il FORUM di TEATRON.org

III anno_DAMS-Salento_04-05_Epistemologia P.A./Drammaturgia dell’interattività

carlo - 7-2-2005 at 09:37

Drammaturgia dell’interattività
III anno_DAMS-Salento

Università di Lecce
Anno accademico 2004-2005

Insegnamento:
Drammaturgia dell’interattività
(Epistemologia delle pratiche artistiche)

Docente
Carlo Infante:
per@carloinfante.info


punti di articolazione del corso:

• ridefinizione del concetto di pratica artistica in relazione ai sistemi della comunicazione interattiva. Individuazione delle costanti performative nella condizione di interattività, pratica che contempla una regia e una drammaturgia in cui sono inscritti sia i linguaggi ipermediali che la percezione dello spettatore-navigatore.

• progettazione di contenuti e strategie relazionali per le piattaforme multimediali e telematiche. Sperimentazione di nuovi format di comunicazione basata sui sistemi multipiattaforme in cui convergono diversi media: telefonia mobile, internet ( magari con le nuove connessioni “wi-fi”, wireless:senza cavi) il broadcast radio-TV, e le tante altre modalità di comunicazione, compresa la stampa.

• progettazione di eventi spettacolari che mettano in relazione il territorio, dalle piazze ai musei ai mercati, con i diversi sistemi della comunicazione digitale integrati tra loro e connotati da regie performative che ne risolvano l’impatto sensoriale e cognitivo.

• progettazione educativa concepita come qualcosa che va oltre l’ambito scolastico, per attivare una formazione continua legata alle istanze relative alle nuove forme di cittadinanza digitale promosse dall’e-government, inventando operazioni dove le tecnologie della comunicazione promuovano l’approccio ludico-creativo e fondamentalmente partecipativo.

. Analisi del Progetto Genius Loci
Laboratorio sulla progettualità culturale e multimediale basata sull’esperienza del campo di ricerca attivato a Roca e a Galatina
nell’ambito del progetto “Genius Loci. L’identità plurale del Salento”.
L’attività è già in corso attraverso il forum on line
http://www.teatron.org/forum/viewthread.php?tid=185
e anche su
http://www.teatron.org/geniusloci





Bibliografia:
Howard Rheingold, “Smart Mobs. La rivoluzione sociale prossima ventura”, Cortina Editore, 2003
Stefano Gulmanelli, “PopWar. Visioni libertarie nell’uso delle nuove tecnologie”, Apogeo, 2003
Derrick De Kerckhove, "Brainframes" Baskerville,1994
Carlo Infante, "Imparare giocando. L'interattività tra teatro e ipermedia", Bollati Boringhieri, 2000
Carlo Infante, “Performing Media. La nuova spettacolarità della comunicazione interattiva e mobile”, Novecentolibri, 2004

Altri testi e altri materiali di supporto didattico verranno indicati nel forum

POSSIBILE CHE NON CI SIA NIENTE DA SCRIVERE

CIRO MASCIULLO - 12-2-2005 at 12:28

EBBENE il nuovo forum è nato e si vede che è ancora nella fase di gestazione... ne approfitto per alcune riflessioni:

lo tsunami...
se non ci fossero state quelle telecamare AMATORIALI sarebbe stato uno di quegli articoli che si leggono sui giornali a cui si sarebbero aggiunti servizi televisivi post-eventum,
ed invece dopo solo alcune ore tutti potevano guardare cio' che era accaduto...milioni sarebbero stati poi le quantità di denaro che si sarebbero spotati con un SMS.
In INTERNET si poteva connetersi agli ospedali della zona e dopo alcuni giorni erano stati creati portali d'accesso in quasi tutte le lingue...

Nei giorni del protocollo di KIOTO , una vocina mi dice che qualcosa lo si è fatto nonostante tutto.


NO PROFIT

Mimmo Capozzi - 14-2-2005 at 10:24

Sicuramente le nuove tecnologie accorciano i tempi di soccorso e di sensibilizzazione, nonchè agevolano i contatti a distanza e... ma talvolta offrono il destro adu una bieca spettacolarizzazione delle tragedie: non so se avete avuto modo di beccare in edicola la vhs o il dvd sulla tragedia targata tsunami, come se le immagini viste nei tg non fossero state abbastanza eloquenti o non abbiano soddisfatto pienamente il nostro gusto del macabro.
Lo stesso dicasi per lo show mediatico delle decapitazioni su internet. Ma attenzione il mio non è buonismo, nè tanto meno auspico censure, poichè ognuno è libero di decidere per sè, piuttosto tendo a stigmatizzare la speculazione sulla sofferenza altrui.
per il resto (vedi la solidarietà via sms, ecc.) non posso che ritenermi unfiglio del nostro tempo e quindi concordare con le riflessioni fatte dal mitico Ciro.

RIECCOMI!

vale greco - 18-2-2005 at 17:32

Buona sera a tutti, rieccomi !
Non è semplice reintegrarsi . Mi sento un tantino distante, perchè ancora non riesco a trovare un valido argomento su cui aprire una discussione..... L'unica cosa che in questo momento attira la mia attenzine, è l'esperienza fatta quest'estate a Galatina.
Per me sono stati giorni importanti , faticosi, ma soprattutto mi hanno dato l'opportunità di sentirmi veramente partecipe e integrata in questo giovane progetto, che mi auguro di cuore possa continuare a vivere e svilupparsi nel migliore dei modi.
Il lavoro svolto dai professori e da noi studenti credo sia stato in qualche modo premiato , perchè sono rimaste tracce indelebili in chi ha partecipato, convinto della validità del programma e di tutta la sua ricchezza.

riflettendo...parte I

Mimmo Capozzi - 19-2-2005 at 15:49

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
EBBENE il nuovo forum è nato e si vede che è ancora nella fase di gestazione... ne approfitto per alcune riflessioni:

lo tsunami...
se non ci fossero state quelle telecamare AMATORIALI sarebbe stato uno di quegli articoli che si leggono sui giornali a cui si sarebbero aggiunti servizi televisivi post-eventum,
ed invece dopo solo alcune ore tutti potevano guardare cio' che era accaduto...milioni sarebbero stati poi le quantità di denaro che si sarebbero spotati con un SMS.
In INTERNET si poteva connetersi agli ospedali della zona e dopo alcuni giorni erano stati creati portali d'accesso in quasi tutte le lingue...

Nei giorni del protocollo di KIOTO , una vocina mi dice che qualcosa lo si è fatto nonostante tutto.


L'innovazione telematica (e le sue applicazioni) senza dubbio sta trasformando sia il comparto industriale-diffusivo-occupazionale che l'intero assetto comunicazionale. Le autostrade informatiche stanno diventando il fondamento del nostro futuro modo di vivere. Reti cellulari, telefonia e diapason espansivo, tv interattiva, tv via cavo, dvd, ora Fast Tcp (scaricamento in cinque secondi del dvd da internet), videoconferenze: il presente-domani multimediale. Se siffatto tragitto è la base dell'interagire dell'uomo, occorre cercare di non demonizzare l'odierno e l'oltre elettronico e, nel frattempo, tentare (riuscendoci) di apportare ogni potenzialità democratica nel cuore delle "memorabili" trasformazioni. Convinto, sempre che non si possa frenare il progresso e il coacervo delle invenzioni, pena l'inabilità di capire i mutamenti storici e l'incapacità di contrastare i livelli di solitudine.

dietrolangolo - 21-2-2005 at 01:17

bho!!!
a me viene proprio difficile parlare con una tastiera...

Serena - 21-2-2005 at 11:34

ciao a tutti, come va? allora vi dico subito che mi piacerebbe parteciopare a questo nuovo corso del prof. infante, il problema ¨¨ che sono in francia, ho letto i punti in cui si articola il corso (appunto) ma...¨¨ gi¨¤ difficile quando si sta in italia e si seguono le lezioni, figuriamoci da qui! qualcuno puo' aiutarmi? cmq non manca molto al mio ritorno! Ah! per quanto riguarda la tregedia "tsunami" anche qui come in italia si ¨¨ messo in moto un sistema di comunicazione incredibile fra internet, sms, tv, radio ecc. credo pero' di non dirvi niente di sorprendente perch¨¨ oggi tutto questo ¨¨ la normale routine!

si inizia

MICHELE BLASI - 21-2-2005 at 13:22

Ciao a tutti(ciao Mimmo).Come stanno le cose li' in Italia?Qui in Francia va che ¨¦ una meraviglia.Allora...si izia di nuovo a scrivere sul forum.Qui dalla Francia non ci sono novit¨¤,a parte che ¨¦ stato tutto bellissimo,anche studiare!Sta volta voglio partecipare pi¨´ spesso alle discussioni del forum ma per il momento non ho niente da dire!Solo una cosa...FATE L'ERASMUS!!!E' un'esperienza spettacolare soprattutto se si vive in una citt¨¤ cosmopolita,a contatto con realt¨¤ diverse...¨¦ questo l'erasmus:un'esperienza di vita,non ¨¦ solo "esami pi¨´ facili e ragazze straniere"....bene...ci sentiamo presto!

ariba!

luca - 21-2-2005 at 23:41

ecco l'immagine che trovato nel forum
credo si riferisca a sambin
l'ho scelta...

se mettete le vostre foto

carlo - 21-2-2005 at 23:50

riesco a ricordarmi meglio di voi
e a lavorare meglio

siete tanti
e poi oltre a voi ci sono quelli dell'altra classe e quelli delle diverse altre classi sparse per la penisola (non solo quella salentina)

come fare?

andate qui
http://www.teatron.org/forum/viewthread.php?tid=229
cliccate su SFOGLIA e pescate dal vostro hard-disk una vostra foto
e spedite cliccando su RISPONDI come si fa normalmente nel forum

una volta pubblicata
andate con il mouse sulla foto e con il tasto destro cliccate
andate su PROPRIETA'
apparirà l'URL (l'indirizzo web) di questa foto
marcatelo e copiatelo (sempre con il tasto destro)

a questo punto andate su PROFILE,
il pulsante che appare dentro la casella dei vostri interventi
il primo da sinistra
andate su AVATAR
e incollatelo lì
ed è fatta

vedo che il forum si sta timidamente attivando
+ che altro da parte di chi è lontano
tanto x sentirsi + vicino

buona cosa no?

la prossima lezione il 3.03
alle ore 11!

ma vi darò conferma a giorni sul forum

foto!

carlo - 21-2-2005 at 23:52

Quota:
Originariamente scritto da luca
ecco l'immagine che trovato nel forum
credo si riferisca a sambin
l'ho scelta...


bella scelta

ma trovo utili le vostre foto!
non lasciatemi solo con quel faccione

CIRO MASCIULLO - 22-2-2005 at 15:18

Quota:

Originariamente scritto da Mimmo Capozzi

... il presente-domani multimediale ....

Riallacciandomi al discorso alcune osservazioni sulle nuove strade del teatro, suggerite dalle esperienze di due diversi docenti:

- il sociale
- il multimediale

TOMA: l'intreccio tra teatro e diversità presunte, in un lavoro per lo più sul corpo

INFANTE : l'intreccio tra teatro e nuove spettacolarità

...possibile che nessuno abbia pensato a far intrecciare questi due mondi ... sarebbe il nodo di due congiunzioni diverse :
il nostro e il loro mondo attravesro i new media...un mondo a parte, un territorio creativo inesplorato.

non leggetelo x l'esame

carlo - 23-2-2005 at 10:17

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
Quota:

Originariamente scritto da Mimmo Capozzi

... il presente-domani multimediale ....

Riallacciandomi al discorso alcune osservazioni sulle nuove strade del teatro, suggerite dalle esperienze di due diversi docenti:

- il sociale
- il multimediale

TOMA: l'intreccio tra teatro e diversità presunte, in un lavoro per lo più sul corpo

INFANTE : l'intreccio tra teatro e nuove spettacolarità

<<<
la mia affermazione
nel caso (non so da dove l'hai estrapolato)
si riferisce:
1. ai tanti percorsi che in trent'anni hanno visto interagire teatro e nuovi media
2. sulle possibilità di far scaturire teatro dalle + diverse possibilità di comunicazione...
sono x rilanciare il principio dell'Happening

è qui che la dimensione sociale s'intreccia con quella performnativa

è qui che procede la mia idea di Performing Media

il mio libro l'avete letto?

...
non leggetelo x l'esame

è una cosa da leggere nel tempo
consultarlo quando è il momento giusto
x voi

CIRO MASCIULLO - 23-2-2005 at 15:12

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
Quota:

Originariamente scritto da Mimmo Capozzi

... il presente-domani multimediale ....

Riallacciandomi al discorso alcune osservazioni sulle nuove strade del teatro, suggerite dalle esperienze di due diversi docenti:

- il sociale
- il multimediale

TOMA: l'intreccio tra teatro e diversità presunte, in un lavoro per lo più sul corpo

INFANTE : l'intreccio tra teatro e nuove spettacolarità

<<<
la mia affermazione
nel caso (non so da dove l'hai estrapolato)
si riferisce:
1. ai tanti percorsi che in trent'anni hanno visto interagire teatro e nuovi media
2. sulle possibilità di far scaturire teatro dalle + diverse possibilità di comunicazione...
sono x rilanciare il principio dell'Happening

è qui che la dimensione sociale s'intreccia con quella performnativa

è qui che procede la mia idea di Performing Media

il mio libro l'avete letto?

...
non leggetelo x l'esame

è una cosa da leggere nel tempo
consultarlo quando è il momento giusto
x voi

<<<
.... sono alcune opinioni suggerite da
vostre esperienze su cui io ne traggo le mie conseguenze... quindi non è estrapolata da nessuna sua frase era un pò una riflessione, su dei percorsi formativi diversi...sul teatro...sulle nuove spettacolarità...mi dispiace essere stato poco chiaro...

- il discorso è questo.... si può unire un discorso di tipo "Sambiniano o studio azzurro" a un'esperienza con i disabili...o con la diversità in genere...

...QUINDI MI RIALLACCIO PERFETTAMENTE ALLE SUE AFFERMAZIONI:
..."interagire teatro e nuovi media"...
..." sulle possibilità di far scaturire teatro dalle + diverse possibilità di comunicazione"...

...Ma soprattutto le chiedo se c'è già stato qualcuno che si è occupato di un progetto simile ?


time rocker - 23-2-2005 at 15:46

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO

lo tsunami...
se non ci fossero state quelle telecamare AMATORIALI sarebbe stato uno di quegli articoli che si leggono sui giornali a cui si sarebbero aggiunti servizi televisivi post-eventum,
ed invece dopo solo alcune ore tutti potevano guardare cio' che era accaduto...milioni sarebbero stati poi le quantità di denaro che si sarebbero spotati con un SMS.
In INTERNET si poteva connetersi agli ospedali della zona e dopo alcuni giorni erano stati creati portali d'accesso in quasi tutte le lingue...

Nei giorni del protocollo di KIOTO , una vocina mi dice che qualcosa lo si è fatto nonostante tutto.



questo è il sito di Valerio, un quattordicenne che aveva sfruttato uno dei domini liberi della rete per impostare una pagina dedicata ai Simpsons. Subito dopo il maremoto, però, ha deciso di convertire il suo sito alla ricerca dei dispersi nei paesi disastrati. Chiunque può 'postare' informazioni al riguardo, e le altre news sono raccolte da siti Internet con server nei diretti paesi interessati - per esempio, la lista dei feriti è stata prelevata dal sito del Phuket hospital; il collegamento che permette di ascoltare sulla frequenza dei radio-amatori è stato fornito dal sito ufficiale dei radioamatori in Thailandia; mentre altre notizie, come i comunicati ecc., sono tratte dal sito del ministero per gli Esteri.
Di questa singolare vicenda se ne è parlato un pò in rete - desta stupore che un ragazzo di quattordici anni possa 'creare' una cosa del genere solo andandosi a cercare i link giusti nella rete e usufruendo di uno di quei 'wizard' on-line che ti seguono passo passo nella creazione del tuo sito senza che tu capisca un acino di html o roba del genere.
Eppure questa è una conferma che grazie ad internet ed alla tecnologia la vocina che sussurra a Ciro ha ragione.

P.s. off topic per Mimmo Garzapocchio: allora, l'hai presa la ristampa di 'stage'? è semplicemente straordinaria - la più alta dimostrazione della grandezza 'new wave' del Bowie 'berlinese'...

dietrolangolo - 23-2-2005 at 15:50

la tecnologia, sta entrando pian piano nelle nosrte vite, anzi velocemente...
nel tempo il teatro a subito vari cambiamenti, partendo dalla scenografia ai testi...
tutto è variato a seconda dei tempi, e fin qui tutto e lecito, ma può veramente la tecnologia darci quei valori della sala teatro...

time rocker - 23-2-2005 at 15:56

Quota:
Originariamente scritto da time rocker

questo è il sito di Valerio


cioè questo

http://www.tuttosimpsons.altervista.org

fuori sacco

Mimmo Capozzi - 23-2-2005 at 18:26

COMUNICATO AL COMPAGNO SERGEIJ DANILOV (per gli amici tocco di guancia)

La ristampa l'ho ordinata dal solito 'minchione' anche se quasi quasi questa volta lo bidono con una masterizzazione.
la prossima settimana pianifichiamo il progetto informatico e possibilmente mi dedichi un pò di tempo per il montaggio di quel demo

CIAO MIKE CIAO SERE è ora di tornare in patria


riflettendo...parte II

Mimmo Capozzi - 23-2-2005 at 18:32

"Ogni trasformazione è, almeno potenzialmente, anche una trasformazione linguistica" (G. Cremonini)

time rocker - 23-2-2005 at 22:06

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
"Ogni trasformazione è, almeno potenzialmente, anche una trasformazione linguistica" (G. Cremonini)


naturaliter, mimmo

p.s.: se vuoi ti copio io il duca, così pareggiamo il conto degli stones...

la tecnologia

MICHELE BLASI - 24-2-2005 at 12:48

Rispondo a dietrolangolo!
La tecnologia ha cambiato la nostra vita...il solo pensare che vi sto parlando dalla Francia puo' far riflettere su quanto sia importante...per quanto riguarda il mondo dell'arte,fra cui naturalmente inserisco il teatro,sicuramente la tecnologia,l'informatica e tutte le nuove 'innovazioni' apportano dei valori nuovi e senza dubbio interessanti.Certo non bisogna dimenticare che si puo' fare teatro anche solo con la parola o solo con il gesto ma perché non mettere a frutto il genio dell'uomo per creare delle rappresentazioni magari più interessanti e che possano magari interessare di più il pubblico giovane?Penso che sia anche più divertente in questo modo il teatro e quando si assiste ad uno spettacolo concepito in questi sensi si puo' anche capire meglio il senso della rappresentezione;questo perché i giovani,o comunque la maggior parte del mondo ora,vive 'con la tecnologia nella testa' e sono più portati a seguire degli spettacoli nei quali c'é di mezzo la 'tecnologia'.
Io dico una cosa:se la tecnologia puo' aiutare ad ad avvicinare la gente al teatro o al mondo dell'arte in generale,allora....benvenuta tecnologia!

Mimmo Capozzi - 26-2-2005 at 15:46

Leggendo l'intervento del caro time rocker sulla singolare quanto encomiabile iniziativa del quattordicenne Valerio mi è balenata un'idea: perchè non trasformiamo il sito, alquanto spento, http://www.dams-salento.it in un polo artistico , una sorta di bacheca multimediale su cui affiggere tutta la prole (e perchè no anche gli aborti) della nostra creatività? Foto, clip, stampe, saggi, poesie e chi più ne ha più ne metta, segni tangibili della nostra presenza; una sorta di spettacolarità comunicativa un pò arigianale, ma pur sempre degna d'attenzione e di riflessione critica.
Sicuramente in tal caso non vi è nessun riscontro umanitario, però questo potrebbe rappresentare un tentativo teso a creare quella partecipazione inter nos che un pò manca in questo dams.

a proposito di conversioni

Mimmo Capozzi - 26-2-2005 at 15:48

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Leggendo l'intervento del caro time rocker sulla singolare quanto encomiabile iniziativa del quattordicenne Valerio mi è balenata un'idea: perchè non trasformiamo il sito, alquanto spento, http://www.dams-salento.it in un polo artistico , una sorta di bacheca multimediale su cui affiggere tutta la prole (e perchè no anche gli aborti) della nostra creatività? Foto, clip, stampe, saggi, poesie e chi più ne ha più ne metta, segni tangibili della nostra presenza; una sorta di spettacolarità comunicativa un pò arigianale, ma pur sempre degna d'attenzione e di riflessione critica.
Sicuramente in tal caso non vi è nessun riscontro umanitario, però questo potrebbe rappresentare un tentativo teso a creare quella partecipazione inter nos che un pò manca in questo dams.

forse non vi rendete conto del mio sforzo

carlo - 26-2-2005 at 16:10

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
(...)un tentativo teso a creare quella partecipazione inter nos che un pò manca in questo dams.


chiario e tondo
finalmente una proposta ragionevole

ma dove eravate all'incontro a Melpignano con Boldrini
e alla presentazione del mio libro a Koreja?

forse non vi rendete conto del mio sforzo ad arrivare in salento dal piemonte
con una progettualità mai vista

detto questo entriamo nel merito:
con ciccolini e/o con altri miei collaboratori
utilizzeremno quel web al momento spento

prima di tutto voglio capire chi c'è:
ho chiesto la foto
e foto sia

usate altre immagini x i nickname (giocateveli, lo auspico! ci si libera dalla schizofrenia latente)

e iniziamo a lavorare sulla progettualità
penso già ad una sinergia con il master
Genius Loci

e nel frattempo chiedo a tutti di prendere in considerazione una partecipazione al concorso nazionale
Scrittura Mutante
http://www.trovarsinrete.org/concorsosm2005.htm

non sarebbe male un intervento alla Fiera del Libro di Torino
uno degli eventi culturali + importanti del paese

time rocker - 28-2-2005 at 10:17

Quota:
Originariamente scritto da carlo

prima di tutto voglio capire chi c'è:
ho chiesto la foto
e foto sia

usate altre immagini x i nickname (giocateveli, lo auspico! ci si libera dalla schizofrenia latente)



quindi prof devo togliere dal mio avatar la fantastica copertina di 'the velvet underground live 1969 with lou reed' ?
le faccio notare che la mia paffuta faccia non si discosta poi molto dal sederone ritratto su quel disco...sono molto triste perchè lei sembra non ricordarsi di time rocker...sigh...:-(

mi consolo postando il link ad un sito che forse offrirà qualche spunto di riflessione, per chi capisce l'inglese e il significato del dominio di

http://www.internetisshit.org/

noi e il nostro doppio

teatron - 28-2-2005 at 10:36

Quota:
Originariamente scritto da time rocker
Quota:
Originariamente scritto da carlo

prima di tutto voglio capire chi c'è:
ho chiesto la foto
e foto sia

usate altre immagini x i nickname (giocateveli, lo auspico! ci si libera dalla schizofrenia latente)



quindi prof devo togliere dal mio avatar la fantastica copertina di 'the velvet underground live 1969 with lou reed' ?
le faccio notare che la mia paffuta faccia non si discosta poi molto dal sederone ritratto su quel disco...sono molto triste perchè lei sembra non ricordarsi di time rocker...sigh...:-(


allora
sono d'accordo con te:
quelle curve targate velvet
è un peccato toglierle

propongo questo:
tienile x intervenire in libertà nel dialogo

ma sto pensando di qualificare l'uso del forum x la didattica
organizzando percorsi cognitivi
e di conseguenza contare sui
vostri output da memorizzare
con nomi e facce

se facciamo così possiamo raggioungere ottimi risultati
e lavorare meglio quando vengo a LE

propongo quindi di usare avatar e nickname come pratica ludica nella sperimentazione nel forum
(senza cazzeggiare)
e di usare nomi e volti reali

chi lo fa sarà premiato nella valutazione
chi no
no

claro?

mantieni il tuo avatar e giocatelo come "doppio"
dopotutto anche artaud
parlava del "teatro e il suo doppio"

a proposito chi vuole una lezione densa su
"I presagi di Artaud. Alterità del corpo e mutazione, tra scena e virtualità" ?

fatevi sotto
questo forum langue

prevedevo lezioni il 2-3 marzo ma le ho cancellate (avevano annunciato uno sciopero nazionale dell'università ... quanto pare un altro è il 18.03)

verrò quindi dal 16 al 18
e per il 18 c'è in cantiere
una "chicca" x voi tutti al Museo Provinciale...

saprete...

vi siete ricordati di cliccare su NOTIFICA VIA EMAIL?
è importante v'informa appena arriva qualcosa di nuovo nel forum

sergio sozzo - 28-2-2005 at 11:48

ricevuto prof!!!!
a proposito, io (e) time rocker sarei/mmo molto interessati alla lezione su artaud..

MICHELE BLASI - 28-2-2005 at 12:44

Mi sembra giusto mettere il proprio nome e la propria faccia.Io il nome l'ho messo,datemi il tempo di arrivare in Italia e mettero' anche la foto.Spero di riuscire a seguire già delle lezioni la settimana prossima e anche ad Artaud,sempre se quella dell'ufficio erasmus mi lascia un po' libero...a presto

...ASPETTANDO ARTAUD...

CIRO MASCIULLO - 28-2-2005 at 14:47

"Non voglio riprodurmi nelle cose, ma voglio che le cose si riproducano attraverso di me. Non voglio un`idea della mia poesia e non voglio vedermici."

A. ARTAUD.jpg - 11kB

...PER SAPERNE poco PIU'...

CIRO MASCIULLO - 28-2-2005 at 14:57

...un link utilissimo...

http://www.artaud.net


"Anch`io ho trascorso nove anni in un manicomio per alienati e non ho mai avuto l`ossessione del suicidio, ma so che ogni conversazione con uno psichiatra, al mattino, all`ora della visita, mi dava voglia d`impiccarmi, sapendo che non avrei potuto sgozzarlo."

A.Artaud




ATTENZIONE!
sono intervenuto io (carlo, il prof)
x correggere il link
DATE UNO SPAZIO SUBITO DOPO L'INDIRIZZO

ciro
può farlo anche te
cliccando su EDIT
e anch'io in quanto AMMINISTRATORE
non lo faccio mai
l'ho fatto ora solo x correggere quel link prezioso
grazie d'averlo messo
un buon modo d'usare il forum e mettere
link preziosi!

...RIGUARDO L'ANONIMATO...

CIRO MASCIULLO - 28-2-2005 at 15:04

Quota:
Originariamente scritto da dietrolangolo
prof. credo che il successo di internet, sia in qualche modo collegato all' anonimato, è molto facile parlare in chat, perchè se spari " cazzate" nessuno ti conosce, e tutto svivola via... ( vale per tutto il resto, non solo la chat)
quindi credo anche che il successo del forum dell'anno scorso, sia dovuto all'anonimato, ogniuno e più libero se al sicuro..... non tutti sono dei campioni di sicurezza, quindi forse sbaglio, ma ......
voi cosa ne pensate????
voi tutti intendo!!!!!
cmq, se proprio serve, ok faro un calendario 2005 (ah, ah )


...i nomi prima o poi si finisce col dimenticarli, i volti è un po' più difficile...parlare con gli amici immaginari...
è più complicato...


è possibile e auspicabile

carlo - 28-2-2005 at 22:10

Quota:
Originariamente scritto da dietrolangolo
prof. credo che il successo di internet, sia in qualche modo collegato all' anonimato, è molto facile parlare in chat, perchè se spari " cazzate" nessuno ti conosce, e tutto svivola via... ( vale per tutto il resto, non solo la chat)
quindi credo anche che il successo del forum dell'anno scorso, sia dovuto all'anonimato...

certo
lo
con i nickname è + semplice
e ripeto quello che ho detto
attraverso il mio avatar TEATRON
(che ho usato x sbaglio...)

usate i nickname anche
x giocare nel forum (senza dire/fare stupidaggini)
ma nel percorso didattico
(il forum serve + che altro a questo)
mettete nomi e foto

giocatevele queste seconde identità

è possibile e auspicabile

ci vediamo il 16 marzo

appena si definiscono con precisione le date
ve lo faccio sapere

chelsea girl - 1-3-2005 at 09:33

Quota:
Originariamente scritto da carlo

prima di tutto voglio capire chi c'è:



io ci sono...
con un avatar nuovo di zecca!!!!!

clara luceri - 1-3-2005 at 09:42

ed eccomi qui...appena tornata dal chelsea hotel di new york...sapeste che gente che gira da quelle parti...

...Link...

CIRO MASCIULLO - 1-3-2005 at 23:25

Quota:
Originariamente scritto da Carlo

...un buon modo d'usare il forum e mettere
link preziosi!



http://www.studioazzurro.it


essere conseguenziali

Mimmo Capozzi - 2-3-2005 at 10:40

nel mio piccolo ho già cominciato a dare qualche contributo al sito dams-salento...in fondo è divertente...facciamolo un pò tutti

Ragionare random o seguire una traccia?

Mimmo Capozzi - 2-3-2005 at 10:51

Prof, so che lei è un fautore del ragionare 'random' ma credo che per non creare molta confusione sia auspicabile creare momenti di attenzione su argomenti specifici...vero? Il sasso Artaud che lei ha lanciato pare sia stato colto...è il caso di continuare a sviscerarlo, creando così di fatto un primo polo tematico, o intende trattarlo in separata sede?

Antonin Artaud

Mimmo Capozzi - 2-3-2005 at 11:05


Artaud, Antonin (Marsiglia 1896 - Ivry-sur-Seine 1948), poeta, regista, teorico del teatro e attore francese.

Nato ed educato a Marsiglia, Artaud si stabilì nel 1920 a Parigi dove debuttò in teatro come attore, lavorando tra gli altri con Charles Dullin e Georges Pitoëff. Nel 1925 aderì al movimento surrealista, dal quale venne però presto espulso; un anno dopo fondò con Robert Aron e Roger Vitrac il Théâtre Alfred Jarry. Quattro furono gli spettacoli realizzati dal Théâtre Alfred Jarry prima dello scioglimento, avvenuto nel 1930 a causa delle pressanti difficoltà economiche e materiali e della scarsa intesa fra Artaud e Vitrac.

Nello stesso periodo lavorò anche nel cinema, interpretando una ventina di film tra cui La passione di Giovanna d'Arco (1927) di Carl Theodor Dreyer. Nel 1931 assistette a una rappresentazione di teatro balinese : fu profondamente colpito dalla sua natura rituale e dal ruolo centrale rivestito dalla gestualità e dall'espressione corporea, traendone spunto per l'elaborazione della propria idea di teatro.

TEATRO DELLA CRUDELTÀ

Nei primi anni Trenta Artaud pubblicò il primo manifesto del "Teatro della crudeltà", nel quale affermò la necessità di realizzare un teatro che abbattesse la dittatura del testo e si basasse su violenti effetti scenici, costringendo gli spettatori disorientati a confrontarsi col proprio io più profondo e primario. Per sperimentare la propria concezione teatrale scrisse poi il dramma I Cenci (1935), che mise in scena curandone la regia e interpretando il ruolo del protagonista.

Nel 1937 la malattia mentale che lo affliggeva da molto tempo si aggravò, e fu internato in manicomio dove restò per nove anni. Debilitatissimo nel fisico, Artaud trascorse l'ultima parte della sua vita creando messe in scena, testi poetici e drammatici, e nel 1947 scrisse e registrò uno spettacolo radiofonico, Per finirla con il giudizio di Dio, che avrebbe dovuto rappresentare il primo vero esempio di Teatro della crudeltà, ma che non fu mai trasmesso.

Le idee di Artaud hanno influenzato profondamente la sperimentazione teatrale moderna, ispirando tra gli altri il lavoro di Peter Brook, Jerzy Grotowski e del Living Theatre. Molti dei suoi scritti sul teatro sono stati raccolti nel volume Il teatro e il suo doppio (1938).



sergio sozzo - 2-3-2005 at 12:40

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
nel mio piccolo ho già cominciato a dare qualche contributo al sito dams-salento...in fondo è divertente...facciamolo un pò tutti


belli i tuoi scatti in bianco e nero che hai messo on-line l'8 febbraio, garzapocchio (forti gli 'effetti'...)...saw things so much clearer once in my rearviewmirror (ed vedder).

Mimmo Capozzi - 2-3-2005 at 14:58

Quota:


belli i tuoi scatti in bianco e nero che hai messo on-line l'8 febbraio, garzapocchio (forti gli 'effetti'...)...saw things so much clearer once in my rearviewmirror (ed vedder).


grazie, ne ho aggiunti degli altri qualche ora fa...perdona 'l'ignoranza' non ho colto la citazione

link all'ipertesto

carlo - 2-3-2005 at 15:53

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi

Artaud, Antonin (Marsiglia 1896 - Ivry-sur-Seine 1948), poeta, regista, teorico del teatro e attore francese.


eccellente
mimmo

sai a cosa corrisponde questo tuo modo d'intervenire?
peer education

avrete sentito parlare del peer to peer
(da pari a pari) legato al fenomeno del fil sharing
quel scambiarsi file (+ che altro musicali) che ha fatto il successo di napster

ma il peer to peer esiste anche nel nostro forum
si scambiano informazioni senza aspettare che arrivino dall'alto della docenza

basta aver già fatto qualche tempo prima un esame, aver letto un libro, aver vosto uno spettacolo che t'ha aperto la porta del desiderio di conoscenza
o aver interrogato google al volo

e si mette il paletto sulla domanda
ma chi è quest'artaud

e io dico
è uno dei + grandi del Novecento
è uno di quelli che ha aperto la pista della mutazione culturale relativizzando il razionalismo occidentale
a lui ( e a Nietzsche: uno dei + grandi dell'Ottocento) ho dedicato questo ipertesto che sarà alla base della mia lezione-oratoria (basata su video)
che farò il 16.03 alle ore 11
pensavo di aprirla anche a quelli del II anno
siete d'accordo?

ecco il link all'ipertesto
http://www.teatron.org/dioniso/presagi.html

fa parte di un progetto ispirato da dioniso...

andate su Home troverete un animazione in flash

davvero interessante!!

Mimmo Capozzi - 2-3-2005 at 17:21

"solo chi ha dentro il caos può generare una stella danzante"

Questi i testi dove poter approfondire il genio Artaud:
Attisani, A., Enciclopedia del teatro del '900, Feltrinelli, Milano 1980.

Bonacina, R., Artaud, il pubblico e la critica, La Nuova Italia, Firenze 1984.

Pasi, C., Artaud attore, La Casa Usher, Firenze 1989.

Ruffini, F., I teatri di Artaud. Crudeltà corpo-mente, Il Mulino, Bologna 1996.

l'occhio tagliato Artaud il burro la televisione

sergio sozzo - 3-3-2005 at 11:46

venerdi 6 e sabato 7 febbraio Ghezzi ha dedicato le notti di Fuori Orario a "pour en finir avec le jugement/CENSURA", mandando in onda un montaggio della durata di una mezz'oretta, a cura di Donatello Fumarola e Ciro Giorgini a partire dalle immagini di Antonin Artaud, comprendente l'opera radiofonica Pour en finir avec le jugement de Dieu.
Per il resto delle notti ha mandato la "Trilogia della Vita" di Pasolini (Decameron, Racconti di Canterbury, Fiore delle Mille e una Notte), Ultimo Tango a Parigi, e lo straordinario Dreyer de La Passione di Giovanna D'Arco, interpretato tra gli altri, come è noto, dallo stesso Artaud.
per maggiori informazioni e divagazioni su quelle straordinarie notti
http://www.raitre.rai.it/R3_popup_articolofoglia/0,6844,43%5E2081,0...

time rocker - 3-3-2005 at 12:18

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
un montaggio della durata di una mezz'oretta, a cura di Donatello Fumarola e Ciro Giorgini a partire dalle immagini di Antonin Artaud, comprendente l'opera radiofonica Pour en finir avec le jugement de Dieu.


pensadoci bene, io e il mio Premiere abbiamo una voglia matta di seguire le orme di Fumarola e Giorgini...prof, dove posso procurarmi una copia della trasmissione di Artaud (e magari la trascrizione del testo), così mi metto al lavoro? il link sul suo ipertesto non mi si apre...ricordo che lei la fece sentire a "il suono del teatro"...voglio che dall'"immaterialità del nostro ascolto" - come lei disse quel giorno a koreja - le parole di Artaud passino alla "falsa" materialità delle immagini (da me) "scelte" (?).


clara luceri - 3-3-2005 at 12:44

sergio, se vuoi ti do una mano io - dài, torniamo ai fastosi tempi di the raven come l'anno scorso...!!!!

good idea

Mimmo Capozzi - 3-3-2005 at 17:03

Quota:
...ricordo che lei la fece sentire a "il suono del teatro"...voglio che dall'"immaterialità del nostro ascolto" - come lei disse quel giorno a koreja - le parole di Artaud passino alla "falsa" materialità delle immagini (da me) "scelte" (?).



puoi contare anche su di me...mi sa tanto che si sta riocoagulando il gruppo "the raven"...anche se immagino - sperando di aver colto in pieno la tua idea - che stavolta il confronto sarà molto più avvincente, perchè l'accostamento di immagini animate al testo (censurato dalla radio francese) pone necesseriamente lìincontro-scontro di più soggettività, di più modi sentire, di più modi di rappresentare o non-rappresentare: ma forse il bello sta proprio qui.

time rocker - 3-3-2005 at 17:17

Clara, Mimmo...a questo punto, dopo l'approvazione del Prof - che spero tanto arrivi - , l'appuntamento per il 'confronto' è allo studio di Giacomo Madaro!!

lezioni 16,17,18 marzo

carlo - 6-3-2005 at 23:45

Quota:
Originariamente scritto da time rocker
Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo il link sul suo ipertesto non mi si apre...

<<<
come non s'apre?
l'ho appena provato...
riprova
è html non c'è flash in quella pagina
<<<

ricordo che lei la fece sentire a "il suono del teatro"...voglio che dall'"immaterialità del nostro ascolto" - come lei disse quel giorno a koreja - le parole di Artaud passino alla "falsa" materialità delle immagini (da me) "scelte" (?).

<<<
bene
ricordi l'ascolto
della trasmissione radiofonica di Artaud

se fai l'editing della trasmissione di rai3 su artaud
vinci un bel pò di "crediti"


e ora
lancio qui il programma delle prossime lezioni
verificate bene che non ci siano sovrapposizioni con altre lezioni
e fatemi saper qui nel forum!

manderò il programma anche in segreteria

16 marzo
ore 12/13
lezione sul piano didattico di quest'anno

17 marzo
ore 9/11
definizione delle linee di progettazione

ore 11/13
lezione congiunta con il II anno
con la conferenza-spettacolo multimediale
su
"I presagi di Artaud"

18 marzo
alle ore 19 al Museo Provinciale "Castromediano"
viale Gallipoli, 28
conferenza-spettacolo multimediale

“Prometeo: il fuoco, la ribellione, le tecnologie”

interviene
Francesco Antinucci
Istituto di Scienze e Tecnologie della Cognizione del CNR

qui trovate i dettagli
http://www.teatron.org/forum/viewthread.php?tid=287

quest'appuntamento è importante!
ci conto
ricordate che partecipare agli eventi pubblici
è vitale x il lavoro che facciamo insieme



programma lezioni da stampare

carlo - 7-3-2005 at 09:22

e da far girare!

Allegato: programma delle lezioni di marzo.rtf (10kB)
Questo file è stato scaricato 438 volte


CONFERENZA-SPETTACOLO MULTIMEDIALE

CIRO MASCIULLO - 7-3-2005 at 10:23

...finalmente conferenze in cui al dialogo spesso bidirezionale...si aggiunge qualcosa di nuovo...che MI "addolcisce" "il GUARDARE" !

PICCOLE RIFLESSIONI

CIRO MASCIULLO - 7-3-2005 at 10:38

...ahhh quanto si è allargato il campo delle arti...la concezione dell'arte stessa, prima era semplicissimo: POESIA, SCULTURA, PITTURA...ma dal '900 (il secolo più incredibile di tutte le storie) tutto è cambiato, HAPPINING , PERFORMANCE, ISTALLAZIONI....video...digitale...spettacoli multimediali...LAND ART, ARTE CONCETTUALE, POESIA VISIVA, OPTICAL ART...


Ma come può il pubblico capire, orientarsi in questo abisso di diversità spesso rinchiusi in manuali che spaziano dalla Grecia Classica alla contemporaneità...

...Credo che tutto debba essere sezionato sino all'inverosimile...che vadano create categorie in base agli sviluppi in ogni pratica artistica...

un esempio: LA PERFORMANCE non potrebbe essere una pratica legata al teatro e ai suoi sviluppi.....

"LA DANZA DEL CORPO"

vale greco - 7-3-2005 at 11:24

Interessante il link su Artuad,in particolare ciò che Galimberti scrive sulla danza:... "Liberandosi nella pura gestualità non intenzionata,il danzatore descrive un mondo che è al di là di tutti i codici e di tutte le relative iscrizioni , perchè nella danza l'unico segno invisibile è quello in cui il corpo iscrive se stesso tra la terra e il cielo. in questo senso la danza costituisce un mezzo per sfuggire alla serietà dei codici che ci minacciano.Scivolando l'uno sull'altro , nella danza i movimenti del corpo ,non si lasciano individuare, e quindi neppure analizzare, perchè danzanti...Per la rapidità dei movimenti, la danza cancella di colpo le figure appena costruite,continua creazione e costruzione del mondo"...
E' forse danzando attraverso la leggerezza dei corpi,che ripristina quella dei simboli,che possiamo sfuggire al sistematico rigore dei codici??????????

editate gente, editate

Mimmo Capozzi - 7-3-2005 at 16:18

Quota:
Originariamente scritto da time rocker
Clara, Mimmo...a questo punto, dopo l'approvazione del Prof - che spero tanto arrivi - , l'appuntamento per il 'confronto' è allo studio di Giacomo Madaro!!


la benedizione del prof. è arrivata...quindi ci vediamo al laboratorio di Jacopo...ho già qualche idea.

Mimmo Capozzi - 7-3-2005 at 16:25

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
...ahhh quanto si è allargato il campo delle arti...la concezione dell'arte stessa, prima era semplicissimo: POESIA, SCULTURA, PITTURA...ma dal '900 (il secolo più incredibile di tutte le storie) tutto è cambiato, HAPPINING , PERFORMANCE, ISTALLAZIONI....video...digitale...spettacoli multimediali...LAND ART, ARTE CONCETTUALE, POESIA VISIVA, OPTICAL ART...


Ma come può il pubblico capire, orientarsi in questo abisso di diversità spesso rinchiusi in manuali che spaziano dalla Grecia Classica alla contemporaneità...

...Credo che tutto debba essere sezionato sino all'inverosimile...che vadano create categorie in base agli sviluppi in ogni pratica artistica...

un esempio: LA PERFORMANCE non potrebbe essere una pratica legata al teatro e ai suoi sviluppi.....


La Performance nella terminologia teatrale è lo spettacolo rappresentato, in quanto evento unico e irripetibile. La definizione di performance, o "testo dello spettacolo", è stata coniata da Richard Schechner, insegnante di arte drammatica all'Accademia di New York ed esponente dell'avanguardia teatrale americana: con questo termine viene indicato l'evento della rappresentazione teatrale, che coinvolge attori e pubblico e comprende le azioni rappresentate, le reazioni degli spettatori e ogni sorta di interazione tra palcoscenico e platea.

Diversamente dal testo drammatico scritto, che può essere letto e divulgato indipendentemente dallo spettacolo, la performance non si può trasmettere né riprodurre. È un evento unico, che si verifica una volta sola: nemmeno una registrazione visiva e sonora lo restituisce fedelmente. La registrazione, infatti, non può cogliere la simultaneità delle azioni che accadono nel corso dello spettacolo e comunque il punto di vista della macchina è unico, e dunque può corrispondere tutt'al più a quello di un solo spettatore. Performance text, invece, è tutto quello che succede durante lo spettacolo, compreso lo sguardo e le emozioni simultanee di tutti gli spettatori.

Il concetto di performance rende immediatamente evidente la differenza fra il modo tradizionale di intendere il teatro e il nuovo corso della sperimentazione teatrale inaugurato negli anni Sessanta. La stessa nozione di drammaturgia ne risulta modificata: essa non include più soltanto le azioni previste dal testo scritto, ma tutti gli eventi del momento teatrale: quindi, oltre alla recitazione degli attori, il gioco delle luci, le musiche, la presenza degli spettatori. Sono infatti tutti questi elementi simultanei, concertati nel montaggio, a creare lo spettacolo, ovvero la performance.



time rocker - 7-3-2005 at 21:54

Quota:
Originariamente scritto da carlo
Quota:
Originariamente scritto da time rocker
Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo il link sul suo ipertesto non mi si apre...

<<<
come non s'apre?
l'ho appena provato...
riprova
è html non c'è flash in quella pagina
<<<


intendevo il link a "per finirla col giudizio di dio" all'interno del suo ipertesto...che anche adesso non mi si apre...però ho visto che la trasmissione sta anche su artaud.net scaricabile in mp3...vedrò cmq di procurarmela in qualche modo...sergio

PERFORMANCE

CIRO MASCIULLO - 8-3-2005 at 17:46

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
...ahhh quanto si è allargato il campo delle arti...

un esempio: LA PERFORMANCE non potrebbe essere una pratica legata al teatro e ai suoi sviluppi.....


La Performance nella terminologia teatrale è lo spettacolo rappresentato, in quanto evento unico e irripetibile...Il concetto di performance rende immediatamente evidente la differenza fra il modo tradizionale di intendere il teatro e il nuovo corso della sperimentazione teatrale inaugurato negli anni Sessanta...




...prezioso... ma la mia è una affermazione più "furba"...come mai E. De Filippo non c'è in una storia dell'arte e una performance si ?


Mimmo Capozzi - 9-3-2005 at 10:21

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
...ahhh quanto si è allargato il campo delle arti...

un esempio: LA PERFORMANCE non potrebbe essere una pratica legata al teatro e ai suoi sviluppi.....


La Performance nella terminologia teatrale è lo spettacolo rappresentato, in quanto evento unico e irripetibile...Il concetto di performance rende immediatamente evidente la differenza fra il modo tradizionale di intendere il teatro e il nuovo corso della sperimentazione teatrale inaugurato negli anni Sessanta...




...prezioso... ma la mia è una affermazione più "furba"...come mai E. De Filippo non c'è in una storia dell'arte e una performance si ?

...probabilmente perchè l'etichetta performance raccoglie più sottogeneri che a partire dalla seconda metà del XX sec. hanno costituito un nuovo mondo espressivo (da Gina Pane ad Antunez, etc.), mentre (il Grande) Eduardo è una delle tante pagine della storia del teatro...tutto dipende dal punto di vista, cioè se consideriamo una 'storia universale delle pratiche artistiche' o 'le storie'.

E se imaginassimo una performance Scarpettiana?

Grazie Sergio

Mimmo Capozzi - 9-3-2005 at 10:27

davvero 'gustoso' il doppio "Stage"...a buon rendere.

time rocker - 9-3-2005 at 12:20

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
davvero 'gustoso' il doppio "Stage"...a buon rendere.


sì...non mi convincono le rivisitazioni dell'epoca ziggystardust (tolta forse 'star', mentre so che clara adora questo arrangiamento 'hawaiano' di 'soul love'), ma il resto è pura goduria...incredibile anche 'alabama song' di brecht/weil, e coraggiosissima la decisione di riproporre dal vivo gli strumentali ambient di brian eno...i brani di 'station to station' sono tutti molto meglio che in studio...forse perchè alla chitarra non c'è più l'odioso earl slick (quasi intollerabile su 'david live') !!!!!!!!
fine della parentesi musicale ;-)

bowie02.jpg - 14kB

CIRO MASCIULLO - 9-3-2005 at 14:41

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
...ahhh quanto si è allargato il campo delle arti...

un esempio: LA PERFORMANCE non potrebbe essere una pratica legata al teatro e ai suoi sviluppi.....


...La Performance nella terminologia teatrale è lo spettacolo rappresentato,... inaugurato negli anni Sessanta...




...prezioso... ma la mia è una affermazione più "furba"...come mai E. De Filippo non c'è in una storia dell'arte e una performance si ?

...tutto dipende dal punto di vista, cioè se consideriamo una 'storia universale delle pratiche artistiche' o 'le storie'.



Era propria qui che volevo arrivare è ora di considerare le storie delle pratiche artistiche e non più LA STORIA DELL'ARTE...

chelsea girl - 9-3-2005 at 17:36


Quota:
Originariamente scritto da time rocker
mentre so che clara adora questo arrangiamento 'hawaiano' di 'soul love'


certo che la adoro...bowie è il mio 'artista da ballo' preferito - per me 'soul love' è seconda soltanto a 'china girl' e 'wild is the wind'...!!!!

p.s.: ma 'alabama song' non stava anche sul primo dei doors????

ciak01.jpg - 15kB

"CAROVANA PER L'ARTE"

vale greco - 10-3-2005 at 13:56


Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
...ahhh quanto si è allargato il campo delle arti...la concezione dell'arte stessa, prima era semplicissimo: POESIA, SCULTURA, PITTURA...ma dal '900 (il secolo più incredibile di tutte le storie) tutto è cambiato, HAPPINING , PERFORMANCE, ISTALLAZIONI....video...digitale...spettacoli multimediali...LAND ART, ARTE CONCETTUALE, POESIA VISIVA, OPTICAL ART...


Ma come può il pubblico capire, orientarsi in questo abisso di diversità spesso rinchiusi in manuali che spaziano dalla Grecia Classica alla contemporaneità...

...Credo che tutto debba essere sezionato sino all'inverosimile...che vadano create categorie in base agli sviluppi in ogni pratica artistica...

un esempio: LA PERFORMANCE non potrebbe essere una pratica legata al teatro e ai suoi sviluppi.....


Ciao Ciro, volevo chiderti , ma secondo te , cos'è l'Arte?....
Per me il corpo dell'Arte è lo specchio delle verità, a volte nascoste, a volte svelate, a volte perse irrevocabilmente...
Il teatro secondo me è anche questo, al di là dei suoi possibili sviluppi...


dietrolangolo - 10-3-2005 at 15:31

ciao Mimmo, a quanto vedo il tuo fotografo e il mio, sono la stessa persona!!!

el grillo.gif - 29kB

Mimmo Capozzi - 10-3-2005 at 16:51

Quota:
Originariamente scritto da dietrolangolo
ciao Mimmo, a quanto vedo il tuo fotografo e il mio, sono la stessa persona!!!


sono foto le nostre del tempo in cui parlare di epistemologia delle pratiche artistiche era davvero rischioso!!

l'arte non è l'imitazione della vita...

carlo - 10-3-2005 at 17:02

bene state popolando il forum
e lo state facendo vostro

ottimo

anche se non è da dimenticare
mai
che questo forum è legato ad un'attività formativa

detto questo vediamo se riusciamo a riprendere il filo...

mi piacerebbe ragionare con voi su alcune ipotesi di progettazione multimediale (performing media!) da sperimentare sul territorio

andate a vedere
nel forum del libro...
http://www.teatron.org/forum/viewthread.php?tid=248&page=5
i miei studenti IED (il forum che ho con loro è purtroppo chiuso con password personali) di TO
hanno elaborato delle simulazioni
e le hanno presentate all'esame

ci si potrebbe ragionare su

e inventarci qualcosa x il salento...

chi di voi non ha visto il CD-Rom
"E-Motion" ?

un bel pò
mi pare
visto che da Koreja alla presentazione del mio libro eravate in pochi...

allego una nota con la scaletta...

e metto qui
il concetto che apre la navigazione
credo possa esservi utile a quella riflessione sull'arte

ricordatemi di riprendere questa questione
durante la lezione... ci tengo

"l'arte non è l'imitazione della vita
ma la vita è l'imitazione
di un principio trascendente
col quale l'arte ci rimette
in comunicazione"

a.artaud

Allegato: Corpi e Mondi Virtuali.rtf (8kB)
Questo file è stato scaricato 475 volte


Mimmo Capozzi - 10-3-2005 at 17:05

Quota:
Originariamente scritto da vale greco

Ciao Ciro, volevo chiderti , ma secondo te , cos'è l'Arte?....
di là dei suoi possibili sviluppi...


ciao Vale, alla tua domanda alcuni hanno risposto così:

Ciò attraverso cui le forme diventano stile. MARLAUX

Non è altro che la suggestione di un particolare. C.ALVARO

L'arte è un'amante gelosa. R.W.EMERSON

L'arte è un antidestino. MARLAUX

Arte è ciò che il mondo diventerà, non ciò che il mondo è. K. KRAUS

L'arte è la menzogna che ci permette di conoscere la verità. P.PICASSO

L'arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità. Th.W.ADORNO

L'arte è uno dei mezzi che uniscono gli uomini. L.N.TOLSTOJ

Tutta l'arte è completamente inutile. O.WILDE

L'arte non è uno speccjìhio per riflettere il mondo, ma un martello per forgiarlo. V.MAJAKOVSKIJ

Tutta l'arte è un problema di equilibrio fra due opposti. C.PAVESE

L'arte è il luogo della perfetta libertà. A.SUARES

nel segno di Artaud

Mimmo Capozzi - 10-3-2005 at 17:23

Ola Sergio, sei riuscito a scaricare gli mp3 relativi al testo di Artaud?
Penso che, nonostante il nostro progetto di editing non sia prettamente collegato al territorio salentino, possa comunque essere attinente al discorso delle pratiche artistiche multimediali. Giusto prof. ?

il NOSTRO corso

carlo - 10-3-2005 at 17:36

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Ola Sergio, sei riuscito a scaricare gli mp3 relativi al testo di Artaud?
Penso che, nonostante il nostro progetto di editing non sia prettamente collegato al territorio salentino, possa comunque essere attinente al discorso delle pratiche artistiche multimediali. Giusto prof. ?


certo
parliamone quando ci vediamo il 16.03
alle ore 12

il foglio con gli orari sta girando?

stampatelo!

ragazzi datemi una mano a funzionare il
NOSTRO corso

sergio sozzo - 10-3-2005 at 17:53

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Ola Sergio, sei riuscito a scaricare gli mp3 relativi al testo di Artaud?


li sto cercando tra i meandri della rete...li troverò, li troverò, come trovai quella puntata dei simpson dove parodiavano 'il corvo' di poe...aspetto il 16 per parlare col prof del nostro progetto

off topic per garzapocchio: vedi che il tuo 'starman' sul sito italiano di bowie - http://www.velvetgoldmine.it - è valutato 9/10 nella sezione bootleg...credo che qualcuno pagherebbe oro per averlo - tienitelo stretto!!!!!

che cos'è l'arte

clara luceri - 10-3-2005 at 18:47

mi invitate a nozze...come non citare Wilde con alcuni passi tratti da "Il ritratto di Dorian Gray", che ho letto in gioventù(diciamolo...Wilde riletto dopo le paranoie adolescenziali,affascina di meno). da quando ho approfondito le mie conoscenze "artistiche" per motivi di studio,però, alcune sue idee di fondo mi appaiono illuminanti. Inizia la citazione...
"Viviamo in un mondo che considera l'arte una forma di autobiografia. Abbiamo perduto il senso astratto della bellezza"...o ancora"Il semplice fatto di aver pubblicato un libro di sonetti scadenti rende un uomo completamente irresistibile.Egli vive la poesia che non sa scrivere..." forse sono idee da"MATUSA" , ma tant'è...

L'ARTE?...

vale greco - 11-3-2005 at 13:54

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Quota:
Originariamente scritto da vale greco

Ciao Ciro, volevo chiderti , ma secondo te , cos'è l'Arte?....
di là dei suoi possibili sviluppi...


ciao Vale, alla tua domanda alcuni hanno risposto così:

Ciò attraverso cui le forme diventano stile. MARLAUX

Non è altro che la suggestione di un particolare. C.ALVARO

L'arte è un'amante gelosa. R.W.EMERSON

L'arte è un antidestino. MARLAUX

Arte è ciò che il mondo diventerà, non ciò che il mondo è. K. KRAUS

L'arte è la menzogna che ci permette di conoscere la verità. P.PICASSO

L'arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità. Th.W.ADORNO

L'arte è uno dei mezzi che uniscono gli uomini. L.N.TOLSTOJ

Tutta l'arte è completamente inutile. O.WILDE

L'arte non è uno speccjìhio per riflettere il mondo, ma un martello per forgiarlo. V.MAJAKOVSKIJ

Tutta l'arte è un problema di equilibrio fra due opposti. C.PAVESE

L'arte è il luogo della perfetta libertà. A.SUARES

Ciao Mimmo,
ti ringrazio, hai riposto esaustivamente alla domanda...
Credo che ciò che caratterizza nel modo più straordinario gli esseri umani è l'arte,la capacità di esprimere sensazioni e sentimenti in modo simbolico e formale, di convogliarli in ogetti esterni quali una poesia, un dipinto , una sinfonia...

Mimmo Capozzi - 11-3-2005 at 13:55

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Ola Sergio, sei riuscito a scaricare gli mp3 relativi al testo di Artaud?


li sto cercando tra i meandri della rete...li troverò, li troverò, come trovai quella puntata dei simpson dove parodiavano 'il corvo' di poe...aspetto il 16 per parlare col prof del nostro progetto

off topic per garzapocchio: vedi che il tuo 'starman' sul sito italiano di bowie - http://www.velvetgoldmine.it - è valutato 9/10 nella sezione bootleg...credo che qualcuno pagherebbe oro per averlo - tienitelo stretto!!!!!


penso che dovrò tenermi ben stretto anche un bootleg di Lou Reed - Streets of Berlin - un live in Berlin del !0 Ottobre 1972?!

Tesimone di nozze

Mimmo Capozzi - 11-3-2005 at 14:09

Quota:
Originariamente scritto da clara luceri
mi invitate a nozze...come non citare Wilde con alcuni passi tratti da "Il ritratto di Dorian Gray", che ho letto in gioventù(diciamolo...Wilde riletto dopo le paranoie adolescenziali,affascina di meno). da quando ho approfondito le mie conoscenze "artistiche" per motivi di studio,però, alcune sue idee di fondo mi appaiono illuminanti. Inizia la citazione...
"Viviamo in un mondo che considera l'arte una forma di autobiografia. Abbiamo perduto il senso astratto della bellezza"...o ancora"Il semplice fatto di aver pubblicato un libro di sonetti scadenti rende un uomo completamente irresistibile.Egli vive la poesia che non sa scrivere..." forse sono idee da"MATUSA" , ma tant'è...


Proprio dalla prefazione del 'Ritratto di Dorian Gray' ho tratto la citazione : "All art is quite useless = Tutta l'arte è completamente inutile"
Mentre dal "L'anima dell'uomo sotto il socialismo" cito 'L'arte è la forma di individualismo più intensa che il mondo abbia conosciuto';e dal "The Decay of Ling" l'altra perla 'L'arte non esprime mai nulla all'infuori di se stessa'

...E-MOTION...

CIRO MASCIULLO - 11-3-2005 at 14:15

...ne ho visto una piccola parte...

si può aquistare?

carlo - 11-3-2005 at 14:23

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
...ne ho visto una piccola parte...

si può aquistare?


forse con il prossimo libro...
ora è a disposizione degli studenti che s'impegneranno nel lavoro comune

TEATRO come "luogo" privilegiato....

vale greco - 11-3-2005 at 14:30

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
...ahhh quanto si è allargato il campo delle arti...

un esempio: LA PERFORMANCE non potrebbe essere una pratica legata al teatro e ai suoi sviluppi.....


La Performance nella terminologia teatrale è lo spettacolo rappresentato, in quanto evento unico e irripetibile...Il concetto di performance rende immediatamente evidente la differenza fra il modo tradizionale di intendere il teatro e il nuovo corso della sperimentazione teatrale inaugurato negli anni Sessanta...




...prezioso... ma la mia è una affermazione più "furba"...come mai E. De Filippo non c'è in una storia dell'arte e una performance si ?

...probabilmente perchè l'etichetta performance raccoglie più sottogeneri che a partire dalla seconda metà del XX sec. hanno costituito un nuovo mondo espressivo (da Gina Pane ad Antunez, etc.), mentre (il Grande) Eduardo è una delle tante pagine della storia del teatro...tutto dipende dal punto di vista, cioè se consideriamo una 'storia universale delle pratiche artistiche' o 'le storie'.

E se imaginassimo una performance Scarpettiana?



Giusto, allora in questo nuovo quadro concettuale, il teatro occupa un posto strategico in quanto"luogo"privilegiato per la costruzione di mondi possibili, avamposto per spedizioni che trasportano la mente nel mondo e il mondo nella mente, " bolla di utopie possibili " dove ogni giorno si rappresenta lo spettacolo della vita.
E allora il TEATRO per attraversare le barriere, per sconfinare, per "cercare i fili che servono per tessere un senso tra le brulicanti metamorfosi delle cose del mondo"!!

...E-MOTION...

CIRO MASCIULLO - 11-3-2005 at 14:33

Quota:
Originariamente scritto da carlo
Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
...ne ho visto una piccola parte...

si può aquistare?


forse con il prossimo libro...
ora è a disposizione degli studenti che s'impegneranno nel lavoro comune


...quindi potremmo vederla a breve ?...

Premo perchè mi è sembrata interessante... dà una delucidazione su queste forme di espressione...

...testimone???

clara luceri - 11-3-2005 at 17:24

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi


cito 'L'arte è la forma di individualismo più intensa che il mondo abbia conosciuto';


...non so cosa ho combinato con il QUOTE... comunque questa sì che è una verità...mi viene in mente la scena del film che stavamo vedendo l'altra mattina a casa di Sergio( "ghost world"???). Precisamente quella del quadro incomprensibile sul tormento delle femministe fatto dalla ragazzina...quello per l'insegnante era arte, mentre un ritratto di due vecchi seduti al bar fatto dalla protagonista del film era un disegno insignificante...modi di vedere l'arte!!!!

P.S....con quel faccino della foto ti vedo meglio come paggetto per le nozze!!!

dietrolangolo - 14-3-2005 at 14:00

l' arte è il "tam tam" quotidiano!!!!!!!!!
è il sogno della notte prima!!!!!!!
non è niente, perchè può essere tutto

sergio sozzo - 14-3-2005 at 15:09

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
penso che dovrò tenermi ben stretto anche un bootleg di Lou Reed - Streets of Berlin - un live in Berlin del !0 Ottobre 1972?!


per il (ruolo di) Capò: streets of Berlin è stato in realtà registrato a New York, il 10 ottobre '72, ed era lo show radiofonico del 'grande ritorno' di Lou and the Tots in America dopo la registrazione di 'Transformer' avvenuta a Londra sotto l'egidia della coppia Bowie-Ronson. Viene grossolanamente spacciato per un concerto berlinese di Reed - forse perchè c'è la canzone "Berlin" in setlist - ma non vale più granchè (mi dispiace amico mio) perchè è stato 'ufficializzato' qualche anno fa col nome di "American Poet".
Il concerto comunque non è niente male, e i Tots regalano versioni delle canzoni del primo lavoro solista di Lou e di 'Transformer' molto migliori che su disco - in più, lui era in grande forma quella sera. Il vero bootleg che immortala Lou a Berlino è "Berlin 1979", con tutte le canzoni dello storico album 'Berlin' di Lou rilette in chiave free-jazz dalla Everyman Band che si portava appresso dal '76 in poi.

per il prof.: ho trovato gli mp3 della trasmissione 'pour finir avec le judgemente de dieu' su artaud.net, ora avrei bisogno di una trascrizione tradotta del testo, che ahimè online non riesco a beccare - se lei la possiede, può per favore portarmela a lezione? la ringrazio




sergio sozzo - 14-3-2005 at 15:13

non so perchè è venuto tutto scritto in corsivo sopra...

a domani

carlo - 15-3-2005 at 12:36

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
per il prof.: ho trovato gli mp3 della trasmissione 'pour finir avec le judgemente de dieu' su artaud.net,

<<<
eccellente

<<<

ora avrei bisogno di una trascrizione tradotta del testo, che ahimè online non riesco a beccare - se lei la possiede, può per favore portarmela a lezione? la ringrazio



ce l'ho
ma devo cercarlo
...
vediamo

a domani mattina alle ore 12!


e ora a noi
avete stampato il mio Piano Lezioni
vi chiedo di diffondere le info del Nostro Corso!

ed ecco il comunicato x l'incontro di venerdì mattina ad arnesano
Venerdì 18 marzo alle ore 9,30 ad Arnesano (LE), presso la Biblioteca del DAMS si terrà un incontro sul tema “Genius loci. Il teatro tra memoria e progetto” articolato in tre momenti:
1. Ricerca, didattica, promozione, scambi. Il ruolo del DAMS e la formazione di nuove figure professionali fra tradizione e innovazione. La formazione di base, il master “Genius loci. Lo spettacolo del territorio”. Obiettivo: coinvolgere gli enti locali fin dalla fase della progettazione d’interventi nel territorio;
2. Le esperienze del CUT di Bari e dell’OISTROS di Lecce. Riflessioni intorno al volume. L’innovazione negli anni ’70 in Puglia. Ricerca senza organizzazione e organizzazione senza ricerca: l’accademia, i gruppi spontanei, i dilettanti il CTPP. Partecipano: Egidio Pani, Marrese, Capani, Attolini, De Pascalis;
3. Ricerca, sperimentazione, organizzazione. I luoghi della memoria (smemorata) dove far visita ai maestri. L’Immemoriale di Carmelo Bene. Partecipa: Maria Luisa Bene
Intervengono:
- Autorità accademiche (Facoltà di Beni culturali, Corso di laurea DAMS, Corso di laurea in Scienza della Comunicazione);
- Rappresentanti degli enti locali (Regione, Provincia, Comuni); in particolare quelli che hanno condiviso l’attivazione del master Genius loci;
- Rappresentanti dei gruppi teatrale e delle associazioni culturali
Coordinano i lavori L.A. Santoro, Carlo Infante, Roberto Guido

La partecipazione (attiva) degli studenti del DAMS sarà valutata ai fini della frequenza.

Mimmo Capozzi - 15-3-2005 at 16:12

Quota:


per il prof.: ho trovato gli mp3 della trasmissione 'pour finir avec le judgemente de dieu' su artaud.net, ora avrei bisogno di una trascrizione tradotta del testo, che ahimè online non riesco a beccare - se lei la possiede, può per favore portarmela a lezione? la ringrazio




ottimo lavoro iena!! speriamo che il prof. becchi quanto prima la trascrizione, così ci mettiamo subito al lavoro.

grazie delle informazioni discografiche, puntuale come sempre.

relativismo artistico

Mimmo Capozzi - 15-3-2005 at 16:21

Quota:
Originariamente scritto da clara luceri
Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi


cito 'L'arte è la forma di individualismo più intensa che il mondo abbia conosciuto';


...non so cosa ho combinato con il QUOTE... comunque questa sì che è una verità...mi viene in mente la scena del film che stavamo vedendo l'altra mattina a casa di Sergio( "ghost world"???). Precisamente quella del quadro incomprensibile sul tormento delle femministe fatto dalla ragazzina...quello per l'insegnante era arte, mentre un ritratto di due vecchi seduti al bar fatto dalla protagonista del film era un disegno insignificante...modi di vedere l'arte!!!!

P.S....con quel faccino della foto ti vedo meglio come paggetto per le nozze!!!


l'esempio di "Ghost world" calza a pennello, così come (per buttarla in teatro) quello di "La panchina"di G. Carmosino, autore teatrale poco conosciuto ma intensamente ed ecletticamente illuminante.

p.s.= per il paggetto ci pensa Tozzi

Mimmo Capozzi - 15-3-2005 at 16:34

Quota:
Originariamente scritto da carlo


e ora a noi
avete stampato il mio Piano Lezioni
vi chiedo di diffondere le info del Nostro Corso!

>>
...è in bacheca da un pezzo (oltre al passa parola)
C'è un problema però per Giovedì 17 in cui dalle 10 alle 12 abbiamo in concomitanza all'Ateneo lezione di Etnomusicologia...peraltro il prof. Salvatore è intransigente sulla frequenza, pena l'impossibilità di poter sostenere l'esame.
>>


carlo - 15-3-2005 at 19:20

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Quota:
Originariamente scritto da carlo


e ora a noi
avete stampato il mio Piano Lezioni
vi chiedo di diffondere le info del Nostro Corso!

>>
...è in bacheca da un pezzo (oltre al passa parola)
C'è un problema però per Giovedì 17 in cui dalle 10 alle 12 abbiamo in concomitanza all'Ateneo lezione di Etnomusicologia...peraltro il prof. Salvatore è intransigente sulla frequenza, pena l'impossibilità di poter sostenere l'esame.
>>
e ora lo dite?

ve lo avevo chiesto...

è prevista la lezione su artaud
con proiezioni inedite

dovrete scegliere

GiacomoMadaro - 18-3-2005 at 10:55

Salve prof.,
stasera sarò io "l'uomo con la macchina da presa"!
Farò, infatti, le riprese della sua conferenza su Prometeo, per la realizzazione del video su Artaud insieme a Sergio , Clara e Mimmo.
Come spero si ricordi l'anno scorso ho curato il montaggio assieme a loro di The raven.
P.S. Come faccio ad avere una copia del suo dvd "i presagi di Artaud"?

si riparte

paul frank - 19-3-2005 at 21:05

Ciao a tutti!
Finalmente si riparte alla grande con il forum...
Personalmente con un po' di ritardo,purtroppo.
Non è semplice inserirsi,del resto anche l'anno scorso si ripresentava lo stesso problema...
Ho visto che avete affrontato diversi argomenti;in particolare mi interessa molto il concetto di arte e mi sono piaciuti i vostri interventi.
Sicuramente io penso che l'arte sia un processo singolare ed emotivo,in quanto è lo specchio dei sentimenti e delle emozioni dell'artista.
Inoltre è legata alle esperienze personali,al vissuto e alle circostanze in cui nasce un,opera.
Sono d'accordo anche con chi diceva che l'atre è tutto,ma è anche nulla.
Con cio' voglio sottolineare il fatto che l'arte non deve essere legata solo alle tradizioni,al semplice concetto di "bello ed estetico".
L'arte è intorno a noi,in una fotografia,in un semplice taglio su una tela(dal celebre artista Fontana),in una ferita come avveniva nelle performance di Gina Pane...
Quello che voglio far notare,è che non bisogna essere scettici verso manifestazioni artistiche "diverse";in questa societa',dove la tecnologia ne è la protagonista,bisogna aprire la mente e la passione verso l'arte contemporanea,la visione di nuove dimensioni,nuove opportunita' di interazione.
L'arte è quello che l'artista sente nel suo profondo.

steo - 21-3-2005 at 11:28

Mi sono appena registrato e ho fatto veramente un grande sforzo, perchè mi rimane difficile comunicare attraverso una tastiera con persone che conosco e vedo quasi quotidianamente. Lo scorso anno non mi sono registrato, quest'anno ho deciso di farlo.
Chissà, spero di riuscire ad esrpimere qualche mia idea.

...COMUNICAZIONE FUORI SERVIZIO...

CIRO MASCIULLO - 21-3-2005 at 15:12

...il 4 Aprile...

LAB. INFOR. MULTIMENDIALE

Il prof. informa:
- << se qualcuno preferisce mantenere un ruolo
più "critico" e "diversamente propositivo", può
essere oggetto d'esame anche http://www.idra.it o
http://www.idratools.org o un altro spazio sulla rete da
concordare >>.


...Performing Media a GR e a Cagliari x brainstorming su MONDI ATTIVI

CIRO MASCIULLO - 21-3-2005 at 15:54

è un forum all'interno di "digital Culture"

...Quella battaglia non si doveva interrompere...

PAROLE D'INFANTE:
<< c'è stato un momento questa mattina
in cui tra me che cancellavo immagini hard
e loro che ne caricavano a raffica
s'è creato una specie di duello al sole...

...devo dire: pace

è un peccato sprecare tempo così
(anche se ci sono molti dei miei amici giovani disoccupati che potrebbero dare una mano a colpi di mouse)

ripeto: pace >>






...mi ha fatto sorridere...
...teatron.org contro il porno...
...lo scontro è epocale...
...in loro (Bud Spencer e Terence Hill)ho visto parecchio dello spirito DADAISTA ...e oggi nella realtà che ci troviamo a vivere, non farebbe male un pò di DISSACRAZIONE...

il resto è noia

carlo - 21-3-2005 at 18:33

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
è un forum all'interno di "digital Culture"

...Quella battaglia non si doveva interrompere...

PAROLE D'INFANTE:
<< c'è stato un momento questa mattina
in cui tra me che cancellavo immagini hard
e loro che ne caricavano a raffica
s'è creato una specie di duello al sole...

...devo dire: pace

è un peccato sprecare tempo così
(anche se ci sono molti dei miei amici giovani disoccupati che potrebbero dare una mano a colpi di mouse)

ripeto: pace >>






...mi ha fatto sorridere...
<<< anche a me...
è stato emblematico:
arrendersi (pace, come a judo)
di fronte a quei 2 scapestrati che minacciavano di far collassare il forum...
<<<

...teatron.org contro il porno...
...lo scontro è epocale...
...in loro (Bud Spencer e Terence Hill)ho visto parecchio dello spirito DADAISTA ...e oggi nella realtà che ci troviamo a vivere, non farebbe male un pò di DISSACRAZIONE...


era solo noia
non avevano altro da fare

lucj - 22-3-2005 at 15:11

rieccomi a scrivere sul forum con un po' di ritardo ma devo essere sincera il mio computer mi da dei problemi.
Ho dovuto registrarmi di nuovo perchè il profilo dell'anno scorso non sono riuscita ad usarlo.(Ero Lucia83 e visto che c'ero ho cambiato anche la foto!!!!)
Kmq spero di riuscire a prendere parte alle vostre discussioni
Lucia

lucj - 23-3-2005 at 13:20

Quota:
Originariamente scritto da paul frank


io invece non penso chè l'arte sia qualcosa di "singolare" anche perchè se così fosse non si sarebbe diffusa così come lo è oggi nel tempo....
Sono convinta invece che tutto ciò che ci circonda è arte a partire da oggetti "creati dalla natura" e da altri che noi siamo in grado di trasformare sia manualmente che anche tecnologicamente.
Quindi anche la tecnologia è un'arte con i pro e i contro...come lo sono d'altronde tutte le "cose " che prendono il nome di opere d'arte.

che ne pensate?

arte

MICHELE BLASI - 24-3-2005 at 15:13

ciao a tutti
penso solo una cosa:l'arte per me è qualcosa che suscita emozioni per chi la fa e per chi la guarda...l'unico mezzo che abbiamo per esprimere quello che c'è dentro di noi è l'arte,la quale poi si può manifestare in mille modi,tutti diversi e suscettibili di opinioni differenti...ma sempre arte è!

paul frank - 25-3-2005 at 14:38

Quota:
Originariamente scritto da lucj
Quota:
Originariamente scritto da paul frank


io invece non penso chè l'arte sia qualcosa di "singolare" anche perchè se così fosse non si sarebbe diffusa così come lo è oggi nel tempo....
Sono convinta invece che tutto ciò che ci circonda è arte a partire da oggetti "creati dalla natura" e da altri che noi siamo in grado di trasformare sia manualmente che anche tecnologicamente.
Quindi anche la tecnologia è un'arte con i pro e i contro...come lo sono d'altronde tutte le "cose " che prendono il nome di opere d'arte.

che ne pensate?



Ciao Lucia,
nel mio intervento sul concetto di arte ho voluto sottolineare il fatto che,l'arte è qualcosa di soggettivo.lo specchio dell'anima dell'artista;ma di qualsiasi tipo d'artista e di arte.
Non avevo escluso le performance multimediali,il computer,perche' anche io penso che l'arte non sia legata solo alle tradizioni e al "quadro",è qualsiasi forma di manifestazione legata all'arte.
Cosi' come la fotografia,che ha ricoperto un ruolo fondamentale nello sviluppo della pittura.
Anche le nuove forme multimediali meritano di essere considerate manifestazioni artistiche.

steo - 25-3-2005 at 17:05

A causa della mia ignoranza telematica, non ho specificato chi sono. Sono Stefano Quarta, quanto prima spero di riuscire ad inserire una mia foto. Tanti auguri di buona Pasqua a tutti!

MICHELE BLASI - 26-3-2005 at 09:20

ciao cretino.che c.... stai combinando sti giorni?comunque auguri a tutto il mondo
Quota:
Originariamente scritto da steo
A causa della mia ignoranza telematica, non ho specificato chi sono. Sono Stefano Quarta, quanto prima spero di riuscire ad inserire una mia foto. Tanti auguri di buona Pasqua a tutti!

le sorti

carlo - 26-3-2005 at 09:25

Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI
ciao cretino.che c.... stai combinando sti giorni?comunque auguri a tutto il mondo
Quota:
Originariamente scritto da steo
A causa della mia ignoranza telematica, non ho specificato chi sono. Sono Stefano Quarta, quanto prima spero di riuscire ad inserire una mia foto. Tanti auguri di buona Pasqua a tutti!


una preghiera:
non usate il forum come una chat

se si abbassa troppo il tono diventa un problema risollevarne le sorti, ok?

link

Eliana Manca - 27-3-2005 at 14:26


Volevo proporvi un link interessante

SADOMARTA

cosa ne pensate?

MICHELE BLASI - 30-3-2005 at 14:03

Quota:
Originariamente scritto da Eliana Manca

Volevo proporvi un link interessante

SADOMARTA

cosa ne pensate?


Dove l'hai trovato quel sito?E' interessante!

Eliana Manca - 30-3-2005 at 16:23

è un link che mi è stato consigliato.
Belli i riferimenti bibliografici di questo gruppo...finalmente direi...

Mimmo Capozzi - 31-3-2005 at 08:48

Quota:
Originariamente scritto da lucj
Quota:
Originariamente scritto da paul frank


io invece non penso chè l'arte sia qualcosa di "singolare" anche perchè se così fosse non si sarebbe diffusa così come lo è oggi nel tempo....
Sono convinta invece che tutto ciò che ci circonda è arte a partire da oggetti "creati dalla natura" e da altri che noi siamo in grado di trasformare sia manualmente che anche tecnologicamente.
Quindi anche la tecnologia è un'arte con i pro e i contro...come lo sono d'altronde tutte le "cose " che prendono il nome di opere d'arte.

che ne pensate?


ciao lucia, sento di non poter ciondividere il passaggio che hai fatto su arte=natura che ci circonda perchè ritengo che, benchè sia alquanto difficile dare esatte definizioni sull'arte, almeno una cosa sia pressocchè certa: e cioè che l'arte è opera dell'uomo.

time rocker - 1-4-2005 at 17:07

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
sento di non poter ciondividere il passaggio su arte=natura che ci circonda perchè ritengo che, benchè sia alquanto difficile dare esatte definizioni sull'arte, almeno una cosa sia pressocchè certa: e cioè che l'arte è opera dell'uomo.


posto la poesiola di eddie vedder (dal booklet di vitalogy, 1994 credo), perchè questi discorsi su cos'è l'arte mi riportano iindietro alle lunghissime diatribe adolescenziali in merito lungo assolati pomeriggi d'estate...quando ti sembra possibile e avverabile che quelli come i pearl jam possano davvero cambiare il mondo:

she laid alone
during her best days
as a work of art
reading naked on the bed

spent some of her best days
cleaning carpet from her hair
spent her worst days
owing you the pleasure
of taking blame...

spent her whole life
disbelieving in her worst fears.
A work of art...
a work of art.





post-6739-1106055857.bmp - 78kB

chelsea girl - 2-4-2005 at 14:37

Quota:
Originariamente scritto da time rocker

posto la poesiola di eddie vedder (dal booklet di vitalogy, 1994 credo), perchè questi discorsi su cos'è l'arte mi riportano iindietro alle lunghissime diatribe adolescenziali in merito lungo assolati pomeriggi d'estate...quando ti sembra possibile e avverabile che quelli come i pearl jam possano davvero cambiare il mondo:







...ma questa non era la poesia che mi avevi scritto sul quaderno di arte qualche tempo fa????
p.s.Eddie preparati al bis di quella foto appena arrivi in italia....

sergio sozzo - 4-4-2005 at 20:07

sì lo so chi mi conosce non se lo aspetterebbe proprio da me...però:

http://www.maggiesfarm.it/papadelrock.htm

danza interattiva a lecce!

carlo - 4-4-2005 at 22:02

8 aprile Teatro Paisiello - ore 21.00
Via Palmieri – 73100 Lecce

arriva BUFFER

è una performance di AIEP
http://www.aiep.org/newaiep/it/frameit.html
il gruppo italo-svizzero che ho presentato nel mio cd-rom E-Motion

chi vuole andare me lo faccia sapere
gli trovo i pass


noi ci vediamo il 22.04
e la sera tutti a teatro x
l'Amleto di Roberto Latini

e dopo lo spettacolo c'incontriamo con l'attore-autore

steo - 5-4-2005 at 07:36

L'Amleto di Roberto Latini non vorrei perdermelo. Ne sento parlare da un po di tempo. Comunque ci vediamo il 24.

MICHELE BLASI - 5-4-2005 at 09:48

Grande l'amleto...imperdibile.Non ho potuto vedere una versione francese quando ero lì e ora questo non me lo devo perdere.....
Posso portare anche amici?

Latini

Eliana Manca - 5-4-2005 at 11:59

Professore oltre allo spettacolo possiamo avere l'incontro con Roberto Latini come con il Teatro Clandestino?

un segnale

carlo - 5-4-2005 at 22:56

Quota:
Originariamente scritto da Eliana Manca
Professore oltre allo spettacolo possiamo avere l'incontro con Roberto Latini come con il Teatro Clandestino?


certo

l'ho scritto

ho colto un segnale, no?

lucj - 7-4-2005 at 09:23

girando un pò sul web ho trovato qualche infomazione sull'amleto di Latini:
l'Amleto shakespeariano, in uno spettacolo costruito a partire dalla dimensione metateatrale del testo. Un solo attore in scena, che coglie un'occasione dall'ultimo monologo del II atto sull'essere o sul sembrare. La sequenza drammaturgica si libera di una sua funzionale applicazione a favore dell'autonoma indipendenza del sentire scenico.
Il teatro senza condizione, come forma di espressione, capacità di relazione, verità partecipata, emozione condivisa.


Per il Gruppo 'Artaud'

Mimmo Capozzi - 7-4-2005 at 15:54

tra le dispense di Toma c'è altro materiale utile su Artaud...conviene darci un'occhiata

P.S. = Sergio, che ne dici se proviamo a intavolare qui nel forum quella piacevole disquisizione sullo spazio scenografico che dal XX sec. (ARtaud compreso) pone lo spettatore...? ovviamente con lo scopo di creare dei termini di paragone con la 'scenografia multimadiale'

La guerra del prossimo futuro

Mimmo Capozzi - 7-4-2005 at 16:15

Internet sarà il campo di battaglia delleprossime guerre. "Nella regione montagnosa dello Hyungsan, in Corea del Nord, un'accademia militare specializzata in guerra elettronica sforna un centinaio di cybersoldati l'anno" ha rivelato Vladimir Golubev, direttore del Computer crime research center americano (Ccrc) e consigliere per il programma Onu sulla prevenzione del crimine (Ispac). I cervelloni che escono da questa scuola sono capaci di tutto:"Dallo scrivere virus informatici a penetrare nel network di difesa o nei sistemi di puntamento missilistici" Il web sarà anche uno strumento usato da terroristi per compiere attacchi al cuore di paesi come gli Stati Uniti. Secondo quanto scoperto dal quotidiano americano Whashington post, documenti di Al Qaeda farebbero cenno a possibili attacchi informatici alla rete elettrica e a istituzioni finanziarie. "Anche gli hacker di India e Pakistan sono impegnati nella guerra per Kashmir" ha aggiunto Golubev. L'utilizzo di esperti informatici non serve solo per violare segreti, ma anche per ridurre al silenzio siti ostili a governi o gruppi politici.. Il 14 settembre 2004, sempre secondo il Cccrc, i siti Chechen Press e Caucasus Center divennero improvvisamente irraggiungibili. L'attacco informatico avvenne dopo che il governo della Lituania, sede degli stessi, aveva negato una richiesta di oscuramento avanzata dalle autorità russe, alle quali era poco gradita la pubblicazione delle informazioni su una taglia da 20 milioni di dollari per chiunque avesse fornito assistenza nel rapimento del presidente russo Putin. Se la guerra reale tra Cina e Taiwan è un'opzionesolo minacciata nel difficile rapporto tra i due paesi, la guerra elettronica è in corso e si gioca da tempo senza esclusione di colpi, con Taiwan impegnata a denunciare più volte tentativi di sabotaggio e di furto di informazioni da parte della Repubblica Popolare.

sergio sozzo - 7-4-2005 at 19:06

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi

Sergio, che ne dici se proviamo a intavolare qui nel forum quella piacevole disquisizione sullo spazio scenografico che dal XX sec. (ARtaud compreso) pone lo spettatore...? ovviamente con lo scopo di creare dei termini di paragone con la 'scenografia multimadiale'


certo - io partivo dall'idea che la scenografia per il "Costant Prince" di Grotowski - conosciuta grazie alle INDISPENSABILI diapositive del mitico prof. De Pascalis - rappresenti un pò la situazione dello spettatore nel teatro contemporaneo: costretto a spiare da sopra un muro attori-registi-attori che oramai hanno "chiuso la quarta parete",
e si sono rintanati in salette d'elite a fare il loro teatro tra di loro. E lo spettatore? E' anch'egli al giorno d'oggi unicamente una parte dello sfondo? Insomma, i 'baratti' di Barba secondo me - ma anche il prof. De Pascalis sembra pensarla così - hanno fallito: allora non può essere il multimediale un tentativo 'estremo' di 'sfondare il muro' (di nuovo i pink floyd, antonio rollo insegna...) di questo teatro attraverso quella sorta di 'violazione della privacy' caratteristica delle nuove tecnologie? Insomma il teatro non dovrebbe avere paura del multimediale...guardare per credere bob wilson...

grotowski costant prince.bmp - 491kB

clara luceri - 8-4-2005 at 08:58

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
Insomma il teatro non dovrebbe avere paura del multimediale...guardare per credere bob wilson...


infatti! bob wilson non ha paura di essere pop(ular)...o di diventare multimediale...addirittura potrei dire 'multiglobale' !!! pensate che nel 1984 (!) realizza CIVIL warS, spettacolo in 12 lingue messo in scena in "sezioni", una parte in Germania, un'altra in Olanda, una in Francia, un'altra ancora in Italia, infine negli USA - il trionfo del postmoderno (i personaggi dell'opera erano Voltaire, Federico il Grande, Marx, Lincoln, gli indiani d'America...)...un'operazione quasi analoga al concerto di lancio del "Reality Tour" di Bowie di due anni fa: un concerto tenutosi in una località ultrasegreta trasmesso via satellite a più di cento sale cinematografiche sparse per il mondo in contemporanea!!!!!

Mimmo Capozzi - 8-4-2005 at 13:11

il teatro multimediale, pur partendo da spazi tradizionali scrive una nuova pagina per lo spettatore; non si deve però confondere l'artificio elettronico come generatore di spettacolarità: i giochi di luce computerizzati di Svoboda, seppur ammalianti, non aggiungono niente di nuovo (concettualmente parlando) alle macchinerie dei 'grandi stregoni barocchi' o alla 'lanterna magica'. Il terreno di conquista è e deve essere l'interattività dello spettatore, interattività che non lo leggittima ad essere artista o uomo di teatro, bensì ampliamento dello spazio scenico. Un teatro senza pareti, discorsivo e maieutico.

sergio sozzo - 8-4-2005 at 16:43

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Il terreno di conquista è e deve essere l'interattività dello spettatore, interattività che non lo leggittima ad essere artista o uomo di teatro, bensì ampliamento dello spazio scenico. Un teatro senza pareti, discorsivo e maieutico.


siamo d'accordo - può darsi:
'theatron' non era forse in origine 'il luogo degli sguardi'? per cui non è che alla fin fine il teatro è fatto per essere (unicamente!!!) 'guardato'??????
non c'è il rischio che il multimediale trasformi l'attore nella 'supermarionetta' non del regista ma dello spettatore? non c'è più davvero alcuna differenza tra le tre parole chiave del professore Ciccolini?
Trovo fondamentale la domanda posta da Giorgio Simbola al termine del Convegno 'Verso un Teatro degli Esseri - Lerici 2 luglio 2000' (gli atti ci erano forniti tra le dispense del prof. Viganò): "l'ottanta per cento dei miei compaesani non è mai entrato in un teatro, e se dovesse entrarci, è chiaro che farebbero uno sforzo immenso per poterci fare qualcosa. Quindi, mi sono chiesto: 'perchè ci siamo tanto interrogati sul tipo di relazione che noi scegliamo di stabilire con loro, sulla correttezza del nostro modo di porci, mentre non ci siamo interrogati quasi per nulla su ciò che avviene dall'altra sponda?'"

paul frank - 8-4-2005 at 21:15

Quota:
Originariamente scritto da carlo
8 aprile Teatro Paisiello - ore 21.00
Via Palmieri – 73100 Lecce

arriva BUFFER

è una performance di AIEP
http://www.aiep.org/newaiep/it/frameit.html
il gruppo italo-svizzero che ho presentato nel mio cd-rom E-Motion

chi vuole andare me lo faccia sapere
gli trovo i pass


noi ci vediamo il 22.04
e la sera tutti a teatro x
l'Amleto di Roberto Latini

e dopo lo spettacolo c'incontriamo con l'attore-autore



Salve prof.
ho letto soltanto adesso il suo intervento sulla danza interattiva...
mi interessa molto come argomento,avendo praticato per tanti anni danza...
Purtroppo questa settimana sono stata impegnata con gli esami e non sapevo che c'era la possibilita' di vedere uno spettacolo...peccato!Mi sarebbe piaciuto tanto perche' sono davvero interessata.
Secondo me è bellissimo il rapporto che si crea tra la danza e il sistema virtuale.
Queste performance interattive di danza sono interessanti per iniziare a concepire nuovi linguaggi,anche in rapporto con delle forme artistiche apparentemente,lontane...
Qui i corpi si scontrano con la tecnologia,ma nello stesso tempo ne scoprono similitudini.
Il corpo è come un mouse vivente,che crea attraverso suoni elettronici e immagini virtuali,un vero e proprio spettacolo.
In queste performance le coreografie,mimano milioni di micro-psicodrammi che ad ogni istante emergono in combinazioni sempre diverse;i movimenti sono liberi,fanciulleschi,limpidi tanto da annullarsi nella realta' virtuale.
Questa meravigliosa pratica artistica che è la danza,si arricchisce con questi nuovi linguaggi,si avvicina a nuove vie mediali che sembrerebbero lontane dalle emozioni tradizionali,ma che in realta' si prestano bene alla vita semplice ed emotiva espressa attraverso il teatro,la danza.
Avendo fatto danza classica e contemporanea,mi sarebbe piaciuto provare a praticare anche questo tipo di esperienze legate al virtuale.

steo - 9-4-2005 at 09:06

Difficilmente si può definire cos'è l'arte. Poi, sempre secondo me, si dovrebbe distinguere tra arte e artstico. Molte cose possono essere artistiche, ma poche arte.
Ecco, la danza penso che sia un'arte.

Mimmo Capozzi - 9-4-2005 at 11:06

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Il terreno di conquista è e deve essere l'interattività dello spettatore, interattività che non lo leggittima ad essere artista o uomo di teatro, bensì ampliamento dello spazio scenico. Un teatro senza pareti, discorsivo e maieutico.


siamo d'accordo - può darsi:
'theatron' non era forse in origine 'il luogo degli sguardi'? per cui non è che alla fin fine il teatro è fatto per essere (unicamente!!!) 'guardato'??????
non c'è il rischio che il multimediale trasformi l'attore nella 'supermarionetta' non del regista ma dello spettatore? non c'è più davvero alcuna differenza tra le tre parole chiave del professore Ciccolini?
Trovo fondamentale la domanda posta da Giorgio Simbola al termine del Convegno 'Verso un Teatro degli Esseri - Lerici 2 luglio 2000' (gli atti ci erano forniti tra le dispense del prof. Viganò): "l'ottanta per cento dei miei compaesani non è mai entrato in un teatro, e se dovesse entrarci, è chiaro che farebbero uno sforzo immenso per poterci fare qualcosa. Quindi, mi sono chiesto: 'perchè ci siamo tanto interrogati sul tipo di relazione che noi scegliamo di stabilire con loro, sulla correttezza del nostro modo di porci, mentre non ci siamo interrogati quasi per nulla su ciò che avviene dall'altra sponda?'"


concordo assolutamente: l'obbiettivo del teatro futuribile e del performing media è sì la conquista dello spazio interattivo dello spettatore, purchè questo però rimanga spettatore, spetatore attivo ma pur sempre spettatore. Non si può disconoscere il momento della creazione ed il trinomio autore-regista-attore. Lo spettatore interattivo può al massimo diventare attore ed anche regista, ma la drammaturgia o la progettazione performativa vedono indiscutibilmente quale unico progenitore l'autore. L'attenzione da parte di quest'ultimo deve essere completamente tesa verso lo spettatore, il suo rituale quotidiano; deve quindi, piuttosto che richiamarlo esclusivamente nel luogo deputato, incontrarlo anche nel suo habitat quotidiano.

nuove visioni

paul frank - 9-4-2005 at 13:12

Sono d'accordo con la visione di un teatro innovativo,ma penso che il teatro non debba influenzare lo spettatore,al punto tale da farlo diventare a-critico.
E' come il dispositivo del computer,è un'arma pericolosa,che se utilizzata male, rischia di "immobilizzarci",dobbiamo tener presente che abbiamo a che fare con una macchina, molto utile,ma che non deve impedirci di esprimere le nostre emozioni.
Quindi lo spettatore deve partecipare allo spettacolo,avere una propria idea,opinione,senza lasciarsi condizionare dal giudizio scettico,di chi non vede il teatro interattivo come il teatro classico,tradizionale.
Lo spettatore,di fronte a spettacoli interattivi è coinvolto e puo' costruire mentalmente anche delle considerazioni, degli esempi che confronta con il suo quotidiano.
Il bello di questo tipo di spettacoli,è che sono casuali,imprevedibili e originali.Oqni volta è diversa da un'altra;penso che bisognerebbe incominciare a mostrare interesse verso un nuovo teatro,legato anche al virtuale.
Il teatro mediale come non luogo;
un luogo svincolato da tradizionali parametri spettacolari.

Roberto Latini

paul frank - 9-4-2005 at 13:51

Ho letto qualcosa su Roberto Latini,sono rimasta molto interessata dai suoi lavori...
Sicuramente vedro' il suo spettacolo,perche' mi ha colpito il modo che ha di stravolgere il teatro tradizionale.
Latini inverte il monologo, recitando dalla fine all'inizio,appeso al soffitto della struttura.
Nell' "Amleto", l' essere e il non essere è invertito,è reso con ironia,come un meccanismo infantile,con un sorriso beffardo.
E' un teatro innovativo, che si puo' pemettere di osare, di "ridicolarizzare",in un certo senso, anche una grande opera appartenente al teatro classico del grande Shakespeare.

clandestina

Sabry - 10-4-2005 at 14:33

tra una pagina di tesi e i miei pensieri, mi inserisco clandestina nel forum che non mi appartiene più, ricordando il mio terzo anno e tutto ciò che... non abbiamo fatto... quasi quasi mi manca quel blu elettrico e quel caldo arancione del mio forum... mi sentivo più a casa! saluti e baci Sabry

Seminario

Eliana Manca - 11-4-2005 at 13:20

Vi copio e incollo qui un seminario che si terrà il mese prossimo sulla voce.
Spero che troverete interessante quest'iniziativa degli studenti di lettere.

Il suono e la voce: dalla parola poetica alla canzone d’autore



OBIETTIVO SEMINARIO

 Gli studenti Emanuela Cavalieri, Fabio Donnicola e Antonio Montinaro, nell’ambito delle attività culturali delle Facoltà del polo umanistico dell’Università degli Studi di Lecce, si propongono di organizzare un seminario di più incontri che avrà come tema Il suono e la voce: dalla parola poetica alla canzone d’autore.

 L’obiettivo delle giornate di studio è di esplorare l’espressività della parola creativa, sviluppando un percorso di analisi fonetica e fonologica come presupposto compositivo per la produzione di testi che possono includere anche la canzone d’autore.
Si intende riflettere dialogicamente sulle modalità strutturali e semantiche della parola poetica allargando la discussione anche su testi in cui la parola della poeticità vive sonoramente come esecuzione musicale e gestualità teatrale.
Il seminario si articolerà in tre incontri durante i quali si discuterà sulla parola nella scrittura poetica (primo giorno), sulla parola nella contaminazione musicale e recitativa (secondo giorno), sulla parola nella sonorità della canzone d’autore (terzo giorno).

 Durante gli incontri si intrecceranno le riflessioni teoriche e critiche con le effettive proposte di musico-poesia da parte di autori conosciuti dal grande pubblico e di studenti delle Facoltà della nostra Università, i quali troveranno nel seminario la possibilità di confrontare la loro ricerca personale con un pubblico ascolto “scientifico”.
In vista dell’importanza di tale seminario – che si svolgerà nei giorni 10-11-12 maggio 2005 e che richiederà la presenza degli studenti agli incontri – sarà inoltrata ai singoli Presidenti dei Corsi di Laurea la richiesta di crediti formativi per i partecipanti (secondo le norme previste).


Il suono e la voce: dalla parola poetica alla canzone d’autore



PROGRAMMA


10 maggio, ore 9.00 Palazzo Codacci Pisanelli (aula M. L. Ferrari)

Saluti:

ORONZO LIMONE
Rettore dell’Università degli Studi di Lecce

ROSARIO COLUCCIA
Pro-rettore dell’Università degli Studi di Lecce

BRUNO PELLEGRINO
Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia

CARLO ALBERTO AUGIERI
Università degli Studi di Lecce - moderatore del seminario

EMANUELA CAVALIERI
FABIO DONNICOLA
ANTONIO MONTINARO
Studenti dell’Università degli Studi di Lecce organizzatori del seminario



Ore 10.00 Aula Ferrari di Palazzo Codacci Pisanelli

Intervengono:

Lino Angiuli (Poeta)
Raffaele Nigro (Scrittore - Giornalista)
Donato Valli (Università di Lecce)
Carlo Alberto Augieri (Università di Lecce - moderatore)
Emanuela Cavalieri (studentessa - redattrice della rivista letteraria
universitaria Lo specchio di Ebe)


Ore 11:30 Dibattito


Ore 13.00 Pausa pranzo



Ore 19.00 Monastero degli Olivetani

Lettura di poesie a cura di Lino Angiuli

Lettura a cura di Raffaele Nigro


Ore 22.00 Lettura di poesie a cura di studenti dell’Università di Lecce







11 maggio, ore 9.00 Palazzo Codacci Pisanelli (M. L. aula Ferrari)

Partecipano:

Gabriele Frasca (Università per Stranieri di Siena - Direttore della collana di testi fonografici Audiobox)
Roberto Paci Dalò (Compositore - Regista)
Andrea Rossetti (Attore - Regista)
Roberto Giuliani (Musicologo - Università di Lecce)
Carlo Alberto Augieri (Università di Lecce - moderatore)
Gianluca Tarantini (responsabile poetico progetto (inter) sonos = progetto di sperimentazione fonetico-musicale)
Francesco Marra (responsabile musicale progetto (inter) sonos = progetto di
sperimentazione fonetico-musicale)
Francesco Andriani (studente dell’Università di Lecce)
Antonio Montinaro (studente dell’Università di Lecce)


Ore 11:30 Dibattito


Ore 13.00 Pausa pranzo


Ore 19:00 Palazzo dei Celestini*

Spettacolo teatrale Shakespeare in love di Andrea Rossetti

Ore 21:00 Esibizione e video-proiezioni del progetto di sperimentazione fonetico-
musicale (inter) sonos

Ore 22:00 Spettacolo poetico-musicale a cura di Gabriele Frasca e Roberto Paci Dalò (Produzione: compagnia Giardini Pensili)

12 maggio, ore 9.00 Palazzo Codacci Pisanelli (M. L. aula Ferrari)

Partecipano:

Giovanni Lindo Ferretti (cantautore)
Roberto Giuliani (Musicologo - Università di Lecce)
Meli Hajderaj (cantante)
Claudio Prima (cantante - musicista)
Carlo Alberto Augieri (Università di Lecce - moderatore)
Fabio Donnicola (studente)


Ore 11:30 Dibattito


Ore 13.00 Pausa pranzo



Ore 19:00 Palazzo dei Celestini*

Concerto del quartetto Ádria: Meli Hajderaj (voce), Claudio Prima (organetto, voce), Redi Hasa (violoncello) e Vito De Lorenzi (percussioni)

Ore 22:00 Concerto di Giovanni Lindo Ferretti, accompagnato da Lorenzo Esposito(voce) e Raffaele Pinelli (organetto)



In seguito verranno rilasciati gli attestati di partecipazione agli studenti triennalisti frequentanti per l’acquisizione dei crediti formativi secondo le norme di legge previste dai relativi corsi di laurea.



* In caso di pioggia si utilizzerà l’Aula Magna di Palazzo Codacci Pisanelli.

afasia ludica

salvator - 13-4-2005 at 13:47

Amelia Rosselli scrisse:

Non so se io sì o no mi morirò di fame

[… ] Non so se io sì o no mi morirò di fame,
paura, gli occhi troppo aperti per miracolosamente
mangiare
[…]
lo non so se tra il sorriso della verde estate
e la tua verde differenza vi sia una differenza
io non so se io rimo per incanto o per travagliata
pena. lo non so se rimo per incanto o per ragione
e non so se tu lo sai che rimo interamente
per te […]

io non
so se tu cadi o tu tremi, tu non sai se io piango
o dispero. Disperare, disperare, disperare, è
tutto un fabbricare. Tu non sai se io piango
o dispero, tu non sai se io rido o dispero. Io
non so se tra le pallide rocce il tuo sorriso.

(da La libellula, 1958)




p.s. bentornati!

creatività

MICHELE BLASI - 14-4-2005 at 17:30

Quota:
Originariamente scritto da steo
Difficilmente si può definire cos'è l'arte. Poi, sempre secondo me, si dovrebbe distinguere tra arte e artstico. Molte cose possono essere artistiche, ma poche arte.
Ecco, la danza penso che sia un'arte.


Visto che qui ognuno dice quello che vuole oggi vorrei dire qualcosa io per trattare sto tema dell'arte:
la creatività è la base di tutto,senza di essa non esisteremmo.L'universo intero è un atto creativo,e la cosa creata è a sua volta creativa:deve esserlo,alrimenti la realtà sarebbe statica;ciò che viene creato deve a sua volta creare.Cos'è l'arte?Energia creativa allo stato puro!Ma di sicuro è anche sofferenza,perchè mai,o quasi mai,un artista riesce a conferire alla sua opera la pienezza delle sue idee...l'artista non è mai soddisfatto di ciò che ha creato,perchè l'idea tende all'infinito,mentre la sua realizzazione è per forza finita.

Sfida

Mimmo Capozzi - 15-4-2005 at 12:31

Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI
Quota:
Originariamente scritto da steo
Difficilmente si può definire cos'è l'arte. Poi, sempre secondo me, si dovrebbe distinguere tra arte e artstico. Molte cose possono essere artistiche, ma poche arte.
Ecco, la danza penso che sia un'arte.


Visto che qui ognuno dice quello che vuole oggi vorrei dire qualcosa io per trattare sto tema dell'arte:
la creatività è la base di tutto,senza di essa non esisteremmo.L'universo intero è un atto creativo,e la cosa creata è a sua volta creativa:deve esserlo,alrimenti la realtà sarebbe statica;ciò che viene creato deve a sua volta creare.Cos'è l'arte?Energia creativa allo stato puro!Ma di sicuro è anche sofferenza,perchè mai,o quasi mai,un artista riesce a conferire alla sua opera la pienezza delle sue idee...l'artista non è mai soddisfatto di ciò che ha creato,perchè l'idea tende all'infinito,mentre la sua realizzazione è per forza finita.


Riflessioni molto argute le tue Mike!

...a parte...

Purtroppo noto anch'io che quest'anno il forum langue un pò in quanto a partecipazione. Sono stati abbozzati 5 o 6 temi ma stentano a decollare, o meglio dopo una prima fase di iperattività l'interesse scema di colpo. Spulciando tra i meandri del sito ho notato come l'anno scorso il nostro corso ha stabilito un record di partecipazione pari a 925 risposte e 14299 visualizzazioni; e se tentassimo di migliorarci, battento questo record? Ovviamente attenendoci alle tematiche inerenti alla 'drammaturgia dell'interattività', o giù di lì: obbiettivo quantità e qualità. Ci proviamo?

steo - 15-4-2005 at 13:19

Proviamoci caro zio Mimmo, proviamoci e vediamo cosa riusciamo a fare.
E' vero,ogni volta partiamo forte, ma poi nulla più. Forse dobbiamo trovare qualche argomento che susciti in noi più interrogativi, dubbi e riflessioni.
Pensiamoci.

MICHELE BLASI - 15-4-2005 at 14:05

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI
Quota:
Originariamente scritto da steo
Difficilmente si può definire cos'è l'arte. Poi, sempre secondo me, si dovrebbe distinguere tra arte e artstico. Molte cose possono essere artistiche, ma poche arte.
Ecco, la danza penso che sia un'arte.


Visto che qui ognuno dice quello che vuole oggi vorrei dire qualcosa io per trattare sto tema dell'arte:
la creatività è la base di tutto,senza di essa non esisteremmo.L'universo intero è un atto creativo,e la cosa creata è a sua volta creativa:deve esserlo,alrimenti la realtà sarebbe statica;ciò che viene creato deve a sua volta creare.Cos'è l'arte?Energia creativa allo stato puro!Ma di sicuro è anche sofferenza,perchè mai,o quasi mai,un artista riesce a conferire alla sua opera la pienezza delle sue idee...l'artista non è mai soddisfatto di ciò che ha creato,perchè l'idea tende all'infinito,mentre la sua realizzazione è per forza finita.


Riflessioni molto argute le tue Mike!

...a parte...

Purtroppo noto anch'io che quest'anno il forum langue un pò in quanto a partecipazione. Sono stati abbozzati 5 o 6 temi ma stentano a decollare, o meglio dopo una prima fase di iperattività l'interesse scema di colpo. Spulciando tra i meandri del sito ho notato come l'anno scorso il nostro corso ha stabilito un record di partecipazione pari a 925 risposte e 14299 visualizzazioni; e se tentassimo di migliorarci, battento questo record? Ovviamente attenendoci alle tematiche inerenti alla 'drammaturgia dell'interattività', o giù di lì: obbiettivo quantità e qualità. Ci proviamo?


E ci proviamo si.....datemi il tempo di pensare a qualcosa....ci sentiamo stasera

sergio sozzo - 15-4-2005 at 14:48

Quota:
Originariamente scritto da steo
Forse dobbiamo trovare qualche argomento che susciti in noi più interrogativi, dubbi e riflessioni.
Pensiamoci.


che ne pensate allora di parlare del fantastico geniale nuovo film dei Vanzina, "Il ritorno del Monnezza"? Io non sto più nella pelle...

squadraantiscippo.jpg - 24kB

selezionate altre piste nel forum

teatron - 15-4-2005 at 16:57

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
(...)quest'anno il forum langue un pò in quanto a partecipazione. Sono stati abbozzati 5 o 6 temi ma stentano a decollare, o meglio dopo una prima fase di iperattività l'interesse scema di colpo. Spulciando tra i meandri del sito ho notato come l'anno scorso il nostro corso ha stabilito un record di partecipazione pari a 925 risposte e 14299 visualizzazioni; e se tentassimo di migliorarci, battento questo record? Ovviamente attenendoci alle tematiche inerenti alla 'drammaturgia dell'interattività', o giù di lì: obbiettivo quantità e qualità. Ci proviamo?


non fatevi prendere dalla smania quantitativa
anzi
occhio che troppa informazione fa rumore
è il motivo x cui alcune piste rimangono coperte

ecco un invito formale

vi va di fare emergere dal forum le linee guida + interessanti?

e su queste si lavora

non dimenticate le piste aperte:

1. il suono del teatro, in cui rientra anche il workshop con sambin dello scorso anno
con TEATRI D'Ascolto che ha toccato anche Melpignano.
compresa la missione a Galatina.

2. a questo collego l'idea che mi piacerebbe veder sviluppata come progettualità rilanciata: quella
del Pellegrinaggio x Autoradio (sapete,no?)
se ne parla qui
http://www.teatron.org/geniusloci_blog/index.php?itemid=32

3. Il digital story-telling di Boldrini

4.I presagi d'Artaud.

5. Prometeo.

selezionate altre piste nel forum
e vediamo se sviluppare il dibattito

usiamolo meglio,
lo so ci vorrebbe una piattaforma x voi
ma non mi sono occupato di dams-salento.it
e non so

concentriamoci sul nostro corso ora

x il resto si vedrà

e si vedra. punto
mi

Mimmo Capozzi - 16-4-2005 at 08:30

Quota:
originariamente scritto da Carlo

selezionate altre piste nel forum
e vediamo se sviluppare il dibattito



dibattito sull'arte

lo spazio scenografico multimediale

terroristi cyber



MICHELE BLASI - 16-4-2005 at 08:49

Quota:
Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
originariamente scritto da Carlo

selezionate altre piste nel forum
e vediamo se sviluppare il dibattito



dibattito sull'arte

lo spazio scenografico multimediale

terroristi cyber




Ame interessano di più ste due:
dibattito sull'arte
lo spazio scenografico multimediale...mi toccano un pò più da vicino e quindi penso di potermi esprimere meglio....soprattutto lo spazi scenografico;cerco a volte di inventare delle scenografie per gli spettacoli che faccio con i miei amici e questo mi può essere utile per unire il classico alla famosa tecnologia della quale abbiamo parlato.....
Come si può creare una scenografia multimediale?O come si può far interagire una parte della scenografia con il pubblico o con gli attori stessi?

x giocare senza essere giocati

carlo - 16-4-2005 at 11:29

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi

dibattito sull'arte


<<<
è troppo generica come linea di ricerca
se proprio vogliamo mantenerla centriamola sul rapporto arte/comunicazione
dov'è la soglia?
c'è ibridazione?

ad esempio
il teatro
è + arte o + comunicazione
sentiamo qualche opinione

<
lo spazio scenografico multimediale


<<<
non mi piace
considero poco interessante l'idea di scenografia multimediale

è stato messo in campo lo sviluppo di esperienze fondative da Svoboda a Bib Wilson (seguii tutte le sue Civil Wars
da Venezia a Roma...epocale)

ma intendo andare oltre:
alla radice della scena

scavare x trovare
la dimensione interattiva
tra scena digitale e scena fisica

m'appello a chi ha seguito l'incontro con Boldrini!!!
desidero che qualcuno faccia un esame sull'esperienza emblematica:
chi può recuperare il video fatto da Antonio Gigante e portarlo in classe il 22.04?

<
terroristi cyber

<<<
detta così
spiazza

consiglio di leggere PopWar
che è tra l'altro nella bibliografia che inaugura il corso
lì c'è da ragionare!
ed è una posta che porta verso la mia idea di Performing media
x l'invenzione di nuovi valori d'uso sociale del nuovi media

x giocare senza essere giocati



e poi su Prometeo?


un altra preghiera:
chi può raccoglire le varie proposte di linee di ricerca elencate
e numerarle...
così proviamo ad individuarle meglio
e il 22 diamo una spinta...

la sera ricordatevi c'è Latini
altra tappa de Il suono del teatro

IL SUONO E LA VOCE

Eliana Manca - 16-4-2005 at 18:48


RILANCIO QUI IL COMUNICATO DEL SEMINARIO CHE SI TERRA' A MAGGIO

Il suono e la voce: dalla parola poetica alla canzone d’autore


OBIETTIVO SEMINARIO

 Gli studenti Emanuela Cavalieri, Fabio Donnicola e Antonio Montinaro, nell’ambito delle attività culturali delle Facoltà del polo umanistico dell’Università degli Studi di Lecce, si propongono di organizzare un seminario di più incontri che avrà come tema Il suono e la voce: dalla parola poetica alla canzone d’autore.

 L’obiettivo delle giornate di studio è di esplorare l’espressività della parola creativa, sviluppando un percorso di analisi fonetica e fonologica come presupposto compositivo per la produzione di testi che possono includere anche la canzone d’autore.
Si intende riflettere dialogicamente sulle modalità strutturali e semantiche della parola poetica allargando la discussione anche su testi in cui la parola della poeticità vive sonoramente come esecuzione musicale e gestualità teatrale.
Il seminario si articolerà in tre incontri durante i quali si discuterà sulla parola nella scrittura poetica (primo giorno), sulla parola nella contaminazione musicale e recitativa (secondo giorno), sulla parola nella sonorità della canzone d’autore (terzo giorno).

 Durante gli incontri si intrecceranno le riflessioni teoriche e critiche con le effettive proposte di musico-poesia da parte di autori conosciuti dal grande pubblico e di studenti delle Facoltà della nostra Università, i quali troveranno nel seminario la possibilità di confrontare la loro ricerca personale con un pubblico ascolto “scientifico”.
In vista dell’importanza di tale seminario – che si svolgerà nei giorni 10-11-12 maggio 2005 e che richiederà la presenza degli studenti agli incontri – sarà inoltrata ai singoli Presidenti dei Corsi di Laurea la richiesta di crediti formativi per i partecipanti (secondo le norme previste).


Il suono e la voce: dalla parola poetica alla canzone d’autore



PROGRAMMA


10 maggio, ore 9.00 Palazzo Codacci Pisanelli (aula M. L. Ferrari)

Saluti:

ORONZO LIMONE
Rettore dell’Università degli Studi di Lecce

ROSARIO COLUCCIA
Pro-rettore dell’Università degli Studi di Lecce

BRUNO PELLEGRINO
Preside della Facoltà di Lettere e Filosofia

CARLO ALBERTO AUGIERI
Università degli Studi di Lecce - moderatore del seminario

EMANUELA CAVALIERI
FABIO DONNICOLA
ANTONIO MONTINARO
Studenti dell’Università degli Studi di Lecce organizzatori del seminario



Ore 10.00 Aula Ferrari di Palazzo Codacci Pisanelli

Intervengono:

Lino Angiuli (Poeta)
Raffaele Nigro (Scrittore - Giornalista)
Donato Valli (Università di Lecce)
Carlo Alberto Augieri (Università di Lecce - moderatore)
Emanuela Cavalieri (studentessa - redattrice della rivista letteraria
universitaria Lo specchio di Ebe)


Ore 11:30 Dibattito


Ore 13.00 Pausa pranzo



Ore 19.00 Monastero degli Olivetani

Lettura di poesie a cura di Lino Angiuli

Lettura a cura di Raffaele Nigro


Ore 22.00 Lettura di poesie a cura di studenti dell’Università di Lecce







11 maggio, ore 9.00 Palazzo Codacci Pisanelli (M. L. aula Ferrari)

Partecipano:

Gabriele Frasca (Università per Stranieri di Siena - Direttore della collana di testi fonografici Audiobox)
Roberto Paci Dalò (Compositore - Regista)
Andrea Rossetti (Attore - Regista)
Roberto Giuliani (Musicologo - Università di Lecce)
Carlo Alberto Augieri (Università di Lecce - moderatore)
Gianluca Tarantini (responsabile poetico progetto (inter) sonos = progetto di sperimentazione fonetico-musicale)
Francesco Marra (responsabile musicale progetto (inter) sonos = progetto di
sperimentazione fonetico-musicale)
Francesco Andriani (studente dell’Università di Lecce)
Antonio Montinaro (studente dell’Università di Lecce)


Ore 11:30 Dibattito


Ore 13.00 Pausa pranzo


Ore 19:00 Palazzo dei Celestini*

Spettacolo teatrale Shakespeare in love di Andrea Rossetti

Ore 21:00 Esibizione e video-proiezioni del progetto di sperimentazione fonetico-
musicale (inter) sonos

Ore 22:00 Spettacolo poetico-musicale a cura di Gabriele Frasca e Roberto Paci Dalò (Produzione: compagnia Giardini Pensili)

12 maggio, ore 9.00 Palazzo Codacci Pisanelli (M. L. aula Ferrari)

Partecipano:

Giovanni Lindo Ferretti (cantautore)
Roberto Giuliani (Musicologo - Università di Lecce)
Meli Hajderaj (cantante)
Claudio Prima (cantante - musicista)
Carlo Alberto Augieri (Università di Lecce - moderatore)
Fabio Donnicola (studente)


Ore 11:30 Dibattito


Ore 13.00 Pausa pranzo



Ore 19:00 Palazzo dei Celestini*

Concerto del quartetto Ádria: Meli Hajderaj (voce), Claudio Prima (organetto, voce), Redi Hasa (violoncello) e Vito De Lorenzi (percussioni)

Ore 22:00 Concerto di Giovanni Lindo Ferretti, accompagnato da Lorenzo Esposito(voce) e Raffaele Pinelli (organetto)



In seguito verranno rilasciati gli attestati di partecipazione agli studenti triennalisti frequentanti per l’acquisizione dei crediti formativi secondo le norme di legge previste dai relativi corsi di laurea.



* In caso di pioggia si utilizzerà l’Aula Magna di Palazzo Codacci Pisanelli.

arte

paul frank - 17-4-2005 at 15:15

Devo dire, di aver notato anche io gia' da un po' di tempo che, rispetto all'anno scorso il nostro forum è povero di contenuti e di dibattiti...
Tante volte ho letto qualcosa che si era scritto,ma senza rispondere perche' non c'erano stimoli a farlo...
Ma visto che il prof. ha parlato di teatro come "arte" o come "comunicazione",provero' a rispondere in merito.
Penso che prima di tutto,il teatro sia comunicazione,intesa come vera interazione fisica e morale,con il pubblico.
E' solo con il teatro che si puo' raggiungere un legame stretto con chi è davanti...non è come vedere un film;stai li', seduto,inerte,incapace di poter esprimere i tuoi sentimenti...
In teatro c'è vita!c'è la gente che ride,che piange,che si annoia e tu la vedi....
E avolte è proprio da questi gesti,l'attore puo' intervenire direttamente con il pubblico,perche' è a lui che si rivolge;l'intento dell'attore è quello di coinvolgere in tutti i sensi il pubblico,interagire con esso.
Questa opinione pero',non deve precludere il fatto che si sta' parlando comunque di un'arte,molto forte e antica.
E' importante sottolineare l'aspetto artistico del teatro,perche' come tutte le forme d'arte,è capace di affascinarci,di sorprenderci,sin dalle sue origini.
Lo stesso attore,è una figura geniale,che deve essere brillante,un vero artista,che inventa nuovi modi per catturare l'interesse del suo pubblico.
Il teatro è comunicazione,si! Ma anche arte!
Non mi sento di abolire una delle due caratteristiche,perche' l'una non esisterebbe senza l'altra.
Il teatro è comunicazione in quanto arte,come tutte le forme d'arte che si affermano grazie al loro messaggio comunicativo,ma anche grazie alla loro "bellezza",non intesa come fattore estetico.
Come un quadro,che sicuramente è un tassello della concezione artistica globale,che ha la funzione di suscitare in noi emozioni;quindi ci "comunica" qualcosa, esattamente come uno spettacolo teatrale,in grado di influenzarci e affascinarci.

steo - 18-4-2005 at 10:44

Difficile fare distinzione tra arte e comunicazione per quanto riguarda il teatro. Anche perchè l'arte è una forma di comunicazione, o no?!?
Mentre il cinema, sempre secondo me, è molto più comunicazione che arte, perchè non c'è il vero contatto visivo, ma è tutto filtrato da uno schermo che fa vedere solo ciò qualcuno ha già deciso.

MICHELE BLASI - 18-4-2005 at 16:15

Quota:
Originariamente scritto da steo
Difficile fare distinzione tra arte e comunicazione per quanto riguarda il teatro. Anche perchè l'arte è una forma di comunicazione, o no?!?
Mentre il cinema, sempre secondo me, è molto più comunicazione che arte, perchè non c'è il vero contatto visivo, ma è tutto filtrato da uno schermo che fa vedere solo ciò qualcuno ha già deciso.


Ma non dimentichiamoci che fare cinema è arte...il solo saper utilizzare lo schermo come veicolo delle nostre emozioni è arte.Se non fosse questo il cinema odierno,e fosse solo comunicazione come può esserlo un telegiornale, non avrebbe motivo di esistere.A partire dai nostri bravi fratelli Lumière il cinema è questo:arte e insieme di arti:non dimentichiamoci la musica nei film,la fotografia,la pittura.Un esempio:La Passione di Gibson:se non fosse per quei grandiosi studi della fotografia sulla luce questo spettacolare film non sembrerebbe quello che è:a mio avviso, un'opera di Caravaggio in movimento.E in più oggi con la realistica degli effetti sonori ti sembra di essere nella realtà del film.

lucj - 19-4-2005 at 07:52

Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI
Quota:
Originariamente scritto da steo

Sono daccordo con te quando dici che il cinema è arte.
Bisogna però indagare sul "tipo "di arte che rappresenta.perchè un film può raccontare una semplice storia che non ha niente di artistico o qualcosa che già di per sè fa parte della categoria dell'arte.
Basta pensare a film che ritraggono la vita di un'artista o di un pittore con i suoi quadri allora, secondo me, è automatico giudicarlo come un'opea d'arte.
Poi c'è pure un altro aspetto cioè quello dei materiali, delle tecniche e dei mezzi utilizzati per realizzarlo.


lezione e incontro da Koreja

carlo - 19-4-2005 at 18:47

ci vediamo il 22

stampa l'attach
e fai girare il piano della mia giornata di studio con voi tutti

ragazzi
portate le riprese video del Prometeo?

Allegato: 22 aprile 2005.rtf (12kB)
Questo file è stato scaricato 292 volte


GiacomoMadaro - 20-4-2005 at 19:24

Quota:
Originariamente scritto da carlo

ragazzi
portate le riprese video del Prometeo?


ho appena riversato su due dvd le riprese effettuate quella sera dalle due telecamere che ci eravamo portati.
dopodomani possiamo darci uno sguardo.
giacomo

evviva

carlo - 20-4-2005 at 20:11

Quota:
Originariamente scritto da GiacomoMadaro
Quota:
Originariamente scritto da carlo

ragazzi
portate le riprese video del Prometeo?


ho appena riversato su due dvd le riprese effettuate quella sera dalle due telecamere che ci eravamo portati.
dopodomani possiamo darci uno sguardo.
giacomo

evviva
così vediamo cosa è successo: io ero immerso dentro l'evento

avete visto gli orari delle lezioni

ci sarete tutti?

o siete in vacanza?
ricordate che queste lezioni sono vostre!
gestitele.
... vengo apposta dalle alpi...

Giustifica

clara luceri - 21-4-2005 at 14:25

Quota:


ci sarete tutti?
... vengo apposta dalle alpi...


oh noooooooooooooooo....io E IL CD CON LE FOTO DI PROMETEO domani NON CI SAREMO!!!!!!!!!!!! purtroppo l'esame di "storia della musica per film" si è trascinato sino a domani! ci vedremo sicuramente nei prossimi incontri!!!

salvator - 22-4-2005 at 17:48

Io credo sia troppo restrittivo considerare il cinema solo un mezzo di comunicazione e il teatro solo arte!
Non riesce forse il cinema a farci ridere, pensare, piangere proprio come il teatro?
é come dire ke il quadro è arte e la foto è comunicazione.
Io penso ke il concetto di arte sia troppo generico proprio come la parola "amore" percui il teatro non è ke la foma di comunicazione + antica del cinema.

Artaud: il teatro - parte I

Mimmo Capozzi - 23-4-2005 at 10:14

Il teatro vero mi è sempre apparso come l'esercizio di un atto pericoloso e terribile, in cui d'altronde tanto l'idea di teatro e di spettacolo si elimina quanto quella di di ogni scienza, di ogni religione e di ogni arte. L'atto di cui parlo mira alla trasformazione organica e fisica vera del corpo umano. Perchè? Perchè il teatro non è quella mascherata scenica in cui si sviluppa virtualmente e simbolicamente un mito ma quel cruogiolo di fuoco e dicarne vera in cui anatomicamente, per sfregloio di ossa, di membri e di sillabe, si rifanno i corpi e si presenta fisicamente e al naturale l'atto mitico di fare un corpo.

i racconti del cuscino

salvator - 24-4-2005 at 11:50

se non avete visto il film potete vedere questo sito
http://freeweb.supereva.com/albertomignani/index.html?p


Pierpaolo - 29-4-2005 at 17:12

dams, ma quale dams!
che grande illusione che hanno messo in piedi, ora parlano persino di accorpamento con il corso di laurea in beni musicali!
Nn riesco a capire piu' cosa stò studiando, o meglio cosa cercano di "insegnarci"e quale futuro dinanzi a me....Ma che gran tristezza....moriremo tutti!

allegria

MICHELE BLASI - 30-4-2005 at 14:46

Quota:
Originariamente scritto da Pierpaolo
dams, ma quale dams!
che grande illusione che hanno messo in piedi, ora parlano persino di accorpamento con il corso di laurea in beni musicali!
Nn riesco a capire piu' cosa stò studiando, o meglio cosa cercano di "insegnarci"e quale futuro dinanzi a me....Ma che gran tristezza....moriremo tutti!


Cazzo che allegria...pensate alle cose serie,tipo che cosa volete fare dopo.Ora il 'lavoro' te lo devi creare;anche se hai un ottimo titolo di studio nessuno ti assicura niente...siamo ottimisti e diamoci de fare per sistemare sto corso di laurea;non sono nessuno e non faccio parte di nessuna associazione studenti ma se comincio a pensare male di tutto e tutti nn vado avanti neanche morto.Ci vogliono palle...

attendo voi

carlo - 30-4-2005 at 14:53

Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI...pensate alle cose serie,tipo che cosa volete fare dopo.Ora il 'lavoro' te lo devi creare;anche se hai un ottimo titolo di studio nessuno ti assicura niente...


ragazzi x quanto sia fuori dai giochi...
credo si stai intravedendo una via d'uscita

in ogni caso vale il discorso di michele

e in questo forum
e nel mio corso
sfoderate le vostre qualità x definire al meglio la didattica...

io le mie proposte le ho fatte

attendo voi

Pierpaolo - 30-4-2005 at 15:06

Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI
Quota:
Originariamente scritto da Pierpaolo
dams, ma quale dams!
che grande illusione che hanno messo in piedi, ora parlano persino di accorpamento con il corso di laurea in beni musicali!
Nn riesco a capire piu' cosa stò studiando, o meglio cosa cercano di "insegnarci"e quale futuro dinanzi a me....Ma che gran tristezza....moriremo tutti!


Cazzo che allegria...pensate alle cose serie,tipo che cosa volete fare dopo.Ora il 'lavoro' te lo devi creare;anche se hai un ottimo titolo di studio nessuno ti assicura niente...siamo ottimisti e diamoci de fare per sistemare sto corso di laurea;non sono nessuno e non faccio parte di nessuna associazione studenti ma se comincio a pensare male di tutto e tutti nn vado avanti neanche morto.Ci vogliono palle...


...non e' una questione di palle!
Quelle che tu chiami "palle" le dovrebbero tirar fuori tutti coloro che da un giorno all'altro si sono inventati di attivare questo pseudo corso senza neppur avere gli strumenti e i mezzi necessari.

AIUTOOOOOOOOOOO

Elenuccia - 30-4-2005 at 17:09

Salve a tutti e buongiorno a lei prof. Infante!!
Comincia la mia avventura su questo forum, porgendoLe alcune domande.
Le ho inviato ieri sera una e-mail. Volevo sapere il giorno in cui sarebbe previsto l'appello per l'esame di " INFORMATICA MULTIMEDIALE".
poi, volevo domandarle una cosa.
Dunque, sono del primo anno fuori corso dello Stamms di Lecce e ho frequentato le sue lezioni un paio d'anni fa.
Per vari motivi non ho partecipare al forum. Volevo domandarle se è possibile in sede d'esame portare il suo libro "IMPARARE GIOCANDO" e magari approfondire nel forum le parti del libro che mi hanno interessato e piaciuto di più. Confido in una sua risposta. Tanti saluti... a presto!....Elena!!!!!

un piccolo p.s.

Elenuccia - 30-4-2005 at 17:12

Prof., scusi, mi sono dimenticata di chiederle un'altra cosa.
Nella e-mail che mi ha mandato gentilmente ieri, ha scritto che il 18-19-20 maggio sarebbe venuto ad Arnesano. Vorrei sapere se queste date si riferiscono agli appelli o alle lezioni. Grazie ancora......tanti saluti!!!!!!

saprete a giorni

carlo - 30-4-2005 at 17:33

Quota:
Originariamente scritto da Elenuccia
Prof., scusi, mi sono dimenticata di chiederle un'altra cosa.
Nella e-mail che mi ha mandato gentilmente ieri, ha scritto che il 18-19-20 maggio sarebbe venuto ad Arnesano. Vorrei sapere se queste date si riferiscono agli appelli o alle lezioni. Grazie ancora......tanti saluti!!!!!!


lezioni

gli appelli saranno a fine giugno in stretta relazione con l'evento di galatina
che si sta x definire

saprete a giorni

sergio sozzo - 2-5-2005 at 12:19

Quota:
Originariamente scritto da Pierpaolo
dams, ma quale dams!
che grande illusione che hanno messo in piedi, ora parlano persino di accorpamento con il corso di laurea in beni musicali!
Nn riesco a capire piu' cosa stò studiando, o meglio cosa cercano di "insegnarci"e quale futuro dinanzi a me....Ma che gran tristezza....moriremo tutti!


390c06bc40634.jpg - 13kB

salvator - 3-5-2005 at 17:49

Falsi moralismi non riusciranno a sollevare un corso di studi ke striscia dal primo giorno.
La massiccia partecipazione al forum dell'anno scorso non mi ha lasciato nulla se non uno SBADIGLIO ke è cominciato mentre leggevo i ripetuti "quote" e altri messaggini poco pertinenti con l'argomento e ke mi porto dietro ancora oggi. Le belle idee sono rare e vengono subito soffocate perkè è più comodo se restano tali.
L'immagine di De Niro ( per i cinefili del corso!) rende l'idea della fine del forum.
Buon lavoro a tutti.

siamo tornate

AMOREePSICHE - 4-5-2005 at 09:30

Con un pò di ritardo siamo di nuovo tra voi. Abbiamo qualche difficoltà ad inserire le nostre foto ma stiamo provvedendo!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

MICHELE BLASI - 4-5-2005 at 12:08

Quota:
Originariamente scritto da salvator
Falsi moralismi non riusciranno a sollevare un corso di studi ke striscia dal primo giorno.
La massiccia partecipazione al forum dell'anno scorso non mi ha lasciato nulla se non uno SBADIGLIO ke ?cominciato mentre leggevo i ripetuti "quote" e altri messaggini poco pertinenti con l'argomento e ke mi porto dietro ancora oggi. Le belle idee sono rare e vengono subito soffocate perk??pi?comodo se restano tali.
L'immagine di De Niro ( per i cinefili del corso!) rende l'idea della fine del forum.
Buon lavoro a tutti.


Ehi amico niente da dire sulle tue osservazioni...il corso effettivamente non ¨¦ mai andato bene,ma una cosa allora?perch¨¦ sei ancora iscritto???

salvator - 4-5-2005 at 12:53

Quota:
Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI


Ehi amico niente da dire sulle tue osservazioni...il corso effettivamente non ¨¦ mai andato bene,ma una cosa allora?perch¨¦ sei ancora iscritto???


Molti studiano per trovare un lavoro, io parto dal senso opposto!
Frequento poco l'università e quelle rare volte o ci sono le festività di carnevale (Ke figata!) o il prof. ha rimandato le lezioni!
Sei del terzo anno e dovresti fare il tirocinio: voglio proprio vedere quale azienda (ammesso ke ce ne siano tante in proporzione al numero di studenti) si farà carico di studenti senza le fondamenta pratike!
Dovrei cancellarmi per ricominciare? E per studiare cosa?: giurisprudenza?!!!!!!!! :)

le porte sono aperte

carlo - 4-5-2005 at 21:21

ragazzi

capisco tutto
ma non sfasciate il forum
non ne vale la pena

chi ha seguito le mie lezioni
e gli eventi che ho curato
è in grado di comprendere il lavoro che sto facendo

mi spiace x voi che non siete entrati nella sfera della mia ricerca
che credo, spero, sia condivisa da chi mi sta seguendo

x intervenire lì faccio non pochi sacrifici
dovreste capirlo

spero che ci si ritrovi quando vengo il 18, 19, 20 maggio

le porte
e le esperienze di didattica innovativa di cui sono portatore
sono aperte

disponibilità
ci vuole disponibilità

Eliana Manca - 5-5-2005 at 18:44

Si avvicina la data del seminario su IL SUONO E LA VOCE con i relativi spettacoli serali al palazzo dei celestini, 10-11-12 Maggio

un assaggio del progetto INTER-SONOS, in scena l'11 Maggio.

http://stage.vitaminic.it/main/inter_sonos/all_tracks/

Pierpaolo - 6-5-2005 at 12:04

Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI
Ehi amico niente da dire sulle tue osservazioni...il corso effettivamente non ¨¦ mai andato bene,ma una cosa allora?perch¨¦ sei ancora iscritto???


...Perchè sono iscritto?
perche credo che la scuola, l'Università possa offrire a ragazzi che si trovano a vivere come me, una condizione "ecnomico-familiare" difficile; una grande possibilità di Riscatto.
Possibilità di Riscatto che nasce dalla Cultura con la "C"maiuscola,dall'appropriazione della ricchezza delle parole e sinceramente non credo che vi sono altre alternative se non quella di lavorare a "NERO" per 12 ore, oppure magari se sono fortunato vinco un bel concorso come VFB nell'esercito!

Saluti

sergio sozzo - 7-5-2005 at 13:52

la meravigliosa, divina, luminosa LAURIE ANDERSON sarà a Roma giovedi 12 e venerdi 13 maggio, col suo spettacolo The End of the Moon.
Cosa darei per essere lì, magari qualche giorno prima - tipo domenica, per godermi anche il concerto dello strepitoso Ornette Coleman...

Ferrara5.jpg - 42kB

sergio sozzo - 7-5-2005 at 13:59

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
la foto di sopra è tratta dalla conferenza stampa relativa all'evento "words and music", un mini tour ultraminimale - reed alla chitarra, laurie al violino - che i due piccioncini intrapresero in italia (meraviglioso il concerto a ferrara sotto le stelle), fatto di readings, strumentali, e improvvisazioni basate sui lavori di entrambi i musicisti.
foto, recensioni e racconti di quelle straordinarie serate su
http://www.loureed.it/speciali/words/words.html


2002live3.jpg - 20kB

salvator - 8-5-2005 at 13:01



mia.jpg - 4kB

paul frank - 8-5-2005 at 16:48

Ciao a tutti,
ho notato che il forum si e' un po' bloccato...
Prof. volevo chiederle qualche suggerimento per l'esame,perche' sono talmente tanti che dobbiamo pensare contemporaneamente a tutti.
A me piacerebbe lavorare sull'esperienza di Artoud oppure sulle installazioni; l'unico problema è che non saprei come realizzare il progetto,potrebbe darmi qualche spunto?
Intanto ci vedremo nelle prossime lezioni.
A presto

un pò di chiarezza

carlo - 8-5-2005 at 22:33

Quota:
Originariamente scritto da paul frank
Ciao a tutti,
ho notato che il forum si e' un po' bloccato...
<<<
è fisiologico...
sono emerse delle negatività (anche comprensibili)
ma è necessario andare oltre
<<<

Prof. volevo chiederle qualche suggerimento per l'esame,perche' sono talmente tanti che dobbiamo pensare contemporaneamente a tutti.
A me piacerebbe lavorare sull'esperienza di Artoud
<<<
su Artaud farò una lezione ad hoc
e vderemo

x il resto
ho già disseminato degli input precisi

come quello del digital story telling con Boldrini
ma purtroppo in pochi lo hanno seguito

il 18 quando ci vediamo vediamo di fare un pò di chiarezza

<<<
oppure sulle installazioni; l'unico problema è che non saprei come realizzare il progetto,potrebbe darmi qualche spunto?
Intanto ci vedremo nelle prossime lezioni.
A presto

MICHELE BLASI - 9-5-2005 at 14:26

Quota:
Originariamente scritto da carlo
Quota:
Originariamente scritto da paul frank
Ciao a tutti,
ho notato che il forum si e' un po' bloccato...
<<<
è fisiologico...
sono emerse delle negatività (anche comprensibili)
ma è necessario andare oltre
<<<

Prof. volevo chiederle qualche suggerimento per l'esame,perche' sono talmente tanti che dobbiamo pensare contemporaneamente a tutti.
A me piacerebbe lavorare sull'esperienza di Artoud
<<<
su Artaud farò una lezione ad hoc
e vderemo

x il resto
ho già disseminato degli input precisi

come quello del digital story telling con Boldrini
ma purtroppo in pochi lo hanno seguito

il 18 quando ci vediamo vediamo di fare un pò di chiarezza

<<<
oppure sulle installazioni; l'unico problema è che non saprei come realizzare il progetto,potrebbe darmi qualche spunto?
Intanto ci vedremo nelle prossime lezioni.
A presto


Si giusto pensiamo alle cose serie...mi dispiace aver incrementato un po' questa polemica,anche se comunque rimango della mia idea, e non essermi dedicato di più al forum.Anche a me interessa il discorso delle installazioni,mi è sempre interessato,dico anche fuori dal campo universtario.Poi ne riparleremo a lezione di maggio e spero che fra tutti sti cavolo di esami,tutti concentrati in questo periodo,riusciamo a fare qualcosa di costruttivo per noi(questo è per chi cerca lavoro). a presto

MICHELE BLASI - 13-5-2005 at 09:29

...mai niente da dire:::questo forum si sta pian piano spegnendo.Facciamo qualcosa...
Prof io starei iniziando a preparare un progettino da presentare poi al suo esame...quanto prima ne parlero' nel forum,ilo tempo di sistemare un po' il tutto...o in casi estremi poi ne parliamo a lezione la settimana prossima.Nel frattempo vorrei dire una cosa:non facciamoci prendere dall'euforia di poter sostenere 4 esami insieme come si sta dicendo in questi giorni ad arnesano.Io da un certo punto di vista preferisco puntare alla qualità e non tanto alla quantità....ciao a tutti

Stefano Quarta - 13-5-2005 at 10:57

Salve prof.Infante, sono Stefano Quarta(Steo) ho dovuto registrarmi nuovamente perchè inspiegabilmente il forum non mi riconosceva più.Mah!!!!
Per quanto riguarda il forum e le discussioni...bè, ognuno aveva delle aspettative che difficilmente sono diventate realtà, sempre in ambito universitario sia chiaro. Però questo non vuol dire che da soli non possiamo sopperire a questa mancanza. Onestamente non penso che in altre facoltà sia molto diverso.

Allegato: foto mia.doc (291kB)
Questo file è stato scaricato 240 volte


Artaud: il teatro - parte II

Mimmo Capozzi - 13-5-2005 at 13:58

Se mi si comprende bene, si vedrà in ciò un atto di vera genesi che apparirà strano e umoristico denominare sul piano della vita reale.
Perchè nessuno oggi può credere che uno possa cambiare se non per il tempo e nella morte.
Ora lo ripeto la morte è uno stato inventato e che vive per tutti gli infimi maghi, i guru del nulla che se ne avvantaggiano e che ne pascono da alcuni secoli e ne vivono nello stato chiamato Bardo.
Al di fuori di ciò il corpo umano è immortale.
E' una vecchia storia di rinverdire spavaldamente.
Il corpo umano muore perchè ci si è dimenticati di trasformarlo e di cambiarlo.
Al di fuori di ciò esso non muore, non cade in polvere, non passa per la tomba.

CsO : il corpo senza organi

salvator - 13-5-2005 at 14:02

leggendo qua e là nei meandri di internet
spinto dalla curiosità a proposito di ANTONIN ARTAUD ho trovato molte cose interessanti e altre incomprensibili su cui vale la pena soffermarsi.
Innanzitutto Artaud nel "teatro e il suo doppio" parla di un teatro della crudeltà intesa non in un'accezione ingenua di spietata carneficina
ma nel suo valore metafisico (e qui già il concetto si sfuma) della vita che affronta ogni limite mettendosi alla prova nelle torture
e propone un teatro in cui le immagini fisiche violente paralizzino lo spettatore
in un turbinio di musiche, parole e gesti.

Domanda:possibile che solo la sofferenza, la crudeltà possa liberare la mente e il corpo dalla sua materialità? Oltre al genio-follia esistono anche i geni-sani?


Proseguendo la ricerca mi imbatto su un articolo del Prof. (http://www.idra.it/cyberia/IpreArta.htm)
da cui riporto qlcs qui:

Marcel.lì è su un piedistallo, seminudo e cablato. E' avvolto da piccoli tubini trasparenti che agiscono con servomeccanismi pneumatici su piccoli arnesi ortopedici applicati al viso e ad una lunga serie di altre parti del corpo. In un angolo il personal computer a disposizione degli spettatori, costretti quindi ad assumersi una responsabilità: quella di far accadere il teatro cliccando.
Ad ogni cliccata sulle zone attive dell'interfaccia grafica viene attivato un compressore che spara aria nei tubicini che a loro volta animano gli arnesi che manipolano bocca, naso,occhi, orecchie, pettorali e natiche. La piattaforma rotante ci presenta il "corpo glorioso" ( citare Antonin Artaud è inevitabile) che come una sorta di San Sebastiano postumano viene invaso dall'azione altrui. O come una "supermarionetta"
Il paradosso messo in scena da Antunez è evidente: il rapporto uomo-macchina viene clamorosamente ribaltato in un gioco di massacro in cui il corpo è a disposizione del computer interattivo. Ed è inevitabile l'imbarazzo dello spettatore che agendo sull'interfaccia grafica provoca un'azione fisica riflessa sul cybermartire.

Domanda:sono anche questi dei cybermartiri?

se volete leggere qlcs provate questo sito
http://www.arkineos.it/rivista/rivi01.htm


una piccola recensione su "Pour en finir avec le jugement de dieu" http://www.kainos.it/numero3/recensioni/artaud.html

africafame6.bmp - 494kB

si riprende il filo

carlo - 13-5-2005 at 17:22

Quota:
Originariamente scritto da Stefano Quarta
Salve prof.Infante, sono Stefano Quarta(Steo) ho dovuto registrarmi nuovamente perchè inspiegabilmente il forum non mi riconosceva più.Mah!!!!
Per quanto riguarda il forum e le discussioni...bè, ognuno aveva delle aspettative che difficilmente sono diventate realtà, sempre in ambito universitario sia chiaro. Però questo non vuol dire che da soli non possiamo sopperire a questa mancanza. Onestamente non penso che in altre facoltà sia molto diverso.


vai a vedere
qui nel forum
come si mettono su le foto

x il resto quando ci vediamo il 18
si riprende il filo

finalmente

MICHELE BLASI - 14-5-2005 at 09:25

Quota:
Originariamente scritto da carlo
Quota:
Originariamente scritto da Stefano Quarta
Salve prof.Infante, sono Stefano Quarta(Steo) ho dovuto registrarmi nuovamente perchè inspiegabilmente il forum non mi riconosceva più.Mah!!!!
Per quanto riguarda il forum e le discussioni...bè, ognuno aveva delle aspettative che difficilmente sono diventate realtà, sempre in ambito universitario sia chiaro. Però questo non vuol dire che da soli non possiamo sopperire a questa mancanza. Onestamente non penso che in altre facoltà sia molto diverso.


vai a vedere
qui nel forum
come si mettono su le foto

x il resto quando ci vediamo il 18
si riprende il filo


finalmente....

ESISTONO GENI SANI?

CIRO MASCIULLO - 15-5-2005 at 21:36

Quota:
Originariamente scritto da salvator
...leggendo qua e là nei meandri di internet ....
spinto dalla curiosità a proposito di ANTONIN ARTAUD...

...Domanda:possibile che solo la sofferenza, la crudeltà possa liberare la mente e il corpo dalla sua materialità?

Oltre al genio-follia esistono anche i geni-sani?

....Proseguendo la ricerca mi imbatto su un articolo del Prof....
...Il paradosso messo in scena da Antunez...
Domanda:sono anche questi dei cybermartiri?


...Si...per lo più sono matematici, fisici, spesso non hanno a che fare con le arti...credono nell'uomo... nel progresso...
...e i geni "sani" che hanno a che fare con l'arte credo che spesso sono felici proprio per questo...si rifugiano in un mondo perfetto e ideale...che non esiste....


ci vediamo mercoledì

carlo - 16-5-2005 at 11:37

e vediamo cosa combinare d'eccellente insieme

stampate il piano lezioni e fatelo girare!

Allegato: programma delle lezioni di maggio.rtf (11kB)
Questo file è stato scaricato 300 volte


Stefano Quarta - 17-5-2005 at 18:12

Urge un confronto visivo con tutti, la lezione di domani credo che ci servirà parecchio.

lezione

salvator - 18-5-2005 at 11:33

potreste essere così gentili da sintetizzare di cosa si è parlato a lezione?
Quali sono i progetti e come c si organizza?
Grazie

salvator - 18-5-2005 at 13:42

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
Quota:

...Si...per lo più sono matematici, fisici, spesso non hanno a che fare con le arti...credono nell'uomo... nel progresso...
...e i geni "sani" che hanno a che fare con l'arte credo che spesso sono felici proprio per questo...si rifugiano in un mondo perfetto e ideale...che non esiste....


Non ho la presunzione di considerarmi un genio
(perchè se lo facessi vuol dire ke sarei cosciente di ciò ke sono quindi non potrei essere un folle o forse follia è proprio questo!)
ma il concetto di arte rimane atratto
perkè nonostante i nostri sforzi per comprenderla
non riusciremo mai ad assimilarne l'essenza come è per il suo creatore!
L'essenza delle cose sta nella loro autenticità.
"Quando Dio creò la prima immagine d'argilla
di un essere umano vi dipinse sopra gli occhi,
le labbra e il sesso;
quindi vi dipinse su il nome di ogni persona
affinchè il suo possessore non potesse mai dimenticarlo.
Se Dio era soddisfatto della sua creazione dava vita all'imagine d'argilla dipinta
firmandola con il Suo proprio nome." ( Dal film "i racconti del cuscino" di Peter Greenaway)
L'essenza dell'arte è aprioritaria a qualsiasi concetto
e sta nella materialità stessa dell'uomo.

gruppo per il progetto finale

MICHELE BLASI - 18-5-2005 at 15:00

Salve....noi ci siamo uniti per portare avanti un unico progetto:michele blasi,stefano quarta,rita scalcione,rossana fortiguerra.Il progetto è ancora da sistemare ma fondamentalmente è questo:creare delle installazioni sulla body-arte.Ci spiegheremo poi meglio con la pratica.



stafano mi devi portare una foto normale seno è impossibile mettere quella che hai allegato

presagi d'artaud

carlo - 19-5-2005 at 10:10

la scaletta e i contenuti del
concept film

Allegato: I PRESAGI DI ARTAUD.doc (26kB)
Questo file è stato scaricato 311 volte


link alla sistematurgia di Roca

carlo - 19-5-2005 at 11:21

http://www.marceliantunez.com/tikiwiki/tiki-read_article.php?articl...

sergio sozzo - 21-5-2005 at 08:01

l'intera trasmissione radiofonica di artaud, per farla finita col giudizio di dio, è scaricabile in mp3 da

http://www.artaud.net/

cliccando in home page dal menu in alto a destra sul link che porta alla sezione 'per farla finita' (gli mp3 sono in fondo alla pagina).









sergio sozzo - 21-5-2005 at 08:04

mentre un cospicuo estratto (più o meno 25 minuti) della lunga odissea sonora artaudiana si trova - sempre in mp3, sempre downloadabile - insieme agli ascolti di alcune rielaborazioni attoriali della famosa trasmissione, su

http://www.ubu.com/sound/artaud.html

Stefano Quarta - 21-5-2005 at 10:15

Si è parlato molto di Galatina, a lezione. DI questo simposio in onore della grabde Rina Durante ,che purtroppo ci ha lasciati, del suo studio fatto sui vari tipi di olio salentini. A lezioni abbiamo visto un video dove si preparava la parmigiana, ma praticamente era un normale video di una ricetta, non un "gastrofilosofo".
L'unico risultato che ha ottenuto quel video è stato quello di farmi venire fame!
E da ora inizia il periodo critico perchè abbiamo circa 1 esame a settimana se non di più.
E in teoria dovremmo andare a Galatina...ma hanno inventato la pozione per il dono dell'ubiquità?!?


Michele la foto la allego la prossima volta.


salvator - 22-5-2005 at 12:54

Quota:
Originariamente scritto da Stefano Quarta
.........................
E da ora inizia il periodo critico perchè abbiamo circa 1 esame a settimana se non di più.
E in teoria dovremmo andare a Galatina...ma hanno inventato la pozione per il dono dell'ubiquità?!?



Hai la possibilità di scegliere a quanto pare!


MICHELE BLASI - 23-5-2005 at 11:25

Quota:
Originariamente scritto da Stefano Quarta
Si è parlato molto di Galatina, a lezione. DI questo simposio in onore della grabde Rina Durante ,che purtroppo ci ha lasciati, del suo studio fatto sui vari tipi di olio salentini. A lezioni abbiamo visto un video dove si preparava la parmigiana, ma praticamente era un normale video di una ricetta, non un "gastrofilosofo".
L'unico risultato che ha ottenuto quel video è stato quello di farmi venire fame!
E da ora inizia il periodo critico perchè abbiamo circa 1 esame a settimana se non di più.
E in teoria dovremmo andare a Galatina...ma hanno inventato la pozione per il dono dell'ubiquità?!?


Michele la foto la allego la prossima volta.



no abbiamo scelta se vogliamo sbrigarci e finire questo corso di studi dobbiamo fare tutti sti esami a giugno...il problema è per chi vuole puntare anche sulla qualità e non solo sulla quantità;a volte non ti permettono qesto....comunque prof il progetto noi lo stiamo iniziando.Sarà molto interessante.







ok per la foto ste....ciao proprio

Artaud: il teatro - parte III

Mimmo Capozzi - 23-5-2005 at 15:59

Il corpo umano è imperituro e immortale e cambia, cambia fisicamente e materialmente, anatomicamente e manifestamente, cambia visibilmente e subito purchè ci si voglia prendere la pena materiale di ferlo cambiare.
Esisteva un tempo un'operazione di ordine meno magica che scientifica e che il teatro ha soltanto sfiorato passando, per la quale il corpo umano quando veniva riconosciuto cattivo era passato trasportato fisicamente e materialmente oggettivamente e come molecolarmente da un corpo all'altro, da uno stato passato e perduto di corpo ad uno stato rafforzato ed innalzato di corpo.
E bastava per questo rivolgersi a tutte le forze drammatiche, rifluite e perdute del corpo umano.
Si tratta dunque là di una rivoluzione necessaria, ma non sose parecchie persone hanno pensato che questa rivoluzione non sarebbe vera, sino a quando non divenga fisicamente e materialmente completa, sino a quando non si rivolti verso l'uomo verso il corpo dell'uomo stesso e non si decida infine a chiedergli di cambiarsi.i

l'eco di artaud, genius loci 4 e l'esame

carlo - 23-5-2005 at 16:32

in attach trovate il testo sbobinato del videointervento che hanno curato i miei studenti di MC

vorrei capire meglio
chi porterà cosa all'esame

su artaud c'è molto interesse
ma non scapicollatevi

ricordate che tengo molto ad un impegno
su genius loci che potrà consistere
in diverse forme:
1. intervento nel blog che rilancerò
su http://www.teatron.org/geniusloci/
al momento fermo
2. impegno nella progettazione dei 2 format d'intervento:
a. Simposio in forma di Cena. Rina e l'Olio.
b. pellegrinaggi x autoradio
3. impegno nell'organizzazione di genius
loci.

E' chiaro che saranno premiati dall'esame
coloro che parteciperanno di +
sapete che non amo lo studio...

qui si fa ricerca
tendenzialemnte sul campo

chi ha visto Boldrini?
e Latini?
e Infante nelle sue lezioni disertate?



avevo dimenticato l'attach

carlo - 23-5-2005 at 18:18



Allegato: video_sbobinato_artaud.doc (51kB)
Questo file è stato scaricato 356 volte


Esami e Galatina

Duilio - 24-5-2005 at 09:22

Quota:
Originariamente scritto da carlo
in attach trovate il testo sbobinato del videointervento che hanno curato i miei studenti di MC

vorrei capire meglio
chi porterà cosa all'esame

su artaud c'è molto interesse
ma non scapicollatevi

ricordate che tengo molto ad un impegno
su genius loci che potrà consistere
in diverse forme:
1. intervento nel blog che rilancerò
su http://www.teatron.org/geniusloci/
al momento fermo
2. impegno nella progettazione dei 2 format d'intervento:
a. Simposio in forma di Cena. Rina e l'Olio.
b. pellegrinaggi x autoradio
3. impegno nell'organizzazione di genius
loci.

E' chiaro che saranno premiati dall'esame
coloro che parteciperanno di +
sapete che non amo lo studio...

qui si fa ricerca
tendenzialemnte sul campo

chi ha visto Boldrini?
e Latini?
e Infante nelle sue lezioni disertate?




ciao carlo, ci sono novità sulla modalità di svolgimento degli esami (Infante, Spina-Santoro-Capani, Di Gianni, Toma.......e Viganò [io devo ancora sostenere il suo esame del 2 anno] ?). se la quantità di libri da portare all'esame resterà invariata, temo di non poter venire a galatina!

ideuzza

MICHELE BLASI - 24-5-2005 at 15:47

Mi rivolgo ai ragazzi del mio gruppo...Mi è venuta una piccola idea sul progetto delle installazioni-body arte che stiamo portando avanti ragazzi.E' un pò un casino da spiegare così...la prossima volta ad Arnesano ne parliamo con calma e vediamo se vi interessaNel frattempo pensate qualcosa anche voi così cerchiamo di concludere il progetto.A presto

la questione è chiara

carlo - 24-5-2005 at 23:02

Quota:
Quota:
[


ciao carlo, ci sono novità sulla modalità di svolgimento degli esami (Infante, Spina-Santoro-Capani, Di Gianni, Toma.......e Viganò [io devo ancora sostenere il suo esame del 2 anno] ?). se la quantità di libri da portare all'esame resterà invariata, temo di non poter venire a galatina!


la questione è chiara
chi s'impegnerà a Galatina e nei Pellegrinaggi
vedremo in quale forma
acquisterà un credito preciso nella valutazione d'esame
con Toma ho parlato oggi
è pienamente d'accordo

il 16 sarò a lecce
dove Toma e oistros faranno uno spettacolo
la mattina perchè non ci vediamo ad arnesano
x fare un piano d'azione?

sergio sozzo - 26-5-2005 at 13:50

meraviglioso nel video 'i presagi di artaud' l'estratto da uno spettacolo credo dei Magazzini Criminali dal titolo 'crollo nervoso' - una performance che mi è sembrata molto bella, anche per la scelta delle musiche di brianeno, byrne, e un paio di pezzi (l'acidissima 'disco mystic' e la straordinaria 'the bells') dal disco che lou reed incise col maestro del free jazz don cherry nel 1979, "the bells", un lp che il critico americano lester bangs considerò "l'unico incontro riuscito tra jazz e rock dai tempi di 'on the corner' di miles davis" - un must!

bells.jpg - 9kB

tinkerbell83 - 26-5-2005 at 21:47

finalmente ho trovato qualche minuto di tempo per registrarmi nuovamente su questo forum...con il vecchio user name non riuscivo ad entrare....Però adesso non riesco a mettere la foto...qualcuno è così gentile da spiegarmi come fare?....Grazie....
Per Michele: appena arrivo a lecce ci vediamo per parlare del progetto...nel frattempo mi faccio venire qualche bella idea...
Buona serata a tutti
Rita

Artaud: il teatro - parte IV

Mimmo Capozzi - 27-5-2005 at 15:20

Ora il corpo è divenuto sporco e tristo perchè noi viviamo in un mondo sudicio e tristo che non vuole che il corpo umano sia cambiato e che ha saputo disporre da tutte le parti ai punti nacessari la sua occulta e tenebrosa ciurma per impedire di cambiarlo.
In tal modoquesto mondo non è cattivo solamente alla superficia, ma perchè sotteraneamente e occultamente coltiva e mantiene il male che l'ha fatto essere e che ci ha fatti nascere di tristo spirito e in mezzo al tristo spirito.
Non solo solamente i costumi putridi, è anche l'atmosfera in cui viviamo putrida materialmente e fisicamente di vermi reali, di oscene apparenze, di spiriti verminosi, di organismi infetti, e li si può vedere ad occhio nudo pur che se ne abbia, come me, lungamente, acremente sistematicamente sofferto.

Stefano Quarta - 30-5-2005 at 17:52

Michele che idea ti è venuta?
Io comunque sto scaricando un pò di materiale sulla body art e le sue applicazioni.
Per il resto....

paul frank - 31-5-2005 at 09:50

Ciao ragazzi,come va?
Ho visto che si sta parlando di progetti.
A ma interesserebbe la bodyart,infatti volevo chiederti a te,Michele se posso inserirmi nel tuo gruppo anche io.
Posso trovare un bel po' di cose al riguardo.
Fatemi sapere se va bene.
Ci vediamo ad Arnesano.
Ah,ma questa settimana qualcuno sta seguendo il laboratorio con il prof. Toma?
Potreste aggiornarmi su quello she si sta facendo?
Grazie,aspetto vostre notizie.
Ciao a tutti.

MICHELE BLASI - 31-5-2005 at 09:51

Quota:
Originariamente scritto da Stefano Quarta
Michele che idea ti è venuta?
Io comunque sto scaricando un pò di materiale sulla body art e le sue applicazioni.
Per il resto....


Più o meno era questo quello che mi era venuto:predisporre delle installazini in delle sale diverse per creare una specie di storia della body-arte.Partendo dalle installazioni delle prime stanze,che riguarderebbero magari i tatuaggi maori o comunque una body-arte un pò più vecchiotta,fino ad arrivare alle ultime stanze con delle proiezioni dell'arte contemporanea,della body-arte dei nostri giorni,come piercing e tatuaggi.E tutto magari accompagnato da musica,anche questa in successione storica,ben separata da una stanza all'altra.Fatemi sapere cos ne pensate.Ciao a tutti

Artaud: il teatro - parte V

Mimmo Capozzi - 1-6-2005 at 10:16

E non c'è allucinazione o delirio in ciò, no, è quell'urtar di gomiti falsificato e verificato del mondo abominevole degli spiriti di cui ogni imperituro attore, ogni poeta creato dall'ispirazione ha sempre sentito le parti vergognose rendere vili i suoi slanci più puri.
E non si avrà rivoluzione politica o morale possibile fino a che l'uomo resterà magneticamente compresso, nelle sue reazioni organiche e nervose più elementari e più semplici, per la sordida influenza di tutti i luoghi dubbiosi e iniziati, che, ben al caldo negli scaldini del loro psichismo se la ridono sia delle rivoluzioni che delle guerre, sicuri che l'ordine anatomico sul quale è basato tanto l'esistenza che la durata della società attuale non potrà essere più cambiato.

sergiooooooooo

MICHELE BLASI - 1-6-2005 at 17:50

Sergio una domanda...il lavoro di Spina lo portiamo lunedì 6 ad Arnesano?Avevi detto che spedivi tutto tu.Se ci sono cambiamenti fammi sapere...Rispondi se leggi il messaggio...ciao

sergio sozzo - 2-6-2005 at 19:59

Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI
Sergio una domanda...il lavoro di Spina lo portiamo lunedì 6 ad Arnesano?Avevi detto che spedivi tutto tu.Se ci sono cambiamenti fammi sapere...Rispondi se leggi il messaggio...ciao



i lavori per il Prof. Spina vanno consegnati entro sabato 4, cioè dopodomani.
lunedi mattina sul presto (credo verso le nove) andrò a prenderli in segreteria ad arnesano e li spedirò a Roma.
ok?

x galatina

global-local - 3-6-2005 at 11:25

ciao a tutti,

ecco alcuni link preparatori al Genius Loci '04
di quest'anno.

sto lavorando con il prof. Carlo Infante alla
definizione dei dettagli sia dei pellegranaggi
per autoradio sia per il simposio in forma di
cena da tenersi nel palazzo della cultura
a galatina.

http://www.global-local.net/geniusloci/cena

qui trovate il progetto della cena

http://www.global-local.net/geniusloci

qui invece c'e' il sito che presto sara'
spostato su dominio dedicato.

chiunque sia interessato a lavorare con
noi puo' esprimere il proprio desiderio
di collaborare.

GiacomoMadaro - 3-6-2005 at 11:58

Quota:
Originariamente scritto da carlo
Drammaturgia dell’interattività
III anno_DAMS-Salento



• progettazione educativa concepita come qualcosa che va oltre l’ambito scolastico, per attivare una formazione continua legata alle istanze relative alle nuove forme di cittadinanza digitale promosse dall’e-government, inventando operazioni dove le tecnologie della comunicazione promuovano l’approccio ludico-creativo e fondamentalmente partecipativo.



Prof.,
io, Sergio Sozzo e Clara Luceri ci stiamo occupando in questi giorni della parte 'creativa' di un laboratorio di 20 ore sull'acqua, l'idromafia e le multinazionali che la sfruttano, tenuto dalla Dottoressa Laura Luceri al 'Grazia Deledda' di Lecce. Alla fine del corso deve venire fuori un prodotto 'interattivo' che riassuma le tematiche trattate durante il laboratorio: stiamo lavorando insieme alle classi su dei frammenti del film 'alla ricerca di nemo', che verranno alterati e ricontestualizzati secondo gli argomenti del corso, cercando di creare un esempio di 'edutainment' - come Lei ci insegna - che coniughi una partecipazione attiva degli studenti con un approccio creativo e artisticamente il più originale possibile ma non per questo povero di contenuti.
ci chiediamo allora - avendo letto il punto 'quotato' sopra nel Suo programma di questo corso, e avendola ascoltata più volte parlare di 'edutainment' - se il lavoro che verrà fuori dal laboratorio con le seconde e le terze del 'Deledda' non possa costituire un valido progetto per sostenere il Suo esame, magari integrato dall'utilizzo 'attivo' durante il nostro operato degli spunti presenti nel Suo libro 'Imparare Giocando'.
Ci faccia sapere al più presto - e conti su di noi: non ci lasceremo scappare la cena in onore di Rina Durante a Galatina!

P.S.: Mimmo Capozzi continuerebbe comunque a sviluppare l'idea e il progetto su Antonin Artaud e la sua trasmissione radiofonica.

Stefano Quarta - 6-6-2005 at 07:44

Michele mi piace l'idea di varie installazioni in varie stanza, in modo da creare un percorso storico delle varie forme di body-art.
Sergio, le sceneggiature le hai spedite?
Ragazzi, chi sta facendo l'esame di Etnomusicologia con il prof. Salvatore?Io si...

Artaud: il teatro - parte VI

Mimmo Capozzi - 6-6-2005 at 08:18

Ora esistono nel respiro umano dei salti e degli spezzati di tono, da grido a grido esistono passaggi bruschi per cui aperture e slanci del corpo intiero delle cose possono essere improvvisamente evocati, e puntellare o liquefare un membro come un albero che si appoggiasse sulla montagna della sua foresta.
Ora il corpo ha un respiro e un grido per i quali può attaccarsi ai punti più interni decomposti dell'organismo e trasportati visibilmente sino a quegli altipiani splendenti in cui il corpo l'attende.
E' un'operazione per la quale nelle profondità del grido organico e del respiro lanciati passano tutti gli stati del sangue e degli umori possibili, tutto il combattimento delle spine e delle scheggie del corpo visibile con i mostri falsi dello psichismo, della spiritualità e della sensibilità.

progetto

CIRO MASCIULLO - 6-6-2005 at 17:13

prof. levolevo ricordare
che sto lavorando ai passaggi sonori
del percorso per autoradio a Galatina...

Artaud-Bene

per Sergio

CIRO MASCIULLO - 6-6-2005 at 17:16

Sergio...
mi puoi dire qual'è l'elenco degli autori di letteratura...e l'indirizzo a cui spedire la sceneggiatura di Spina...

Grazie mille


rieccomi

carlo - 7-6-2005 at 12:12

Quota:
Originariamente scritto da GiacomoMadaro
Quota:
Originariamente scritto da carlo
Drammaturgia dell’interattività
III anno_DAMS-Salento

(...) Alla fine del corso deve venire fuori un prodotto 'interattivo' che riassuma le tematiche trattate durante il laboratorio: stiamo lavorando insieme alle classi su dei frammenti del film 'alla ricerca di nemo', che verranno alterati e ricontestualizzati secondo gli argomenti del corso, cercando di creare un esempio di 'edutainment' - come Lei ci insegna - che coniughi una partecipazione attiva degli studenti con un approccio creativo e artisticamente il più originale possibile ma non per questo povero di contenuti.
ci chiediamo allora - avendo letto il punto 'quotato' sopra nel Suo programma di questo corso, e avendola ascoltata più volte parlare di 'edutainment' - se il lavoro che verrà fuori dal laboratorio con le seconde e le terze del 'Deledda' non possa costituire un valido progetto per sostenere il Suo esame, magari integrato dall'utilizzo 'attivo' durante il nostro operato degli spunti presenti nel Suo libro 'Imparare Giocando'.
Ci faccia sapere al più presto - e conti su di noi: non ci lasceremo scappare la cena in onore di Rina Durante a Galatina!

P.S.: Mimmo Capozzi continuerebbe comunque a sviluppare l'idea e il progetto su Antonin Artaud e la sua trasmissione radiofonica.


veramente molto interessante
x l'esame se ne può parlare, eccome

hai qualcosa da farmi vedere?

io sono lì il 16

e chiamatemi se volete!
3393669717

e poi
x galatina
è attivo il web ad hoc (che estenderemo al master)
http://www.geniusloci-salento.org/

lì vi sono tutte le info e il form x iscriversi

il 16 mattina troviamo un tempo x parlare deli impegni sul campo e degli esami

vedo che utilizzate il forum anche x altro
va bene così
al momento che non avete altre piattaforme di scambio...
ma non esagerate questo è il forum del mio corso
:-)


sergio sozzo - 7-6-2005 at 12:46

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
Sergio...
mi puoi dire qual'è l'elenco degli autori di letteratura...e l'indirizzo a cui spedire la sceneggiatura di Spina...

Grazie mille



approfittando della pazienza del prof. infante che ci consente di 'parlare d'altro':

elenco degli autori per l'esame di letteratura contemporanea III:

- sacre rappresentazioni
- poliziano
- ariosto
- tasso
- teatro rinascimentale
- de dottori
- della valle
- goldoni
- alfieri
- manzoni
- pellico
- verga
- d'annunzio
- pirandello

te ne chiede uno a scelta come prima domanda (oltre a verga credo che è il monografico)

il pacco con le sceneggiature per spina
l'abbiamo spedito stamattina, potevi fare in tempo ad aggiungere il tuo lavoro
cmq questo è l'indirizzo del prof.

via Parrasio, 26
00151 ROMA

credo tu glieli possa mandare anche via email (che non conosco ma ce l'hanno in segreteria), però devi convertire i file .doc in file .pdf, perchè il prof usa Mac (si trovano in rete parecchi programmini gratis che fanno l'operazione)

e questo è quanto

s.


sergio sozzo - 7-6-2005 at 12:55

Mercoledi
29 giugno 2005
Teatro dal Verme
Milano

CONQUEROR OF THE WORM

LOU REED legge "The Conqueror Worm", sua personale rielaborazione del poemetto di Edgar Allan Poe, dall'album "The Raven"

esecuzione della performance "The End of the Moon" da parte dell'autrice LAURIE ANDERSON

coordina FERNANDA PIVANO

che dite, gli facciamo fare una replichetta a galatina????








sergio sozzo - 7-6-2005 at 13:03

e si tratta solo di una delle strabilianti serate della Milanesiana 2005, tra patty smith, luca ronconi, umberto eco, e enrico ghezzi:

http://temi.provincia.mi.it/cultura/milanesiana/2005/programma.html

l'esame

carlo - 7-6-2005 at 13:15

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
e si tratta solo di una delle strabilianti serate della Milanesiana 2005, tra patty smith, luca ronconi, umberto eco, e enrico ghezzi:

http://temi.provincia.mi.it/cultura/milanesiana/2005/programma.html


ottimo link
è un bel progetto

Milano sta riprendendo quota
dopo almeno 5 anni di grettezza

a noi

lo so che non è "altro"

m'impegnerò xkè da settembre sia attivo un web degno della vs attenzione

x l'esame il 27.06 vorrei fare l'esame
con Santoro
rivolto a chi s'impegnerà (con dei progetti... gli altri che parteciperanno acquisteranno CREDITI...) a Galatina


quindi chi non ha progetti espliciti ( e ora di ESPLICITARKLI qui nel forum e ilk 16 parlarne) faccia l'esame + avanti
a settembre...

x non sommare impegni a

sergio sozzo - 8-6-2005 at 08:04

Quota:
Originariamente scritto da carlo

x l'esame il 27.06 vorrei fare l'esame
con Santoro
rivolto a chi s'impegnerà (con dei progetti... gli altri che parteciperanno acquisteranno CREDITI...) a Galatina


quindi chi non ha progetti espliciti ( e ora di ESPLICITARKLI qui nel forum e ilk 16 parlarne) faccia l'esame + avanti
a settembre...



allora prof, come facemmo l'anno scorso, ecco una sorta di 'curriculum' del nostro gruppo:

siamo
CLARA LUCERI
GIACOMO MADARO
SERGIO SOZZO

e abbiamo
- partecipato attivamente alle discussioni sul forum;
- frequentato le Sue lezioni;
- realizzato la ripresa video integrale e la documentazione fotografica della videoconferenza su Prometeo.

inoltre
- stiamo realizzando il progetto di 'edutainment' su 'l'acqua da risorsa a bisogno' con le ragazze del Deledda e la Dottoressa Laura Luceri, che Lei ci ha confermato possiamo portare al Suo esame (il 16 le mostreremo un pò di materiale su cui stiamo lavorando)

e in più
- saremo sicuramente presenti ad almeno uno degli eventi organizzati per Genius Loci 4 a Galatina

con questo,
speriamo di poterci vedere il 27 per l'esame
non ci sembra di non esserci impegnati per il Suo corso
e a settembre saremo probabilmente intenti alla stesura - o, chi lo sa, al completamento (e qualcun altro alla rilegatura, vero stefano?), della Tesi di Laurea (facendo i dovuti scongiuri...)





PROGGETTO D'ESAME

CIRO MASCIULLO - 8-6-2005 at 08:54

Avevamo già parlato durante il corso delle lezioni del mio progetto riguardo l'ambientazione sonora dei pellegrinaggi per autoradio a Galatina...

Bene-artuad

Ho scelto le opere chiaramente audio salvo cambiamenti:

-Bene "lectura Dantis" che tenne ad Otranto

sarebbe bella anche quella che tenne a Bologna ancora più inerente alle memorie di un terrritorio, visto che gli era stata ispirata dagli anni di piombo.

-Artaud "per farla finita col giudizio di Dio"

Comunque sono in contatto con Antonio

clara luceri - 8-6-2005 at 14:54

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
Mercoledi
29 giugno 2005
Teatro dal Verme
Milano

CONQUEROR OF THE WORM

LOU REED legge "The Conqueror Worm", sua personale rielaborazione del poemetto di Edgar Allan Poe, dall'album "The Raven"

esecuzione della performance "The End of the Moon" da parte dell'autrice LAURIE ANDERSON

coordina FERNANDA PIVANO

che dite, gli facciamo fare una replichetta a galatina????








...questa tragedia si intitola "Uomo"
e il suo eroe è il Verme Trionfante...

parliamone il 16

carlo - 8-6-2005 at 15:01

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
Quota:
Originariamente scritto da carlo

x l'esame il 27.06 vorrei fare l'esame
con Santoro
rivolto a chi s'impegnerà (con dei progetti... gli altri che parteciperanno acquisteranno CREDITI...) a Galatina


quindi chi non ha progetti espliciti ( e ora di ESPLICITARKLI qui nel forum e ilk 16 parlarne) faccia l'esame + avanti
a settembre...



allora prof, come facemmo l'anno scorso, ecco una sorta di 'curriculum' del nostro gruppo:

siamo
CLARA LUCERI
GIACOMO MADARO
SERGIO SOZZO

e abbiamo
- partecipato attivamente alle discussioni sul forum;
- frequentato le Sue lezioni;
- realizzato la ripresa video integrale e la documentazione fotografica della videoconferenza su Prometeo.

inoltre
- stiamo realizzando il progetto di 'edutainment' su 'l'acqua da risorsa a bisogno' con le ragazze del Deledda e la Dottoressa Laura Luceri, che Lei ci ha confermato possiamo portare al Suo esame (il 16 le mostreremo un pò di materiale su cui stiamo lavorando)

e in più
- saremo sicuramente presenti ad almeno uno degli eventi organizzati per Genius Loci 4 a Galatina

con questo,
speriamo di poterci vedere il 27 per l'esame
non ci sembra di non esserci impegnati per il Suo corso
e a settembre saremo probabilmente intenti alla stesura - o, chi lo sa, al completamento (e qualcun altro alla rilegatura, vero stefano?), della Tesi di Laurea (facendo i dovuti scongiuri...)



molto ragionevole tutto: sono d'accordo

parliamone il 16

Stefano Quarta - 9-6-2005 at 17:00

Salve prof Infante, il nostro gruppo sarà presente ad Arnesano il 16 per mostrarle quanto parzialmente realizzato su body art e sue installazioni.
I membri del gruppo sono:
Michele Blasi
Stefano Quarta
Rita Scalcione
Rossana Fortiguerra

Artaud: il teatro - parte VII

Mimmo Capozzi - 10-6-2005 at 13:12

Ci furono periodi incontestabili nella storia del tempo in cui questa operazione fisiologica ebbe luogo e in cui la cattiva volontà umana non ebbe mai il tempo di formare le sue forze e di liberare come oggi i suoi mostri usciti dalla copulazione.
Se su certi punti di vista e per certe razze, la sessualità umana è arrivata ad un punto nero, e se questa sessualità libera dalle influenze infette, da spaventosi veleni corporali, che ora paralizzano ogni sforzo di volontà e sensibilità e rendono impossibile ogni tentativo di metamorfosi e di rivolouzione definitiva e integrale.
E' dunque da secoli oramai che è stata abbandonata una certa operazione di trasmutazione fisiologica, e di metamorfosi organica vera del corpo umano, la quale per la sua atrocità, la sua ferocia materiale, e la sua ampiezza, getta nell'ombra di una notte psichica tiepida tutti i drammi psicologici, logici o dialettici del cuore umano.

Per Carlo

Mimmo Capozzi - 10-6-2005 at 14:36

Salve prof.,

le faccio anchio un quadro dettagliato della mia partecipazione al suo corso, con annessa proposta d'esame:

*partecipazione attiva sul forum

*approfondimento su Artaud

*partecipazione alla videoconferenza PROMETEO

*frequenza delle lezioni (non tutte, per reali impegni di lavoro) - tra cui quella con Boldrini

Proposta d'esame = ricollegandomi alle strategie di comunicazione atte a valorizzare le peculiarità del territorio - oggetto e del corso e del Genius loci 4 - è in corso d'opera la realizzazione di un prodotto multimediale di marketing e comunicazione territoriale, ovviamente indirizzato al territorio di provenienza del sottoscritto.

Per Carlo

CIRO MASCIULLO - 11-6-2005 at 08:38

Un quadro della mia situazione:


-Partecipazione al Forum

-Partecipazione alle lezioni (Boldrini Compereso)

-Prometeo

-Progetto d'esame: materiali per il prellegrinaggio per autoradio a Galatina

-Partecipazione all'evento Durante a Galatina

Pellegrinaggi

CIRO MASCIULLO - 11-6-2005 at 08:49

Dispongo dei seguenti eccellenti materiali: tuttti concepiti dagli autori solo per essere ascoltati

Artuad:

- "Per farla finita col giudizio di Dio"
cd audio con libro, nuovissima edizione, ci sono persino le traduzioni

Bene:

-"Canti Orfici"
cd audio, rilettura di Bene delle poesie di Dino Campana

-"Lectura Dantis"
cd audio, rilettura di Bene tenuta ad Otranto

-"Lectura Dantis" 2
cd audio, rilettura di Bene tenuta a Bologna per l'anniversario della strage

-"Pinocchio"
cd audio, rilettura di Bene, in forse perchè l'ho ordinato e mi devono far sapere


n.b.
io le farò avere tutto il materiale, compreso un cd dove propongo una mia scaletta per l'evento


mi faccia sapere ASSOLUTAMENTE cosa ne pensa

eccellente selezione

carlo - 12-6-2005 at 14:08

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
Dispongo dei seguenti eccellenti materiali: tuttti concepiti dagli autori solo per essere ascoltati

Artuad:

- "Per farla finita col giudizio di Dio"
cd audio con libro, nuovissima edizione, ci sono persino le traduzioni

Bene:

-"Canti Orfici"
cd audio, rilettura di Bene delle poesie di Dino Campana

-"Lectura Dantis"
cd audio, rilettura di Bene tenuta ad Otranto

-"Lectura Dantis" 2
cd audio, rilettura di Bene tenuta a Bologna per l'anniversario della strage

-"Pinocchio"
cd audio, rilettura di Bene, in forse perchè l'ho ordinato e mi devono far sapere


n.b.
io le farò avere tutto il materiale, compreso un cd dove propongo una mia scaletta per l'evento


mi faccia sapere ASSOLUTAMENTE cosa ne pensa



vediamoci il 16 mattina con Rollo
e procediamo x pianificare l'edizione radio

ottimo lavoro ragazzi: indicate
come stanno facendo alcuni di voi
i punti di forza (gli eventi proposti da me che avete frequentato e i progetti eventuali che pensate di svolgere...)

e ci confrontiamo su quelli

Artaud: il teatro - parte VIII

Mimmo Capozzi - 15-6-2005 at 10:00

Voglio dire che il corpo possiede respiri e che il respiro possiede corpi la cui palpitante pressione, la spaventosa compressione atmosferica rendono vani, quando si mobilitano tutti gli stati passionali o psichici che la coscienza può evocare.
V'è un grado di tensione, di schiacciamento, di opaco spessore, di riflusso surcompreso di un corpo, che si lasciano ben addietro ogni filosofia, ogni dialettica, ogni musica, ogni fisica, ogni poesia, ogni magia.

progetti installazioni

MICHELE BLASI - 15-6-2005 at 11:15

Salve prof...domani allora io e il mio gruppo veniamo ad arnesano per farle vedere l'inizio del nostro progetto.Giusto anche per avere qualche consiglio o lasciar perdere prima ancora di cominciare.A domani allora

comunicazione di servizio

Mimmo Capozzi - 15-6-2005 at 14:44

appuntamento ad Arnesano ore 12,45

il prof. Infante domani, appena terminata la conferenza, è a disposizione di tutti coloro i quali intendono esplicitare progetti o proposte d'esame e comunque di tutti iragazzi del III interessati agli appuntamento del 25 e 26 giugno a Galatina.

fate girare

GiacomoMadaro - 17-6-2005 at 08:11

Quota:
Originariamente scritto da GiacomoMadaro

Prof.,
io, Sergio Sozzo e Clara Luceri ci stiamo occupando in questi giorni della parte 'creativa' di un laboratorio di 20 ore sull'acqua, l'idromafia e le multinazionali che la sfruttano, tenuto dalla Dottoressa Laura Luceri al 'Grazia Deledda' di Lecce. Alla fine del corso deve venire fuori un prodotto 'interattivo' che riassuma le tematiche trattate durante il laboratorio: stiamo lavorando insieme alle classi su dei frammenti del film 'alla ricerca di nemo', che verranno alterati e ricontestualizzati secondo gli argomenti del corso, cercando di creare un esempio di 'edutainment' - come Lei ci insegna - che coniughi una partecipazione attiva degli studenti con un approccio creativo e artisticamente il più originale possibile ma non per questo povero di contenuti.


aggiornamenti sul nostro work in progress:
abbiamo fatto scrivere alle ragazze, divise in quattro gruppi, quattro dialoghi tra personaggi del film disney nei quali venivano esplicati gli argomenti trattati durante il corso dalla dottoressa Laura. Successivamente abbiamo adattato questi dialoghi insieme alle piccole autrici in modo tale da farli combaciare con alcune scene del film 'finding nemo'. poi, presso lo studio televisivo della Madaro Film (cioè quello di mio padre...), abbiamo fatto ri-doppiare il film alle ragazze, mentre effettuavamo delle riprese di loro al lavoro.
il prodotto finale che presenteremo a fine corso sarà allora molto probabilmente un dvd in cui, insieme alle immagini del film pixar con i pesci protagonisti che adesso parlano con le voci delle studentesse del Deledda e chiaccherano di falde acquifere e multinazionali dell'acqua, avremo montato mediante l'utilizzo di split screen e sovrimpressioni, sequenze delle 'pulzelle' mentre prestano la loro voce ai cartoni.
ci è sembrato un modo originale e interessante di coinvolgere le ragazze in un lavoro creativo che allo stesso tempo riassumesse le cose che hanno imparato durante il laboratorio e le facesse divertire, facendo loro provare nuove esperienze e tirare le somme sul corso: le signorine si sono fatte tante risate e hanno collaborato in questo modo in maniera attiva e (fin troppo, vero sergio?)dirompente.
il 27 vedrà cos'hanno (cos'abbiamo...) combinato, prof.!!!!!!


Duilio - 17-6-2005 at 19:55

Ciao Carlo, mi hai chiesto di scrivere qui sul forum che io (Duilio Madaro) ed Alex Longo stiamo organizzando insieme ad Antonio Rollo il "simposio in forma di cena" per Galatina.

alla ricerca delle pulzelle

clara luceri - 18-6-2005 at 07:49

Quota:
Originariamente scritto da GiacomoMadaro
Quota:
Originariamente scritto da GiacomoMadaro

Prof.,
io, Sergio Sozzo e Clara Luceri ci stiamo occupando in questi giorni della parte 'creativa' di un laboratorio di 20 ore sull'acqua, l'idromafia e le multinazionali che la sfruttano, tenuto dalla Dottoressa Laura Luceri al 'Grazia Deledda' di Lecce. A



il prodotto finale che presenteremo a fine corso sarà allora molto probabilmente un dvd in cui, insieme alle immagini del film pixar con i pesci protagonisti che adesso parlano con le voci delle studentesse del Deledda e chiaccherano di falde acquifere e multinazionali dell'acqua, avremo montato mediante l'utilizzo di split screen e sovrimpressioni, sequenze delle 'pulzelle' mentre prestano la loro voce ai cartoni.
ci è sembrato un modo originale e interessante di coinvolgere le ragazze in un lavoro creativo che allo stesso tempo riassumesse le cose che hanno imparato durante il laboratorio e le facesse divertire, facendo loro provare nuove esperienze e tirare le somme sul corso: le signorine si sono fatte tante risate e hanno collaborato in questo modo in maniera attiva e (fin troppo, vero sergio?)dirompente.
il 27 vedrà cos'hanno (cos'abbiamo...) combinato, prof.!!!!!!



...e' proprio vero: le "pulzelle" si sono divertite eccome!!!Sono loro le vere protagoniste del video!!!
Preparatevi ad assistere alla prioezione di "Alla ricerca di Nemo" come non l'avete mai visto...e sentito!!!!

genius loci 04 - galatina 2005

global-local - 19-6-2005 at 13:46

Importante, per chi vuole dare una
partecipazione attiva all'evento!


potete contattarmi sia via mail o cellulare

antonio@global-local.net

mobile 335 7618288

lucj - 20-6-2005 at 08:28

il mio gruppo è formato da :
Mellone Lucia
Grassi Antonio
Morelllo Gabriele
Minafra Fabrizio
Bove Ilenia
Buongiorno Carla
Morea Valentina.

Noi stiamo preparando per galatina il progetto su Cassano Murge.
(lavoro di catalogazione e creazione di un ipertesto)

sergio sozzo - 20-6-2005 at 08:31

Quota:
Originariamente scritto da global-local
Importante, per chi vuole dare una
partecipazione attiva all'evento!



a proposito di partecipazione attiva e..."economica"...
prof., per caso l'ingresso per la cena per rina durante è a pagamento? se sì, a quanto ammonta il biglietto?


meglio che non scrivo niente

MICHELE BLASI - 20-6-2005 at 13:59

Se qualcuno ha notizie sicure su questo sciopero che scriva qualcosa sul forum per farlo sapere.Non so voi ma io mi sono rotto le palle di ste cose

è libera!

carlo - 20-6-2005 at 16:23

Quota:
Originariamente scritto da sergio sozzo
Quota:
Originariamente scritto da global-local
Importante, per chi vuole dare una
partecipazione attiva all'evento!



a proposito di partecipazione attiva e..."economica"...
prof., per caso l'ingresso per la cena per rina durante è a pagamento? se sì, a quanto ammonta il biglietto?


e gratuita
ma solo x ki s'iscrive e lo comunica e partecipa all'incontro del pomeriggio
su teatro e cibo


http://www.geniusloci-salento.org

dello scipetro so quasi zero

spero solo che il 27 possa fare l'esame con chi si sarà impegnato a galatina

lucj - 21-6-2005 at 08:44

lo sciopero è confermato per tutta la settimana!!!!
non se ne può piuù.
la cosa più assurda è che il 27 ci sono 3 esami ma come si fa?????'
Anche il prf Spina ha spostato l'esame al 27.
Visto che comunque non andremo ad arnesano tutta la settimana si puo sapere qualcosa d preciso su Galatina????

carlo - 21-6-2005 at 10:05

Quota:
Originariamente scritto da lucj
lo sciopero è confermato per tutta la settimana!!!!
non se ne può piuù.
la cosa più assurda è che il 27 ci sono 3 esami ma come si fa?????'
Anche il prf Spina ha spostato l'esame al 27.
Visto che comunque non andremo ad arnesano tutta la settimana si puo sapere qualcosa d preciso su Galatina????


un bel casino

il 27 farò l'esame solo a chi verrà a galatina
e lì si ragionerà

andate sul web a vedere il programma!

sergio sozzo - 21-6-2005 at 12:59

allora ragazzi facciamo qui sul forum una lista di chi ha intenzione di partecipare alla cena di sabato sera, in modo da effettuare poi una prenotazione unica?
chi ci sarà quella sera?
scrivetelo qui!

esame

MICHELE BLASI - 21-6-2005 at 15:21

Quota:
Originariamente scritto da carlo
Quota:
Originariamente scritto da lucj
lo sciopero è confermato per tutta la settimana!!!!
non se ne può piuù.
la cosa più assurda è che il 27 ci sono 3 esami ma come si fa?????'
Anche il prf Spina ha spostato l'esame al 27.
Visto che comunque non andremo ad arnesano tutta la settimana si puo sapere qualcosa d preciso su Galatina????


un bel casino

il 27 farò l'esame solo a chi verrà a galatina
e lì si ragionerà

andate sul web a vedere il programma!


Professore in una delle ultime lezioni parlammo proprio del discorso esame-galatina.Lei stesso disse che comunque tutti avrebbero sostenuto l'esame,chi avesse frequentato e chi no.
Io e il mio gruppo ad esempio, che presenteremo un progetto che non ha niente a che vedere con galatina, ma comunque parteciperemo, l'esame lunedì veniamo a farlo ugualmente!

si ma ricordati

carlo - 21-6-2005 at 15:31

Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASI
Quota:
Originariamente scritto da carlo
Quota:
Originariamente scritto da lucj
lo sciopero è confermato per tutta la settimana!!!!
non se ne può piuù.
la cosa più assurda è che il 27 ci sono 3 esami ma come si fa?????'
Anche il prf Spina ha spostato l'esame al 27.
Visto che comunque non andremo ad arnesano tutta la settimana si puo sapere qualcosa d preciso su Galatina????


un bel casino

il 27 farò l'esame solo a chi verrà a galatina
e lì si ragionerà

andate sul web a vedere il programma!


Professore in una delle ultime lezioni parlammo proprio del discorso esame-galatina.Lei stesso disse che comunque tutti avrebbero sostenuto l'esame,chi avesse frequentato e chi no.
Io e il mio gruppo ad esempio, che presenteremo un progetto che non ha niente a che vedere con galatina, ma comunque parteciperemo, l'esame lunedì veniamo a farlo ugualmente!


ho detto chiaramente
che l'esame del 27 l'ho concepito x l'attività sul campo a galatina

porrò chiare e nette discriminanti su chi seguirà le masterclass
vedi il programma

progetto e curriculum

Mimmo Capozzi - 21-6-2005 at 16:43

Salve prof.,

proposta d'esame = ricollegandomi alle strategie di comunicazione atte a valorizzare le peculiarità del territorio - oggetto e del corso e del Genius loci 4 - è in corso d'opera la realizzazione di un prodotto multimediale di marketing e comunicazione territoriale, ovviamente indirizzato al territorio di provenienza del sottoscritto.

le faccio inoltre un quadro dettagliato della mia partecipazione al suo corso:

*partecipazione attiva sul forum

*approfondimento su Artaud

*partecipazione alla videoconferenza PROMETEO

*frequenza delle lezioni (non tutte, per reali impegni di lavoro) - tra cui quella con Boldrini

*partecipazione a 'Galatina'



richiesta corale

Mimmo Capozzi - 21-6-2005 at 16:55

Carlo potresti comunicarci entro domenica sera l'ordine d'esame del 27?
in mattinata c'è anche l'esame del prof. Spina e sarrebbe utile saperlo per poterci organizzare;

inoltre l'appello dovrebbe esaurirsi in mattinata?
alcuni come il sottoscritto sono soggetti ad impegni lavorativi nelle ore pomeridiane del 27

partecipazione attiva e solidale

carlo - 21-6-2005 at 19:42

Quota:
Originariamente scritto da Mimmo Capozzi
Salve prof.,

proposta d'esame = ricollegandomi alle strategie di comunicazione atte a valorizzare le peculiarità del territorio - oggetto e del corso e del Genius loci 4 - è in corso d'opera la realizzazione di un prodotto multimediale di marketing e comunicazione territoriale, ovviamente indirizzato al territorio di provenienza del sottoscritto.

le faccio inoltre un quadro dettagliato della mia partecipazione al suo corso:

*partecipazione attiva sul forum

*approfondimento su Artaud

*partecipazione alla videoconferenza PROMETEO

*frequenza delle lezioni (non tutte, per reali impegni di lavoro) - tra cui quella con Boldrini

*partecipazione a 'Galatina'




eccellente

invito tutti a fare un riepilogo dei "crediti" conquistati
e vi ricordo, rischiando d'essere ripetitivo, che la partecipazione attiva e solidale all'evento di galatina è decisiva

ultimi aggiornamenti

CIRO MASCIULLO - 22-6-2005 at 13:58

Prof. ho parlato con Antonio Rollo
il 26 mattina sarò in regia con lui
in radio.

p.s.
ha ascoltato il materiale che le ho dato?

progetto allegato

MICHELE BLASI - 23-6-2005 at 14:24

Salve prof.Il progetto si può dire concluso. E naturaalmente suscettibile di variazioni,cambiamenti e tagli qualora se ne dovessero fare. Lo sapevate già,non è un progetto che riguarda Galatina;ma comunque il mio gruppo verrà in quei giorni. Quindi le lascio l'allegato e ci vediamo lunedì 27.

Allegato: Body-Art.doc (930kB)
Questo file è stato scaricato 374 volte


Artaud: il teatro - parte IX

Mimmo Capozzi - 23-6-2005 at 15:10

Non voglio mostrarvi questa sera ciò che richiede parecchie ore di esercizi progrtessivi per cominciare a trasparire, c'è bisogno soprattutto di un'apparecchiatura che noin ho.
Ma voi udrete certamente nei testi che saranno detti venendo da quelli che li dicono, dei gridi e degli slanci di una sincerità che sono sulla via di questa rivoluzione fisiologica interna senza la quale niente può essere cambiato.

GiacomoMadaro - 24-6-2005 at 08:39

Quota:
Originariamente scritto da GiacomoMadaro
Quota:
Originariamente scritto da GiacomoMadaro

Prof.,
io, Sergio Sozzo e Clara Luceri ci stiamo occupando in questi giorni della parte 'creativa' di un laboratorio di 20 ore sull'acqua, l'idromafia e le multinazionali che la sfruttano, tenuto dalla Dottoressa Laura Luceri al 'Grazia Deledda' di Lecce. Alla fine del corso deve venire fuori un prodotto 'interattivo' che riassuma le tematiche trattate durante il laboratorio: stiamo lavorando insieme alle classi su dei frammenti del film 'alla ricerca di nemo', che verranno alterati e ricontestualizzati secondo gli argomenti del corso, cercando di creare un esempio di 'edutainment' - come Lei ci insegna - che coniughi una partecipazione attiva degli studenti con un approccio creativo e artisticamente il più originale possibile ma non per questo povero di contenuti.


aggiornamenti sul nostro work in progress:
abbiamo fatto scrivere alle ragazze, divise in quattro gruppi, quattro dialoghi tra personaggi del film disney nei quali venivano esplicati gli argomenti trattati durante il corso dalla dottoressa Laura. Successivamente abbiamo adattato questi dialoghi insieme alle piccole autrici in modo tale da farli combaciare con alcune scene del film 'finding nemo'. poi, presso lo studio televisivo della Madaro Film (cioè quello di mio padre...), abbiamo fatto ri-doppiare il film alle ragazze, mentre effettuavamo delle riprese di loro al lavoro.
il prodotto finale che presenteremo a fine corso sarà allora molto probabilmente un dvd in cui, insieme alle immagini del film pixar con i pesci protagonisti che adesso parlano con le voci delle studentesse del Deledda e chiaccherano di falde acquifere e multinazionali dell'acqua, avremo montato mediante l'utilizzo di split screen e sovrimpressioni, sequenze delle 'pulzelle' mentre prestano la loro voce ai cartoni.
ci è sembrato un modo originale e interessante di coinvolgere le ragazze in un lavoro creativo che allo stesso tempo riassumesse le cose che hanno imparato durante il laboratorio e le facesse divertire, facendo loro provare nuove esperienze e tirare le somme sul corso: le signorine si sono fatte tante risate e hanno collaborato in questo modo in maniera attiva e (fin troppo, vero sergio?)dirompente.
il 27 vedrà cos'hanno (cos'abbiamo...) combinato, prof.!!!!!!



allora
il dvd è pronto
ai professori del deledda è piaciuto molto, ci hanno fatto i complimenti
anche le ragazze sono rimaste soddisfatte

la proiezione universitaria è fissata per lunedi mattina nel corso dell'esame del prof. infante!!!!!
non mancate...

GENIUS LOCI A GALATINA

Greg - 24-6-2005 at 08:53

Salve prof,
volevamo ricordarle che abbiamo parlato con Antonio Rollo e ci vediamo direttamente sabato mattina al Palazzo della Cultura a Galatina.Arrivederci
GIANNA E GREGORIA

vi aspetto

carlo - 24-6-2005 at 11:10

domani alle 18 a galatina!

chi non ce la farà potrà fare l'esame a settembre
la sessione del 27 mattina ad arnesano
è centrata su chi s'impegnerà a galatina

devo riuscire a scaglionare l'esame
che parte dalle 9,30
e devo capire meglio anche x quelli del II anno)

saranno valutati al meglio gli interventi nel forum appena attivato su genius loci
http://www.geniusloci-salento.org/forum/viewtopic.php?pid=2#p2
interventi concepiti come un blog: un diario...che rifletteranno sull'esperienza sul campo a galatina...
venite con gli interventi nel forum stampati

Artaud: il teatro - parte ultima

Mimmo Capozzi - 26-6-2005 at 18:37

Questa lettura ha avuto luogo venerdì 18 luglio 1947 e talvolta ha rasentato in essa di aprirsi tutto il mio cuore.
Mi sarebbe stato necessario scaricare il sangur dall'ombelico per arrivare a ciò che voglio.
Tre quarti d'ora con l'attizzattoio su uno stesso punto per esempio bevendo di tanto in tanto

L'Arbalete, n.13, estae 1948

dopo l'esame che ne sarà di questo forum?

Mimmo Capozzi - 26-6-2005 at 19:30

...ci incontreremo ancora in futuro?

...sarà un medium per non perdersi di vista?

...e tanti altri sono gli interrogativi...ai quali meglio non rispondere ricordadndosi che teatron è il luogo degli sguardi.

a presto

MICHELE BLASI - 3-7-2005 at 16:44

Sono entrato nel forum proprio per curiosità.....volevo vedere quello che poi ho visto:tutti spariti.
Ci vediamo ciao a tutti

pieni e vuoti

carlo - 4-7-2005 at 10:59

è normale che dopo un'esame
si registri un vuoto d'attenzione

ora
tra qualche giorno
vorrei però ritrovarvi

e vedremo chi c'è

MICHELE BLASI - 6-7-2005 at 08:34

Quota:
Originariamente scritto da carlo
è normale che dopo un'esame
si registri un vuoto d'attenzione

ora
tra qualche giorno
vorrei però ritrovarvi

e vedremo chi c'è


Salve prof...Ci faccia sapere qui nel forum le date e salvo vari appelli di esami ci saremo.

chi vuole essere della partita?

carlo - 6-7-2005 at 08:41

Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASISalve prof...Ci faccia sapere qui nel forum le date e salvo vari appelli di esami ci saremo.


teniamo il filo della rete in tiro...
dal 17 agosto sarò a melpignano x il blog e videoblog della notte della taranta

chi vuole essere della partita?

MICHELE BLASI - 8-7-2005 at 08:34

Quota:
Originariamente scritto da carlo
Quota:
Originariamente scritto da MICHELE BLASISalve prof...Ci faccia sapere qui nel forum le date e salvo vari appelli di esami ci saremo.


teniamo il filo della rete in tiro...
dal 17 agosto sarò a melpignano x il blog e videoblog della notte della taranta

chi vuole essere della partita?

Prof se non sono in Francia per la tesi mi faccio sentire a proposito di Melpignano...a presto allora

NOTTE DELLA TARANTA

CIRO MASCIULLO - 11-7-2005 at 13:01

...Prof. vorrei sapere meglio di cosa si tratta...

MICHELE BLASI - 12-7-2005 at 16:22

Quota:
Originariamente scritto da CIRO MASCIULLO
...Prof. vorrei sapere meglio di cosa si tratta...



E infatti se ci dice più o meno le date io cerco di organizzarmi;d'estate suono spesso e m devo ritagliare il tempo. Ci faccia sapere al più presto

articoli sul Salento

gino santoro - 26-7-2005 at 20:31

scusate se m'intrometto nel forum, ma ritengo sia utile far conoscere agli studenti del DAMS due polemiche su l'Immemoriale di Carmelo Bene e La Notte della Taranta.
Gino Santoro

Allegato: repubblica desiato.doc (25kB)
Questo file è stato scaricato 540 volte


x una discussione avanzata

carlo - 26-7-2005 at 21:40

Quota:
Originariamente scritto da gino santoro
scusate se m'intrometto nel forum,
<<< anzi!
ti sono grato personalmente x questo intervento che solleva contraddizioni attraverso cui spero si possa trovare
un piano di discussione avanzata<<<

ma ritengo sia utile far conoscere agli studenti del DAMS due polemiche su l'Immemoriale di Carmelo Bene e La Notte della Taranta.
Gino Santoro

TarantaVideoBlog

carlo - 27-7-2005 at 18:20

chi vuole partecipare batta un colpo


La Notte della Taranta 2005
12-27 agosto – Grecìa Salentina

TarantaVideoBlog
http://www.performingmedia.org/blog

a cura di Carlo Infante, Raffaella Rivi e Antonio Rollo/PerformingMediaLab
con la partecipazione di studenti dello STAMMS dell’Università di Lecce

Il VideoBlog della Notte della Taranta svolge la funzione semplice e costante del diario di bordo on line di un evento nell’arco del suo sviluppo, giorno per giorno.
Una serie di spettatori attivi segue il suo svolgersi per pubblicare direttamente le proprie impressioni nella forma della scrittura soggettiva di un diario personale supportata da agili videoclip che rilanceranno il gioco delle visioni personali, non giornalistiche.
Ogni intervento nel blog può accogliere i 'commenti' di qualsiasi altro spettatore espandendo così la sua natura di piattaforma collaborativa, ben oltre la multitask-force degli spettatori attivi del PerformingMediaLab.

Il VideoBlog è l’integrazione audiovisiva di un Blog, parola che deriva dal neologismo “weblog” e rappresenta uno dei fenomeni più significativi dello sviluppo di Internet dopo il crollo della new economy: esalta quella necessità di partecipazione diretta che la logica di chi credeva d'anteporre il mercato alla società delle reti ha sottovalutato.
Weblog significa Diario del Web e rappresenta l'opportunità di esprimere una scrittura soggettiva, partecipativa e connettiva che non presuppone particolare competenza telematica e non ha bisogno di passare attraverso la mediazione tecnica di un webmaster.
Tu cittadino, tu utente, tu spettatore puoi impugnare l'opportunità di scrivere traducendo la sfera soggettiva, locale, privata, del tuo pensiero-scrittura nello spazio globale, pubblico del web.
Sulla base di ciò l'idea antica (e perenne) dello sguardo teatrale come palestra d'empatia e quindi come palestra di 'cittadinanza', di condivisione dello spazio pubblico, può coniugarsi con la scrittura connettiva dei nuovi 'netizen', i cittadini della rete. Nella Società dell'Informazione il principio di cittadinanza riguarderà, infatti, sempre più la capacità di selezionare ed elaborare informazioni, piuttosto che consumarle.
Emblematiche in tal senso le esperienze attivate gia nel 1997 (tra le primissime in assoluto) a Torino nell’ambito della Biennale dei Giovani Artisti dell’Europa e del Mediterraneo e poi quelle promosse da Teatron.org, in vari altri ambiti, tra cui, nel 1999, quella realizzata alla Biennale Teatro di Venezia, su http://www.teatron.org/diario, fino alla più recente realizzata al Mittelfest di Cividale del Friuli http://www.teatron.org/blog.


Appelli

carlo - 9-9-2005 at 17:14

La data individuata
Per gli appelli è quella del 27 settembre

Ore 9
Informatica Multimediale (Ipermedia e Teatro)

Ore 11
Epistemologia delle Pratiche Artistiche

esami

carlo - 5-12-2005 at 11:13

nonostante il sottovuoto spinto
(non ho ancora ricevuto nessuna comunicazione ufficiale sul mio impegno x il 2005/06 e non ho ancora (!!!) firmato il contratto x il 2004/05, dopo + di un anno di impegno e relative spese di viaggio etc)

ci sono gli esami da fare

so che sono stati sollecitati con una importante lettera al presidente di facoltà

benissimo

e questo forum?
vi siete dimenticati che è la piattaforma non solo di confronto ma di valutazione della nostra attività didattica?

fatemi sapere qui
in sede d'esame non potrò che valutare chi s'è impegnato e chi no (nel forum e non solo)
va da sè

è un'opportunità
non un obbligo
sia chiaro

a quel punto ragioniamo anche sul miglior esito possibile per l'esame fissato il 20.12 ore 10
(alle ore 11 inizio con il II anno... non vorrei iniziarli in ritardo x slittamento tempi, anche xkè non so quanti siate...)

domanda netta: quanti sarete?

a giugno eravate 52, a settembre 6
+ o meno tutti quelli che hanno partecipato al corso ( e qualcuno di +)

fatemelo sapere nel forum

questo input sarà oggetto di valutazione (tanto x parlare chiari)
la rete è il mio ambito didattico, sia contenuto che medium

calliope - 12-12-2005 at 17:11

Buonasera a tutti! (Tanto non c'è nessuno!!!)
E buonasrra a lei professore!
Io ci sarò all'esame del 20, anzi volevo chiederle, per l'esame sarà sufficente portare i testi che sono scritti nella pagina iniziale di questo forum?
O sarebbe meglio portare un progetto?
Grazie Arrivederci

focalizzare

carlo - 13-12-2005 at 10:18

Quota:
Originariamente scritto da calliope
Buonasera a tutti! (Tanto non c'è nessuno!!!)
E buonasrra a lei professore!
Io ci sarò all'esame del 20, anzi volevo chiederle, per l'esame sarà sufficente portare i testi che sono scritti nella pagina iniziale di questo forum?
O sarebbe meglio portare un progetto?
Grazie Arrivederci


se hai frequentato il corso e il forum
è importante ricostruire le diverse fasi dell'attività didattica che abbiamo fatto insieme
e focalizzare alcuni passi (quello che ti riguardano di +) dei miei 2 libri

se non hai frequentato
nè lezioni
nè forum
devi studiare a fondo quei 2 libri
come minimo

x quanto riguarda il progetto
auspico le vostre invenzioni
ma è fuori luogo pensarlo se non hai frequentato
mi rivolgo a tutti

e fate sapere agli altri che presentarsi all'esame senza neanche aver visto questo forum è un bel buco

calliope - 13-12-2005 at 11:23

Salve professore, diciamo che sono una di quelle persone che ha frequentato ma senza intervenire granchè!!!Perciò credo che studierò a fondo i 2 libri e se farò in tempo preparerò un progetto!
Cmq saremo in due all'esame!
Buonagiornata e grazie per la risposta!

importante e grave

carlo - 16-5-2006 at 12:28

vengo a sapere solo oggi, 16 maggio 2006 che il contratto che avrei dovuto firmare un anno e mezzo fa è viziato da un grave errore.

Mi annunciano che dovrebbe essere per l'insegnamento e l'accreditamento di 3 crediti invece dei 6 stabiliti. Stabiliti da un precedente contratto che allego perchè in questa vaghezza generale è almeno una carta che conta. Stabiliti dal fatto che su tutti i libretti degli studenti che ho esaminato è scritto e firmato per 6 crediti, come tutti sapevamo.
E ora?
Se ne escono con questa affermazione incosciente.
Credo stia non solo a me ( per la mia dignità professionale) insorgere ma anche a voi tutti che avete un'esame che rischia d'essere quindi dimezzato di valore.

C'è da ragionarci su, insieme, perchè denunciare questa azione di lampante incoscienza e incompetenza
possa magari aiutarci ad uscire dallo stallo in cui la nostra esperienza didattica e di ricerca
s'è ritrovata.

Allego il contratto del 2003-04 dove appare chiaramente l'indicazione dei 6 CFU.

Fatemi sapere le vostre azioni

contratto EpistemologiaP.Art_2003-04_c.jpg - 187kB

sembra che l'errore sia stato riconosciuto

carlo - 17-5-2006 at 16:52

bene
ciò evita ulteriore azioni

il dato emblematico da sottolineare è che questo errore rivela gravi inadeguatezze

che sia proprio lì epicentro delle contraddizioni che hanno scassato il nostro DAMS?

sarastanca - 5-7-2006 at 14:21

Salve prof. come le avevo promesso sono entrata nel forum solo che non ho avuto modo di leggere niente... se non l'ultima pag dove parlate dei problemi del DAMS (non mi sta funzionando ADSL ed è lentissimo!) Comunque le volevo dire che fra un'ora vado a lavorare e non ho più modo di dcollegarmi per oggi perchè il computer non ce l'ho alla residenza a mare e purtroppo non ho neanche il portatile. Le prometto che appena inizio i turni al lavoro (ora sto sola a mandare avanti il negozio) e computer permettendo, farò un intervento degno di essere letto... A presto

sarabaccaro - 5-7-2006 at 18:10

Salve prof. nel suo corso e alla conferenza su Prometeo si è parlato anche di ribellione. ed a questa tematica vorrei riallacciarmi per parlare di tutti i problemi del Dams. noi studenti, me compresa, non siamo mai riusciti ad organizzare manifestazionidi protesta per migliorare la situazione del nostro corso di laurea. noi che siamo la generazione di Seattle non siamo riusciti a fare niente neanche nel nostro piccolo. forse quando i problemi non ci toccano da vicino ci sembrano inesistenti e siamo capaci di lamentarci solo individualmente. non c'è senso della protesta collettiva. gli studenti francesi sono riusciti a cambiare una legge mentre qui...altro che smart mob e rivoluzioni via sms!

Esame!

Anto&Marzia - 10-7-2006 at 11:59

Professore le inviamo il progetto del nostro esame!
Ci scusi per il ritardo ma... avevamo il pc rotto!

Anto&Marzia - 10-7-2006 at 12:01

Voci dalla storia



Voci dalla storia è un progetto ideato per le scuole elementari con l’obbiettivo di realizzare una raccolta di documenti sulla storia della resistenza italiana.
Il progetto si articola in più fasi:

I fase: creazione di un sito dove verrà creato/a un forum/chat, per lo scambio di informazioni con le
scuole delle altre città;

II fase: prevede la raccolta di documenti, immagini, materiale sonoro tramite internet;

III fase : prevede incontri con persone che testimoniano la loro esperienza durante il periodo della
resistenza attraverso una video conferenza, in modo da far partecipare all’ascolto tutti i
bambini delle altre scuole;

IV fase: l’assemblaggio di tutte le informazioni;

V fase: la creazione di un museo virtuale all’interno del sito;




Svolgimento delle fasi



I fase

La prima fase, prevede la costruzione di un sito, con all’interno una chat/forum, dove il bambino comincia ad apprendere cos’è un sito, come si naviga al suo interno e di come tramite l’interfaccia grafica può comunicare in tempo reale con i bambini delle altre scuole.

2 fase

La seconda fase, prevede la raccolta del materiale attraverso i motori di ricerca; i bambini verranno suddivisi per gruppi e ognuno di questi avrà un compito sul tipo di dati da cercare (immagini, suoni, documenti, ecc…); settimanalmente i vari gruppi confronteranno le ricerche fatte non solo fra di loro ma grazie al un/a forum/chat, anche con i bambini delle altre scuole.

3 fase

La terza fase prevede delle video conferenze fra le scuole con delle persone che testimonieranno il loro vissuto durante la resistenza, attraverso i racconti, le canzoni, e la loro condizione di vita, in tal modo i bambini parteciperanno attivamente e con gran curiosità, dando inoltre loro la possibilità di capire di ampliare la loro conoscenza con storie di vita lontane dalla loro mentalità.

4 fase

I bambini dovranno unire tutto il materiale sino ad ora accumulato, contando non solo su quello che direttamente hanno trovato ma anche sulle informazioni che hanno potuto scambiare con gli altri bambini delle altre scuole con le relative testimonianze che grazie alle video conferenza hanno potuto ascoltare.

5 fase

La quinta fase, prevede che ad ogni scuola dopo sia data la possibilità di creare un museo virtuale (con tutte le informazioni che durante il percorso del progetto hanno assimilato) all’interno dello stesso sito, quindi i bambini cominceranno a lavorare oltre che sull’aspetto storico anche su quello creativo interagendo attivamente sulle modalità di arricchire le pagine web con sfondi, suoni, colori e via dicendo.


Finalità


Il progetto ha come obbiettivo l’approfondimento del periodo storico tramite l’utilizzo di internet, facendo interagire il bambino attivamente grazie ai nuovi sistemi multimediali, non solo, regala a tutti loro la possibilità attraverso questo percorso di divertirsi, di comunicare con altre realtà lontane dalla loro e di “liberare” la loro creatività nell’allestimento del sito.

Mortimer - 22-10-2012 at 09:51

replica Ebel marriage ring, a timepiece is amongst the number of items of jewellery that a person will truly put on consistently, due to the fact ita? s not simply an adornment, ita? s a sensible resource likewise. fake rolex for sale Thankfully, there's a practically unlimited and in many cases mind boggling range of designer watches from which to decide on. replica Breguet watches replica alain silberstein watches Picking the proper timepieceSoa ugg replica rolex watches for sale ? |youa? re possibly a lady trying to find the ideal reward to the male with your existence or possibly a male thinking about picking one of many several mens watches around the current market as being a reward to your pal, relative, valued personnel, and so on. Youa? re considering diamond watches together with other luxurious timepieces, but are clueless concerning

Mortimer - 4-12-2012 at 04:48

ugg classic short grey boots [img]http://www.aptboots.org/images/thumbnails/ugg bailey button boots/248_305.jpg[/img] vibrant and candy coloration pattern ugg boots for sale . The print of all those cartoon traits don't just recalls our memory about childhood, ugg ultra tall boots but additionally provides us some stylish perception ugg classic tall kids boots . Obviously, individuals wonderful cartoon nail artwork patterns may be completed in your own home; you may look some facts about nail artwork types and keep to the recommendations ugg kids boots . ugg boot In case you are not skillful at manicure, ugg cardy boots clearance you are able to request a manicurist for aid. When your type is sweet and sweet, you may continue on your fashion whenever you opt for your ideal, when you also can select some mysterious nail artwork models to depart the latest sense to men and women. Attractiveness occasionally is demanding your preferred design as an