il FORUM di TEATRON.org

Immagine Interattiva alla Biennale di Pisa

carlo - 16-11-2002 at 19:08

ecco un testo che presenta l'evento
è pensato per essere un
Comunicato Stampa

Un Burattino digitale conduce il Forum sull’”Immagine Interattiva” alla Biennale Cinema dei Ragazzi di Pisa


Avete mai visto un personaggio virtuale condurre una rassegna video e un forum con i maggiori esperti della televisione e della multimedialità?
E anche se fosse… lo avete mai visto leggere le domande che i ragazzi gli spediranno via SMS?
Si, proprio così, un burattino digitale animato in tempo reale con un sofisticato dispositivo (come quelli utilizzati per far muovere gli eroi di alcuni videogames) alimenterà il dibattito con i messaggini dei cellulari che una volta tanto non verranno vietati dagli insegnanti, anzi…

Una buona occasione per vedere tutto questo sarà il forum (qualcosa di più dinamico del solito convegno) dal titolo “L’immagine interattiva. L’evoluzione digitale del video in ambiente educativo” che si svolge venerdì 29 novembre alle ore 10 (per continuare nel pomeriggio con delle dimostrazioni e proiezioni video)
al palazzo dei congressi di Pisa nell’ambito della XIV edizione della Biennale Cinema dei Ragazzi
( http://www.cineragazzi.it )

Il forum viene introdotto e condotto da Carlo Infante, un esperto di nuovi media e autore, tra l’altro della trasmissione di RAI3 “Mediamente.Scuola”. E’ con lui che interagirà il burattino digitale, ovvero “Dancing Cow Baby” realizzato dalla società pisana di digital creation “Fulmini & Leopardi” e manipolato dal vivo da un’attrice lucchese, Simona Generali, che attraverso una particolare tuta piena di sensori elettromeccanici darà movimento e voce al burattino con un sistema di “motion capture”.

Nel forum interverranno alcuni dei maggiori esperti del mondo audiovisivo, cinematografico e multimediale, tra cui:
Alessandra Guarino, Sezione Didattica - Scuola Nazionale di Cinema
Roberto Maragliano, Tecnologie dell’istruzione e dell’apprendimento – Università Roma 3
Stefano Gorla, Servizi per l’informatica e l’innovazione tecnologica – Ministero Istruzione; Cinedays
Marco Gasperetti, Corriere della Sera
Mussi Bollini, Fascia Ragazzi - RAI3

Già nella mattinata si troverà spazio per le comunicazioni di alcune esperienze (che poi troveranno nel pomeriggio il tempo per essere proiettate integralmente) con gli interventi di:
Laura Casulli, CSP, Centro per la Sperimentazione di Tecnologie Avanzate Informatiche e Telematiche (Torino)
Mario Blasi, Mediateca di Melpignano (Lecce)
Roberto Tua, Hyperfilm
Aldo Innocenti, Luoghi Comuni-Provincia di Lucca
Paolo Pierazzini, Lampada di Galileo (Pisa)
Maria Luisa Faccin, IRRE Veneto
Luca Giuliani, CinemaZero (Pordenone)



Dalle ore 15,30 il forum su “L’immagine interattiva” continua con la presentazione di esperienze, proiezioni e dimostrazioni
· proiezioni di video, animazioni flash e dvd realizzati dai ragazzi nelle scuole
· dimostrazione di Hyperfilm, software per applicativi ipermediali nel video
· dimostrazione dei sistemi di Motion Capture per l’animazione in tempo reale del burattino digitale








“L’immagine interattiva
L’evoluzione digitale del video in ambiente educativo”

La produzione multimediale è un'espressione creativa con cui il sistema educativo non riesce ancora a trovare una relazione compiuta, didattica o extracurriculare che sia, se non per la buona volontà d’insegnanti d’ottima iniziativa.
Eppure nella Società dell'Informazione questa dimensione comunicativa sta rappresentando il campo privilegiato dello scambio socio-culturale se non uno dei piani di sviluppo principali dell’intero sistema produttivo proiettato nel futuro digitale.
La dimensione audiovisiva e multimediale va infatti considerata una fondamentale piattaforma di comunicazione, paragonabile cioè al ruolo che l’alfabeto ha espresso per millenni.
L'utilizzo dei nuovi linguaggi audiovisivi, in particolari quelli inerenti il web (come Flash, software che sta esaltando l’auto-produzione di originali clip di animazione) non è ancora integrato nel sistema della didattica se non per alcuni aspetti funzionali ai programmi scolastici, condizione che limita l’espansione di una coscienza culturale dello specifico multimediale in quanto linguaggio.
Esiste una potenzialità dell’audiovisivo che va oltre i sistemi cinematografici e televisivi per affermarsi come ambito di sperimentazione di nuove visioni e forme comunicative per attuare un’evoluzione dello scambio educativo e culturale.
In questo senso va intesa la possibilità di Internet come medium di comunicazione indipendente, libera dalle logiche commerciali e industriali del cinema e del broadcast televisivo, promuovendo la distribuzione di artefatti ad alto tasso di creatività e a basso costo che esprimano le sensibilità dei più giovani.
Perché questo accada è necessario attivare una sinergia tra la ricerca video e multimedia in relazione alla scuola, progettando occasioni d’incontro con una nuova generazione di autori dell’audiovisivo in contesti formativi innovativi.
Attraverso la connettività ad alta banda,ora a disposizione, è possibile non solo creare nuovi prodotti audiovisivi ma distribuirli, diffonderli nella rete, alimentando un valore d’uso culturale dell’Internet concepita anche come piattaforma ipermediale per il webcasting: la diffusione da “molti a molti” che a differenza del mass-media televisivo basato sul principio da “uno a molti” rappresenta la maggiore peculaitità della della rete internet, da intendere sia come ambiente di comunicazione che come ambiente educativo di nuova generazione. (carlo infante, carlo@teatron.org)



Luca Giuliani - 22-11-2002 at 10:56

Caro Carlo, provo ad anticipare i temi del progetto che presenterò al convegno: I paesi del cinema (R) realizzato da Cinemazero di Pordenone e dalla Cineteca del Friuli .

Ormai si sa, anche i più scettici o i più restii a rinnovare i propri strumenti di lavoro sono d’accordo: non si potrà scrivere la storia dell’ultimo secolo senza tenere conto anche delle complesse informazioni che il cinema, forma comunicativa e espressiva più rilevante del periodo, può fornire. In altre parole, se per un ipotetico evento distruttivo, biblioteche e archivi del Novecento andassero perduti, i film rimasti sarebbero in grado di dare testimonianza degli eventi e indicare le linee direttrici di comportamenti, individuali e sociali, in modo tale da rendere possibile a uno storico la ricostruzione di una memoria altrimenti perduta.

Quanto detto assume un carattere di particolare rilevanza per l’identità di un paese, o per la cultura di una minoranza o di un ambito regionale. I paesi del cinema (R) è un progetto di natura interdisciplinare finalizzato all'introduzione della didattica del linguaggio audiovisivo e alla valorizzazione del patrimonio cinematografico friulano nelle scuole medie superiori.

Il progetto intende promuovere la conoscenza dei materiali cinematografici d'archivio, principalmente i documentari girati in Friuli, e, attraverso l'analisi delle pellicole e la ricerca della relativa documentazione storica, si prefigge di individuare i luoghi in cui i documentari sono stati girati e di realizzare nuove riprese uguali alle originali. Attraverso un montaggio digitale, i due filmati, quello riprodotto e quello originale, vengono affiancati nella stessa immagine e proiettati con un unico commento sonoro e nella medesima durata temporale. Il prodotto finale, un documentario interamente nuovo e originale, non è copia del filmato d'epoca, ma diventa documento delle trasformazioni che hanno coinvolto il territorio e gli elementi del costume e della cultura friulana descritti nelle immagini riprodotte.

Il progetto punta a realizzare una sorta di mappa-video dello spazio e della memoria del Friuli a partire dai materiali d'archivio relativi a paesi e zone del Friuli affidando le singole realizzazioni alle scuole dei paesi oggetto dei filmati d'epoca, con l'intento di valorizzare il patrimonio cinematografico e rinsaldare i legami della memoria storica e le radici culturali.

glocal: global multimediale e local friulano

carlo - 22-11-2002 at 23:26

Quota:
Originariamente scritto da Luca Giuliani
Caro Carlo, provo ad anticipare i temi del progetto che presenterò al convegno: I paesi del cinema (R)

>>>R sta x registrato? come il C di copyright?
<<<

(...)
non si potrà scrivere la storia dell’ultimo secolo senza tenere conto anche delle complesse informazioni che il cinema, forma comunicativa e espressiva più rilevante del periodo, può fornire. In altre parole, se per un ipotetico evento distruttivo, biblioteche e archivi del Novecento andassero perduti, i film rimasti sarebbero in grado di dare testimonianza degli eventi e indicare le linee direttrici di comportamenti, individuali e sociali, in modo tale da rendere possibile a uno storico la ricostruzione di una memoria altrimenti perduta.

>>> molto affascinante
ricordiamoci però che le pellicole sono a rischio-obsolescenza
ben + della carta
... ma c'è sempre il digitale... ;-)
<<<

(...)
I paesi del cinema (R) è un progetto di natura interdisciplinare finalizzato all'introduzione della didattica del linguaggio audiovisivo e alla valorizzazione del patrimonio cinematografico friulano nelle scuole medie superiori.

>>> sapessi quanto sono d'accordo:
l'audiovisivo (e l'ipermedia)
dovrebbero affiancare i libri di testo
a tutti gli effetti
<<<

(...)
Il progetto punta a realizzare una sorta di mappa-video dello spazio e della memoria del Friuli a partire dai materiali d'archivio relativi a paesi e zone del Friuli affidando le singole realizzazioni alle scuole dei paesi oggetto dei filmati d'epoca, con l'intento di valorizzare il patrimonio cinematografico e rinsaldare i legami della memoria storica e le radici culturali.


gran bella cosa
sai cosa penso?
vi trovo coniugato al miglior grado
ciò che definisco "glocal"

(vedi convegno "Il futuro delle memorie", promosso dal coordinamento nazionale mediateche ad ancona nel 1994)

il "global"
della comunicazione multimediale
e il "local"
della memoria del territorio friulano
ma
in rete andrà qualcosa?

note sul personaggio virtuale

carlo - 23-11-2002 at 10:20

Fulmini & Leopardi srl, nuovo studio di cartoon e animazioni digitali nato a Pisa dalla fusione di parte dello studio Numeri con X-Lab http://www.xlab.it
partecipa al forum su "L'immagine interattiva"
con uno degli storici personaggi digitali animati in tempo reale frutto dell'esperienza creativa e tecnica di anni dei soci fondatori.

Partendo dalla versione del famoso personaggio virtuale Dancing baby vincitrice dell'edizione1999 di Imagina (Montecarlo http://www.xlab.it/press/dancing_baby.html ),
verrà data vita a un evento articolato in due distinte fasi:
la mattinata in cui il personaggio digitale interagirà col pubblico in sala facendo da tramite per le domande e gli spunti di discussione con gli ospiti;
e il pomeriggio, in cui l'architetto Andrea Brogi, responsabile tecnico del Motion Capture della Fulmini e Leopardi, illustrerà praticamente il funzionamento di questa nuova tecnologia che consente di "catturare" il movimento di un attore per animare qualsasi tipo di personaggio modellato nelle tre dimensioni dello spazio del computer.
Verrà inoltre presentata una carrellata di spezzoni di animazioni e video realizzati con l'impiego di queste nuove tecnologie.


dcbaby3.jpg - 12kB

una segnalazione su La Stampa

carlo - 23-11-2002 at 10:42



Allegato: LA STAMPA web Bookmarks.htm (44kB)
Questo file è stato scaricato 940 volte


rendere teatrale l'insegnamento

robe - 23-11-2002 at 11:24

Cari amici,

vengo a sapere che in sala non c’e’ l’online.

Come fare?

Mi sento dimezzato.

Non riesco piu’ a farne a meno, come dei libri, dei treni, delle giacche quando fa freddo, del pane e formaggio anche quando fa caldo.

E poi, in un convegno come il vostro/nostro…

Va be’, non piangiamoci troppo!

Piuttosto, se volete sapere qualcosa di me e di quel che faccio (quando me lo consentono…, visto che in questo maledetto momento faccio soprattutto l’amministratore della mia universita’ e non il semplice prof), vi invito al Diario di Bordo in rete del corso che tengo in Tecnologie dell’Istruzione e dell’Apprendimento.

E’ il tentativo di rendere “teatrale” e colorata un’esperienza generalmente ingessata e grigia come quella di un insegnamento accademico e di trasformarlo in una comunita’ che apprende (come oggi si usa dire, almeno con tanta frequenza quanta quella che contraddistingue la scelta di non mettere in atto l’idea corrispondente).

A voi la liberta’ di giudicare se ci siamo riusciti (il plurale ovviamente riguarda l’insieme dei collaboratori e degli studenti). Se volete, naturalmente, potete anche prender parte al Diario stesso, scrivendone qualche pagina.

Lo trovate alla sezione Didattica del sito del mio Laboratorio:
http://LTAonline.educ.uniroma3.it



Ciao, ci vediamo presto,

Roberto Maragliano



Ovviamente accetto che il messaggio sia accompagnato dalla mia e-mail (r.maragliano@uniroma3.it) e chiederei di essere informato via e-mail di interventi su di esso.



Si puo’ fare? E perche’ non e’ possibile farlo direttamente, malgrado il tuo sollecito?

>>> Fai NEW REPLY!!! e non New Topic

carlo - 23-11-2002 at 11:42

Quota:
Originariamente scritto da robe
(...)
vengo a sapere che in sala non c’e’ l’online.

>>> lo so è un vero peccato
ma visto che il nostro era l'unico evento ad averne bisogno (è una biennale cinematografica) m'hanno chiesto se si poteva evitare x un problema di costi
MA ho appena rilanciato la preghiera...
lunedì si verifica

se emerge una risposta positiva lo comunico!
<<<

vi invito al Diario di Bordo in rete del corso che tengo in Tecnologie dell’Istruzione e dell’Apprendimento.
(...)
A voi la liberta’ di giudicare se ci siamo riusciti (il plurale ovviamente riguarda l’insieme dei collaboratori e degli studenti). Se volete, naturalmente, potete anche prender parte al Diario stesso, scrivendone qualche pagina.

Lo trovate alla sezione Didattica del sito del mio Laboratorio:
http://LTAonline.educ.uniroma3.it
(...)


navigando ho rilevato questo link più prossimo al diario
http://ltaonline.educ.uniroma3.it/didframe.html

Presentazione DVD

marblas - 24-11-2002 at 20:46

Carissimo Carlo, mi dispiace non essere riuscito a trovare il modo per consentire ai ragazzi che partecipano ai laboratori una partecipazione al festival. Purtroppo la finibusterrae, che tanto amiamo, mostra il suo lato peggiore quando si presenta la necessità di spostarsi.
Detto questo, passo sinteticamente ad illustrare l'oggetto dei lavori che saranno presentati.
Come ben sai io preferisco far vedere quello che riasciamo a fare piuttosto che parlarne. Io avrei bisogno di 30 min. circa per illustrare i due percorsi del DVD.
Il primo documenta i materiali teatrali prodotti dal laboratorio sulla salvaguardia e valorizzazione del patrimonio linguistico culturale della Grecìa salentina con la seguente selezione:
- I Passiuna to Kristù (la Passione di Cristo), tenuto nella chiesa dell'ex Convento degli Agostiniani a Melpignano, Lecce, durante la scora Settimana Santa. (ca. 5 min.)
- Tre brani dello spettacolo finale "Echi della Grecìa" Culume, Capusprunea e Moroloja(10 min)
La seconda parte la dedicherei ai video del laboratorio di animazione multimediale Suicide shoes (lo spot di 40 sec.) e il video sul carnevale Se nu me canusciti (13 min).

Il DVD che ti ho fatto avere contiene solo i materiali del laboratorio scolastico, mentre se sei d'accordo mi porterei dietro quello prodotto per l'Amministrazione Comunale che ha un interfaccia leggermente modoficata ma che contiene i lavori del laboratorio della mediateca.
Credi che il finale del video sul carnevale ( i gestacci del ragazzino tanto per ricordarti) sia poco opportuno per l'occasione?
Nel caso fammelo sapere
Ci vediamo il 28 sera.

benvenuto nel forum!

carlo - 24-11-2002 at 23:33

Quota:
Originariamente scritto da marblas

>>>benvenuto mario (blasi)
te e la progettualità della mediateca di melpignano
che di quel piccolo-grande comune del salento porti un pò di segnali virtuosi<<<

avrei bisogno di 30 min. circa per illustrare i due percorsi del DVD.

>>>contaci,
nel pomeriggio
ma già nella mattinata vorrei contare su una tua comunicazione, + agile di 10'... con delle immagini da commentare
come un trailer...
<<<<

Credi che il finale del video sul carnevale ( i gestacci del ragazzino tanto per ricordarti) sia poco opportuno per l'occasione?

>>>certo, perchè no?
però
ricordati
visto che l'hai masterizzato con MAc
se hai il tuo lettore DVD è meglio...
<<<

I luoghi comuni chi sono costoro?

aldo - 25-11-2002 at 08:30

Cari amici vorrei dare qualche coordinata sul progetto che sto coordinando per la provincia di Lucca e che vi presenterò il 29 mattina alla biennale a Pisa.E' un progetto a metà fra un laboratorio che usa tecnologie digitali e un luogo dove i giovani si incontrano portando idee, proposte o anche, solamente: se stessi. L'idea dell'interattività, nel senso del supporto tecnologico alla comunicazione virtuale fra persone deve avere prima di tutto una base reale
una serie di" luoghi comuni" dove si fa pratica tutti giorni con i mezzi di comunicazione in un posto nella tua città che sia un incrocio fra una scuola,una fabbrica e una piazza .
Per spiegarmi meglio vi accludo un primo documento:

I LUOGHI COMUNI
di aldo innocenti
progetto di aggregazione giovanile per la Provincia di Lucca

Premessa
“I Luoghi Comuni”   è un progetto che, attraverso l’approfondimento  tecnico, creativo e organizzativo dei più importanti   strumenti di comunicazione  come : tv, cinema, documentaristica, comunicazione pubblicitaria, internet, musica, teatro, arti figurative intende  offrire a tutti i cittadini, nel loro stesso territorio e, con particolare attenzione ai giovani e alle categorie sociali più esposti ai rischi di emarginazione,  luoghi, operatori, mezzi  e  possibilità concrete per prevenire e superare   ogni forma di disagio provocata in larga misura da bassa scolarità da assenza di stimoli culturali e prospettive di impegno sociale e professionale.
Lo scopo è promuovere  un centro propulsivo che attraverso la formazione, la comunicazione, l’uso delle tecnologie multimediali aiuti i giovani con meno possibilità culturali ed economiche ad inserirsi in un contesto sociale le cui sfide richiedono elevati standard professionali e sociali.
Obiettivi
Offrire occasione di socializzazione e orientamento con un taglio preventivo rispetto a fenomeni di disagio a giovani con bassa scolarizzazione ed esposti ai rischi di devianza ed emarginazione;
offrire una occasione di contatto con le nuove tecnologie a giovani e adolescenti privi di altre sorgenti economiche e culturali per prendere coscienza delle proprie capacità ed i propri limiti;
offrire ai giovani occasione di accedere ad un ventaglio di possibilità formative e produttive su un segmento di particolare interesse nell’ambito della cultura giovanile;

Strumenti
1 -  la gestione di spazi sociali e di aggregazione
- stimolo alla produzione nel campo della comunicazione come elemento di socializzazione e promozione di nuove professioni e abbattimento delle disparità sociali.
- censimento delle realtà culturali produttive operanti nel territorio e promozione delle realtà più isolate
- disponibilità di spazi gratuiti per incontri, spettacoli, concorsi,  come elementi di socializzazione e prevenzione del disagio culturale e sociale.

2 - la formazione permanente sul territorio:
- alfabetizzazione di base per il diritto che ha   ogni cittadino di conoscere  le nuove tecnologie  digitali che non sono insegnate nelle scuole.
- creazione  di prodotti di comunicazione per le comunità locali, da esse stesse realizzati.
- organizzazione di grandi eventi e workshop di carattere nazionale e internazionale

Metodologie e Spazi

”I Luoghi Comuni” organizza tutte le sue attività in modo che i due strumenti lavorino sempre in forte di collaborazione  allo  scopo  di     sviluppare una nuova tipologia di centro di produzione  di cultura, di lavoro e   di consapevolezza civica  dove sopratutto i giovani , ma anche i meno giovani, possano trovare possibilità paritarie di accedere da cittadino attivo agli strumenti della comunicazione, sia da produttori che da consumatori.
Il progetto “I Luoghi Comuni”  opererà in un luogo dove sia possibile accedere a  sale di lavoro per work station,   sala di proiezione multimediale, sale prove,   un teatro di posa, una sala eventi   tecnologicamente attrezzata,  foresteria, una sala per meeting autogestiti, internet caffè e biblioteca,. videoteca, sala di registrazione audio,  aule di studio attrezzate con educational, magazzini etc.
Lo spazio necessario in cui opererà è polivalente con un copertura di circa 1.500mq più il teatro di posa e prevede, il  decentramento sul territorio di alcune attività.
L’Associazione Campus Studi del Mediterraneo ha dato la disponibilità dei locali in forma di locazione. .
I Luoghi Comuni  diventerà un modello di organizzazione sociale del lavoro  che potrò essere esportato in altre realtà per costruire una rete  di centri fratelli collegati fra loro e realizzare non solo una forte economia di scala, ma anche una intensa attività di scambio e di circolazione delle idee, di altissima qualità, altrimenti impensabile.


LA STRUTTURA OPERATIVA


La STRUTTURA OPERATIVA de I Luoghi Comuni si divide in due sezioni :

Permanente e Ciclica.

Sezione Permanente

I CANTIERI
Sede fissa della progettazione generale di tutte le attività sociali e di formazione de i I Luoghi Comuni, e degli spazi fisici destinati ai giovani, all’ associazionismo , alle categorie svantaggiate per : incontri, convegni, orientamento, prove di teatro, di musica, laboratori per le arti figurative e sede per le attività di alfabetizzazione sui linguaggi della comunicazione e i servizi di promozione e immagine per la Provincia di Lucca.


Sezione Ciclica

L’ACCADEMIA
Corsi da 100 a 1000 ore, diversi nel tempo e mirati a specifiche e nuove professionalità intorno alla comunicazione, legati all’evoluzione del mercato e delle tecnologie digitali. e destinati alla realizzazione di prodotti di comunicazione che si radicano sul territorio attraverso: programmi di servizio per tv locali, spot e promozione della piena occupazione, progetti per il miglioranento delle relazioni con i soggetti più deboli, pensati e realizzati dalle e per le comunità locali e destinati a promuovere la cittadinanza attiva e la contemporanea acquisizione di linguagggi per la formazioen di professionisti , ma anche di utenti iunformati e cittadini più onsapevoli.



LE FABBRICHE
Grandi esperienze annuali o biennali, di livello formativo di eccellenza e di produzione su cinema, tv, giornalismo e animazione in 3D, guidate da registi e autori di prestigio internazionale, per creare una sinergia fra “locale e globale”, per creare un centro di comunicazione sociale di livello internazionale, un prototipo di “casa del cittadino”, piazza reale enon virtuale, nuovo luogo d’incontro e di rinnovata partecipazione alla vita pubblica della comunità.

Ma, per spiegarmi ancora meglio, ci vediamo a Pisa il 29 mattina.
un saluto
aldo innocenti

screensaver

mussi - 25-11-2002 at 09:32

ecco il link alla trasmissione della fascia ragazzi di rai3
http://www.screensaver.rai.it


ambienti online per ‘parlare e scrivere’ di Cinema

Maria Luisa Faccin - 25-11-2002 at 09:33

L’IRRE coordina, realizza e gestisce, per la regione Veneto, il “Piano per la promozione della didattica del linguaggio cinematografico e audiovisivo nella scuola”, un progetto pluriennale promosso dal MIUR, dall’Università di Roma Tre-DAMS, dall’IRRE Lazio.
Il piano è rivolto a docenti e studenti delle scuole di ogni ordine e grado ed ha attivato un programma di formazione in servizio che prevede, come momento centrale e significante, la partecipazione diretta dei docenti nella sperimentazione con la loro classe e, conseguentemente, il coinvolgimento attivo degli studenti nei laboratori.
Obiettivo del progetto è quello di superare la visione tradizionale del cinema che lo vede solo come supporto ai contenuti delle discipline per fornire una occasione di riflessione sul cinema come linguaggio autonomo e sull’analisi degli elementi che lo costituiscono.
Centrale è l'attenzione sulla attivazione di un percorso che 'partendo' dalla scuola di base, coinvolga docenti e studenti dei vari livelli di scolarità, per creare contesti di apprendimento che attraverso il "saper essere" forniscano competenze per il 'saper fare' e il 'sapere' diventi fissazione, approfondimento, puntualizzazione, trasferimento.
Nella formazione in presenza però mancava una adeguata continuità tra i vari momenti di formazione, così come erano limitati e circoscritti gli scambi di materiali, di risorse, di idee tra i gruppi sia dello stesso livello che tra livelli scolastici diversi.
Si è così progettato e implementato "Vernice Fresca", un ambiente online di formazione, autoformazione e sperimentazione al linguaggio cinematografico e audiovisivo, che copre i punti deboli e nel contempo va oltre i tempi e i vincoli del piano e diviene punto di incontro, collaborazione e crescita continui in una logica comunque di indipenenza dal piano e di autonomia.
Lo spazio online mira a creare, attraverso il cooperative learning, laboratori online intesi come percorsi operativi che valorizzino i processi di cooperazione nel gruppo, la condivisione delle idee, lo sviluppo delle conoscenze e delle competenze per sviluppare attività di ricerca.
Il modello, accanto alle attività collaborative, permette di produrre, inserire, leggere materiali per la formazione dei docenti, per il lavoro in classe dei docenti con gli alunni e le produzioni degli alunni stessi per gli altri studenti.
L’ambiente generale è affiancato da due sottosistemi:
- LabOnLine dove è in fase progressiva di documentazione l’attività delle classi, sotto forma di materiali vari (documenti, disegni, storie, ipertesti, ecc..).
- SottoSopra, uno spazio online dedicato interamente ed esclusivamente agli studenti delle scuole del Piano, nel quale i ragazzi possono confrontarsi non solo sui laboratori didattici realizzati ma anche su temi, film, idee, recensioni, e quant’altro, rispetto al linguaggio cinematografico e audiovisivo, è parte del loro mondo. Nel loro ambiente, accanto ai tools per la comunicazione e l’interazione i ragazzi hanno a disposizione due nuovi strumenti per la scrittura collaborativa: ‘scricoll’ e ‘schede online’. E’ in fase di implementazione uno strumento per la costruzione collaborativa di mappe cognitive online.

Luca Giuliani - 25-11-2002 at 10:44

Caro Carlo, hai colto perfettamente lo spirito della nostra iniziativa.
Alcuni punti essenziali:
1) recuperare i materiali d'archivio non significa dare fiato alle trombe della nostalgia dei bei tempi andati;
2) lavorare con i materiali d'archivio significa produrre percorsi culturali innovativi, rivolti alle questioni poste dal futuro di una comunità;
3) riscrivere i materiali d'archivio è un'operazione che travalica i confini delle singole realtà coinvolte dal progetto. La dimensione virtuale della mappa che si ottiene è per forza di cose "global".

Ho trovato molto interessanti anche le altre presentazioni del forum.
Lascio di seguito il link alla pagina di presentazione completa delle attività didattiche di Cinemazero:
http://www.cinemazero.pn.it

Una domanda: anche i cd-rom masteriazzati da mac potrebbero avere problemi come i dvd?

non si sa mai

mussi - 25-11-2002 at 12:54

Quota:
Originariamente scritto da Luca Giuliani
(...)
Ho trovato molto interessanti anche le altre presentazioni del forum.
Lascio di seguito il link alla pagina di presentazione completa delle attività didattiche di Cinemazero:

>>>per attivare gli URL bisogna mettere il solito http:// davanti al www!
<<<
http://www.cinemazero.pn.it

Una domanda: anche i cd-rom masterizzati da mac potrebbero avere problemi come i dvd?


in genere no
ma fallo girare prima di portarlo su un PC
non si sa mai

ciao

SMS al burattino digitale

agiovann - 30-11-2002 at 14:32

Ecco il testo, senza modifiche o 'censure' di alcuni degli sms che sono arrivatai dal pubblico del Forum L'Immagine interattiva al burattino digitale ieri a Pisa. Domande, perplessità, riflessioni a cui tutti siete invitati a rispondere.

“Perché i videogiochi no, ma i computer e l’interattività a scuola sì?”

“Non potrebbe essere interessante produrre videogiochi didattici?”

“Il computer è interattivo o è un “grande fratello? Come si fa a non farci catturare?”

“Ma il Piano Berlinguer a che cosa è servito?”

“Un futuro di Ropocop?”

“’Face off è già realtà. A quando quella di Matrix?”

“In che modo puoi aiutarmi a capire meglio?”

“Ma quando inizia il sintetico?”

“E’ stata fatta una valutazione sui ritmi di ricezione nei nuovi media in base ai diversi ritmi di apprendimento di ogni alunno?”

“Perchè tra tutti i personaggi possibili avete scelto ancora una cow baby?”

“Perché proprio una cow-baby con due orrende pistole? Non stiamo parlando di educazione e rispetto per l’infanzia?”

“Perché boicottare Almodovar nella giornata dell’infanzia e dell’adoloscenza?”

“Perché al termine del convegno non diffondete un hyper- bibliografia con links e siti utili in riferimento ai temi che state trattando?”

“Prima di insegnare ad un bambino ad usare un computer, forse bisognerebbe educarlo a guardare, educarlo all’immagine.”

“Perché il 50% delle informazioni che ricevo è per immagini ma a scuola non si insegnano i linguaggi audiovisivi?”

“Ora non esiste più la tv x ragazzi!!Solo cartoni giapponesi e pubblicità propinati senza controllo….e la Melevisione che può funzionare max fino a 4 anni!”

“La scuola perderebbe di serietà se diventasse divertente?”

“I giornali non parlano della scuola. Parlano del potere.”

“Ma nei DVD ci sono gli extra-materials?”

“Videogiochi supermoderni e Melevisione di carta pesta: contraddizioni della nuova generazione o della società?”

“Una volta c’erano i soldatini, oggi i videogiochi: ecco la ricercata inteattività! E’ molto + utile e stimolante di tante parolone eccitate su ipertesti e feedback!”

“Si parla di immagine interattiva, insegnanti ‘spiazzati', perché non rinnovamento di piano istruzione con introduzione di materie a scuola come cinema, teatro, elaborazione documentari.. insomma insegnare il linguaggio audiovisivo come il linguaggio verbale, dando lavoro a tanti laureati Dams e Scienze della comunicazione.”

“Violenza immagine=violenza nel bambino? No, la violenza sta nel genitore che non insegna il marchingenio di finzione al bambino. Perché i papà e le mamme non ‘giocano’ con i bimbi al videogioco?”

Popi Giovannoli
Uno spot anche per me: vi invito a visitare il progetto http://www.trovarsinrte.org - della Biblioteca Multimediale di Settimo Torinese dove, con Carlo Infante, ci occupiamo e ci occuperemo di tanti temi che sono stati affrontati ieri.
Per ulteriori informazioni, vi lascio il mio contatto e-mail: agiovann@comune.settimo-torinese.to.it

link

carlo - 2-12-2002 at 19:22

http://www.apogeonline.com/webzine/2002/11/27/01/200211270102


d-schola

lauracasulli - 3-12-2002 at 13:08

Vi ripropongo alcuni cenni del mio intervento di venerdì.
Alcune note di sfondo: l’attuale contesto didattico regionale è stato oggetto di un forte investimento finalizzato a generare una attenzione culturale al fenomeno delle nuove tecnologie attraverso la realizzazione di un sistema di rete di tutte le scuole
http://www.scuole.piemonte.it
che permetta la condivisione di informazioni di tipo amministrativo, ma sempre più volto anche alla strutturazione di un progetto che preveda offerte di servizi, di sperimentazione e di formazione degli insegnanti
http://www.dschola.it
Il progetto “D-schola”, finanziato dalla Fondazione Cassa di Risparmio di Torino e con coordinamento generale a cura del CSP, si configura pertanto come la comunità dei Centri di Servizio, Animazione e Sperimentazione del Piemonte ed è uno dei progetti che contribuiscono a realizzare il sistema scolastico regionale promosso da una convenzione triennale tra Ministero dell'Istruzione, Università e Ricerca e Pubblica Amministrazione locale, con l’obiettivo di aiutare il processo di diffusione dell’ICT nella scuola a tutti i livelli. L’utilizzo didattico del software Hyperfilm è proprio uno degli ambiti di formazione scelti, all’interno del più ampio panorama di riflessione sull’utilizzo di strumenti ipermediali e di manipolazione del video nella didattica (v. attività del Centro di Animazione Istituto Regina Margherita).
L’ambiente digitale di lavoro denominato Hyperfilm è uno strumento software che permette di manipolare un filmato digitale (in formato AVI, MPG, MPEG) realizzando connessioni ad altri filmati, a pagine WEB (testi, immagini statiche, file audio, file video), in locale, attraverso la produzione di testi redatti internamente all’ambiente di lavoro stesso, e on line, offrendo a tal fine anche la possibilità di accedere, sempre dall’”interno”, a Internet per la ricerca e la validazione di materiali informativi di rete. Più precisamente il software Hyperfilm si divide in due sottoambienti di lavoro: un sistema autore (tool) e un visualizzatore (player), che interpreta e attiva il prodotto realizzato.
Produrre una struttura iperfilmica significa dunque intervenire sugli aspetti strutturali di un filmato per comporre, inventare e tracciare una "zona creativa" aperta, nella quale si intrecciano linguaggi differenti; un iperfilm si connota come una struttura implementabile e accattivante dal punto di vista comunicativo, per la varietà dei codici espressivi e la predominanza dell'elemento visivo-intuitivo.
L’ambiente di lavoro Hyperfilm si configura, come in generale per molti aspetti le Nuove Tecnologie multimediali, ipermediali, telematiche, quale “tecnologia educativa”, ampliamento del campo d’azione delle capacità metacognitive, cognitive, espressive, e supporto alla realizzazione didattica di progetti collaborativi carichi di significato.
Sul sito all’indirizzo http://www.dschola.it/content_r.php?op=modload&name=studi/ipermedia... sono pubblicate alcune mie riflessioni più articolate sulle basi teoriche dell’attività didattica di manipolazione di filmati in ambiente digitale e sulle caratteristiche cognitivo-comunicative dell’utilizzo del software Hyperfilm inserito in tali contesti formativi. Mi piacerebbe ricevere le vostre considerazioni in merito per poter anche cogliere meglio le corrispondenze e le diversità di impostazione e di lavoro e proseguire il dialogo in merito. I punti in comune emersi dall’incontro di venerdì mi pare che siano significativi. Proviamo a rendere anche operativa la rete di pensiero?
Vi ricordo che il software è distribuito gratuitamente a fini didattici all’interno del progetto D-schola, scaricabile dal sito http://www.hyperfilm.it .


the day after

carlo - 3-12-2002 at 14:59

e anche questo, la cronaca del giorno dopo su il tirreno


lo metto in attach perchè gli URL troppo lunghi non li prende bene,
misteri del PHP,

Allegato: IL TIRRENO.url (244B)
Questo file è stato scaricato 421 volte


articolo su Superva

agiovann - 6-12-2002 at 09:23

Vi segnalo un mio articolo a proposito del Forum sull'immagine interattiva a Pisa su Supereva
ecco il link
http://guide.supereva.it/registi_cinema/interventi/2002/12/126605.s...

ciao Popi

Articolo sul il manifesto di oggi

agiovann - 13-12-2002 at 15:51

Vi segnalo un articolo di Elfi Reiter che è uscito oggi su "il Manifesto" a proposito del Forum sull'immagine interattiva della Biennale di Pisa

http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/13-Dicembre-2002/art8...


A presto, spero
Augusta Popi Giovannoli

forum della Biennale Cinema dei Ragazzi

carlo - 15-12-2002 at 01:51

è stato attivato un forum di bilancio della Biennale Cinema dei Ragazzi nel sauo complesso
il link è questo
http://pub41.bravenet.com/forum/show.php?usernum=3455372683

Mortimer - 22-10-2012 at 11:12

short ugg boots browsing your best will likely be the one strategy to go replica blancpain . Employing the choice of Prom Attire And Gowns For 2011, you can expect to ensure to find out some matter that may fulfill your just about every and each Prom need. fake watches Identifying the best gown is just not uncomplicated on the other hand it is vital to not allow this get you down fake rolex watches sorel caribou boots . Identifying the complete best one available for you is just a subject of time and also you should on no account settle on the subject of seeking outstanding and making sure that the evening is as amazing as you are. A short Prom Gown is all the rage with the instant and may most likely have the ability to point out off your funkier aspect also as people excellent legs bear paw boots . That is truly a