il FORUM di TEATRON.org

Link e segnalazioni

carlo - 4-5-2006 at 01:05

sul mio libro
http://www.memori.it/schede/performing_media.html

oltre che nel blog
http://www.performingmedia.org
trovi qui
http://www.teatron.org/forum/forumdisplay.php?fid=23
le note sul libro.
Scorri nei link e + sotto in questa pagina trovi le varie recensioni nella raccolta in progress

su MyMedia
http://www.mymedia.it/incontri.html

sulla webzine di Armando Adolgiso
http://www.nybramedia.it
(cerca su COSMOTAXI/ archivio Maggio: in basso è del 5 maggio!)
e sul suo Blog
http://www.adolgiso.it/public/cosmotaxi/200605archive001.asp#114681...


sulla webradio RadioalzoZero
http://www.radioalzozero.net/il-giornale-di-incipit/2006/5/7/presen...

su Acmos
la piattaforma dell'omonima associazione x la cittadinanza attiva
http://www.acmos.net/modules.php?name=News&file=article&sid=189

su Turinmovie
http://turinmoviematics.blogspot.com/2006/05/performing-media-11-al...

sul blog weblogart
http://weblogart.blogspot.com/2006/04/performing-media-by-infante.h...


su Kathodic
http://www.kathodik.it/modules.php?name=News&file=article&sid=2568

su CulturaMarche
http://www.cultura.marche.it/CMDirector.aspx?id=3492

su PiemonteFeel
http://www.piemontefeel.org/IT/Page/t01/view_html?idp=513

a proposito del progetto di Performing Media all'Abbazia di Fiastra x il convegno sull'E-Learning
http://celfi.unimc.it/el2006/blog/commenti.asp?id=21
e qui si tratta proprio della presentazione del libro in quell'ambito
http://celfi.unimc.it/el2006/blog/commenti.asp?id=18


a proposito della presentazione a Roma
http://www.nimmagazine.it/node/199

http://www.key4biz.it/cgi-bin/key4biz/k4b.cgi?id_testo=089922424345...



su MEDIAZONE
http://www.mediazone.info/site/it-IT/TEMI/Temi/performing_media.htm...

sul Corriere del Mezzogiorno

carlo - 29-5-2006 at 16:19



CorriereMezz.jpg - 65kB

su La Repubblica_edizione pugliese

carlo - 30-5-2006 at 10:40



repubblicaBA.jpg - 600kB

su Quotidiano di Lecce

carlo - 30-5-2006 at 13:54



QuotidianoLE.jpg - 50kB

su Gazzetta del Mezzogiorno e ADN Kronos

teatron - 30-5-2006 at 14:11

link alla segnalazione su ADN Kronos
http://www.adnkronos.com/3Level.php?cat=Cultura&loid=1.0.441602166

e in attach l'articolo arrivato via fax

gazz.JPG - 911kB

su Neapolis e Fahreinheit

teatron - 31-5-2006 at 21:43

in onda su RAI3 il 17 maggio
http://www.neapolis.rai.it/tgr/HP_TGR/0,8248,24^1067069,00.html



in onda su RadioTre il 22 maggio
http://www.radio.rai.it/radio3/fahrenheit/archivio.cfm?first=21&Q_D... Q_DATA_OUT=&Q_PROG_ID=61&Q_TIP_ID=&Q_KEYS=&Q_OPERATOR=&Q_PROG_CANALE=RADIO% 20TRE&Q_EV_CATEG=

(il link è lungo, copialo e incollalo)
e clicca su ASCOLTA la trasmissione su " i media contemporanei"

Per la presentazione a Macerata

teatron - 11-6-2006 at 17:04

Su Corriere Adriatico del 7.06
promossa dal Comune di Macerata e introdotta dall'Assessore alla Cultura http://www.comune.macerata.it/Entra/Engine/RAServePG.php/P/69811111...
qui, il manifesto
http://www.comune.macerata.it/Entra/download/Manif.pres.libro%20Inf...


e un link amico
http://pollicino.blogosfere.it/2006/06/progettare_elea.html




corrAdriatico7.06.jpg - 32kB

a MC

teatron - 11-6-2006 at 17:11

su Il Resto del Carlino del 7.06

RestodelC7.jpg - 128kB

a MC

teatron - 11-6-2006 at 17:24

su Il Messaggero del 7.06

Messaggero7.06.jpg - 38kB

a MC

teatron - 11-6-2006 at 17:25

sul Corriere Adriatico a proposito del progetto più complessivo, realizzato con l'Università di Macerata. Più su,nella pagina trovi anche il link

corrAdriatico8.06.jpg - 83kB

comunicato x la presentazione a Roma

carlo - 19-6-2006 at 23:15

in attach

e un link amico
http://funkyprofessor.blogspot.com/2006_06_01_archive.html


Allegato: PM1.1. comunicato21.06.rtf (24kB)
Questo file è stato scaricato 909 volte


presentazione a Cividale del Friuli

carlo - 23-7-2006 at 15:13



Allegato: performing-cividale.pdf (52kB)
Questo file è stato scaricato 893 volte


sul Messaggero Veneto

carlo - 23-7-2006 at 15:18



messageroveneto.jpg - 50kB

su Nova/Sole24Ore

carlo - 23-7-2006 at 15:32

a proposito del performingmedialab in Piemonte
http://www.performingmedia.org/lab/pie


qui trovi l'articolo (+ leggibile) del sole 24 ore sul performing media lab/ piemonte http://www.acmos.net/xmedialab/xmedialab_24ore.jpg


nova20.07.jpg - 54kB

su MyMedia

carlo - 24-7-2006 at 09:17



Allegato: mymedia_56_57.pdf (384kB)
Questo file è stato scaricato 901 volte


su il Manifesto

carlo - 28-8-2006 at 22:23

http://www.ilmanifesto.it/Quotidiano-archivio/23-Agosto-2006/art43....



in ogni caso ecco qui l'articolo di Mauro Trotta uscito il 23 agosto 2006


CULTURA pagina 13

--------------------------------------------------------------------------------

apertura

--------------------------------------------------------------------------------



Segni virtuali, la (po)etica dello scambio
«Performing media 1.1. Politica e poetica delle reti» di Carlo Infante per le edizioni Memori. Strategie di cambiamento sul territorio per scrivere, leggere, conoscere, comunicare
Mauro Trotta
«Di nulla sia detto è naturale/ di tutto si dica può cambiare». Queste parole di Bertolt Brecht, tratte da L'eccezione e la regola, sono poste in apertura del primo capitolo del nuovo libro di Carlo Infante intitolato Performing media 1.1. Politica e poetica delle reti (edizioni Memori, pp. 238, euro 14, prefazione di Beppe Grillo). E sembrano rappresentare perfettamente il senso più profondo di questo testo, che si pone l'obiettivo di vivere nel cambiamento, di interpretare i nuovi media interattivi (la rete prima di tutto) come opportunità per la cultura e la politica. Perché performing media - spiega Infante - «significa rendere dinamico, condivisibile, coinvolgente, sociale, politico e poetico il mezzo di comunicazione». L'autore incita dunque ad attraversare questo mutamento profondo, cercando di coglierne tutte le possibilità in modo da fare evolvere - dal punto di vista sociale, economico, ma soprattutto antropologico - la società attraverso la partecipazione attiva e la condivisione della conoscenza pensata come bene comune.
Si tratta, in sostanza, di coinvolgersi nell'uso delle reti comunicative, ormai dispiegate e in continua evoluzione, in maniera tale da poter costruire nuove forme politiche e poetiche - come appunto recita il sottotitolo - all'altezza dei nuovi tempi. È un discorso che riprende i temi trattati nel precedente libro di Infante (Performing media. La nuova spettacolarità della nuova comunicazione interattiva e mobile, Novecentolibri, 2004), dove, appunto, veniva introdotto il concetto di «performing media». E quell'1.1 apposto al nuovo testo vuole proprio rendere chiaro il legame con il lavoro precedente, imitando il sistema usato per nominare gli aggiornamenti, le nuove release, di software già esistenti.
L'espressione «performing media» intende riferirsi a «un'operatività che sta al confine tra le nuove forme sociali di organizzazione attraverso le reti ed una creatività digitale che sta ridefinendo gli statuti della produzione estetica nell'ibridazione tra arte e comunicazione». E rimanda immediatamente alla politica e alla poetica intese come «tensione civile basata sull'intelligenza connettiva» e «creatività che sta inventando non solo nuovi linguaggi, ma anche i contesti dove esprimerli, le reti e l'ambiente digitale». Insomma, si tratta di agire i nuovi media, inventando nuove forme di utilizzo e di comunicazione, sottraendoli al dominio di chi vuole privatizzarli ed utilizzarli per rafforzare il proprio potere. Qualcosa che rimanda a una famosa affermazione di Jello Biafra, leader dei Dead Kennedys, non a caso citata anch'essa nel libro: «Non odiate i media, diventate i media».
In perfetta sintonia con questa filosofia e questi intendimenti, anche la forma stessa del libro si presenta in modo diverso: il volume è strutturato come una sorta di ipertesto, un flusso di idee, di informazioni, di episodi, non organizzati in maniera gerarchica o lineare, con rimandi continui tra le varie parti. L'autore stesso consiglia di non leggerlo in modo sequenziale, ma di sfogliarlo, soffermandosi sulle parti che più possono interessare il lettore, per poi tornare indietro o andare avanti, costruendo il proprio percorso di lettura. Le note sono fuori dal testo cartaceo e possono essere rintracciate su Internet, all'indirizzo http://www.performingmedia.org, dove si possono trovare anche link ai video e alle installazioni citati nel libro. Non solo, allo stesso indirizzo web è possibile partecipare a un forum a cui indirizzare domande e riflessioni e in cui si potranno trovare aggiornamenti e approfondimenti sui temi trattati. Il testo cartaceo, insomma, rappresenta soltanto una parte di un'operazione che vuole essere di più ampio respiro. Una sorta di viaggio all'interno della «infosfera» che, stimolando un uso diverso delle reti, ha l'ambizione di affrontare temi e nodi cruciali come la crisi della democrazia rappresentativa e il passaggio dalla res publica alla res telematica, la creatività connettiva, l'Open Source e i Creative Commons (che coniugano la protezione degli autori e la libertà di utilizzo delle opere di ingegno), la nuova figura del prosumer, ovvero il producer-consumer di informazioni, la psicotecnologia, l'edutainment, ovvero l'educational e l'entertainment miscelate insieme, la differenza tra il pensiero olistico (tipico dell'apprendimento in ambiente digitale) e quello lineare (caratteristico dell'apprendimento tradizionale). Così il libro ricostruisce e racconta le più significative esperienze, e le concezioni che le sottendono, di Net-attivismo, del movimento delle Telestreet e dei mobcaster, di Warwalking, ovvero di quelli che girano per le città alla ricerca di punti in cui potersi connettere alla rete, in modalità wireless e senza spesa, spesso praticando il warchalking, ossia segnando questi spazi con il simbolo di due semicerchi tangenti tra loro: )(. Non tralasciando di interrogarsi sui rapporti tra il teatro sperimentale e di ricerca e le nuove tecnologie digitali, arricchendo il discorso con una serie di esperienze affascinanti e significative.
Performing media 1.1, ruotando intorno all'idea portante del «comunicare con» invece del «comunicare a» che si coniuga alla creatività collettiva o, meglio, connettiva, sembra voler rilanciare una delle pratiche fondamentali introdotte dal movimento del Settantasette, quel concetto, cioè, di avanguardia di massa, tipico soprattutto della sua ala più creativa. Del resto, Carlo Infante, oggi docente di «performing media» all'università di Lecce, all'Accademia di Belle Arti di Macerata e all'Istituto europeo del design di Torino, circa trent'anni fa era uno degli indiani metropolitani e ha partecipato alla progettazione e alla fattura di fogli e riviste come «Oask?!», «Enig/mistica», «Orsottantotto». Insomma, forse è un po' come il lupo, l'indiano perde il pelo ma non il vizio.


su Il Manifesto

carlo - 10-9-2006 at 22:52



manifesto.JPG - 492kB

su DDONNA/la Repubblica

carlo - 4-10-2006 at 18:30

un articolo in cui si cita l'esperienza del TarantaVideoBlog realizzato dal PerformingMediaLab/Salento

DDonna.JPG - 678kB

su Nuova Ecologia

carlo - 4-10-2006 at 18:32

un intervento a proposito del social tagging

NuovaEcologia.JPG - 712kB

su Arte Nomade

carlo - 4-10-2006 at 18:33

a proposito di Nomadismo e Infomobilità

ArteNomade.JPG - 783kB

su Liberazione del 19.10.06

teatron - 19-10-2006 at 23:13

Conversazione con Carlo Infante, docente di “Performing Media”, creatore di eventi multimediali, media-attivi. A Torino in questi giorni l’evento “Virtuality”, una ricognizione di arti dal videoteatro ai videogiochi, narrazioni ad “altra” definizione

La società della Conoscenza passa attraverso le Reti

Che cosa vuol dire “Performig media”? Si tratta di un progetto, un percorso per coniugare azione culturale, comunicazione multimediale e “mercati” territoriali. In altre parole: la conoscenza come bene comune da condividere. Come l’aria e l’acqua. Carlo Infante è il creatore e docente di questa progettazione che, all’Università di Lecce, all’Istituto di Belle Arti di Macerata e all’Istituto europeo di design di Torino è materia di esami.

Parliamo di cultura, spettacolo e comunicazione interattiva: nel libro Performig media1.1 - politica e poetica delle reti (edizioni memori, 14 euro) si affronato i tanti aspetti della “cultura” performativa delle nuove tecnologie. Parli di società del Controllo, dell'ossessione della sicurezza che condiziona la nostra vita restringendo gli spazi di libertà. Nello stesso tempo, uno come te, che è stato un antesignano delle nuove tecnologie ammetti che l'uso di tanta tecnologia senza intelligenza può diventare un “rischio sociale”. E mi sembra che il punto interessante sia questo: si rischia di inondare il mondo di tecnologie che ci daranno tante risposte da farci dimenticare le domande.

«Non ho paranoia per il controllo totale. Anche se pensando al film "Nemico pubblico" di Tony Scott mi si rizzano i peli sulla schiena. Non c'è dubbio che strutture come la National Security Agency statunitense rappresentano un costante rischio d'attentato non solo alla privacy ma al diritto di cittadinanza a tutti gli effetti. E senza andare così lontano la Telecom di casa nostra di porcate ne ha fatte anche troppe. Si tratta di stare all'erta e acquisire più competenza possibile, per rigettare con azioni pubbliche le intrusioni del controllo subdolo, come fa, nel film di Scott, Gene Hackman che rivolge contro i controllori i loro stessi sistemi-spia. Dobbiamo usare i media per non essere usati. Mi viene da rilanciare quell'emblematico slogan di Yello Biafra, il leader del gruppo punk Dead Kennedys che cantava “Non odiate i media. Diventate i media! ". La mia idea di performing media trova lì il suo impulso, s'innesta su questo principio già avviato dal media-attivismo, cercando format sempre più efficaci di azioni pubblica e creativa. Nel mio libro parlo ad esempio del movimento della "sousveillance", il contrario di sorveglianza: “sottoveglianza” (anche se la parola non esiste) ma dopotutto prima non esisteva la necessità di far accadere qualcosa di simile. E' l'azione dal «basso» che gioca con la sorveglianza video e telematica, creando performance sui marciapiedi delle città, davanti e sotto quelle telecamere che controllano la nostra convivenza civile nella dimensione urbana. Uno dei primi a dare forma a questa idea è stato, nel 1996, Bill Brown, media-attivista di New York che insieme ai Surveillance Camera Players ha addirittura messo in scena, davanti alle telecamere e ai loro addetti stupefatti, dei microspettacoli ispirati a Samuel Beckett e ad Alfred Jarry (si parla, nel web, di un Ubu Re caustico e situazionista)».

Beh, ricordiamo che il regista Eric Steel ha filmato sei suicidi sei dal Golden Bridge di San Francisco, ne ha fatto un film di successo e discussione. Macabra performace. Ad un certo punto citi Richard Florida, economista che ha parlato per primo della “classe creativa”, cioè quella classe che sta lavorando da anni in Internet per rendere possibile un concetto, altrimenti astratto, come Società della Conoscenza. Non so che impressione hai tu, ma questa Società della Conoscenza, almeno dal nostro punto di osservazione, l’Italia, sembra lontana, ritagliata su una conoscenza superficiale. E questo è un problema perché se è vero che il futuro di un paese si misura sulla capacità del sistema di stimolare il potenziale creativo delle nuove generazioni, non abbiamo molte chances.

«E' un problema enorme, è uno dei maggiori handicap di questo paese così aggrappato alle tende di una cultura sempre più autoreferenzionale se non addirittura superstiziosa nella sua incapacità di misurarsi con le trasformazioni in atto. Nella mia attività di libera docenza a contratto mi trovo ad attraversare un mondo universitario incapace di superare lo stallo epistemologico di un sistema che non sa interpretare ciò che accade, tenendo in ostaggio una generazione che non sa più come ribellarsi. Anche quella impegnata politicamente che magari si proietta in militanze gloriose ma non interviene direttamente sul proprio destino: quel processo di formazione che determina il metodo per tradurre l'informazione in conoscenza. Come? Negoziando spazi di autogestione nella rete e libertà d'accesso per attuare, e non più solo sperimentare, nuove form di cittadinanza. Ai tanti intellettuali di sinistra, ai miei tanti compagni di strada, mi viene da lanciare una battuta: "il futuro non è più quello di una volta". C'è da trovare il coraggio per rimettersi in discussione. Per mettere da parte certe convinzioni ideologiche (non solo quelle comuniste ma anche quelle umaniste ancorate alle sacralità letterarie) per stabilire un contatto con una generazione che sta entrando in un futuro digitale che rischia di centrifugare tutto».

Chiudiamo con la tv. Con De Kerckhove che "rilancia" il ben noto adagio di McLuhan: “la tv ci guarda”. E’ l’opposto della “politica” delle reti, ciè dell’attivismo, dell’intelligenza colletiva.

«Il problema determinato dalla televisione è proprio nell'indebolimento di chi pensa di guardarla mentre invece rimane intrappolato dal suo campo magnetico. Mi spiego: il televisore è elettronico, modula frequenze, va oltre lâidea del montaggio sequenziale per fotogrammi proprio del cinema, crea un campo elettromagnetico in cui vengono modulati i nostri sensi e i nostri processi cognitivi. “Massaggia il cervello” affermò lo stesso McLuhan, parafrasando il suo celebre assioma: “il medium è il messaggio”. Nel momento in cui McLuhan sosteneva che la televisione ci massaggia, facendo assorbire le informazioni, aveva colto l’essenza di quell’automatismo psichico indotto dal flusso
elettronico.

Va rotto l'incantesimo. Ma è dai tempi della legge Mammì che la sinistra dimostra
un'ignoranza grave del sistema dei media. Se non per il mondo della radio libere dove si crearono esperienze straordinarie. La televisione è ormai un feticcio, non lo mollano. Si pensa a ripartire quote pubblicitarie e frequenze. Ma è sull'estensione delle opportunità della banda larga che si deve ragionare, cercando di tradurre le sperimentazioni del Wi Max (il sistema wireless di connessione a internet con un protocollo stabile e forte) in opportunità di comunicazione convergente, tra telefonia (magari attraverso l'uso di Skype) e sistemi di televisione interattiva, degna di questo nome. Non come quella fandonia di televisione digitale che ha fatto perdere tempo e soldi allo sviluppo del Paese».

Antonella Marrone
http://liberazione06.rifondazione.co.uk/Notizie06/10ottobre06/0610N...


Allegato: Liberazione19.10.06.pdf (126kB)
Questo file è stato scaricato 1022 volte


a proposito del geoblog x TerraMadre

carlo - 22-10-2006 at 14:41

Il geoblog per le Comunità del Cibo di Terra Madre
Una produzione Performing Media Lab
per Assessorato all’Innovazione della Regione Piemonte
a cura di Carlo Infante
realizzazione di co3web

Il progetto è quello di creare una mappa delle risorse agro-alimentari protette e da proteggere su cui le Comunità del Cibo di Terra Madre hanno costruito una rete mondiale di esperienze condivise.
Il geoblog di Terra Madre si basa sul sistema Google maps che dispone di un database geografico completo di tutto il mondo. Alle mappe s’integra qui la pratica del blog attraverso cui portare nel web, la cosa più globale che c’è, quella più locale: la nostra attenzione per il cibo, il più buono e giusto possibile.

qui sotto l'articolo su LEFT
e in questo link http://www.avvenimentionline.it/pdf/41_20-10-2006.pdf
il pdf della rivista (a pg.50)


Left20.10.06_124k.jpg - 124kB

suMyMedia.A proposito del Performing MediaLab

carlo - 23-10-2006 at 14:47

in Piemonte

mymedia1.JPG - 47kB

L'altra pagina di MyMedia

carlo - 23-10-2006 at 14:48

con il manifesto programmatico del PerformingMediaLab

mymedia2.JPG - 53kB

su Left-Avvenimenti

carlo - 12-11-2006 at 11:49

qui http://www.avvenimentionline.it/pdf/39-40_13-10-2006.pdf
c'è l'intero PDF del settimanale
andando a pg.66-67 trovi l'articolo sul Virtuale
e in particolare sulla tavola rotonda promossa dal PerformingMediaLab su "Agire nella visione"

Su D_Donna di la Repubblica

carlo - 15-12-2006 at 19:04

del 9.12.06
l'intervista è di Paolo Crespi
(non è firmato x via dello sciopero delle firme)
qui
http://www.0280.org/salento/docs/D_091206.pdf
trovi il pdf


DDonna_web.JPG - 262kB

su La Repubblica- Affari Finanza

carlo - 21-2-2007 at 14:10

ecco l'articolo in attach

qui
http://punto-informatico.it/p.aspx?id=1872221&r=PI
trovi un'intervista pubblicata su Punto Informatico

RepubblicaAF12.02.007.jpg - 180kB

Una citazione sul libro My name is Orson Welles

carlo - 4-3-2007 at 22:26

è nella premessa del libro curato
da Luca Giuliani e Giorgio Palcereani
"My name is Orson Welles. Media, Forme, Linguaggi" edito da il Castoro,2007

suWelles_estratto.jpg - 41kB

presentazione a Bologna

carlo - 27-3-2007 at 11:17

in attach il comunicato della presentazione del libro a Bologna, nell'ambito del seminario CIMES_Università di Bologna

Allegato: CIMES4.04.007.doc (245kB)
Questo file è stato scaricato 466 volte


su Noema

carlo - 30-4-2007 at 23:45

qui si parla del libro

http://www.noemalab.org/sections/news_selfdefence.php?IDSelfdefence...

la rassegna stampa del seminario all'Uni BO

carlo - 6-5-2007 at 17:34


è pesante
l'ho messo qui x scaricarlo
http://www.mediafire.com/?1zhj20gug0h

su Mediazione di UniRoma

carlo - 6-7-2007 at 20:45

http://www.mediazone.info/site/it-IT/TEMI/Temi/Performing_media.htm...

su D-Donna di ottobre 2008

carlo - 22-10-2007 at 01:03

http://www.mediafire.com/?7dw1xodwnct