla webzine Noemalab
http://www.noemalab.org/sections/specials/tetcm/2003-04/hacker_art/...
utile per cogliere le differenze con la net art

(l'URL è lungo e il link non va a dovere, copialo e incollalo sulla barra)

sulla Creatività Connettiva
trovi qui un mio intervento su MyMedia
http://www.mymedia.it/mass_media.html
e poi un'analisi acuta su Nousab di Mirko Corli a proposito delle diverse poetiche e tecniche del web
http://www.nousab.org/usabcreat/#cont
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
teatron
Moderatore
******


Avatar


Risposte: 105
Registrato il: 3-12-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 18-4-2006 at 21:00
pg.49 su Daniel Bell


da wikipedia
http://en.wikipedia.org/wiki/Daniel_Bell

View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 13-9-2007 at 23:38
Antropizzare il cyberspazio


Quota:
Originariamente scritto da teatron
http://www.beppegrillo.it
seguirlo quotidianamente è un bel training d'indignazione divertita


Antropizzare il cyberspazio
In questo senso anche la programmazione di un software diventa un comportamento rivolto alle aspettative altrui, al fine di poter fare evolvere un programma e, ciò che più conta, le sue applicazioni potenziali.
Agli albori di Internet tutto ciò era la regola fondante dell’esperienza di programmazione, per rendere pertinenti i protocolli a tutta la comunità in Rete, per fare in modo che ogni sviluppatore di software li utilizzasse, migliorandoli.
Trova così sostanza l’idea della Rete come ecosistema informativo, come un insieme esperienziale fatto di conoscenze collettive e disponibilità connettive: una straordinaria palestra di cooperazione sociale.
Esiste quindi una democrazia del codice informatico che può essere utile a capire come la Rete possa contribuire a pensare meglio la nostra organizzazione, in una società futura.
Ma non è solo una metafora. Alcuni software, come abbiamo già visto, ci sollecitano a sviluppare le nostre potenzialità umane di comunicazione. Le pratiche del blogging e del social tagging (di cui parlerò ampiamente più avanti) lo stanno dimostrando. Si tratta di prendere possesso degli spazi, antropizzare il cyberspazio, come mi viene da dire. Rifondare la politica, a partire dagli ambienti in cui è possibile far circolare un po’ di buona energia positiva e smascherare chi crede che la politica sia una faccenda “chiusa”.
Come sta facendo Beppe Grillo nel suo blog (>FORUM), giorno per giorno, con stoccate d’ogni sorta, come quel clip in streaming che lancia un netto j'accuse alla classe politica italiana: “sono nostri dipendenti: imparino a fare il loro mestiere”.
Il suo è uno dei blog più frequentati in assoluto (campeggia ormai nella top mondiale), un successo fondato su almeno tre fattori.
Primo: il suo blog esplicita come l'energia partecipativa, espressa dall'intelligenza connettiva di chi agisce nella Rete, renda evidente come si possa giocare con la politica, facendone qualcosa che riguarda tutti, come l’enorme dibattito NO-TAV ha dimostrato.
Secondo: perché a supportare il suo diario on line c’è, oltre al sistema di personal publishing dei commenti, un software dinamico, Meet Up, che funziona mirabilmente per l’auto-organizzazione della vastissima community, sollecitandone l’autonomia operativa.
Terzo: nel momento in cui la politica si riduce a teatrino nei salotti televisivi, un teatrante arguto come Grillo ne sa rivelare l’inconsistenza, trattando la parola come un’arma letale. Dimostrando che un atto poetico può fare politica al miglior grado.


View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente

  Vai all'inizio

Powered by XMB 1.9.11
XMB Forum Software © 2001-2010 The XMB Group
[queries: 17] [PHP: 56.0% - SQL: 44.0%]