il FORUM di TEATRON.org
Non sei collegato [Login ]
Vai alla fine

Versione per la stampa  
Autore: Oggetto: Solo tre parole: interattività, ipermedialità, connettività
carlo
Amministratore
********


Avatar


Risposte: 2024
Registrato il: 10-3-2002
Provenienza: roma
Utente offline

Modalità: Not Set

[*] Inviato il 19-4-2005 at 21:08
Solo tre parole: interattività, ipermedialità, connettività


Perché questa potenzialità dei nuovi media in ambiente educativo possa essere compresa sono sufficienti tre parole, anche se potranno sembrare scontate per alcuni, credo siano utili comunque per individuare con determinazione, e sintesi,
i principi attivi del nuovo ambiente che definiamo “rete”.

Eccole: interattività, ipermedialità, connettività.

L’interattività riguarda principalmente il corpo in azione nell’ambiente digitale attraverso l’uso di interfacce.
L’interfaccia è ciò che ci permette di svolgere quelle azioni: è sia lo strumento per intervenire in questo ambiente con estensioni fisiche ( come il mouse) sia la soglia da attraversare per entrare in relazione percettiva e cognitiva con lo schermo del computer.
Questa ultima è l’ interfaccia grafica, che può essere individuata in tante forme ma due sostanziali: simbolica (quando è composta principalmente di parole e icone da decodificare nelle loro funzioni ) e immersiva (quando ricrea un ambiente, possibilmente tridimensionale, in cui si è invitati ad “entrare” ).

Altra parola chiave è ipermedialità, intesa come articolazione dell’ipertesto con più media, quella che sottende le forme non lineari del linguaggio e che sostiene il principio associativo sul quale si basa la nostra memoria.
Costruire artefatti cognitivi è il compito di chi esercita il linguaggio utilizzando le diverse tecnologie a disposizione, dal libro al cinema e ora al multimedia e alla telematica.
Nell’ambito informatico, con i software ipermediali, il linguaggio trova finalmente la sua forma più espansa, simile alla complessità psichica della mente sollecitata continuamente da libere associazioni e rimandi analogici, integrando la dimensione alfabetica con quella audiovisiva.
In questo senso, l'ipermedia si apre alla mutazione delle sensibilità che in un futuro sempre più tecnologico riscoprono il valore originario della comunicazione totale e sinestesica.
La sinestesia infatti, intesa come compresenza di più linguaggi e di conseguenza di più approcci percettivi, libera le potenzialità del discorso, lo apre alla dinamicità dello sguardo e del senso.

Altra, fondamentale, parola chiave è connettività, il valore che determina la condivisione nell’interrelazione comunicativa.
Il principio basilare su cui si sviluppa la nostra intelligenza è quello, interno, della connettività neuronale attraverso le sinapsi del nostro cervello. Il fatto che la rete telematica possa essere concepita come un isomorfismo della mente ci sostiene nella considerazione di un'emergente intelligenza connettiva.
View User's Profile Visita la pagina dell utente Scorri tutte le risposte per utente

  Vai all'inizio

Powered by XMB 1.9.11
XMB Forum Software © 2001-2010 The XMB Group
[queries: 17] [PHP: 33.9% - SQL: 66.1%]