il FORUM di TEATRON.org

ASP-Piceno

carlo - 3-3-2006 at 00:54

appunti di lavoro ( + sotto trovi gli aggiornamenti)

in questo forum iniziale, raccogliamo gli appunti di lavoro

poi si opera a tutti gli effetti sul blog
http://www.asp-piceno.org

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
incontri di progettazione
29 e/o 30 marzo (In occasione del Prometeo che potrebbe essere replicato a Montefano il 30)
11 e/o 12 maggio

incontro preliminari

giovedì 25 maggio MACERATA
ore 16/19, Auditorium Svoboda
ore 17, incontro pubblico su “La creatività digitale: la via ludico-partecipativa alla Società dell’Informazione”
in collaborazione con il progetto ASP (Arte/Scienza/Pace)
con Paolo Subioli (giornalista ed esperto di e-government),
Fabrizio Pecori (direttore di Mymedia),
Massimo Puliani (docente istituzioni di regia e coordinatore Istituto Comunicazione Multimediale dell’Accademia),
Nadia Bongiovanni, Teresa Marasca
Mario Savini (critico d’arte), Ennio Bertrand (artista multimediale)
e altri in via di definizione

convegno ArteScienzaPace

venerdì 26 maggio ASCOLI PICENO - OFFIDA
ore 10
convegno “La via creativa ad una Società dell’Informazione solidale e partecipata”
promosso da ASP (Arte/Scienza/Pace) in collaborazione con l’Accademia e Unicam.
Patrocinio di Regione Marche e Assessorato alle politiche della pace della provincia di Ascoli Piceno, con la partecipazione di Emergency, PeaceReporter, Uspid….ecc

Interventi di:
Paolo Subioli (giornalista ed esperto di e-government)
Fabrizio Pecori (direttore di Mymedia)
Nadia Bongiovanni, Teresa Marasca
Docenti di informatica (Unicam)…
Moderatore:Carlo Infante

sui progetti d’installazione:
Antonio Rollo
Jessica Ballerini
studenti dell’Accademia
studenti del dipartimento di Informatica e facoltà di Architettura

sulla mostra d’arte multimediale ad Offida
Mario Savini (critico d’arte), Ennio Bertrand (artista multimediale) e altri in via di definizione

ore 15
sessione pomeridiana curata da Silvia Benvenuti sulla “Comunicazione della Scienza”
Interventi di:


Moderatore:Silvia Benvenuti


ore 17,30
visita guidata nell’ambiente delle installazioni


ore 18,30
partenza con pullman per Offida (su uno di questi installazione di Jessica Ballerini) e su tutti ambienti sonori realizzati da studenti dell’accademia

ore 20
visita guidata alla mostra di Bertrand (a Offida - teatro comunale)


Elenco provvisorio dei partecipanti e collaboratori:


Per UNICAM:
Silvia Benvenuti
Nadia Bongiovanni
Riccardo Piergallini
Flavio Corradini
Rosario Culmone
Andrea Cittadini


…(segreteria)
…(architettura)
Gruppo studenti













Per ABA:
Carlo Infante
Teresa Marasca
Mario Savini
Paolo Subioli
Fabrizio Pecori
Antonio Rollo
Jessica Ballerini
Ennio Bertrand
studenti dell’Accademia



Note:

1) A chi è rivolto il convegno?
2) Stabilire in quali luoghi si tiene il convegno (Facoltà di architettura?) e la verifica delle attrezzature e della connettività.
3) Come coinvolgere attivamente la facoltà di architettura?
4) Definire il rapporto con le scuole medie superiori.

5) Bisogna verificare come ci si può integrare con l’assessore provinciale alle politiche per la pace, Licia Canicola, che propone di collaborare alla loro manifestazione per il decennale dell’asta per la pace (pure in maggio), durante la quale si parlerà dei progetti umanitari seguiti dalla provincia. Oltre alla mostra delle opere messe all’asta vorrebbero organizzare un concorso di mailing-art. La cosa è curata dal funzionario provinciale Augusto Piccioni, pittore e titolare della galleria d’arte L’idioma. Bisogna incontrarlo a breve.

6) Il rapporto con l’assessorato è subordinato alla presenza in ASP di Emergency e/o altri gruppi di volontari (che, tra l’altro si sono già organizzati per la replica di “Codici di Pace”, non so in quale periodo primaverile).

7) Va messo a fuoco il progetto di stage di informatica interno ad Unicam (Culmone/Corradini ecc). Il programma dello stage dovrebbe essere finalizzato alla produzione di un elaborato che in qualche modo si attenga ai temi del convegno (Arte e informatica / Creatività, Solidarietà, Partecipazione/ Comunicazione della Scienza) (riferimenti al premio curato da Corradini, Arte e informatica)

8) Preparare velocemente domande di contributi e patrocinio (Regione, Provincia, Comune di Ascoli e Offida, Fondazione Carisap, Banca Marche, Aziende private)

9) Pausa pranzo al Meletti ?(se non è chiuso per restauro) Per il Catering ci possono comunque pensare loro, dovrebbero essere piuttosto competitivi anche con la nuova gestione. Possiamo incontrare il nuovo titolare nei prossimi giorni, che, tra l’altro è interessato al rilancio delle attività culturali del Bar, compreso l’inserimento stabile di un pianoforte e di un’arpa.

entriamo nel merito dell'organizzazione

carlo - 3-3-2006 at 01:02

1) A chi è rivolto il convegno?
a tutti i cittadini, amministratori in testa,
privilegiando l'attenzione verso gli studenti dell'Accademia e dell'Università e individuando
la mattinata aperta anche agli studenti delle scuole secondarie

2) Stabilire in quali luoghi si tiene il convegno (Facoltà di architettura?) e la verifica delle attrezzature e della connettività.

<< e il 30 marzo vengo anch'io e Rollo

3) Come coinvolgere attivamente la facoltà di architettura?

<<
4) Definire il rapporto con le scuole medie superiori.

<<< prepariamo un doc da mandare a presidi e insegnanti


5) Bisogna verificare come ci si può integrare con l’assessore provinciale alle politiche per la pace, Licia Canicola, che propone di collaborare alla loro manifestazione per il decennale dell’asta per la pace (pure in maggio), durante la quale si parlerà dei progetti umanitari seguiti dalla provincia. Oltre alla mostra delle opere messe all’asta vorrebbero organizzare un concorso di mailing-art. La cosa è curata dal funzionario provinciale Augusto Piccioni, pittore e titolare della galleria d’arte L’idioma. Bisogna incontrarlo a breve.

<<

6) Il rapporto con l’assessorato è subordinato alla presenza in ASP di Emergency e/o altri gruppi di volontari (che, tra l’altro si sono già organizzati per la replica di “Codici di Pace”, non so in quale periodo primaverile).

<<

7) Va messo a fuoco il progetto di stage di informatica interno ad Unicam (Culmone/Corradini ecc). Il programma dello stage dovrebbe essere finalizzato alla produzione di un elaborato che in qualche modo si attenga ai temi del convegno (Arte e informatica / Creatività, Solidarietà, Partecipazione/ Comunicazione della Scienza) (riferimenti al premio curato da Corradini, Arte e informatica)

<<< proporrei due linee d'azione:
- animazini flash
- blog

8) Preparare velocemente domande di contributi e patrocinio (Regione, Provincia, Comune di Ascoli e Offida, Fondazione Carisap, Banca Marche, Aziende private)

<<
9) Pausa pranzo al Meletti ?(se non è chiuso per restauro) Per il Catering ci possono comunque pensare loro, dovrebbero essere piuttosto competitivi anche con la nuova gestione. Possiamo incontrare il nuovo titolare nei prossimi giorni, che, tra l’altro è interessato al rilancio delle attività culturali del Bar, compreso l’inserimento stabile di un pianoforte e di un’arpa.

<<< ragioniamo sul budget
ma l'appuntamento di pranzo nella libreria non era stato male...
li coinvolgerei di +...

NadiaBongiovanni - 5-3-2006 at 09:45


NadiaBongiovanni - 5-3-2006 at 10:04

Quota:
Trovo importante partire dalla sintesi del progetto di Carlo:

Originariamente scritto da Carlo:

appunti di lavoro

La via creativa ad una Società dell’Informazione solidale e partecipata

S’intende promuovere un’attenzione politica e culturale a ciò che definiamo “La via creativa ad una Società dell’Informazione solidale e partecipata”. Un’indicazione importante per una nuova generazione che rischia di entrare nella Società dell’Informazione solo attraverso quel “cliccare a vanvera” che vizia il concetto d’interattività.
Questi automatismi tendono a saturare i rapporti con i media e con gli schermi in genere (come per i videogame) velocizzando il rapporto tra sguardo e interpretazione, comprimendo la capacità d’attenzione. Tant’è che si parla di sindrome da deficit d’attenzione (ADHD: Attention Deficit Hyperactivity Disorder) che può essere affrontato offrendo ai giovani la possibilità di concepire l’interattività come occasione di partecipazione attiva e di produzione d’informazione basata sull’esperienza diretta, ludica e creativa.
Questo approccio interattivo con il sistema informativo è il terreno principale sul quale possono essere ricostruite le architetture dei servizi telematici pubblici sempre più avanzati (anche se spesso incapaci di rivolgersi ai giovani, tant’è che sembrano a volte “vietati ai minori di 18 anni”).
Il fenomeno dei blog è emblematico in tal senso.
Dopo la crisi editoriale del web, sull’onda negativa dello sboom della new economy, centinaia di migliaia di utenti hanno popolato la rete partecipando a fenomeni di scrittura connettiva.
E’ il sintomo di una socialità che sta emergendo nella rete.
Chi pensa che siano solo protocolli tecnologici sbaglia, compie quello stesso errore che fece Platone nell’affermare che la scrittura nega la memoria.
L’avvento della scrittura ha inventato ulteriori forme di memoria così come la comunicazione on line sta dimostrando come si possa creare all’interno delle reti telematiche una socialità possibile.
A questo punto affermiamo con forza: senza società niente mercato. Anche nelle reti.
Uno dei modi migliori per misurarci con questa problematicità è quello di creare le condizioni perché sorgano domande, valori d’uso sociale e culturale della comunicazione, per dare senso a qualcosa che altrimenti rischia di perderlo nel rumore di fondo di un comunicare dei media ridondanti.
Si tratta quindi di potenziali utilizzi creativi (dove per creatività s’intende la genialità dell’uomo nel creare opportunità) a partire non solo dai bisogni ma anche dai desideri.
In questo quadro è pienamente inscritta tutta la necessità d’inventare nuovi ambiti per la promozione e la formazione culturale, attivando opportunità in cui, accanto ai servizi ad alto valore aggiunto tecnologico, serviranno sempre più creatività e partecipazione attiva.

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
incontri di progettazione
29 e/o 30 marzo (In occasione del Prometeo che potrebbe essere replicato a Montefano il 30)
11 e/o 12 maggio

incontro preliminari

giovedì 25 maggio MACERATA
ore 16/19, Auditorium Svoboda
ore 17, incontro pubblico su “La creatività digitale: la via ludico-partecipativa alla Società dell’Informazione”
in collaborazione con il progetto ASP (Arte/Scienza/Pace)
con Paolo Subioli (giornalista ed esperto di e-government),
Fabrizio Pecori (direttore di Mymedia),
Massimo Puliani (docente istituzioni di regia e coordinatore Istituto Comunicazione Multimediale dell’Accademia),
Nadia Bongiovanni, Teresa Marasca
Mario Savini (critico d’arte), Ennio Bertrand (artista multimediale)
e altri in via di definizione

convegno ArteScienzaPace

venerdì 26 maggio ASCOLI PICENO E OFFIDA
ore 10
Prima sessione
“La via creativa ad una Società dell’Informazione solidale e partecipata”

introduce e coordina:
Carlo Infante (docente di Performing Media, Accademia di Belle Arti di Macerata)

intervengono:
Licia Canigola (Assessore Politiche per la Pace, Provincia di Ascoli Piceno)
…istituzioni locali
Emergency

Paolo Subioli (giornalista ed esperto di e-government)
Silvia Benvenuti (Università di Camerino)
Nadia Bongiovanni (Comitato ASP)
Anna Verducci (Direttore Accademia di Belle Arti di Macerata)

presentazione dei progetti artistici di ambientazione sensoriale
Antonio Rollo (PerformingMediaLab_Salento)
Jessica Ballerini (performer)
Studenti dell’Accademia corsi di Performing Media e Arti Elettroniche)
Teresa Marasca (Accademia di Belle Arti di Macerata)

break

Mario Savini (docente di Arti Elettroniche,Accademia di Belle Arti di Macerata)
Ennio Bertrand (artista multimediale)
Fabrizio Pecori (direttore di Mymedia)

ore 15
Seconda sessione
“La Comunicazione della Scienza. Per la pace.”
modera: Silvia Benvenuti

ore 17,30
visita guidata nel percorso dei progetti artistici di ambientazione sensoriale

ore 19
partenza con pullman e su tutti ambienti sonori realizzati da studenti dell’accademia

ore 20
visita guidata alla mostra di Bertrand

Elenco provvisorio dei partecipanti e collaboratori:


Per UNICAM:
Silvia Benvenuti
Nadia Bongiovanni
Riccardo Piergallini
Flavio Corradini
Rosario Culmone
Andrea Cittadini


…(segreteria)
…(architettura)
Gruppo studenti


Per ABA:
Carlo Infante
Teresa Marasca
Mario Savini
Paolo Subioli
Fabrizio Pecori
Antonio Rollo
Jessica Ballerini
Ennio Bertrand
studenti dell’Accademia



Note:


web da attivare http://www.asp.piceno.org
forum iniziale e poi blog

consigli x l'uso del forum

carlo - 5-3-2006 at 10:27

Quota:
Originariamente scritto da NadiaBongiovanni
Trovo importante partire dalla sintesi del progetto di Carlo:
<<<
per citare gli interventi precedenti
clicca su QUOTE in alto a destra
x evidenziare i tuoi insert
metti qualcosa tipo <<<
così si vedono meglio

clicca su NOTIFICA VIA EMAIL così vieni informata dello sviluppo del forum

NadiaBongiovanni - 5-3-2006 at 22:41

Si è detto:
che la società dell’informazione sia la società della pace e della convivenza, un’opportunità per l’organizzazione civile, un favorire la capacità di buona organizzazione dei popoli.
Una società dei saperi e dei pareri.


http://www.asp.piceno.org: trovo "politicamente utile e corretto" dare al sito -quale punto d’incontro- un'impronta territoriale, anche se il lavoro si deve svolgere senza confini.
ArteScienzaPace: immagino questo sito come una vetrina multiculturale permanente, in cui si sviluppa, appunto, l'idea di una società dell'informazione solidale e partecipata. Sarebbe interessante creare interazioni tra gruppi di lavoro eterogenei, tanto per iniziare ad esempio tra allievi dell'Accademia e studenti della facoltà di informatica. Così da avviare una collaborazione tra diverse risorse, tecniche e creative, come è richiesto dal lavorare nel web. Potrebbe essere una ricerca di aree inesplorate della comunicazione.

Scrivo di getto: mi vien da pensare che il rigore tecnico sia neutrale, che la tecnologia sia priva di “significati”, di responsabilità. L’arte è, invece, priva di silenzio.
Ma, mentre la scienza può fattivamente modificare le cose, l’arte può solo parlarne, evidenziarne le contraddizioni, denunciarne gli scempi, enfatizzarne i contenuti.
Con questa collaborazione, la tecnologia si arricchisce di significati e l’arte di strumenti.



Allegato: ASP06_presentazione_4.04.rtf (26kB)
Questo file è stato scaricato 516 volte


ecco la traccia del programma aggiornato

carlo - 10-3-2006 at 19:05

Seconda edizione del progetto ASP (Arte/Scienza/Pace) ad Ascoli Piceno



Convegno
"La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata"

Ascoli Piceno, venerdì 26 maggio, ore 10

Facoltà di Architettura

promosso da Comitato ASP (Arte/Scienza/Pace)

in collaborazione con :Accademia di Belle Arti di Macerata, Università di Camerino, Assessorato alle politiche della pace e Assessorato alla Cultura della Provincia di Ascoli Piceno, Comune di Offida, Regione Marche





venerdì 26 maggio

ore 10

Prima sessione

"La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata"



introduce e coordina:

Carlo Infante (docente di Performing Media, Accademia di Belle Arti di Macerata)



intervengono:

Licia Canigola (Assessore Politiche per la Pace, Provincia di Ascoli Piceno)

OLimpia Gobbi (Assessore Cultura, Provincia di Ascoli Piceno)



Paolo Subioli (giornalista ed esperto di e-government)

Silvia Benvenuti (Università di Camerino)

Nadia Bongiovanni (Comitato ASP)

Anna Verducci (Direttore Accademia di Belle Arti di Macerata)



presentazione dei progetti artistici di ambientazione sensoriale e multimediale

Antonio Rollo (PerformingMediaLab_Salento)

Jessica Ballerini (performer)

Studenti dell'Accademia (corsi di Performing Media e Arti Elettroniche)

Teresa Marasca (Accademia di Belle Arti di Macerata)



break



Mario Savini (docente di Arti Elettroniche,Accademia di Belle Arti di Macerata)

Ennio Bertrand (artista multimediale)

Fabrizio Pecori (direttore di Mymedia)



ore 15

Seconda sessione

"La Comunicazione della Scienza. Per la pace."

conduce: Silvia Benvenuti

Con Pietro Greco (Giornalista scientifico)

Ilenia Picardi (SISSA Telematica)

Stefano Isola (Università di Camerino)



ore 17,30

visita guidata nel percorso dei progetti artistici di ambientazione sensoriale



ore 19

interventi di performing media lungo il tragitto Ascoli Piceno-Offida




ore 20

visita guidata alla mostra "Sounscapes" con installazione multimediale di Ennio Bertrand presso il teatro comunale di Offida









La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata

Desideriamo che la Società dell'Informazione sia la società della pace e della convivenza, un'opportunità per l'organizzazione civile, un favorire la capacità di buona organizzazione dei popoli.

Una società dei saperi e dei pareri.

S'intende per questo promuovere un'attenzione politica e culturale a ciò che definiamo "La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata". Un'indicazione importante per una nuova generazione che rischia di entrare nella Società dell'Informazione solo attraverso quel "cliccare a vanvera" che vizia il concetto d'interattività.

Questi automatismi tendono a saturare i rapporti con i media e con gli schermi in genere (come per i videogame) velocizzando il rapporto tra sguardo e interpretazione, comprimendo la capacità d'attenzione. Tant'è che si parla di sindrome da deficit d'attenzione (ADHD: Attention Deficit Hyperactivity Disorder) che può essere affrontato offrendo ai giovani la possibilità di concepire l'interattività come occasione di partecipazione attiva e di produzione d'informazione basata sull'esperienza diretta, ludica e creativa.

Questo approccio interattivo con il sistema informativo è il terreno principale sul quale possono essere ricostruite le architetture dei servizi telematici pubblici sempre più avanzati (anche se spesso incapaci di rivolgersi ai giovani, tant'è che sembrano a volte "vietati ai minori di 18 anni").

Il fenomeno dei blog è emblematico in tal senso.

Dopo la crisi editoriale del web, sull'onda negativa dello sboom della new economy, centinaia di migliaia di utenti hanno popolato la rete partecipando a fenomeni di scrittura connettiva.

E' il sintomo di una socialità che sta emergendo nella rete.

Chi pensa che siano solo protocolli tecnologici sbaglia, compie quello stesso errore che fece Platone nell'affermare che la scrittura nega la memoria.

L'avvento della scrittura ha inventato ulteriori forme di memoria così come la comunicazione on line sta dimostrando come si possa creare all'interno delle reti telematiche una socialità possibile.

A questo punto affermiamo con forza: senza società niente mercato. Anche nelle reti.

Uno dei modi migliori per misurarci con questa problematicità è quello di creare le condizioni perché sorgano domande, valori d'uso sociale e culturale della comunicazione, per dare senso a qualcosa che altrimenti rischia di perderlo nel rumore di fondo di un comunicare dei media ridondanti.

Si tratta quindi di potenziali utilizzi creativi (dove per creatività s'intende la genialità dell'uomo nel creare opportunità) a partire non solo dai bisogni ma anche dai desideri.

In questo quadro è pienamente inscritta tutta la necessità d'inventare nuovi ambiti per la promozione e la formazione culturale, attivando opportunità in cui, accanto ai servizi ad alto valore aggiunto tecnologico, serviranno sempre più creatività e partecipazione attiva.





Incontri preliminari



mercoledi 29 marzo


Accademia di Belle Arti di Macerata, Auditorium Svoboda

ore 17, conferenza-spettacolo Prometeo. Il fuoco, la ribellione, le tecnologie
di e con Carlo Infante e Antonio Rollo (regia multimediale)http://www.performingmedia.org/prometeo






giovedì 25 maggio

Accademia di Belle Arti di Macerata, Auditorium Svoboda

ore 17, incontro pubblico su "La creatività digitale: la via ludico-partecipativa alla Società dell'Informazione"

in collaborazione con il progetto ASP (Arte/Scienza/Pace)


http://www.asp-piceno.org



programma aggiornato

NadiaBongiovanni - 30-3-2006 at 22:16

su carta intestata

Allegato: asp 31.3.doc (293kB)
Questo file è stato scaricato 559 volte


testo teorico di presentazione. Aggiustamenti

carlo - 8-4-2006 at 23:04

La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata

Il rapporto tra arte, scienza e pace passa, oggi più che mai, attraverso una definizione corretta di Società dell'Informazione, perchè corrisponda ad un'equilibrata diffusione delle conoscenze. E' una questione di pari opportunità che il sistema dei mass-media non garantisce e certe politiche di controllo pervasivo e di abuso della privacy compromettono.
Si tratta di contrastare la guerra strisciante dell'informazione, un' "info-war" pericolosa, perchè insidiosa ed orientata a confondere le coscienze.
Si tratta di operare per un'evoluzione culturale dell'uso delle nuove tecnologie della comunicazione, per sollecitare un'emancipazione sociale in cui lo scambio delle informazioni venga concepito come ridistribuzione della risorsa comune.

Desideriamo che la Società dell'Informazione sia la società della pace e della convivenza, un'opportunità per l'organizzazione civile, per favorire la capacità di buona organizzazione dei popoli attraverso l'uso consapevole delle reti intese come opportunità di comunicazione cooperativa.
Per una società dei saperi e dei pareri.

S'intende per questo promuovere un'attenzione politica e culturale verso ciò che definiamo "La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata".
Un'indicazione importante per una nuova generazione che rischia di entrare nella Società dell'Informazione solo attraverso quel "cliccare a vanvera" che vizia il concetto d'interattività.

Questi automatismi tendono a saturare i rapporti con i media e con gli schermi in genere (come per i videogame) velocizzando il rapporto tra sguardo e interpretazione, comprimendo la capacità d'attenzione. Tant'è che si parla di sindrome da deficit d'attenzione (ADHD: Attention Deficit Hyperactivity Disorder) che può essere affrontato offrendo ai giovani la possibilità di concepire l'interattività come occasione di partecipazione attiva e di produzione d'informazione basata sull'esperienza diretta, ludica e creativa.

Questo approccio interattivo con il sistema informativo è il terreno principale sul quale possono essere ricostruite le architetture dei servizi telematici pubblici sempre più avanzati (anche se spesso incapaci di rivolgersi ai giovani, tant'è che sembrano a volte "vietati ai minori di 18 anni").

Il fenomeno dei blog è emblematico in tal senso.

Dopo la crisi editoriale del web, sull'onda negativa dello sboom della new economy, centinaia di migliaia di utenti hanno popolato la rete partecipando a fenomeni di scrittura connettiva.
E' il sintomo di una socialità che sta emergendo nella rete.

Chi pensa che siano solo protocolli tecnologici sbaglia, compie quello stesso errore che fece Platone nell'affermare che la scrittura nega la memoria.

L'avvento della scrittura ha inventato ulteriori forme di memoria così come la comunicazione on line sta dimostrando come si possa creare, all'interno delle reti telematiche, una socialità possibile.

A questo punto affermiamo con forza: senza società niente mercato. Anche nelle reti.

Uno dei modi migliori per misurarci con questa problematicità è quello di creare le condizioni perché sorgano domande, valori d'uso sociale e culturale della comunicazione, per dare senso a qualcosa che altrimenti rischia di perderlo nel rumore di fondo di un comunicare dei media ridondanti.

Si tratta quindi di potenziali utilizzi creativi (dove per creatività s'intende la genialità dell'uomo nel creare opportunità) a partire non solo dai bisogni ma anche dai desideri.

In questo quadro è pienamente inscritta tutta la necessità d'inventare nuovi ambiti per la promozione e la formazione culturale, attivando opportunità in cui, accanto ai servizi ad alto valore aggiunto tecnologico, serviranno sempre più creatività e partecipazione attiva.

programma in progress

carlo - 17-4-2006 at 22:45

Programma in via di definizione
(revisione del 29.04,h.17,40)

Seconda edizione del progetto ASP (Arte/Scienza/Pace) ad Ascoli Piceno
Ascoli Piceno, venerdì 26 maggio

Convegno
"La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata"


Facoltà di Architettura, Ascoli Piceno
convento SS.Annunziata


promosso da Comitato ASP (Arte/Scienza/Pace)
in collaborazione con :
Accademia di Belle Arti di Macerata, Università di Camerino, Assessorato alle Politiche per la Pace della Provincia di Ascoli Piceno
<<<
e quello alla Cultura?
Comune di Offida, Regione Marche?



venerdì 26 maggio
ore 10.00

Introduzione

"La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata"

conduce:
Carlo Infante (docente di Performing Media, Accademia di Belle Arti di Macerata)

intervengono:

Licia Canigola (Assessore Politiche per la Pace, Provincia di Ascoli Piceno)

Olimpia Gobbi (Assessore Cultura, Provincia di Ascoli Piceno)

Fulvio Esposito (Rettore dell’Università di Camerino)

Anna Verducci (Direttore dell’Accademia di Belle Arti di Macerata)


Prima Sessione
"La piattaforma web di asp-piceno.org:
una rete in cui pensiero artistico e scientifico s'intrecciano nel blog partecipativo."

Nadia Bongiovanni (Comitato ASP)

Rosario Culmone (Docente di Informatica - Università di Camerino)

Salvatore Santuccio (Docente di Architettura, Università di Camerino)

Silvia Benvenuti (Docente di Matematica - Università di Camerino)

Paolo Subioli (giornalista ed esperto di e-government)


Break

ore 11.30

Visite e Navigazioni guidate per le installazioni e le proiezioni on line

Mostra Fotografica "Asta per la pace" <<
Allestimenti dei progetti creativi a cura degli Studenti dell'Accademia di Belle Arti di Macerata: i "Libri-Oggetto" del corso di Disegno; i "Mondi Attivi" del corso di Performing Media e gli " Ambienti Sonori" del corso di Fenomenologia delle Arti Elettroniche.
Piattaforme on line a cura degli Studenti dell’Università di Camerino (corsi di Informatica e Architettura)

Teresa Marasca (Docente di Disegno - Accademia di Belle Arti di Macerata)


Mario Savini (docente di Fenomenologia delle Arti Elettroniche - Accademia di Belle Arti di Macerata)

Fabrizio Pecori (direttore di Mymedia)



ore 15

Seconda Sessione
"La Comunicazione della Scienza. Per la pace."

intervengono:
Silvia Benvenuti (Docente di Matematica - Università di Camerino)

Stefano Catucci (Docente di Estetica, Università di Camerino)

Stefano Isola (Docente di Matematica, Università di Camerino)

Gianfranco Bucich (direttore di Atlante di Numeri e Lettere)

<<< ( Emergency)



ore 16

Dibattito aperto al pubblico, con interventi di tutti i relatori presenti e utilizzo del blog per trarre domande e pareri sulle riflessioni in corso.

ore 18.00

Visite e Navigazioni guidate per le installazioni e le proiezioni on line.

Conclusioni del dibattito attraverso il blog: il diario on line di questa giornata di studi e di partecipazione attiva.

ore 20.00

visita guidata alla mostra "Soundscapes", a cura di Mario Savini, con installazione multimediale di Ennio Bertrand presso il teatro comunale di Offida


aggiornamento

NadiaBongiovanni - 29-4-2006 at 17:29

Programma in via di definizione
Seconda edizione del progetto ASP (Arte Scienza Pace):
(*)

Ascoli Piceno, venerdì 26 maggio 2006
Convento della SS.Annunziata, sede della Facoltà di Architettura

promosso da Comitato ASP (Arte Scienza Pace) (2)

Realizzato in collaborazione con:
ACCADEMIA BELLE ARTI DI MACERATA
UNIVERSITA’ DI CAMERINO -Facoltà di Scienze e Tecnologie e Facoltà di Architettura-

con la partecipazione dell'ASSESSORATO ALLE POLITICHE PER LA PACE DELLA PROVINCIA DI ASCOLI PICENO

Patrocinio: Comune di Offida, Regione Marche

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
A R T E S C I E N Z A P A C E
CONVEGNO MULTIMEDIALE
"LA VIA CREATIVA AD UNA SOCIETA' DELL'INFORMAZIONE SOLIDALE E PARTECIPATA" (1)

Il rapporto tra Arte, Scienza e Pace passa, oggi più che mai, attraverso una definizione corretta di Società dell'Informazione, perchè corrisponda ad un'equilibrata diffusione delle conoscenze.
(...)Desideriamo che la Società dell'Informazione sia la società della pace e della convivenza, un'opportunità per l'organizzazione civile, per favorire la capacità di buona organizzazione dei popoli attraverso l'uso consapevole delle reti intese come opportunità di comunicazione cooperativa.
Per una società dei saperi e dei pareri. (Carlo Infante).

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Programma (indicativo):



Prima sessione ore 9.30 – 13
Saluti
Sono invitati:

Fulvio Esposito
Rettore dell’Università di Camerino

Anna Verducci
Direttore dell’Accademia Belle Arti di Macerata

Olimpia Gobbi
Assessore alla Cultura della Provincia di Ascoli Piceno

Tavola rotonda
" Dalla creatività digitale alla comunicazione della scienza:
la via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata”

Prima parte
Introduce e coordina:

Carlo Infante
Docente di Performing Media, Accademia Belle Arti di Macerata

Intervengono:

Fabrizio Pecori
Direttore di Mymedia

Paolo Subioli
Giornalista ed esperto di e-government

Salvatore Santuccio
Docente di Architettura, Università di Camerino

Break

Presentazione progetti

Licia Canigola
Assessore Politiche per la Pace della Provincia di Ascoli Piceno
Asta per la Pace: progetti di cooperazione nelle aree svantaggiate del mondo (mostra fotografica)

Gruppo Emergency di Ascoli Piceno
Da definire (mostra fotografica)

Rosario Culmone
Docente di Informatica, Università di Camerino
Presentazione del progetto http://www.asp-piceno.org


Seconda sessione ore 15 – 19.00
Tavola rotonda
" Dalla creatività digitale alla comunicazione della scienza:
la via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata”

Seconda parte
Intervengono:

Silvia Benvenuti
Docente di Matematica, Università di Camerino

Stefano Isola
Docente di Matematica, Università di Camerino

Gianfranco Bucich
Direttore di Atlante di Numeri e Lettere

Stefano Catucci
Docente di Estetica, Università di Camerino

Dibattito
Aperto al pubblico, con interventi di tutti i relatori.

Presentazione progetti

Teresa Marasca
Docente di Disegno e Anatomia Artistica, Accademia Belle Arti di Macerata
Il disegno artistico nell’epoca della creatività digitale: presentazione dei libri-oggetto e lavori didattici degli studenti dei corsi di Disegno e Anatomia Artistica.

Mario Savini
Docente di Fenomenologia delle Arti Elettroniche, Accademia Belle Arti di Macerata
Presentazione dei progetti artistici di ambientazione sensoriale e multimediale

Visita guidata nel percorso dei progetti artistici di ambientazione sensoriale e multimediale.
Con interventi degli Studenti dell'Accademia Belle Arti di Macerata (corsi di Disegno, Anatomia Artistica, Performing Media e Fenomenologia delle Arti Elettroniche) e degli Studenti dell’Università di Camerino (corso di Informatica e facoltà di Architettura)

Chiusura ore 20.00

visita guidata alla mostra "Soundscapes",
a cura di Mario Savini, con installazione multimediale di Ennio Bertrand, presso il Teatro Comunale di Offida.


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
(Il programma del convegno prevede conferenze aperte al dibattito e ampi spazi dedicati agli studenti, ai loro lavori ed ai docenti che hanno contribuito alla loro realizzazione. Le installazioni e le mostre resteranno aperte al pubblico sino al... nei seguenti orari:... ...)

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
CONTENUTI E TRACCIA DI DISCUSSIONE:

Il rapporto tra Arte, Scienza e Pace passa, oggi più che mai, attraverso una definizione corretta di Società dell'Informazione, perchè corrisponda ad un'equilibrata diffusione delle conoscenze.

E' una questione di pari opportunità che il sistema dei mass-media non garantisce.

Si tratta di contrastare la guerra strisciante dell'informazione, insidiosa ed orientata a confondere le coscienze.

Si tratta di operare per un'evoluzione culturale dell'uso delle nuove tecnologie della comunicazione, per sollecitare un'emancipazione sociale in cui lo scambio delle informazioni venga concepito come ridistribuzione della risorsa comune.

Desideriamo che la Società dell'Informazione sia la società della pace e della convivenza, un'opportunità per l'organizzazione civile, per favorire la capacità di buona organizzazione dei popoli attraverso l'uso consapevole delle reti intese come opportunità di comunicazione cooperativa.
Per una società dei saperi e dei pareri.

S'intende per questo promuovere un'attenzione politica e culturale verso ciò che definiamo "La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata".
Un'indicazione importante per una nuova generazione che rischia di entrare nella Società dell'Informazione solo attraverso quel "cliccare a vanvera" e senza essere in grado di concepire l'interattività come occasione di partecipazione attiva e di produzione d'informazione basata sull'esperienza diretta, ludica e creativa.

Questo approccio interattivo con il sistema informativo è il terreno principale sul quale possono essere ricostruite le architetture dei servizi telematici pubblici sempre più avanzati ancora troppo spesso incapaci di rivolgersi ai giovani.
Chi pensa che siano solo protocolli tecnologici sbaglia, compie quello stesso errore che fece Platone nell'affermare che la scrittura nega la memoria. L'avvento della scrittura ha inventato ulteriori forme di memoria così come la comunicazione on line sta dimostrando come si possa creare, all'interno delle reti telematiche, una socialità possibile.

Si tratta quindi di potenziali utilizzi creativi (dove per creatività s'intende la genialità dell'uomo nel creare opportunità) a partire non solo dai bisogni ma anche dai desideri.

In questo quadro è pienamente inscritta tutta la necessità d'inventare nuovi ambiti per la promozione e la formazione culturale, attivando opportunità in cui, accanto ai servizi ad alto valore aggiunto tecnologico, serviranno sempre più creatività e partecipazione attiva (Carlo Infante).

--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
Questa manifestazione è nata per creare momenti di incontro e di operatività sulle tematiche contemporanee tra due mondi forse ancora troppo distanti tra loro: la scienza e l'arte.

In vista di questa iniziativa, in collaborazione con Antonio Rollo, è stato attivato un sito, (inizialmente un blog: http://www.asp-piceno.org) destinato a divenire una vetrina multiculturale permanente, in cui si sviluppa, appunto, l'idea di una società dell'informazione solidale e partecipata.

Naturalmente i contenuti del sito, dovrebbero mostrare come la società dell’informazione sia (o dovrebbe essere) una società dei saperi e dei pareri, una società della pace e della convivenza, un’opportunità per l’organizzazione civile e per la capacità di buona organizzazione dei popoli.

Sarebbe interessante, tra le varie cose, riuscire a creare interazioni tra gruppi di lavoro eterogenei, ad esempio, tra allievi dell'Accademia di Belle Arti e studenti della Facoltà di Informatica e Architettura. Così da avviare una collaborazione tra diverse risorse, tecniche e creative, come è richiesto dal lavorare nel web... Una ricerca che potrebbe accedere ad aree inesplorate della comunicazione.

la Facoltà di Informatica propone di istituire uno o più stage interni, in modo da proporre e consentire, agli studenti interessati, la realizzazione di tesi e "prodotti web" in linea con i temi trattati. Questa iniziativa verrà integrata da seminari

Il programma del convegno prevede ampi spazi dedicati agli studenti, ai loro lavori ed ai docenti che hanno contribuito alla loro realizzazione.

(Nadia Bongiovanni)


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------
N O T E:

(1) Sottotitolo da definire sul tipo. "Dalla creatività digitale alla comunicazione della scienza"


(2) Comitato ASP (Arte Scienza Pace):
Silvia Benvenuti
Nadia Bongiovanni
Carlo Infante
Teresa Marasca
Salvatore Santuccio

Elenco relatori:

inizio ore durata min.

9.30 0.10 Fulvio Esposito
9.40 0.10 Anna Verducci
9.50 0.10 Olimpia Gobbi (Massimo Rossi)
10.00 0.20 Carlo Infante
10.20 0.20 Fabrizio Pecori
10.40 0.20 Paolo Subioli
11.00 0.20 Salvatore Santuccio
11.20 0.20 break
11.40 0.20 Licia Canigola (Augusto Piccioni)
12.00 0.20 Gruppo Emergency di Ascoli Piceno (da confermare)
12.20 0.20 Rosario Culmone

13.00 2.00 break

15.00 0.20 Silvia Benvenuti
15.20 0.20 Stefano Isola (da confermare)
15.40 0.20 Gianfranco Bucich
16.00 0.20 Stefano Catucci (da confermare)
16.20 0.40 dibattito
17.00 0.20 Teresa Marasca
17.20 0.20 Mario Savini
17.40 0.20 Interventi degli Studenti
18.00 1.00 Visita guidata alle mostre e installazioni
19.00 partenza per Offida
20.00 1.00 Enio Bertrand


Con la collaborazione di:

Riccardo Piergallini (Preside Facoltà di Scienze e Tecnologie)
Umberto Cao (Preside Facoltà di Architettura)
Renato De Leone (Direttore Dipartimento Matematica e Informatica
Flavio corradini (Presidente dei Corsi di laurea in Informatica)
Egizia Marzocco (Responsabile Comunicazione UNICAM)
Chiara Invernizzi (Referente UNICAM per l’ottimizzazione della comunicazione esterna convenzionale)
Monica Straini (Ufficio Immagine UNICAM)
Stefano Lucinato (Docente Accademia Belle Arti Macerata)((*)per la realizzazione del logo)
Andrea Cittadini (Collaboratore UNICAM)


t'avevo scritto via email

carlo - 29-4-2006 at 17:33

di usare il quote e lavorare sulla struttura che avevo appena rimesso a posto...

fallo! e si opera meglio

NadiaBongiovanni - 29-4-2006 at 17:44

spedito il 17-4-2006 alle 10:45 PM

non ho fatto caso alla data di revisione inserita nel testo.

materiali

NadiaBongiovanni - 29-4-2006 at 18:22

Dovresti inviarmi un elenco delle attrezzature necessarie (tipo e quantità)

NadiaBongiovanni - 30-4-2006 at 15:50

Con rif. al budget ho bisogno di queste info:
elenco materiali e attrezzature necessarie
elenco allievi ABA presenti ad Ascoli

ti allego il doc da trasmettere (se va bene) all'uff. comunicazione di Unicam per la prima bozza dei manifesti e pieghevoli.
Ho inserito l'ultima versione del programma e il tuo testo integrale da cui potranno attingere il materiale per la grafica

Allegato: asp 2006 programma vers 1[8].doc (536kB)
Questo file è stato scaricato 566 volte


programma, versione 01-05-06

NadiaBongiovanni - 1-5-2006 at 10:14

vedi allegato

Allegato: asp 2006 programma vers 1[11].doc (535kB)
Questo file è stato scaricato 533 volte


NadiaBongiovanni - 2-5-2006 at 14:50

in blu trovi le parti di testo su cui stiamo ragionando, in verde le note.

a dopo!

Allegato: testo da revisionare.doc (29kB)
Questo file è stato scaricato 473 volte


...inoltre

NadiaBongiovanni - 2-5-2006 at 14:58

la comprensione del concetto "crisi editoriale del web" mi sembra dato troppo per scontato.

come lo "sboom della new economy".


ti ci ritrovi?

NadiaBongiovanni - 2-5-2006 at 15:26

La via creativa ad una Società dell’Informazione solidale e partecipata

Il rapporto tra arte, scienza e pace passa, oggi più che mai, attraverso una definizione corretta di Società dell'Informazione, perchè corrisponda ad un'equilibrata diffusione delle conoscenze.
E' una questione di pari opportunità che il sistema dei mass-media non garantisce.

E’ però necessario operare per un'evoluzione culturale dell'uso delle nuove tecnologie della comunicazione, per sollecitare un'emancipazione sociale in cui lo scambio delle informazioni venga concepito come ridistribuzione della risorsa comune.

Desideriamo che la Società dell'Informazione sia la società della pace e della convivenza, un'opportunità per l'organizzazione civile, per favorire la capacità di buona organizzazione dei popoli attraverso l'uso consapevole delle reti intese come opportunità di comunicazione cooperativa.
Per una società dei saperi e dei pareri.

S'intende per questo promuovere un'attenzione politica e culturale verso ciò che definiamo "La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata".
Un'indicazione importante per una nuova generazione che rischia di entrare nella Società dell'Informazione solo attraverso quel "cliccare a vanvera" che vizia il concetto d'interattività.

Questi automatismi tendono a saturare i rapporti con i media e con gli schermi in genere (come per i videogame) velocizzando il rapporto tra sguardo e interpretazione, comprimendo la capacità d'attenzione. Tant'è che si parla di sindrome da deficit d'attenzione che può essere affrontato offrendo ai giovani la possibilità di concepire l'interattività come occasione di partecipazione attiva e di produzione d'informazione basata sull'esperienza diretta, ludica e creativa.

Questo approccio interattivo con il sistema informativo è il terreno principale sul quale possono essere ricostruite le architetture dei servizi telematici pubblici sempre più avanzati
Il fenomeno dei blog è emblematico in tal senso, sintomo di una socialità che sta emergendo nella rete.

Chi pensa che siano solo protocolli tecnologici sbaglia, compie quello stesso errore che fece Platone nell'affermare che la scrittura nega la memoria.
L'avvento della scrittura ha inventato ulteriori forme di memoria così come la comunicazione on line sta dimostrando come si possa creare, all'interno delle reti telematiche, una socialità possibile.
Uno dei modi migliori per misurarci con questa problematicità è quello di creare le condizioni perché sorgano domande, valori d'uso sociale e culturale della comunicazione, per dare senso a qualcosa che altrimenti rischia di perderlo nel rumore di fondo di un comunicare dei media ridondanti.

Si tratta quindi di potenziali utilizzi creativi (dove per creatività s'intende la genialità dell'uomo nel creare opportunità) a partire non solo dai bisogni ma anche dai desideri.

In questo quadro è pienamente inscritta tutta la necessità d'inventare nuovi ambiti per la promozione e la formazione culturale, attivando opportunità in cui, accanto ai servizi ad alto valore aggiunto tecnologico, serviranno sempre più creatività e partecipazione attiva.

Obiettivo della manifestazione è attivare un dibattito che possa trovare sviluppo sulla piattaforma http://www.asp-piceno.org: per mettere in rete il pensiero artistico con quello scientifico. Un ‘occasione che a partire dal blog partecipativo possa far interagire il mondo della ricerca artistica e scientifica con gli operatori della solidarietà sociale, coniugando diverse risorse, tecniche e creative, perché nel territorio piceno si possa sviluppare un’attenzione verso le zone inesplorate della comunicazione digitale.

Usiamo solo quelle 2 frasi incipit

carlo - 2-5-2006 at 15:29

Quota:
Originariamente scritto da NadiaBongiovanni
la comprensione del concetto "crisi editoriale del web" mi sembra dato troppo per scontato.

come lo "sboom della new economy".

<<<
ma ora che si va in chiusura del depliant apriamo il cantiere epistemologico.
Mi piace farne ma non c'è il tempo ora.

E poi è difficile condividere il documento cercando assecondare posizioni che non individuo.

Propongo quindi che il testo sia fuori dai materiali da approvare x la stampa.

Usiamo solo quelle 2 frasi incipit

NadiaBongiovanni - 2-5-2006 at 15:36

credo un po' sia troppo poco.
sto pensando alle pubblicazioni curate da unicam (stampa, radio, web...) non avranno abbastanza elementi per i testi.
serve un compromesso meno radicale.

le frasi buone

carlo - 2-5-2006 at 15:48

Quota:
Originariamente scritto da NadiaBongiovanni
credo un po' sia troppo poco.
sto pensando alle pubblicazioni curate da unicam (stampa, radio, web...) non avranno abbastanza elementi per i testi.
serve un compromesso meno radicale.


tira fuori te con silvia
le frasi buone

Versione unicam

NadiaBongiovanni - 2-5-2006 at 18:58

La via creativa ad una Società dell’Informazione solidale e partecipata

Il rapporto tra arte, scienza e pace passa, oggi più che mai, attraverso una interpretazione corretta di Società dell'Informazione, mirata a garantire una diffusione delle conoscenze ampia ed equilibrata.

La Società dell'Informazione è un’opportunità per l’organizzazione civile.
L’uso consapevole delle reti, può aiutare a renderla una società di pace, cooperazione e convivenza: una società dei saperi e dei pareri.

Disorientati dalla enorme mole di dati veicolati dalla rete rischiamo di subirne passivamente l’influenza in un cliccare a vanvera che non ci consente di sfruttare appieno uno dei suoi punti di forza: l’interattività, intesa come partecipazione al processo di produzione di informazioni, in un’esperienza diretta e creativa.

Centinaia di migliaia di utenti popolano la rete, dando vita ad un fenomeno di scrittura collettiva che, ben lungi dall’essere solo un protocollo tecnologico è sintomo di una nuova socialità, che , come tale, si nutre di nuove domande e nuovi valori.

In questo quadro emerge prepotentemente la necessità d'inventare nuovi ambiti per la promozione e la formazione culturale, attivando opportunità in cui, accanto ai servizi ad alto valore aggiunto tecnologico, serviranno sempre più creatività e partecipazione attiva.

Obiettivo della manifestazione è attivare un dibattito che possa trovare sviluppo sulla piattaforma http://www.asp-piceno.org: per mettere in rete il pensiero artistico con quello scientifico. Un ‘occasione che a partire dal blog partecipativo possa far interagire il mondo della ricerca artistica e scientifica con gli operatori della solidarietà sociale, coniugando diverse risorse, tecniche e creative, perché nel territorio piceno si possa sviluppare un’attenzione verso le zone inesplorate della comunicazione digitale.

ok, procediamo

carlo - 2-5-2006 at 21:28

Quota:
Originariamente scritto da NadiaBongiovanni
La via creativa ad una Società dell’Informazione solidale e partecipata

Il rapporto tra arte, scienza e pace passa, oggi più che mai, attraverso una interpretazione corretta di Società dell'Informazione, mirata a garantire la più ampia diffusione delle conoscenze perchè si riveli come un’opportunità per l’organizzazione civile.

L’uso consapevole delle reti, fare della Socoetà dell'Informazione una società di pace, cooperazione e convivenza: una società dei saperi e dei pareri.

Disorientati dalla enorme mole di dati veicolati dalla rete rischiamo di subirne passivamente l’influenza in un "cliccare a vanvera" che non ci consente di sfruttare appieno uno dei suoi punti di forza: l’interattività, intesa come partecipazione al processo di produzione di informazioni, in un’esperienza diretta e creativa.

Centinaia di migliaia di utenti popolano la rete, dando vita ad un fenomeno di scrittura collettiva che, ben lungi dall’essere solo un protocollo tecnologico è sintomo di una nuova socialità, che , come tale, si nutre di nuove domande e nuovi valori.

In questo quadro emerge prepotentemente la necessità d'inventare nuovi ambiti per la promozione e la formazione culturale, attivando opportunità in cui, accanto ai servizi ad alto valore aggiunto tecnologico, serviranno sempre più creatività e partecipazione attiva.

Obiettivo della manifestazione è attivare un dibattito che possa trovare sviluppo sulla piattaforma http://www.asp-piceno.org: per mettere in rete il pensiero artistico con quello scientifico. Un ‘occasione che a partire dal blog partecipativo possa far interagire il mondo della ricerca artistica e scientifica con gli operatori della solidarietà sociale, coniugando diverse risorse, tecniche e creative, perché nel territorio piceno si possa sviluppare un’attenzione verso le zone inesplorate della comunicazione digitale.

Programma aggiornato al 14 maggio

NadiaBongiovanni - 14-5-2006 at 09:55



Allegato: asp_9[1].08.doc (533kB)
Questo file è stato scaricato 646 volte


dagli appunti di nadia

carlo - 14-5-2006 at 15:03

rif (link su sito) a orario pulman
-link ai siti dei relatori
- preparare pagina web di Silvia con materiale per aba
- preparare pagina web per teresa
- flash mano/selce/mouse
- dia per aula expo lavori teresa
- Sistemare pagina web nadia lavoro iniziale Arte/matematica
- fare pagina Web Emergency ascoli (splinder)

Sistemare blog


Diapositive/slide ASP per Annunziata+
Manifesto ASP per ingresso annunziata

Audio in saletta multimediale piano rialzato

manifesti ed etichette (con logo asp) per Mostra teresa

manifesti per mostre 2 fotografiche (con logo asp)(chiedere collaborazione Piccioni Provincia)

Verifica pubblicazioni effettuate dai relatori

Libreria per disdire prenotazione
Libreria per chiedere banchetto libri
banchetto informativo Emergency


invito coop adriatica
invito:
liceo scienze della comunicazione di ascoli (collab. Buchich)
liceo artistico (tonino Ticchiarelli, Luciana Nespeca)
scientifico...altri?


Sentire DeLeone per seminario "politiche della Pace"


Terza edizione= "Glocal: agire locale, pensare globale"


Riepilogo Attrezzature e materiale info annunziata percorso:

-ingresso piano terra: n. 1 manifesto indicazione sala conferenza al 1°piano + mostre piano terra; n. x manifesti mostre emergency e provincia
-saletta multimediale piano rialzato: n. 1 manifesto descrittivo sulla porta; attrezzature all'interno ??? (es. audio)
-scale: n. 2 carousel per scale ingresso con dia ASP
- primo piano: Corridoio: 3 pc per mondi attivi; n. 1 videoproiettore su parete corridoio (oscurare n. 3 finestre)
- primo piano: sala conferenze: video proiettore e pc (ok)+ ???
- Primo piano: aula lavori teresa: n.2 proiettori e n. 2 pc (???)+musica?


Cosa si fa nell'ultima aula che abbiamo visto, dove c'è l'affresco?
dove si fanno le chat?




prime risposte, parziali

carlo - 14-5-2006 at 15:07

Quota:
Originariamente scritto da carlo
rif (link su sito) a orario pulman
<<< orario e numero verde!

-link ai siti dei relatori

<<< si, nel blog

- preparare pagina web di Silvia
<<
- preparare pagina web per teresa
- flash mano/selce/mouse
<<
- dia per aula expo lavori teresa
<<
- Sistemare pagina web nadia lavoro iniziale Arte/matematica
- fare pagina Web Emergency ascoli (splinder)

Sistemare blog


Diapositive/slide ASP per Annunziata+
Manifesto ASP per ingresso annunziata

Audio in saletta multimediale piano rialzato
<<< c'è già
bisogna solo disporre
si userà anche il video se c'è tanta gente


manifesti ed etichette (con logo asp) per Mostra teresa
<<<
le frecce!!!

manifesti per mostre 2 fotografiche (con logo asp)(chiedere collaborazione Piccioni Provincia)

Verifica pubblicazioni effettuate dai relatori

Libreria per disdire prenotazione
Libreria per chiedere banchetto libri
banchetto informativo Emergency


invito coop adriatica
invito:
liceo scienze della comunicazione di ascoli (collab. Buchich)
liceo artistico (tonino Ticchiarelli, Luciana Nespeca)
scientifico...altri?


Sentire DeLeone per seminario "politiche della Pace"


Terza edizione= "Glocal: agire locale, pensare globale"
<<< è una proposta
la lanciamo nel dibattito finale!



Riepilogo Attrezzature e materiale info annunziata percorso:

-ingresso piano terra: n. 1 manifesto indicazione sala conferenza al 1°piano + mostre piano terra; n. x manifesti mostre emergency e provincia
-saletta multimediale piano rialzato: n. 1 manifesto descrittivo sulla porta; attrezzature all'interno ??? (es. audio)
-scale: n. 2 carousel per scale ingresso con dia ASP
- primo piano: Corridoio: 3 pc per mondi attivi; n. 1 videoproiettore su parete corridoio (oscurare n. 3 finestre)
- primo piano: sala conferenze: video proiettore e pc (ok)+ ???
- Primo piano: aula lavori teresa: n.2 proiettori e n. 2 pc (???)+musica?


Cosa si fa nell'ultima aula che abbiamo visto, dove c'è l'affresco?
dove si fanno le chat?




Ai miei colleghi studenti dei vari corsi di laurea di UNICAM

NadiaBongiovanni - 24-5-2006 at 18:10

Sono una studentessa del corso di Informatica (sede UNICAM di Ascoli) e vorrei chiedere il tuo parere in merito ad una iniziativa che si potrebbe realizzare all'interno della nostra Università.

Si tratta di un progetto studentesco di ricerca permanente, che prevede la cooperazione tra studenti di diversi indirizzi, scientifici e artistici, tecnici e umanistici, che ci può consentire di affrontare tematiche di nostro interesse, nei modi che riusciremo ad inventarci, sperimentando nel web.
Il tema è "La via creativa ad una Società dell'Informazione solidale e partecipata"; l'idea è quella di attuare un percorso che ci potrebbe condurre attraverso aree inesplorate della comunicazione, se riusciremo a costituire un gruppo d'avanguardia che sappia avvalersi sinergicamente delle risorse tecniche e creative di cui dispone.

Diversi docenti, anche della nostra Università, hanno aderito. Avremo quindi la loro collaborazione e la possibilità di far riconoscere i risultati ottenuti quali elementi del percorso di studio (stage universitario, tesi, ecc.).

Il prossimo 26 maggio ci sarebbe l'occasione di verificarne la fattibilità.

Ti allego infatti il programma dell'incontro-convegno che stiamo organizzando (all'interno della facoltà di Architettura), al quale sono invitati a partecipare gli studenti Unicam, gli allievi dell'Accademia di Belle Arti di Macerata e i volontari di vari gruppi, tra cui Emergency e Amnesty international.

Spero che troverai interessante questo progetto e che potrai partecipare, aiutandoci a realizzarlo.


Ciao, a presto
Nadia

qa070707 - 18-10-2012 at 07:06

These compositions can be about anything to do with gaming, whether they're reports or updates about upcoming titles, or even your personal impressions about the games you've played! The Letsmmo forums will serve as an ideal platform for your articles, ensuring that readers around the world can view them! And your name will be part of the history of gaming world!Μπουφ?ν Moncler
Moncler κ?τω σακ?κι
Γυναικε?α Μπουφ?ν Moncler

toms - 23-1-2013 at 06:57

I am quite satisfied with this site Longchamp bags, I write some things are more or less I have some help.Read the post of the landlord longchamp le pliage, my mood was actually a long time can not heal, as I says: Great Music, elephant Xi shaped.I now finally understand what I lack is the landlord that the pursuit of truth and the landlord that the ideal of hard practice arising from the heavy sense. The face of the posts of the landlord, I was shocked Longchamp outlet, almost unable to move, I kind of split the paper wish to the generous hast brought me can not help but turn the landlord posts, each to see a feeling of appreciation shock a few long points Longchamp Bags outlet, I always think whether God is flexible in its scenery looks, as well as to make one in March I do not know meat, people have lingering wear beams Longchamp Bags sale, three days without a break feel. Landlord, you write really good. The only thing I can do.
http://www.lepliagelongchamp.co.uk/

toms - 26-2-2013 at 02:51

I am quite satisfied with this sit longchamp outlet, I write some things are more or less I have some help.Read the post of the landlord, my mood was actually a long time can not heal, as I says Longchamp Outlet UK Store: Great Music, elephant Xi shaped.understand what I lack is the landlord that the pursuit of truth and the landlord that the ideal of hard practice arising from the heavy sense. The face of the posts of the landlord was shocked outlet chamop, almost unable to moveI kind of split the paper wish to the generous hast brought me can not help but turn the landlord posts, each to see a feeling of appreciation shock a few long points, I always think whether God is flexible in its scenery looks ,well as to make one in March I do not know meat, people have lingering wear beams, three days without a break feel. Landlord http://outletlongchamps.webstarts.com, you write really good. The only thing I can do.