il FORUM di TEATRON.org

Performing Media: dal videoteatro all'interaction design

carlo - 28-9-2006 at 21:13

performing media
Laboratorio rivolto agli studenti del Master in Comunicazioni e linguaggi non verbali dell’università Cà Foscari di Venezia e ad un numero limitato di iscritti esterni (CINQUE),

Performing Media
Dal videoteatro all’interaction design
Una ricognizione sulle trasformazioni culturali scandite dall’evoluzione tecnologica.
a cura di Carlo Infante
per@carloinfante.info
http://www.performingmedia.org

Analisi dei processi di mutazione dei linguaggi per la progettazione di eventi, interattivi, partecipativi e performativi, connessi alla convergenza dei media, dal video al web e al mobile.
Una conferenza e due sessioni di laboratorio su forum on line ( come http://www.teatron.org/forum o altro da individuare)
Il laboratorio sarà basato sul brainstorming della comunità d’apprendimento in relazione anche all’attività di “spettatore dinamico” (nell’elaborazione di testi e immagini) svolto durante la manifestazione.

Punti di sviluppo tematico:
1. La scena artificiale: l’evoluzione dei sistemi dello spettacolo in relazione al medium elettronico.
2. L’interaction design: la spettacolarità insita nella comunicazione interattiva e mobile (“il medium è il messaggio” Mc Luhan)
3. Il social networking: fare società attraverso la comunicazione on line: società dell’informazione
4. Il performing media: le nuove pratiche culturali in cui si riconvertono le pratiche consolidate sia dell’happening sia del networking, secondo il principio che vede coniugare politiche e poetiche dell’interazione umana: vocazione sia del teatro sia delle reti.

Sviluppo teorico di quei punti, basato su ricognizione video e multimediale

• 1. La scena artificiale: videoteatro
Video “Index del Videoteatro”, una tassonomia della scena in video.

• 2. La scena artificiale: performance interattive
Ridefinizione del concetto di performance in relazione ai sistemi della comunicazione interattiva.
Ricognizione teorica basata sul CD-Rom: Atlante ipermediale dell’interazione tra corpi e mondi elettronici.
(Vedi allegato)

• 3. L’interaction design. La drammaturgia dell’interattività
Individuazione delle costanti performative nella condizione di interattività, pratica che contempla una regia e una drammaturgia in cui sono inscritti sia i linguaggi ipermediali che la percezione dello spettatore-navigatore
Progettazione di eventi interattivi (web e mobile) che sappiano interpretare il marketing del territorio.
(http://www.teatron.org/geniusloci ; http://www.teatridellamemoria.org ; http://www.glocalmap.to )

• 4. Il social networking . La via ludico-partecipativa alla cittadinanza digitale
Ricerca-azione per attivare una formazione continua legata alle istanze relative alle nuove forme di cittadinanza digitale promosse ai margini dell’e-government, inventando operazioni dove le tecnologie della comunicazione promuovano l’approccio ludico-creativo e fondamentalmente partecipativo, particolarmente rivolte alle nuove generazioni.
(format Cyberscope http://www.regione.vda.it/cyberscope e Giocare x non essere giocati http://www.trovarsinrete.org/giocare_non_giocati.htm e http://www.teatron.org/forum/viewthread.php?tid=283 )
altri format
Chat3D Mondi Attivi http://www.mondiattivi.org

Videoblog x La Notte della Taranta 2005 http://www.performingmedia.org/vlog

x La Notte della Taranta 2006 http://www.performingmedia.org/lab/salento

Geoblog x le Olimpiadi Torino2006 http://www.glocalmap.to

Bibliografia consigliata :
• Howard Rheingold, “Smart Mobs. La rivoluzione sociale prossima ventura”, Cortina Editore, 2003
• Stefano Gulmanelli, “PopWar. Visioni libertarie nell’uso delle nuove tecnologie”, Apogeo, 2003
• Derrick De Kerckhove, "Brainframes" Baskerville,1994
• Pierre Levy, "L'intelligenza collettiva" Feltrinelli, 1996
• Carlo Infante, "Imparare giocando. L'interattività tra teatro e ipermedia", Bollati Boringhieri, 2000
• Carlo Infante, “Performing Media 1.1.Politica e poetica delle reti , Memori, 2006

29 e 30 settembre dalle ore 15.30 alle 20.00 - 1 ottobre dalle ore 10.00 alle 14.00
Luogo: Biblioteca comunaleInfo: tel. 328 793 74 50



Allegato: E-Motion.rtf (22kB)
Questo file è stato scaricato 512 volte


Index POW del Videoteatro

carlo - 28-9-2006 at 21:16

INDEX POW (DVD, 20’) è un montaggio video di estratti da sedici opere videoteatro, realizzata nel 1989 dal POW, l'associazione che ha promosso il Festival "Scenari dell'Immateriale" di Narni (dove ha avuto sviluppo nel 1984 il fenomeno del videoteatro).

Si tratta di un "concept film" nato per evidenziare le differenti costanti di linguaggio del fenomeno videoteatro in cui si "traspone" scena in video, o si "ricostruisce" (con un'elaborazione audiovisuale della ripresa scenica, in cui emerge una specificità video), o che "crea" opere disancorate, quindi "autonome", dalla messinscena o ancora che produce "presagi", anticipando lo spettacolo in clip di carattere promozionale per concludersi nella sezione “video in scena”, dove il medium video diventa performativo, aprendo al fenomeno delle videoinstallazioni e degli ambienti interattivi.

Estratti video di Mario Martone, Giorgio Barberio Corsetti, Remondi-Caporossi, Studio Azzurro, Tam, Societas Raffaello Sanzio, Solari-Vanzi, Magazzini Criminali, Teatro della Valdoca e altri.


Allegato: INDEX videoteatro.rtf (8kB)
Questo file è stato scaricato 508 volte


masterini - 30-9-2006 at 14:50

PERFORMING MEDIA e disabilità: quali possibilità? quali progetti?

le tracce di un diario

carlo - 30-9-2006 at 14:50

l'ho appena detto:
parlate di voi, come spettatori-testimoni e partecipanti attivi, sia del nostro laboratorio sia della rassegna nel suo complesso, a partire da questa Maniago che ci accoglie.
Ponete anche delle domande con richieste d'approfondimento, vi risponderò con dei link utili (a quel punto sarà chiaro a cosa serve questo forum).
Parlate di voi del vostro sguardo...
di ciò che elaborate mixandolo con la vostra soggettività, le vostre aspettative, la vostra autobiografia, le vostre perpelessità.

date un'occhiata al diario fatto con i ragazzi delle scuole veneziane nel 1999 per la Biennale Teatro.
http://www.teatron.org/diario

e questo blog realizzato in Friuli, per il Mittelfest di Moni Ovadia
http://www.teatron.org/mittelfestBlog/


performances urbane

Francesca Bisso - 30-9-2006 at 14:51

mi chiedo: siamo troppo abituati a ricevere stimoli e provocazioni, a vedere esagerazioni, a poter provare tutto, a vivere all'estremo? Perchè le performances urbane non mi hanno sconvolto? Non mi hanno colpito? non mi hanno comunicato?
sono vittima di un sovraccarico di immagini? Non riesco più a vivere le emozioni? O sono i linguaggi utilizzati ad aver perso la loro potenza?
Perchè mi sembra tutto così prevedibile?
perchè vedo il teatro uscire da se stesso, solo uscire dal suo luogo fisico, mantenendo attorno a sé invisibili barriere?

STREET PERFORMANCE...

canf - 30-9-2006 at 14:52

MELON:evoluzione... primati e tecnologia... ribellione che sfocia in sfida e lotta...

BLUE BOX: ricerca di contatti... dal sogno all'incubo e ritorno. Sprazzi di pazzia...

FICO BALET: cos'è la tecnica nella danza? ...

riflessioni in libertà

claudia s. - 30-9-2006 at 14:55

una cosa è certa: mi è venuta una gran voglia di muovermi. Queste dosi massicce di danza mihanno fatto ricordare che è possibile comunicare se stessi attraverso il movimento, e sento veramente il bisogno di farlo. La contraddizione sta nel fatto che lo sto studiando da mesi a ritmi intensivi e per questo mi sto anchilosando ed inciccendo dimenticando le esigenze del mio corpo materiale !!

una prima risposta rigurada l'integrazione

carlo - 30-9-2006 at 14:56

Quota:
Originariamente scritto da masterini
PERFORMING MEDIA e disabilità: quali possibilità? quali progetti?


una prima risposta rigurada l'integrazione,
ovverla capacità culturale di coinvolgere i diversamente abili in un contesto sociale
su questo aspetto vai a vedere il progetto che ho seguito in Salento
http://www.teatron.org/integrazione

troverai molti elementi storici (il Salento è stato un laboratorio avanzato su queste problematiche) e qualche intuizione

un altra risposta va verso le pratiche riabilitative...
magari ne parliamo a voce

ho scritto qualcosa su questo
ma non ce l'ho on line
se interessa
ricordatemelo nel forum
da lunedì sono a casa e lo metto su in attach

barste - 30-9-2006 at 14:58

Quando un'azione può essere definita come performance? Quando c'è un'idea originale di fondo?

fare accadere performance dove non è prevista

carlo - 30-9-2006 at 15:02

Quota:
Originariamente scritto da Francesca Bisso
mi chiedo: siamo troppo abituati a ricevere stimoli e provocazioni, a vedere esagerazioni, a poter provare tutto, a vivere all'estremo? Perchè le performances urbane non mi hanno sconvolto? Non mi hanno colpito? non mi hanno comunicato?
sono vittima di un sovraccarico di immagini? Non riesco più a vivere le emozioni? O sono i linguaggi utilizzati ad aver perso la loro potenza?
Perchè mi sembra tutto così prevedibile?

<<<
mi ritrovo molto nel tuo stato d'animo
sono almeno 2 i punti:
1. la saturazione dello sguardo x la bulimia d'immagini che ci pervade
2. la debolezza di un'offerta spettacolare incapace di sollecitarci

e x questo che auspico non + solo offerta culturale ma una creatività sociale diffusa
di cui noi stessi
spettatori-cittadini facciamo parte

<<<

perchè vedo il teatro uscire da se stesso, solo uscire dal suo luogo fisico, mantenendo attorno a sé invisibili barriere?


hai ragione non basta
ma è un indirizzo comunque interessante

fare accadere performance dove non è prevista

claudia s. - 30-9-2006 at 15:03

Quota:
Originariamente scritto da Francesca Bisso[/

La comunicazione è sempre dia-logica.

Può darsi che tu non abbia capito, ma può anche darsi che l'altro non si sia saputo esprimere.


Alessandra

chiaramorresi - 30-9-2006 at 15:04

Melon:performace urbana basata sulla ribellione,la sfida e la lotta...perchè i performer non hanno coinvolto gli spettatori(che nella performance dovrebbero diventare spett-attori) nella rottura delle angurie?
Mentre assistevo alla performance avevo una gran voglia di romperne una...

LA PERFORMANCE E LE EMOZIONI...

canf - 30-9-2006 at 15:05

Quota:
Originariamente scritto da Francesca Bisso
mi chiedo: siamo troppo abituati a ricevere stimoli e provocazioni, a vedere esagerazioni, a poter provare tutto, a vivere all'estremo? Perchè le performances urbane non mi hanno sconvolto? Non mi hanno colpito? non mi hanno comunicato?
sono vittima di un sovraccarico di immagini? Non riesco più a vivere le emozioni? O sono i linguaggi utilizzati ad aver perso la loro potenza?
Perchè mi sembra tutto così prevedibile?
perchè vedo il teatro uscire da se stesso, solo uscire dal suo luogo fisico, mantenendo attorno a sé invisibili barriere?


ogni performance è DIALOGO tra i performers e gli spettatori. Uno scambio reciproco di emozione, di messaggi spesso criptici e difficili da interpretare...
come l'attore deve mettersi in gioco per "muovere" qc in chi lo guarda, così lo
spettatore deve disporsi, mente e corpo, a lasciarsi colpire e midificare.
!!!!

p.s.: la tua reazione... esprime già un'emozione!!
ciao!!!

masterini - 30-9-2006 at 15:07

Molto interessante il link segnalato sull'integrazione, attendiamo un possibile scambio di informazioni.
P.s. come mai ha aperto un link sulla regione VdA? ci sono notizie interessanti dalla Valle?

ciò che accade "al di qua"

carlo - 30-9-2006 at 15:07

Quota:
Originariamente scritto da barste
Quando un'azione può essere definita come performance?
<<<
ne abbiamo parlato ieri
troppe definizioni inibiscono il senso reale delle cose
in questa ricerca, della giovane studios a Bazzichelli (sin troppo studiosa...)
http://www.strano.net/bazzichelli/turner.htm

emerge qualcosa di molto interessante...
ma ricordate fate sempre la tara
<<<
Quando c'è un'idea originale di fondo?


non è solo un problema di originalità
ma di convenzioni
di format
come ho detto
possiamo definire
performance ciò che accade "al di qua"
della rappresentazione teatrale...

le forme

Agata - 30-9-2006 at 15:08

più che il significato delle performances, che sinceramente non riesco a cogliere, ne apprezzo la forma...un pò per deformazione professionale o forse perchè il mio occhio coglie solo ciò che vuole...è un po' come l'arte contemporanea, non sempre va ricercato un significato perchè talvolta il significato non c'è ...forse non va capita va assaggiata e divorata!

Agata - 30-9-2006 at 15:11

Quota:
Originariamente scritto da carlo
Quota:
Originariamente scritto da Francesca Bisso
mi chiedo: siamo troppo abituati a ricevere stimoli e provocazioni, a vedere esagerazioni, a poter provare tutto, a vivere all'estremo? Perchè le performances urbane non mi hanno sconvolto? Non mi hanno colpito? non mi hanno comunicato?
sono vittima di un sovraccarico di immagini? Non riesco più a vivere le emozioni? O sono i linguaggi utilizzati ad aver perso la loro potenza?
Perchè mi sembra tutto così prevedibile?

<<<
mi ritrovo molto nel tuo stato d'animo
sono almeno 2 i punti:
1. la saturazione dello sguardo x la bulimia d'immagini che ci pervade
2. la debolezza di un'offerta spettacolare incapace di sollecitarci

e x questo che auspico non + solo offerta culturale ma una creatività sociale diffusa
di cui noi stessi
spettatori-cittadini facciamo parte

<<<

perchè vedo il teatro uscire da se stesso, solo uscire dal suo luogo fisico, mantenendo attorno a sé invisibili barriere?


hai ragione non basta
ma è un indirizzo comunque interessante

fare accadere performance dove non è prevista


vorrei dire ancora....
fare una performances COME non è prevista

canf - 30-9-2006 at 15:12

Quota:
Originariamente scritto da chiaramorresi
Melon:performace urbana basata sulla ribellione,la sfida e la lotta...perchè i performer non hanno coinvolto gli spettatori(che nella performance dovrebbero diventare spett-attori) nella rottura delle angurie?
Mentre assistevo alla performance avevo una gran voglia di romperne una...


loro non ci hanno impedito di intervenire... forse siamo noi ke nn l'abbiamo fatto...

Francesca Bisso - 30-9-2006 at 15:39

Quota:
Originariamente scritto da canf

loro non ci hanno impedito di intervenire... forse siamo noi ke nn l'abbiamo fatto...


hai ragione, ma basta buonismo!

masterini - 30-9-2006 at 15:46

GIOCO

SMARRIMENTO/SPAESAMENTO

ANALOGIA

FAMEX2



masterini - 30-9-2006 at 15:49

Quota:
Originariamente scritto da Francesca Bisso
Quota:
Originariamente scritto da canf

loro non ci hanno impedito di intervenire... forse siamo noi ke nn l'abbiamo fatto...


hai ragione, ma basta buonismo!


credo invece che sia stata la performance così concepita che non ha dato possibilità di interazione...
credo che in questo il giardino d'oriente possa dare qualche prezioso insegnamento...per me è stato particolarmente illuminante!

PAROLE CHIAVE

canf - 30-9-2006 at 15:52

VAPORE: evapora il mio pensiero, tu assorbilo ma non trattenerlo, non cercare di capire, di definire. Tu contaminalo e poi riversalo nuovamente su di me... e così via...

OLTRE LA COMUNICAZIONE: sembra che queste performance non vogliano solo comunicare qc... anzi, fose non vogliono proprio comunicare... credo si tratti di qualcosa che va oltre la comunicazione...


PERFORMING MEDIA & CONTACT IMPROVISATION

canf - 30-9-2006 at 15:59

La possibile interazione che mi viene in mente tra i due lab è l'utilizzo di videocamere e macchine fotografiche per la creazione di una sorta di diario di bordo visivo della loro esperienza basata sul corpo e sul movimento!
forse un po' banale... ma credo efficace... e divertente!!

propriocettivo

FREMMA - 30-9-2006 at 16:00

PROPRIOCETTIVO: legato fortemente alla psicomotricità e alla musicoterapia, aree complementari alla performance nell'ambito del master, riscoperta del corpo come esperienza del mondo attraverso i sensi

link tra le aree del master, una scoperta: non solo a livello pedagogico-terapeutico, ma anche performativo

chiaramorresi - 30-9-2006 at 16:01

camaleonte= capacità di adattare ed esprimere il proprio corpo-mente a dei contesti variabili;

flusso=performance che si spostano lungo le strade della città di maniago


claudia s. - 30-9-2006 at 16:04

incontro - di individualità che si avvicinano,si esplorano, decidono di condividere una esperienza
E/O
scontro - lotta per prevalere sull'altro, tentativo di annullarlo per affermare se stessi

il blog è su!

carlo - 30-9-2006 at 16:13

http://www.teatron.org
domattina iniziamo a fare il lavoro x mettere su foto e commenti...

clicca su LEGGI E COMMENTA!

FREMMA - 1-10-2006 at 08:24

Ricerca di una FORMA, percezione del proprio corpo e modellAZIONE del proprio corpo, TRASFORMAZIONE interiore prima che esteriore... cogliere l'altro e entrare nell'altro per uscire da sè, ALTERITà

CONTESTUALIZZAZIONE

FREMMA - 1-10-2006 at 08:29

importanza di contestualizzare la performance per renderla unica e irripetibile,indissolubilmente legata al qui ed ora: spazi urbani, spett-attori, condizioni metereologiche.........

POLEMIZZIAMO

FREMMA - 1-10-2006 at 08:33

è possibile ignorare un braccio di uno spettatore che penzola sopra la mia testa (ovviamente sì, ma quanto ha senso?)
è possibile trattare una scala come una scala qualsiasi o come un palcoscenico qualsiasi invece di renderla QUELLA scala? (ovviamente sì, ma quanto senso ha?)

STEMPERIAMO

FREMMA - 1-10-2006 at 08:35

non vogliamo una risposta o una giustificazione, vogliamo solo lanciare una provocazione, condividere una riflessione, ampliare gli orizzonti di un percorso già intrapreso

link MCLNV

FREMMA - 1-10-2006 at 08:45

http://www.cenec.org/fad/course/view.php?id=3

parole chiave:TAG

carlo - 1-10-2006 at 09:36

raccolgo qui alcune delleparole chiave emerse nel forum
a proposito
sia del nostro laboratorio sia della rassegna in genere

1. Ricerca di una FORMA, percezione del proprio corpo e modellAZIONE del proprio corpo,

2. TRASFORMAZIONE interiore prima che esteriore...

3. cogliere l'altro e entrare nell'altro per uscire da sè, ALTERITà

4. disabilità

5. soggettività

6. performances urbane

7. format

8. GIOCO

9. SPAESAMENTO

10. ANALOGIA

11. VAPORE: evapora il mio pensiero, tu assorbilo ma non trattenerlo, non cercare di capire, di definire. Tu contaminalo e poi riversalo nuovamente su di me... e così via...

12. OLTRE LA COMUNICAZIONE: sembra che queste performance non vogliano solo comunicare qc... anzi, fose non vogliono proprio comunicare... credo si tratti di qualcosa che va oltre la comunicazione...

13. PROPRIOCETTIVO: legato fortemente alla psicomotricità e alla musicoterapia, aree complementari alla performance nell'ambito del master, riscoperta del corpo come esperienza del mondo attraverso i sensi

14. camaleonte= capacità di adattare ed esprimere il proprio corpo-mente a dei contesti variabili;

15. flusso=performance che si spostano lungo le strade della città di maniago

16. CONTESTUALIZZAZIONE. importanza di contestualizzare la performance per renderla unica e irripetibile,indissolubilmente legata al qui ed ora: spazi urbani, spett-attori, condizioni metereologiche.........

claudia s. - 1-10-2006 at 09:41

non posso ignorare quello spettatore che quasi sfioro perchè quello che faccio è per lui , è lui che dà senso ai miei gesti. A meno che io non scelga di comunicare un distacco, la mia solitudine, la mia incapacità di mettermi in relazione.

altre TAG

carlo - 1-10-2006 at 09:43

17. performing media

18. interaction design

giusto x non perdere x strada quelle da cui siamo partiti

e poi

19. EMPATIA

20. SINESTESIA

claudia s. - 1-10-2006 at 10:05

21 .conflitto o scontro, anche come passaggio verso l'incontro con l'alterità

TAG

FREMMA - 1-10-2006 at 10:09

1. Ricerca di una FORMA, percezione del proprio corpo e modellAZIONE del proprio corpo,
TRASFORMAZIONE interiore prima che esteriore... camaleonte= capacità di adattare ed esprimere il proprio corpo-mente a dei contesti variabili;

2. soggettività --> EMPATIA --> cogliere l'altro e entrare nell'altro per uscire da sè, ALTERITà, disabilità, CONFLITTO, GIOCO
VAPORE: evapora il mio pensiero, tu assorbilo ma non trattenerlo, non cercare di capire, di definire. Tu contaminalo e poi riversalo nuovamente su di me... e così via...

3. performances urbane, CONTESTUALIZZAZIONE. importanza di contestualizzare la performance per renderla unica e irripetibile,indissolubilmente legata al qui ed ora: spazi urbani, spett-attori, condizioni metereologiche......... flusso=performance che si spostano lungo le strade della città di maniago

4. SPAESAMENTO

5. ANALOGIA, OLTRE LA COMUNICAZIONE: sembra che queste performance non vogliano solo comunicare qc... anzi, fose non vogliono proprio comunicare... credo si tratti di qualcosa che va oltre la comunicazione...SINESTESIA, PROPRIOCETTIVO: legato fortemente alla psicomotricità e alla musicoterapia, aree complementari alla performance nell'ambito del master, riscoperta del corpo come esperienza del mondo attraverso i sensi

6.performing media

7.interaction design



carlo - 1-10-2006 at 10:28

1. TRASFORMAZIONE
ALTERITA'

2. EMPATIA
GIOCO

3..SINESTESIA,
PROPRIOCETTIVO

4. CONFLITTI

5.performing media

6. FLUSSO URBANO

7. FORMA

ultimo giro di TAG

carlo - 1-10-2006 at 11:03

CONFLITTI
CONTESTO URBANO

GIOCO
FORMA
performing media

PROPRIOCETTIVO
SINESTESIA
ALTERITA'
EMPATIA

TRASFORMAZIONE

FLUSSO







lavoro sulle tag

FREMMA - 4-10-2006 at 12:29

...diagramma di FLUSSO...
Ci interroghiamo sulla funzione sociale della performance come opportunità per intervenire all'interno di condizioni di CONFLITTO, sociale o psicologico che sia, tenendo conto di un CONTESTO URBANO. Interveniamo in questo conflitto con una condizione aperta che chiamiamo GIOCO, che si può FORMAlizzare come scelta nei PERFORMING MEDIA. Per questo sembra fondamentale la PROPRIOCETTIVITA', intesa come intelligenza corporea, la SINESTESIA, come commistione di inguaggi e percezioni, l'ALTERITA', come uscita da se stessi per incontrare l'altro. da questo scaturisce un'EMPATIA, che induce la TRASFORMAZIONE.

Francesca

Mortimer - 22-10-2012 at 11:02

kamik rain boots ugg outlet replica rolex watches for sale as soon as a shady trade or maybe a fraud, Cartier Watches, which was practiced in lots of nations on the planet jus to bluff the vacationer and make some cash. Nevertheless the occasions have adjusted in a very quickly tempo, while even right now you'll find specified very low grade replica promoting inside the marketplace, there exists also a sector in the trade that's turned out to become considerably a lot more justified and specialist. It now holds a sizable foundation while in the customer market place, Breitling Watches, and possesses been claimed to get a sought-after item while in the industry rolex replicas girard perregaux replica . replica Hublot It's the Swiss replica watches. In the present time and energy to get yourself a robust maintain around the market

Mortimer - 7-12-2012 at 02:00

cartier pasha replica likewise conclude the process. replica hermes swiss watch We leaned additional than too as snapped up the whites with the swimming pool too as lifted it down, corum classical replica in order that most of the ingesting drinking water can stream from your opposite summary rolex datejusts watches , not always realizing at the present that we bought moved forwards instead of just is My wife or husband and that i standing from the filthy h2o fake Ebel . I'd been also throughout the can get too as destroy which was beneath the swimming replica watches for sale . All things considered with the ingesting drinking water was from your plastic materials swimming, We rolled it down as well as taken off the theory. Right away promptly immediately after fake Ferrari watches , We went within the inside of as well as started off out detoxing my particular toes. My

unn0001 - 13-12-2012 at 05:24

Explore the Brandon Marshall Jersey summits of Von Miller Jersey Andes by booking Cheap Flights to Quitoselfgrowth


A bit of Brian Urlacher Jersey fur Brandon Marshall Jersey around the heel can keep your feet warm in the cold season I pay for it later Michael Kors Outlet Online for days afterward Classics run somewhat large, about a whole size if you plan to wear them barefoot


Tsubo shoes were created in 1997 by designers Patrick McNulty www.officialtexansonlineshop.com and Nick O'Rourke Second, spandex is mixed with some other compounds christian louboutin discount to form the ultimate garment even more Sean Taylor Jersey versatile You can have curls escaping out

education for parents and school

f5g45 - 4-2-2013 at 06:57

Primary school 6 years, can eat 6570 yuan; a class to 50 human reference, 6 years buy baby clothes can eat 328500 yuan. This data is quite amazing.
[ experts ]
Nutrition and health education for parents and school
Responsible for the investigation and officers found, the students' awareness of nutrition and health is very limited, and the students of this very interested. Therefore, the business sector think schools should take action, to develop their self nutritionbaby clothes outlet management ability through to the students mind input " nutrition ".
Jiang Fang thinks, a lot of children'sbaby wear nutrition knowledge comes from the parents, the parents have to take on the nutrition and health course. Guide the children to eat snacks from small, eat less junk food habits.

Free shipping for your new Titleist 913 D2 or D3 drivers!

kerr miranda - 2-4-2013 at 01:53

Titleist 913 D2 driver Free shipping for your new Titleist 913 D2 or D3 drivers! In addition to carrying the standard shaft options from Titleist, we carry variety of exotic shaft options.

Titleist 913 D3 driver Titleist 913D2 Driver Face. Titleist 913 Drivers have an 11 percent larger area of maximum COR, resulting in more distance on off-center hits ...

Titleist MB 712 irons Titleist calls its 913D2 and 913D3 drivers the fastest, most consistent the company has ever designed. They are also Titleist's most playable and forgiving drivers ...

Cheap golf clubs When talking about the drivers from this company, of course we have to mention the Titleist 910 D2 Driver, 910 D3 Driver, and the new 913 D2 ...

fashion0011k1 - 18-11-2013 at 03:25

I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog and was curious what all is needed to get set up? I’m assuming having a blog like yours would cost a pretty penny? I’m not very internet smart so I’m not 100% positive. Any tips or advice would be greatly appreciated. Thank you
Beats By Dre Headphones
Where Can I Buy Beats By Dre
Cheap Beats By Dre Headphones
Beats By Dr Dre Studio