il FORUM di TEATRON.org
Non sei collegato [Login ]
Vai alla fine

Versione per la stampa  
Autore: Oggetto: 110973.Un altro 11 settembre,30 anni fa
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 1-9-2003 at 11:25
110973.Un altro 11 settembre,30 anni fa


qui possiamo confrontarci
a proposito di uno spettacolo teatrale che si rivela emblematico pretesto per riflettere sull'11 settembre
quello di trent'anni fa
che ha provocato un golpe pilotato dalla CIA in Cile
primo atto di una scia di abusi che trova sulla sua rotta anche l'azione delirante dell'11.09.01

qui trovi info dsull'evento
http://www.teatron.org/110973/cstampa.html


View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
luca
Super Moderatore
*******


Avatar


Risposte: 18
Registrato il: 28-3-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 9-9-2003 at 10:01
non c'ero ma sento


sento il peso di quella cappa di supercontrollo USA
talmente assurda
da essergli crollata addosso con tutte le torri
odio di chi ha provocato quel terriile atto terroristico
ma odio anche l'idiozia politica di un paese come gli USA che non capisce che non può abusare della liberta degli altri

non ero ancora nato l'110973
ma sento lo starsco di quell'eco d'infamia
non si azzera una democrazia
come quella poi
non-sovietica
libertaria
ottimistica

hanno immesso un virus nella politica internazionale
ne è rimasta ammalata
ancora oggi dpo trent'anni
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Fabrizio Pecori
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 9-9-2003
Provenienza: Firenze
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 9-9-2003 at 11:21
Un teatro di solidarietà


Partecipazione è certo una delle parole chiave del teatro. Aprire una parete per comprendere con empatia questo nostro essere, la nostra storia, i nostri sentimenti e le loro ragioni.

Aprire uno spiraglio, proprio quell'11 Settembre, che troppe volte è stato caratterizzato dall'odio e dal furore di ragioni politico-economiche troppo occidentali (si pensi alla tragedia cilena del 73, ma anche al risentimento senza tregua che ha caratterizzato la risposta all'assalto delle Twin Towers), significa anche dare voce e dignità a qualcosa che reclama la nostra attenzione.

Ecco perché reputo importante l'emergere di manifestazioni di un teatro di solidarietà che non vuole cavalcare l'emozione di un giudizio inorridito, ma riesce a recuperare la scomoda eredità di un Cile che quotidianamente continua a cercare la propria strada di autodeterminazione.

Un teatro che possa e sappia ridare un senso profondo all'operato di Salvador Allende perché:
para vencer al hombre de la paz
tuvieron que congregar todos los odios
y además los aviones y los tanques,
(dal Poema "Allende" di Mario Benedetti)
ma certo gli "uomini della pace" non possono essere dimenticati.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 9-9-2003 at 17:28
riattivare le coscienze


Quota:
Originariamente scritto da Fabrizio Pecori
Partecipazione è certo una delle parole chiave del teatro. Aprire una parete per comprendere con empatia questo nostro essere, la nostra storia, i nostri sentimenti e le loro ragioni.
(...)

ma certo gli "uomini della pace" non possono essere dimenticati.


ben detto fab
è proprio qui il punto

si tratta di dimostrare almeno 2 cose, tra le tante

una:
in un mondo così intriso di rappresentazione inautentica
il teatro di partecipazione
fondato sull'empatia
può riattivare delle coscienze

due:
in un era in cui la politica ha perso gran parte del suo senso
agire la memoria (che non significa commemorare) ha un valore proprio:
quello di indicare dei modelli possibili di comportamento etico,
saldo nei principi ed ottimista
come il modello "allende" aveva dimostrato
anche se sconfitto,
anzi violato dall'abuso di potere
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
mirko
Member
***




Risposte: 43
Registrato il: 11-4-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 10-9-2003 at 09:34


Quota:
Originariamente scritto da luca
...non si azzera una democrazia
...


bellissima frase luca.
e mi fa venire in mente che il teatro e la democrazia sono intimamente legati.
la grecia, le prime forme di democrazia della storia moderna, avevano proprio il teatro come veicolo di valori, di contenuti, di etica.
ed era qualcosa che nasceva autenticamente, fin dall'inizio, perche' nasceva dall'incontro di diverse sensibilita' umane, senza filtri.
attori sulla scena, spettatori, il fil rouge del coro sullo sfondo.

mi chiedo se oggi il teatro non possa tornare ad avere un ruolo importante, fondamentale direi, nel mantenimento e nella salvaguardia non della democrazia, no, ma dello "spirito" democratico: quell'attitudine al confronto, alla dialettica, al recepire stimoli che vengono da altri, ad ascoltare.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
SaraMC
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 12-9-2003
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-9-2003 at 18:44


Quota:
Originariamente scritto da Carlo
anche se sconfitto,
anzi violato dall'abuso di potere

non sono d'accordo ... Allende ha vinto e lo ha fatto davvero in grande stile ... e non si può dire che siano riusciti a violarlo anche se ci hanno provato ... perchè la sua figura e tutto ciò che è riuscito a realizzare rimarranno per sempre impressi nel ricordo di ognuno di noi, nella storia di questo mondo e nella speranza di un futuro migliore ... è il martire della libertà e della democrazia ... ed è nelle nostre mani la responsabilità che la sua memoria non sia violata portando sempre nel nostro cuore tutto quello che ha fatto e tenendo alto il suo nome sulle nostre labbra ...

sarò un po' idealista ma lo spettacolo l'ho portato in scena e lo sento davvero tanto vicino ... è stato un lavoro duro ma pieno di soddisfazioni e pensare che abbiamo aiutato la gente a non dimenticare mi fa sentire davvero felice e seriamente utile ...

citando il nostro regista Ninni questo è "teatro civile" ... e sarebbe ora che si ritornasse a farlo ... proprio come qualcuno ha già detto dovremmo tornare al teatro della grecia antica ...
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-9-2003 at 23:27
la partita truccata


Quota:
Originariamente scritto da SaraMC
Quota:
Originariamente scritto da Carlo
anche se sconfitto,
anzi violato dall'abuso di potere

non sono d'accordo ... Allende ha vinto e lo ha fatto davvero in grande stile ... e non si può dire che siano riusciti a violarlo anche se ci hanno provato ...

<<< vediamo un pò...
prima cosa: ho partecipato all'evento in Villa Bonaccorsi
un fatto teatrale basato sulla starordinaria tensione di un gran bel gruppo dei ragazzi guidati da un regista che sa creare le condizioni per lavorare insieme e bene
e sono contento
ne ho colto tutta l'intensità

seconda cosa:
il fatto che Allende sia stato sconfitto allora ( e con lui gran parte dei sogni di una rivoluzione democratica)
non esclude il fatto che nella memoria quell'esperienza possa essere rilanciata in positivo

cerchiamo di non essere retorici

quando si perde si perde
anche se la partita era truccata
grazie ai soldi della CIA

<<<

(...)
sarò un po' idealista ma lo spettacolo l'ho portato in scena e lo sento davvero tanto vicino ... è stato un lavoro duro ma pieno di soddisfazioni e pensare che abbiamo aiutato la gente a non dimenticare mi fa sentire davvero felice e seriamente utile ...

citando il nostro regista Ninni questo è "teatro civile" ... e sarebbe ora che si ritornasse a farlo ... proprio come qualcuno ha già detto dovremmo tornare al teatro della grecia antica ...


evviva è proprio qui il punto
la memoria non è solo un fatto emotivo o informativo...
c'è bisogno d'esperienza
bisogna fare qualcosa
per voi
(ma anche x noi spettatori)
il fatto stesso d'aver ricostruito la situazione-limite dello scontro finale alla Moneda è stato forte

anche se non catartico
x fortuna
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
chilo
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 12-9-2003
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-9-2003 at 23:37
il dramma cileno e il lutto americano


ieri sera per la prima volta (per quanto mi riguarda) ho visto al telegiornale un servizio dedicato alle vittime dell' 11/9/1973.

ho apprezzato il gesto, non so se la televisione italiana abbia fatto la stessa cosa, e ancor più ho apprezzato la schiettezza delle parole, nessuna falsità. tutto quello che c'era da dire è stato detto.

poi ho visto un servizio sul lutto americano.

hanno fatto il loro minuto di silenzio.

e delle carneficine che hanno fatto loro nessuno si ricorda, nessuno piange, nessuno fa un minuto in più di silenzio (anche perchè se fosse per loro dovrebbero stare in silenzio in eterno).

a me sta bene, ma almeno che qualcuno si ricordi che di attentati sempre ce ne sono stati e, purtroppo, sempre ce ne saranno, e non solo in palestina, in cile, nei paesi asiatici, in india, in africa, ma nel mondo intero.

quindi per cortesia smettiamola di piangere un paese che è tutto tranne che santo, con una politica che è tutto tranne che pulita, con della gente che è ancora favorevole alla pena di morte e gioisce per la regola "occhio per occhio, dente per dente"(anche se non apertamente), che ha della gente che crede che il migliore modo per salvarsi dai problemi sia tenere una pistola sotto il cuscino, e chi più ne sa più ne metta.

grazie

è un momento confuso, non sono nemmeno riuscita a parlare del teatro o a tirar fuori paroloni da dizionario, è tutto cio che il mio cuore un po' triste riesce a tirare fuori.
uno brainstorming in piena regola. non ho nemmeno il coraggio di rileggerlo, non voglio cambiarlo.



comunque sia grazie mille per per aver ricordato l'11/09/73.


View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Sabry
Member
***


Avatar


Risposte: 140
Registrato il: 14-11-2002
Provenienza: Leverano (Lecce)
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 14-9-2003 at 10:18
FAR CONOSCERE


Sarò anche io fondamentalmente un’ idealista, ma trovo molti punti in comune con Sara.
Sono dell’ 82 e faccio parte di una generazione che ha vissuto la scuola con il solito libro e i soliti prof. che “ vanno sempre di fretta con i programmi”; per questo non sono mai riuscita a conoscere fino in fondo la storia degli ultimi anni del ‘900. Di conseguenza sono andata da sola, e solo adesso purtroppo, a vedere “ trascorrere” gli avvenimenti dagli anni ’60 in poi. Sui libri di storia interi capitoli sono dedicati alle guerre mondiali, ai totalitarismi, eppure alla voce Cile ho potuto trovare solo 10 righi che descrivevano il coraggio del sopravvento e la buona volontà ( almeno così io l’ ho visto nel leggere) di un uomo che ha dovuto combattere per i propri ideali contro l’ economia di un Paese in dissesto, contro l’ ostilità degli USA ( onnipresenti) e contro la borghesia ( veterani signori uomini che si distinguono da una particolare caratteristica: l’ egoismo nel DNA).
Nella realtà il mio libro parla di sconfitta di Allende, ma in verità anche io insieme a Sara e tutti credo nel suo sacrificio e farò sempre riferimento alla sua memoria.
Mi fa piacere la presenza di questo forum di discussione, perché credo fermamente che capire, conoscere e constatare determinate cose, aiuti un po’ tutti a farsi un’ idea, a riflettere e ad evitare.
Come ho sempre sostenuto, il teatro può fare… tanto per cominciare può far conoscere per poi far parlare, per poi agire.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 14-9-2003 at 10:54
la storia siamo noi


Quota:
Originariamente scritto da Sabry
Sarò anche io fondamentalmente un’ idealista, ma trovo molti punti in comune con Sara.
Sono dell’ 82 e faccio parte di una generazione che ha vissuto la scuola con il solito libro e i soliti prof. che “ vanno sempre di fretta con i programmi”; per questo non sono mai riuscita a conoscere fino in fondo la storia degli ultimi anni del ‘900.

<< quando penso che la tua generazione è di fatto condizionata da un sistema informativo e formativo che non sa e non vuole mettere in relazione la storia con la vita
penso a quanto la mia abbia avuto la fortuna (con tutte le contraddizioni, laceranti...) di metterla si troppo in relazione
la stioria con la vita...
c'era anche un buon titolo di uan canzone che diceva
"la storia siamo noi"
<<<


(...)alla voce Cile ho potuto trovare solo 10 righi che descrivevano il coraggio del sopravvento e la buona volontà ( almeno così io l’ ho visto nel leggere) di un uomo che ha dovuto combattere per i propri ideali contro l’ economia di un Paese in dissesto, contro l’ ostilità degli USA ( onnipresenti) (...)

<<<
si
non devi mai smettere di cercare
<<<


Mi fa piacere la presenza di questo forum di discussione, perché credo fermamente che capire, conoscere e constatare determinate cose, aiuti un po’ tutti a farsi un’ idea, a riflettere e ad evitare.
Come ho sempre sostenuto, il teatro può fare… tanto per cominciare può far conoscere per poi far parlare, per poi agire.


<<<è proprio così
il teatro permette di fare esperienza diretta
anche se x simulazione
è uno dei modi migliori che conosco x far cortocircuitare le informazioni con le emozioni
<<<
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
Fabrizio Pecori
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 9-9-2003
Provenienza: Firenze
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 14-9-2003 at 23:42
La storia ed i suoi


Quota:
alla voce Cile ho potuto trovare solo 10 righi che descrivevano il coraggio del sopravvento e la buona volontà ( almeno così io l’ ho visto nel leggere) di un uomo che ha dovuto combattere per i propri ideali contro l’ economia di un Paese in dissesto, contro l’ ostilità degli USA ( onnipresenti) (...)


La storia del Cile, come almeno gran parte delle storie che dividono il mondo e che il mondo troppo spesso dimentica di condividere, purtroppo tende ad usare fili molto lunghi per tessere i propri disegni. Se guardato attentamente ogni piccolo pezzo di stoffa tende a rivelare lo schema dell'intera tappezzeria.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
mirko
Member
***




Risposte: 43
Registrato il: 11-4-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 15-9-2003 at 15:18


# carlo:
citi "la storia" di De Gregori...anche io ci pensavo leggendo questa conversazione tra persone che per vari motivi tendono a non rimuovere le cose dalla memoria, o a non volerlo fare.

beh, quella canzone dice

"la storia non ha nascondigli, la storia non passa la mano"

cercare quindi. le cose ci sono, le cose si trovano, anche se - come dice sabry - non ci vengono presentate.

il teatro e' senz'altro un potente e snello motore di ricerca che abbiamo noi che non vivemmo quel periodo a cavallo dei '60 e dei '70, in cui la vita respirava politica.

usare il teatro come usiamo google ogni giorno, come un nostro agente intelligente che fa saltare fuori dal flusso, dalla versione ufficiale, le cose che vogliamo sapere.

e' un cortocircuito, come lo chiama carlo, che funziona.
penso anche ad esempio al teatro di Marco Paolini
se non le avete viste cercatevi le sue serate
sul Vajont
(sabry, nei sai qualcosa? io non ne sapevo niente prima di vedere Paolini)
su Ustica

e guardate domani sera raitre, prima della nuova stagione di Report ci saranno delle pillole
di teatro di Paolini che portano alla ribalta casi scottanti.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 15-9-2003 at 15:51
x una futura incursione nell'immaginario TV


Quota:
Originariamente scritto da mirko
# carlo:
citi "la storia" di De Gregori...anche io ci pensavo leggendo questa conversazione tra persone che per vari motivi tendono a non rimuovere le cose dalla memoria, o a non volerlo fare.
(...)
e' un cortocircuito, come lo chiama carlo, che funziona.(...)
e guardate domani sera raitre, prima della nuova stagione di Report ci saranno delle pillole
di teatro di Paolini che portano alla ribalta casi scottanti.


<<< questo riferimento a Paolini su Report (domani sui RAI3)
mi fa pensare al fatto
che x l'operazione sull'110973 avrei voluto
un'incursione nell'immaginario dominato dalla TV

si pensava ad una diretta via satellite su un canale dedicato
come quello che è dietro il progetto Iride TV
http://www.iride.tv/
che è stato poi nominato DSChannel
ma non s'è fatto nulla

abbiamo anche coinvolto Andrea Soldani (il regista di Santoro e mio vecchio compagno di strada) che ne sta tenendo le sorti registiche dal Festival Nazionale dell'Unità a Modena
ma niente diretta

si sono fatte delle belle riprese
ne nascerà un DVD e forse altro...
si vedrà
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
..........
Junior Member
**




Risposte: 2
Registrato il: 16-9-2003
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 16-9-2003 at 15:43


perchè piangere le torri gemelle? io non verso lacrime per chi le le fa versare alla povera gente. perchè piangere i poveri americani? nessuno si ricorda dei bambini africani; dei palestinesi morti per una terra ecc... l'usa e getta se la sono cercata... e trovo quanto meno squallida la raccolta di fondi fatta dai paesi dopo l'11 settermbre.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 16-9-2003 at 16:15
massimo rispetto ai morti delle torri


Quota:
Originariamente scritto da ..........
perchè piangere le torri gemelle? io non verso lacrime per chi le le fa versare alla povera gente. perchè piangere i poveri americani? nessuno si ricorda dei bambini africani; dei palestinesi morti per una terra ecc... l'usa e getta se la sono cercata... e trovo quanto meno squallida la raccolta di fondi fatta dai paesi dopo l'11 settermbre.


attendo a non cadere nel baratro degli equivoci

l'attentato di New York è uno dei peggiori capitoli della storia
anche se
e questo progetto vuole ricordarlo
c'è chi negli USA (la CIA ad esempio)
è tragicamente responsabile dell'odio che ha prodotto quell'atto
in trent'anni di abusi di potere

tutto qua

per il resto
per quanto mi riguarda
massimo rispetto ai morti innocenti delle torri
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
Sabry
Member
***


Avatar


Risposte: 140
Registrato il: 14-11-2002
Provenienza: Leverano (Lecce)
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 16-9-2003 at 19:07


Quota:
Originariamente scritto da carlo
Quota:
Originariamente scritto da Sabry
Sarò anche io fondamentalmente un’ idealista, ma trovo molti punti in comune con Sara.
Sono dell’ 82 e faccio parte di una generazione che ha vissuto la scuola con il solito libro e i soliti prof. che “ vanno sempre di fretta con i programmi”; per questo non sono mai riuscita a conoscere fino in fondo la storia degli ultimi anni del ‘900.

<< quando penso che la tua generazione è di fatto condizionata da un sistema informativo e formativo che non sa e non vuole mettere in relazione la storia con la vita
penso a quanto la mia abbia avuto la fortuna (con tutte le contraddizioni, laceranti...) di metterla si troppo in relazione
la stioria con la vita...
c'era anche un buon titolo di uan canzone che diceva
"la storia siamo noi"
<<<


(...)alla voce Cile ho potuto trovare solo 10 righi che descrivevano il coraggio del sopravvento e la buona volontà ( almeno così io l’ ho visto nel leggere) di un uomo che ha dovuto combattere per i propri ideali contro l’ economia di un Paese in dissesto, contro l’ ostilità degli USA ( onnipresenti) (...)

<<<
si
non devi mai smettere di cercare
<<<


Mi fa piacere la presenza di questo forum di discussione, perché credo fermamente che capire, conoscere e constatare determinate cose, aiuti un po’ tutti a farsi un’ idea, a riflettere e ad evitare.
Come ho sempre sostenuto, il teatro può fare… tanto per cominciare può far conoscere per poi far parlare, per poi agire.


<<<è proprio così
il teatro permette di fare esperienza diretta
anche se x simulazione
è uno dei modi migliori che conosco x far cortocircuitare le informazioni con le emozioni
<<<


Sarà strano o forse solo particolare, ma il suo intervento l’ ho “ sentito” davvero, proprio io che credo nel confronto via web, ma non in un incontro di emozioni! Ho avvertito le sue parole come lezioni di vita… “ non devi mai smettere di cercare”… e io sono un tipo curioso, che gira e rigira fino a che non arriva al piacere della scoperta!
Non sono soddisfatta della mia generazione, di una scuola che ha impiegato ben 8 anni per farmi capire quanto è importante leggere, quanto è importante avere coscienza di sé, sentirsi un’ unica Sabrina, con i propri ideali e i propri valori costruiti sulla base di esperienze, di libri, di occhi aperti… sulla base della MIA VITA, della MIA STORIA che è parte della STORIA DI TUTTI…
ho trovato la bellissima versione di F. Mannoia e F. De Gregori della canzone “ La storia” che cito con tanta emozione dentro:
“ La storia siamo noi nessuno si senta offeso, siamo noi questo prato di aghi sotto il cielo,
la storia siamo noi nessuno si senta escluso, siamo noi queste onde del mare,
questo rumore che irrompe il silenzio, questo silenzio così duro da masticare.
… La storia entra dentro le stanze e le brucia, la storia dà torto e dà ragione
… è la gente che fa la storia… quelli che hanno letto un milione di libri insieme a quelli che non sanno nemmeno parlare
ed è per questo che la storia dà i brividi, perché nessuno la può fermare,
la storia siamo noi padre e figli, siamo noi bella ciao che partiamo…”

UN GRAZIE PARTICOLARE ALLA MUSICA CHE DA SEMPRE FA VIVERE... VOLANDO, ANCHE NEI SOLI RICORDI, TUTTI GLI INNOCENTI CHE HANNO SUBìTO LE VIOLENZE PER CONTO DI COLORO CHE SI NASCONDONO DIETRO IL POTERE
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
mirko
Member
***




Risposte: 43
Registrato il: 11-4-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 16-9-2003 at 22:48


Quota:
Originariamente scritto da ..........
perchè piangere le torri gemelle? io non verso lacrime per chi le le fa versare alla povera gente. perchè piangere i poveri americani? nessuno si ricorda dei bambini africani; dei palestinesi morti per una terra ecc... l'usa e getta se la sono cercata... e trovo quanto meno squallida la raccolta di fondi fatta dai paesi dopo l'11 settermbre.


la domanda che ti faccio e': credi che le migliaia di morti delle torri avessero in qualche modo pianificato il colpo di stato in cile?

per favore, siamo seri...

come dice sabry citando De Gregori, nella storia ci sono "quelli che hanno letto un milione di libri, insieme a quelli che non sanno nemmeno parlare".
puoi dirmi che non hai compassione di fronte a coloro che progettarono alcune azioni politico-militari statunitensi scriteriate per le loro conseguenze, e oggi piangono i morti dell'11/09.
ma che senso ha dire che i morti cileni, o palestinesi, contano piu' di quelli ebrei o americani?
un desaparecido aveva forse + diritto d vivere dell'uomo che tutto il mondo ha visto cadere dalle torri?
avevano diritti identici tutti e due, ed e' una logica assurda quella che tu proponi, secondo me.
il punto triste, sempre secondo me, e' che una parte consistente della sinistra italiana, o comunque dell'antagonismo a "questa" destra che oggi ci troviamo di fronte, la pensa come te...
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
Sabry
Member
***


Avatar


Risposte: 140
Registrato il: 14-11-2002
Provenienza: Leverano (Lecce)
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 19-9-2003 at 15:25


Ancora non mi faccio una ragione del perché, nella storia, per il volere di uno o di pochi, tanta gente abbia subìto gravi conseguenze. Perché nessuno ha mai detto una parola contro Hitler? Perché nessuno ha creduto di avere pari dignità per rispondere ai voleri del potere, sempre in disaccordo con i popoli? Perché chi la pensa diversamente ha sempre vinto contro milioni di persone? Perché la nostra triste storia non ha insegnato a tutti il male della guerra?
In molti ormai abbiamo capito i pro e i contro di ogni situazione, di ogni esperienza e, di conseguenza, anche di ogni evento storico. In molti abbiamo compreso il dolore della morte e la ricchezza della vita, ma ancora molti altri non si curano del loro tesoro, del tesoro di chi è accanto a loro. Credo che sia per questo che nel mondo non si riesca ad andare avanti, ci sono sempre nuovi ostacoli da superare, c’ è sempre qualcuno che pur di non seguire gli altri, è capace di dire sempre il contrario tanto per sentirsi diverso; c’ è qualcuno che ancora, nonostante le esperienze di guerre mondiali dove avranno conosciuto la morte anche i loro nonni, crede nella violenza, crede all’ occhio per occhio, dente per dente, crede nell’ intramontabile egoismo “ che ti fa stare bene”, piange solo per la morte di alcuni e non per quella di altri

ANCHE DI FRONTE ALLA MORTE E’ CAPACE A FARE LA DIFFERENZA

E L’ ESSERE UMANO?

Mille differenze tra i ceti sociali, mille altre tra diversi e normali, mille ancora tra bianchi e neri

PIANGERE E’ SOFFRIRE, SOFFRIRE E’ MORIRE PER L’ ALTRO, CHE SIA BIANCO O NERO, CHE SIA PALESTINESE O AMERICANO, QUESTI INNOCENTI SONO MORTI MORTI MORTI

Sono stata ad un funerale semplicemente per fare la corista, non sapevo chi fosse, non sapevo cosa avesse fatto nella sua vita, ma “ piangevo dentro”… mi bastava sapere che fosse un uomo che aveva conosciuto la vita, che l’ avesse assaporata e che ora non lo potesse più fare.

Ho fiducia nella vita ed ho fiducia nel fatto che prima o poi tutti questi “ qualcuno” che non fanno andare il mondo avanti possano un giorno guardare la verità con i propri occhi, prendere coscienza e agire per il bene dell’ umanità. Utopia?!
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Sabry
Member
***


Avatar


Risposte: 140
Registrato il: 14-11-2002
Provenienza: Leverano (Lecce)
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 19-9-2003 at 15:34


Quota:
Originariamente scritto da mirko

... il teatro e' senz'altro un potente e snello motore di ricerca che abbiamo noi che non vivemmo quel periodo a cavallo dei '60 e dei '70, in cui la vita respirava politica.

usare il teatro come usiamo google ogni giorno, come un nostro agente intelligente che fa saltare fuori dal flusso, dalla versione ufficiale, le cose che vogliamo sapere.

e' un cortocircuito, come lo chiama carlo, che funziona.
penso anche ad esempio al teatro di Marco Paolini
se non le avete viste cercatevi le sue serate
sul Vajont
(sabry, nei sai qualcosa? io non ne sapevo niente prima di vedere Paolini)
su Ustica

e guardate domani sera raitre, prima della nuova stagione di Report ci saranno delle pillole
di teatro di Paolini che portano alla ribalta casi scottanti.


caro Mirko mi è stato impossibile guardare Report, ho cercato informazioni su Paolini ma ancora non sono riuscita a vedere nulla anche se ho la recensione dello spettacolo su Ustica. sono d' accordo con te, il teatro fa saltare fuori dal flusso e, aggiungerei, non solo ciò che vogliamo conoscere, ma anche ciò che al momento non ci aspettiamo di sapere...
spesso capita di andare a vedere uno spettacolo tanto per la cronaca o perchè ci vanno tutti o altro e poi va a finire che ti lascia il segno: è questo, credo, lo scopo sublime del teatro!
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
mirko
Member
***




Risposte: 43
Registrato il: 11-4-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 20-9-2003 at 22:52


Quota:
Originariamente scritto da Sabry
ho cercato informazioni su Paolini ma ancora non sono riuscita a vedere nulla anche se ho la recensione dello spettacolo su Ustica.


se ti puo' interessare, lo spettacolo sulla tragedia (evitabile) della diga del Vajont, lo trovi in videocassetta in edizione Einaudi in tutte le librerie un po' grosse: Feltrinelli, Mondadori, Fnac, etc.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
francy_s
Member
***


Avatar


Risposte: 41
Registrato il: 16-2-2003
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 21-9-2003 at 17:53
NON DIMENTICARE


Non era certo la tremenda sorpresa seguita allo schianto di due aerei
contro le Twin Towers, ma la conferma che la rivoluzione pacifica
era arrivata a un crocevia dove l'attendeva la violenza.
Poco più di un'ora dopo, aerei militari bombardavano il palazzo
presidenziale con precisione meticolosa e qualche minuto più tardi i
sostenitori del presidente spodestato venivano arrestati, messi in carcere,
torturati, perseguitati, fatti sparire. In poche ore, come è successo a New
York, l'11 settembre cileno apriva una crepa in un terreno fino ad allora
sicuro, e introduceva una divisione insolita, inedita nella società cilena,
fra oppressi e oppressori. La divisione tradizionale fra conservatori e
progressisti, fra gente di destra e gente di sinistra, doveva considerarsi
superata dal momento in cui le bombe e le pallottole si erano sostituite
alla discussione e al dialogo.
( I cileni raccontano di come al musicista Victor Jara furono amputate le mani di fronte a una folla nello stadio di Santiago. Prima di sparargli, i soldati di Pinochet gli gettarono addosso la sua chitarra e lo schernirono ordinandogli di suonarla. )
Possiamo ritenere la destituzione di Allende uno in più fra cento episodi
fatidici che attraversano la storia contemporanea. Lasciamo stare la
passione, diciamo solo che Allende aveva sperimentato la via cilena al
socialismo, cioè il percorso di una rivoluzione originale capeggiata da un
presidente marxista. Il quale, nella legalità delle istituzioni, si
proponeva di rendere più consistente la democrazia.
Questo progetto, nuovo e pacifico, suscitava l'attenzione della Spagna,
dell'Italia, della Francia, Paesi in cui, ancora, i gruppi più progressisti
della società non avevano accesso ai rispettivi organici di governo.
In quel mattino dell'11 settembre 1973, in Cile, si praticarono senza
limiti la violenza e la brutalità. Furono giorni di sofferenza, settimane
che inaugurarono un lungo terrore incapace di affievolirsi per anni ed
anni. Nonostante i rischi, i partiti democratici si sono lentamente
ricostituiti e forze nuove li hanno ingrossati, fino a trovare la strada
per sconfiggere, alle elezioni del 1988, la dittatura di Pinochet.
Migliaia di persone in tutto il mondo sono rimaste esterrefatte per
l'incredibile coincidenza: il disastro dell'11 settembre a New York è
avvenuto un martedì e alla stessa ora dell'Apocalisse cilena del 1973.
Quelli che allora ebbero compassione per i cileni democratici e quelli che
hanno costruito la loro formazione politica spinti dalla brutalità con la
quale fu infranto un sogno di giustizia, sentono che l'11 cosmopolita degli
Stati Uniti, l'11 che si è trasformato in un festival delle comunicazioni
di massa, l'11 che ha reso "democratico" il terrore nel mondo, ha steso un
manto di dimenticanza su quell'11 cileno, umile, nascosto dietro le Ande.
Certo, qua e là qualche giornalista ha menzionato la coincidenza e l'ha
analizzata con dolore, ironia o distacco. Eppure il ricordo del Cile non ha
bisogno di una data precisa per essere attuale in ognuna delle persone che
ha partecipato, molto o poco, alla resistenza che ha condotto alla
democrazia. Può essere che la spettacolarità tragica del "nuovo" 11 ci
abbia rubato parte del simbolo che il Cile è stato nel mondo. Ma il
fatto sostanziale, il linguaggio della solitudine, la tenerezza, la
fraternità nei confronti delle decine di migliaia di emigranti che hanno
raggiunto l'Europa, rimane una chiara e rotonda vittoria che ha contribuito
a formare, politicamente e umanamente, generazioni intere.
Con queste virtù nei nostri cuori non vedo perché contendere alle Twin
Towers, e al terrorismo fanatico, la spettacolarizzazione del suo
protagonismo.

View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Cristian Kim Ceresoli
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 20-9-2003
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 22-9-2003 at 18:06
Quello che nemmeno il buon Dio può fare o Lettera a una giovane idiota


Quello che nemmeno il buon Dio può fare o Lettera a una giovane idiota

Quello che nemmeno il buon Dio può fare, può il teatro. La scrittura. Sono i luoghi dove la vita accade una seconda volta.
Magari con una pressione atmosferica più violenta – il bene è più bene, il male è più male – l’11 settembre delle torri gemelle e quello di Allende.

Il lettore, o lo spettatore occasionale, si indigna. Piange la sorte degli eroi, e non ha quasi più importanza che essi siano di carne o di nulla, partoriti dalla stessa intima matrice che da secoli genera le favole.

Le favole, l’immaginazione, l’ultima possibilità che abbiamo per capire, capirci come siamo fatti, noi uomini, imperfetti, orribili, capaci di generare l’atroce e di partorire i figli. La musica.
Noi.
Così involontari.
Volubili e sopraffatti.

Certo che una morte ha valore diverso, perché gli uomini sono diversi, il peso delle loro storie è differente, il vecchio nonno che muore beato nella sua campagna pesa diversamente dal bimbo falciato dalle mine. La morte dell’uomo che ami genera, vedi, un lutto intollerabile.

Alcune morti ci sono accanto, altre, le molte, vivono una seconda volta nei teatri della televisone e dell’informazione, si ripercuotano con un’onda devastante - l’uomo che scivola per piani nel vuoto, i ribelli giustiziati di spalle - ma poi ci sono le ragazze consumate dall’anoressie, il Texano dal colesterolo, e la bimba che attraversa la strada proprio mentre un camion…
Altre morti.

Le morti causano dolori differenti, ed è vano, e poco onesto, affermarne il contrario.

A volte, poi, piccole ingiustizie feriscono più di un eccidio.

A volte, nei nostri piccoli atti di superbia, o egoismo, sta la radice di quel male oscuro che prende i nomi differenti di potere e odio tra i popoli.

La voce, adesso, pesa.
Ora, è urgente.

Il creato stesso non avviene senza una voce.
La lingua delle sacre scritture è immediatamente carne, luce.

Allende, alla radio, poco prima di esplodere sventrato da un aereo, di una morte enorme.

‘La storia es nuestra Y la hacen los pueblos
Viva Chile - Viva los trabajadores’

Nessuno ha vinto. Nessuno perde.

Questa non è una competizione.


kim





View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
Mortimer
Member
***




Risposte: 245
Registrato il: 22-10-2012
Utente offline


[*] Inviato il 22-10-2012 at 09:51


of those individuals stated named their young children, a lot of most likely didn t even realise the implications in the time. There have to be great humiliation just about every time they've to introduce on their own to everyone, specially to your group replica Iwc girls rain boots fake rolex watches . Even their lecturers will need to have experienced to carry again their smiles occasionally. About the good facet, anybody planning to develop into well known might have an extra edge No one would forget about a title these kinds of as Justin Scenario, would they? Mothers and fathers actually do have to think twice although when selecting names for his or her young children. ugg boots sale The Mail in 2009 ugg classic cardy crochet boots cheap rolex watches :A spokesman for www. thebabywebsite, which compiled the record, mentioned: If
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente

  Vai all'inizio

Powered by XMB 1.9.11
XMB Forum Software © 2001-2010 The XMB Group
[queries: 17] [PHP: 52.6% - SQL: 47.4%]