il FORUM di TEATRON.org
Non sei collegato [Login ]
Vai alla fine

Versione per la stampa  
Autore: Oggetto: Laboratorio sull'oralità
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 31-3-2003 at 22:14
Laboratorio sull'oralità



Laboratorio sulle tecniche della narrazione, condotto da Ascanio Celestini,
con la partecipazione di Carlo Infante.

"Orale -afferma Celestini - é tutto cio che non passa per la scrittura o che passandoci se la lascia alle spalle come molte altre tracce.
L'oralità è tutto ciò che può essere percepito-esperito nel momento in cui si compie e che soltanto in tale momento si manifesta: prima non c'era e dopo non c'è gia più.
La sua traccia non è un segno che resta da qualche parte se non nella Memoria di chi vi ha assistito. Oralità e memoria, dunque, sono fortemente legate.
Più una cultura sviluppa il suo lato orale, più deve aumentare la sua capacita di memorizzazione.

Ogni partecipante al laboratorio deve portare una storia.
La conoscenza di questa non deve essere a memoria.
La storia deve essere conosciuta bene, nei particolari, ma le parole per raccontarla devono essere improvvisate.
Nel laboratorio, poi, verranno fornite molte altre storie sulle quali lavorare.
Da sezionare, cambiare, analizzare, REGISTRARE e ri-raccontare.
Con la convinzione che raccontare una buona storia è come suonare un buono strumento e che
una storia cattiva e come uno strumento scordato che non permette di sviluppare orecchio musicale".

In questa stessa direzione va la ricerca di Carlo Infante sull'arte dello spettatore in quanto autore della memoria teatrale.
"E' importante, sostiene Carlo Infante, rilevare il fatto che un laboratorio sull'oralità sia basato sull'ascolto e sulla memoria, piuttosto che sull’interpretazione attoriale, al punto tale che i partecipanti sono invitati a venire, oltre che armati di storie anche di registratori, per riprendere e poi trascrivere la parola detta - "para-para", cosi com'è.
A questo intervento, che magari coinvolge solo una parte dei partecipanti, quelli più interessati alla ricerca dell'oralità sul campo, all'ascolto e alla registrazione audio, s'innesta un'ulteriore pratica, quella della scrittura nel forum on line di http://www.teatron.org .
L'uso della parola scritta in un ambiente telematico (caratterizzato dall'alto tasso d'empatia di una connettività psicologica quanto tecnologica) può creare una condizione simile a quella di una conversazione, innescando i virtuosi processi di una scrittura partecipativa che ricrea il vitale scambio d'oralità.
Lo sviluppo di questa esperienza può contribuire al "gioco di superfetazione narrativa" che rappresenta l'evoluzione della storia ascoltata, riprodotta e reinventata in una lievitazione
della parola echeggiata, riflessa e rilanciata nell'esperienza rapsodica.”
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente

  Vai all'inizio

Powered by XMB 1.9.11
XMB Forum Software © 2001-2010 The XMB Group
[queries: 17] [PHP: 44.0% - SQL: 56.0%]