il FORUM di TEATRON.org
Non sei collegato [Login ]
Vai alla fine

Versione per la stampa  
Autore: Oggetto: Odisseo del Teatro del Lemming a Torino
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 27-3-2002 at 00:04
Odisseo del Teatro del Lemming a Torino


esco fuori da quel sogno lucido (che è il teatro, quando va bene) dell'Odisseo, un pò sporco di arancia e di borotalco. E contento. Il teatro del lemming ha lasciato il segno, ha toccato i tasti giusti, ha messo in gioco le mie percezioni. Tra aggressioni (di alcuni maschi un pò torvi) e attrazioni (di alcune ragazze suadenti) il mio corpo di spettatore era all'erta. In campana. Attento a sè stesso. Non è poco per il teatro. Roba rara.
Ma non capisco perchè nel documento che ci danno alla fine si afferma che il teatro, come il mare, non lascia traccia.
La lascia eccome. E' nellmio sguardo e nella mia memoria. E nel desiderio di tradurlo in un atto di comunicazione come questo. Un atto che intende rimettere in circolo almeno un pò dell'energia che queli attori hanno trasmesso con intelligenza e sensibilità.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
massimo
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 27-3-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 27-3-2002 at 15:27


Un sogno. Cosa resta la mattina quando mi lavo la faccia e con l'acqua scivola via l'ansia che nella notte aveva pervaso il mio corpo? Così per Odisseo. Due ragazzi si baciano sul marciapiedi del Teatro Gobbetti. L'unica prova che forse qualcosa è successo davvero lì dentro.
Come il mare che nasconde la mattina la tempesta che l'aveva solcato alla notte...





View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
malia
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 27-3-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 27-3-2002 at 15:50
tradimento


sono andata piena di paura, non mi piace essere coinvolta come spettatrice in uno spettacolo; loro, gli attori sono pronti, preparati, noi gli spettatori anche se allenati restiamo, a volte con piacere al di fuori. Poi anche per me il trapasso attraverso il buio, le voci diffuse come un suono dall'oltretomba, le carezze che ti facilitano l'abbandono. Ti fidi e ti lasci
andare, non ti domandi più che cosa sta per capitare, entri dentro. L'incontro con gli altri, non li senti più attori, entra nella tua intimità e coglie non i tabù ma le ingenuità che ti porti dentro, i sogni o i fantasmi conservati nel cassetto. E poi, quando tutti sono rilassati, esplode qualcosa, tutto si agita, le emozioni degli altri respirano, il respiro diventa fiato, si alza la temperatura. Sei quasi pronto all'amplesso e invece esplode la furia. Nessuno te l'ha detto ma i fantasmi dei compagni di Odisseo diventano di nuovo guerrieri cominciano a correre, a fare rumore, a toccarti con aggressività. Tradimento, ti verrebbe da gridare ma ormai ci sei dentro, non te ne puoi andare. Hai accolto delle carezze, adesso prenditi anche le spinte. Così è se ti metti veramente in viaggio.
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
luca
Super Moderatore
*******


Avatar


Risposte: 18
Registrato il: 28-3-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 28-3-2002 at 09:10
corpi e occhi


ricordo l'occhio magnetico dell'attore che ciclicamente mi aggancia, zoomma con il mio, gioca con il mio
e poi quando con lo specchio mi pone davanti al mio sguardo attonito...
funziona, eh se funziona.
e poi ricordo le splendide forme di un'attrice, nella circolazione vorticosa dei corpi aspettavo che il caso la combinasse al mio, di corpo.
Sensualità niente sessualità.

View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 2-4-2002 at 16:32
tutto scivola via


torno dal tour pasquale e trovo poco molto poco nel forum

cos'è siuccesso?

o meglio: cosa non è successo?

ho un'idea abbastanza precisa di questi meccanismi...
è che nessuno in fondo l'ha voluto
s'è attivato così... come in un brindisi col buon vino...

serve comunità di partenza...
un piccolo gruppo che s'interroga e gioca
con la voglia di giocare...

View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 10-4-2002 at 21:39
Da Lara (rigiro qui una sua email)


con il tempismo che mi ritrovo
solo ora mi accingo a cogliere, in parte, il tuo invito a esprimere due considerazioni sull'odisseo.
trovo interessanti le interazioni di ogni tipo. tuttavia quella sera ero impermeabile.
come in balia di eventi che accadono senza coinvolgermi. ho dovuto ricorrere alla femminina curiosità per andarmi a cercare qualcosa da sentire. una sorta di auto induzione. provavo invidia per tutti coloro che sembravano davvero intrigati da quella banda di poltergeist di omerica estrazione. e dire che gli studi classici dovrebbero favorire...
più che partecipare ho assorbito alcuni richiami di natura erotica ma asessuata, lasciandomi catturare solo dallo scambio d'identità attraverso lo specchio, unica prova della mia presenza (!). il resto è come una macchia d'arancia che svanisce nell'oblò di una lavatrice.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
mirko
Member
***




Risposte: 43
Registrato il: 11-4-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 11-4-2002 at 21:28
Ithaca


Non posso definirmi uno spettatore assiduo di teatro, ma credo di essere uno spettatore abbastanza smaliziato: ho fatto teatro e recitato per qualche anno, qualcosa mi e' rimasto.
Sono rimasto profondamente colpito dall'Odisseo, e' stato un pugno allo stomaco che mi ha fatto restare per un'ora senza parole, in preda alle emozioni e ai sentimenti piu' contraddittori: dolore, gioia, amore, sofferenza, senso di colpa, calore, empatia, paura, conforto, sensualita'.
Leggendo lo schema finale dello spettacolo sulla lettera ho potuto cogliere meglio alcuni riferimenti alla vera storia di Ulisse, ma la sensazione che ne ho avuto non e' stata positiva. Avrei preferito non leggere quella lettera che ha portato una specie di ordine, di fil rouge, nelle mie emozioni che fino a quel momento erano un vortice incontrollato che mi portava da un estremo all'altro. Proprio come i gorghi marini che Ulisse ha dovuto affrontare.
Alla fine non sono riuscito ad applaudire, anzi ho trovato dissonante l'applauso che e' partito dagli altri **non-spettatori** che come me avevano partecipato. Ma questo non perche' non abbia apprezzato incredibilmente il lavoro degli attori, semplicemente perche' significava ritornare al di fuori di un mondo. Significava accettare il varco di una soglia (se ne parlava al Bu-net il lunedi' sera prima dello spettacolo) e tornare da dove ero venuto, significava abbandonare Itaca un'altra volta. O forse significava abbandonare il viaggio e fermarsi, il viaggio in tutte quelle emozioni. Non l'ho ancora ben capito. Non sono riuscito ad applaudire perche' mi sembrava svilente, banalizzante, mi sembrava che tutte le emozioni intense provate venissero certificate come finzione, mentre in realta' la finzione le aveva soltanto richiamate a galla da dentro di me e dall'interno dell'attore o dell'attrice che in quel momento me le trasmetteva. Ma erano emozioni vere. E' come se le parole che pronunciavano fossero semplicemente dei pretesti, dei codici per far connettere empaticamente le due anime di attore e spettatore. Sembrava che le emozioni non si trasmettessero, ma si provassero insieme, come nel momento in cui la mano veniva appoggiata sul petto di qualcuno a sentirne il battito del cuore, o nel momento di una carezza.
Credo che questo spettacolo sia una creazione collettiva, credo che anche gli attori ricevano dall'interazione con
sconosciuti emozioni forti, contrastanti.

C'e' una frase di un libro di Calvino, "Le citta' invisibili", che dice:

**L'inferno dei viventi non e' qualcosa che sara'; se ce n'e' uno, e' quello che e' gia' qui, l'inferno che abitiamo tutti i giorni, che formiamo stando insieme. Due modi ci sono per non soffrirne. Il primo riesce facile a molti: accettare l'inferno e diventarne parte fino al punto di non vederlo piu'. Il secondo e' rischioso ed esige attenzione e apprendimento continui: cercare e saper riconoscere chi e cosa, in mezzo all'inferno, non e' inferno, e farlo durare, e dargli spazio.**

L'Odisseo non e' inferno.

View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 12-4-2002 at 23:24
l'incontro ravvicinato con l'altro


finalmente mirko
rilancia quel forum sull'odisseo
che di fatto non era mai decollato
ma che sarebbe stato + interessante di altri vederne lo sviluppo

proprio perchè il teatro in quel contesto nasce + dentro lo spettatore che nell'azione degli attori.

La genialità di quell'evento (continuo a non chiamarlo spettacolo) è infatti nella capacità degli attori di porre lo spettatore di fronte ad una delle condizioni cardine del teatro: il rapporto con l'alterità.

Andando fino in fondo (quasi)
arrivando all'incontro ravvicinato con l'altro,
che spiazza e seduce.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
mirko
Member
***




Risposte: 43
Registrato il: 11-4-2002
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 13-4-2002 at 10:09


sono d'accordo con carlo
l'Odisseo e' un evento piu' che uno spettacolo, un evento che puo' sconvolgere perche' ci riporta a contatto con emozioni profonde dentro di noi che sono li',informi, come in una specie di liquido amniotico in attesa di prendere forma.
l'impostazione dell'odisseo, la bravura degli attori fa si' che tutto questo sia possibile, da' forma alle nostre emozioni ponendoci di fronte ad esse, faccia a faccia come nel momento in cui qualcuno ci puntava una lanterna a due dita dagli occhi sussurando il contenuto della nostra emozione di quel momento.

View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 14-4-2002 at 13:23
la matrice del teatro:lo stupore


dicevo evento-non spettacolo
ma attenti
in operazioni come questa risiede la matrice del teatro: quella che induce stupore e fa dello sguardo partecipato una condizione ideale di conoscenza

un'atto d'orgoglio x lo spettatore che crede sia fondamentale conoscere piuttosto che riconoscere
come invece accade in tanto altro teatro di consuetudine
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente
Blaze
Newbie
*




Risposte: 1
Registrato il: 10-12-2002
Provenienza: Jesi(AN)
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 10-12-2002 at 16:44


:)
View User's Profile Scorri tutte le risposte per utente

  Vai all'inizio

Powered by XMB 1.9.11
XMB Forum Software © 2001-2010 The XMB Group
[queries: 17] [PHP: 57.6% - SQL: 42.4%]