LadyPaillettes
 


 

spedito il 27-5-2004 alle 04:47 PM Edit Post Reply With Quote
Buonasera prof.
Sono pienamente d'accordo con lei quando dice che " è attraverso l'uso creativo ed inventivo della comunicazione interattiva, nella ricerca di un approccio sempre più amichevole e coinvolgente con le reti, che la società potrà entrare in relazione con le potenzialià del digitale, emancipandolo dagli automatici esercizi di stile tecnocratico".
Secondo la mia esperienza personale le posso assicurare che forse se non avessi dovuto scrivere in un forum per questo esame forse non l'avrei mai fatto, perchè ho sempre odiato comunicare con qualcuno senza poterlo guardare negli occhi, però devo dire che l'ho fatto e mi sono anche tanto divertita ed ho imparato davvero nuove cose e credo che la sua teoria di "imparare giocando" sia giustissima e dico che dovrebbe essere usata in tutte le scuole, da quelle elementari fino alle Università perchè in ognuno di noi c'è un fanciullo che non smetterà mai di giocare!!!
Solo adottando questo metodo potremo dire finalmente addio agli studenti bocciati ogni anno!!!

 
View User's Profile E-Mail User View All Posts By User U2U Member
 
vale greco
 


 

spedito il 27-5-2004 alle 05:27 PM Edit Post Reply With Quote
MAIEUTICA

Ci sono , ho passato un po' di guai con questi simpaticissimi virus ! Ma l' intoppo non ha certamente ostacolato i miei impegni ed interessi per questo strordinario e intelligente modo di comunicare. nell' attesa ho letto il libro: PERFORMING MEDIA.
Molti degli argomenti da lei trattati gli conoscevo, perchè grazie ad i suoi suggerimenti , sono andata curiosare nei vari link disseminati qua e la in questo forum. Ma ciò che non conoscevo e che più di ogni altra cosa , mi ha fatto capire il senso e l'utilità di Performig media, sono state le prime pagine : l'introduzione e "rendere comprensibile il possibile."
Prof , mi è piaciuta tantissimo la sua frase introduttiva :"non sono qui per spiegare, non è il mio ruolo ,rischio di far finta."
E' un metodo geniale , lei è stata una vera guida per me . E' vero , bisogna uscire fuori dalle proprie certezze ed andare , perdersi in ciò che non si conosce. Forse all'inizio può sebrare un pò strano , può fare un pò paura, ma alla fine si scopre quant'è "bello" mettersi in gioco !!! Questo è il principio attivo della maieutica,ed io l'ho fatto mio !!
E' solo l'inizio .... Volevo solo comunicare che il suo metodo funziona , GRAZIE!!!!


 
Gianna***
 


 

spedito il 21-5-2004 alle 10:05 AM Edit Post Reply With Quote

quote:


Originariamente scritto da Lucia83
........la pratica ludico-interattiva è assolutamente importante da considerare nella formazione culturale di un giovane di oggi.......

Io penso che non sia indispnsabile solo per i giovani di oggi ma anche per chi ha "qualche anno in più".
Visto che è questa la generazione che ha un pò più paura delle nuove tecnologie forse sarebbe un modo per "rassicurarli" un pò sui nuovi progressi!!!
 




FINALMENTE......E' ARRIVATO......

.....ed incredibilmente insieme alla rivista My Media e al CD:sono tra i primi 100! :-)
Incuriosita immediatamente dal CD ho voluto vedere più da vicino...E' un approfondimento di alcuni interessantissimi contenuti della rivista.Ad es.l'invenzione di una FIABA MULTIMEDIALE ED INTERATTIVA,un semplice racconto,ma con un grande potenziale comunicativo:immagini ricche di colori,animate,musicate,indovinelli da risolvere.ed il CCC(CHILDREN CHEERING CARPET):un tappeto sensibile,interattivo che può essere calpestato a piacimento,scegliendo un proprio percorso,seguendo gli elementi della natura(il giardino giapponese)che più affascinano.Sono delle "performance"che nel loro viaggio all'interno di ambienti virtuali,riescono sicuramente a coinvolgere e ad incantare non solo i bambini ma anche i grandi guidati dai bambini!!!
"LA RIVOLUZIONE DIGITALE E' IMPORTANTE e UNICA NELLA STORIA ALMENO PER UN ASPETTO:OGGI SONO I BAMBINI CHE INSEGNANO REGOLE,TECNICHE E COMPORTAMENTI VIRTUALI AI GENITORI E PERFINO AI NONNI.SONO I GIOVANI CHE FANNO SOCIALIZZARE GLI ANZIANI NEL CYBERMONDO!!!" F.Mizio

 

paul frank
 


 

spedito il 27-5-2004 alle 01:19 PM Edit Post Reply With Quote
opera teatrale interattiva

E' molto interessante l'esperisnza fatta da,Piero Gilardi, uno dei pionieri con il gruppo Ars Technica.
E stupefacente, forse troppo, perche' non ne siamo abituati, pensare di poter partecipare alla scena, attraverso raggi laser.
Attraverso queste cellule staminali, viene salvato un uomo...,se ci pensiamo, anche se il modo in cui è stato salvato è insolito, comunque il senso è tratto dalla vita quotidiana, dai nostri "comuni" trapianti medici.
Quindi, torno come ho gia' fatto nel forum, a sottolineare l'importanza che oggi stanno assumendo, le nuove tecnologie, occupandosi di qualunque cqmpo.

 
carlo
 


 

spedito il 11-4-2004 alle 07:58 PM Edit Post Reply With Quote
forum aperto. Intervieni solo sul libro!

qui puoi intervenire con delle domande o delle riflessioni inerenti il libro che ho scritto

Performing Media

la nuova spettacolarità della comunicazione interattiva e mobile

qui trovi info editoriali
http://www.novecentolibri.it

in questo altro link
http://www.teatron.org/forum/forumdisplay.php?fid=17
trovi i link attivi (direttamente cliccabili) e delle note a margine dei vari capitoli e paragrafi...

magari sollecitati dalle eventuali notazioni raccolte in questo forum aperto

 
View User's Profile E-Mail User Visit User's Homepage View All Posts By User U2U Member
 
vale greco
 


 

spedito il 25-4-2004 alle 03:01 PM Edit Post Reply With Quote
"PERFORMING MEDIA"

HO LETTO LA PRESENTAZIONE DEL LIBRO "PERFORMING MEDIA" E TROVO MOLTO STIMOLANTE LA "CREAZIONE DI EVENTI SPETTACOLARI CHE METTONO IN RELAZIONE IL TERRITORIO , CONCENTRANDO I NUOVI MEDIA INTERATTIVI CON REGIE PERFORMATIVE CHE NE ESALTANO L'IMPATTO SENSORIALE E COGNITOVO".
ATTENDO L'USCITA DEL LIBRO PER POTER MEGLIO APPROFONDIRE L'ARGOMENTO DA LEI TRATTATO.
A PRESTO!...

 
vale greco
 


 

spedito il 27-4-2004 alle 01:13 PM Edit Post Reply With Quote
"agire nella visione"

Ho letto l'allegato " agire nella visione" ed ho capito come il teatro può legarsi fortemente alla rete, perchè a differenza di qualsiasi altra espressione artistica, "non esiste se non condiviso".
All'interno di un ambiente virtuale può accadere di trovarsi coinvolti "dentro" ,non solo guardando , ma agendo, cliccando, costruendo percorsi personali attraverso le molteplici tracce che i procedimenti iprtestuali concedono. Forse è in questo modo che si può avvicinare il pensiero all'azione.
Il "punto di vita"che esiste nel teatro si avvicina moltissimo all'esperienza multimediale, inquanto in quest'ambiente si esiste : possiamo vivere una simulazione come qual cosa di reale,abitando gli spazi digitali.
In fine ritengo e concordo pienamente con il suo pensiero ,che è di fondamentale importanza e oggi più che mai , costruire ambienti multimediali che abbiano funzioni ludico-educative,per non rischiare di precipitare nell'automatismo. A questo proposito l'esperienza del gruppo teatrale TPO, può essere presa d'esempio per sviluppare un progetto con queste nuove forme d'interazione digitale.

 
ValterB
 


 

spedito il 6-5-2004 alle 02:17 PM Edit Post Reply With Quote
Per Carlo Infante.

Ieri ho assistito al suo intervento al convegno sull'advanced architecture tenuto presso la facoltà di architettura di Firenze. La visione d'insieme che è riuscito a trasmettere è stata veramente illuminante. Sono ansioso di leggere anche il suo libro. Mi ha fatto veramente molto piacere incontrarla.

Grazie di tutto. A presto

 
Lucia83
 


 

spedito il 12-5-2004 alle 01:27 PM Edit Post Reply With Quote
Finalmente il libro è arrivato!!!!!!!!
Vorrei farle una domanda:
COSA SIGNIFICA LA PAROLA WISH che compare sulla copertina del libro?

 
View User's Profile E-Mail User View All Posts By User U2U Member
 
carlo
 


 

spedito il 12-5-2004 alle 04:49 PM Edit Post Reply With Quote
wish!

 

quote:


Originariamente scritto da Lucia83
Finalmente il libro è arrivato!!!!!!!!
Vorrei farle una domanda:
COSA SIGNIFICA LA PAROLA WISH che compare sulla copertina del libro?
 




aspettavo con trepidazione questa domanda

è tutta una serie di cose:

1. una parola onomatopeica x dare l'idea del suono del cavo telefonico che si stacca e vola via... wish!...
2. dall'inglese: desiderio... auguri...
3. un acronimo: WIreless Service Hope=
nella speranza di servizi senza cavi

Performing media è l'opportunità creativa connessa all'info-mobilità, senza cavi...

 

View User's Profile E-Mail User Visit User's Homepage View All Posts By User
Lucia83
 


 

spedito il 13-5-2004 alle 09:16 AM Edit Post Reply With Quote
........la pratica ludico-interattiva è assolutamente importante da considerare nella formazione culturale di un giovane di oggi.......

Io penso che non sia indispnsabile solo per i giovani di oggi ma anche per chi ha "qualche anno in più".
Visto che è questa la generazione che ha un pò più paura delle nuove tecnologie forse sarebbe un modo per "rassicurarli" un pò sui nuovi progressi!!!

 
vale greco
 


 

spedito il 15-5-2004 alle 09:52 AM Edit Post Reply With Quote
3 PAROLE CHIAVE

3 parole chiave che mi piacerebbe approfondire e conoscere meglio :


CORPI
MONDI ELETTRONICI
MUTAZIONE.



 
vale greco
 


 

spedito il 15-5-2004 alle 10:47 AM Edit Post Reply With Quote
VDEO IN SCENA/SCENA IN VIDEO

Qual'è la differenza tra teatro e idea virtuale di teatro?
Quale potrebbe essere l'elemento che accomuna video e teatro ?
In che modo si può far interagire lo spazio sonoro con quello scenico?

Il teatro che si confronta con le nuove tecnologie.... Il video che impone una nuova estetica , creando un nuovo ambiente scenico....

Il punto fondamentale resta sempre la percezione dello spettatore , ma l'idea di TEATRO ?
La sua ragione di vita , ( " IL TEATRO NON ESISTE SE NON CONDIVISO" ) è sempre la stessa ?
Quante domande!!! Ma forse la risposta è una sola e credo di averla trovata :
FLUIDITA'.....
Grazie x i suggerimenti Prof. , sono sempre preziosi!!!


 
Lucia83
 


 

spedito il 17-5-2004 alle 03:07 PM Edit Post Reply With Quote
MI SONO SOFFERMATA SULLE TRE AFFERMAZIONI CORRISPONDENTI A CIO' CHE LE TECNOLOGIE RICHIEDONO:
CIO' CHE HAI
CIO' CHE SAI
CIO' CHE SEI.
Secondo me si dovrebbe agiungere un'altro punto: CIO'CHE FAI!!!!
Perche' in base a quello che si riesce a mettere in pratica si ha l'"utilizzo" delle tecnologie.
Forse ho detto qualcosa di sbagliato?!
Lei Prof che ne pensa?

 
View User's Profile E-Mail User View All Posts By User U2U Member
 
carlo
 


 

spedito il 17-5-2004 alle 09:43 PM Edit Post Reply With Quote
obiezione accolta e rilanciata

 

quote:


Originariamente scritto da Lucia83
MI SONO SOFFERMATA SULLE TRE AFFERMAZIONI CORRISPONDENTI A CIO' CHE LE TECNOLOGIE RICHIEDONO:
CIO' CHE HAI
CIO' CHE SAI
CIO' CHE SEI.
Secondo me si dovrebbe agiungere un'altro punto: CIO'CHE FAI!!!!
Perche' in base a quello che si riesce a mettere in pratica si ha l'"utilizzo" delle tecnologie.
Forse ho detto qualcosa di sbagliato?!
Lei Prof che ne pensa?




obiezione accolta!
non solo la rilancio nelle note a margine del libro
vai a vedere qui
http://www.teatron.org/forum/viewthread.php?tid=237&pid=4890#pid4890


 

View User's Profile E-Mail User Visit User's Homepage View All Posts By User